Rubinetti touch e con fotocellula: quale scegliere per una maggiore igiene

Rubinetti touch e con fotocellula: quale scegliere per una maggiore igiene

La questione igiene delle mani è tornata di grande attualità negli ultimi mesi. Per rispettare le regole basilari i rubinetti touch sono la soluzione ideale

Ecco una guida per capire come funzionano i miscelatori con fotocellula e valutare quali sono i migliori in commercio. Ma quanto sono diventati importanti oggi i rubinetti touch e con fotocellula? Moltissimo, perché mai come in questo momento è fondamentale una corretta igiene delle mani. Spesso, soprattutto quando ci si trova in locali pubblici, è difficile mantenere le mani pulite ed è ancora più difficile accedere a rubinetti pubblici senza doverli toccare. Abbiamo anche parlato delle soluzioni per l’asciugatura delle mani, altrettanto importanti. Per fortuna la tecnologia ci viene in supporto anche in questo caso, grazie a una vasta gamma di rubinetti con sensore e miscelatori con fotocellula. Ma quale scegliere? Ecco una guida per capire quale rubinetto touch fa al vostro caso!

Design e forma: quale rubinetto scegliere?

Ancora prima di capire quale rubinetto touch e con fotocellula scegliere è importante valutare il design del miscelatore. Ogni forma nasconde in sé una propria personalità e riesce a dare alla casa un tocco completamente differente. Sul mercato si trovano diverse forme di miscelatori: rubinetti con collo alto o con collo basso oppure i rubinetti a collo di cigno, molto apprezzati per la loro praticità. Ma non solo ci sono veri e propri elementi di design, con tubi rettangolari e super sottili. Insomma, la scelta è molto vasta, soprattutto per quelli che da tutti vengono ritenuti i miscelatori del presente e del futuro: i rubinetti touch.

Rubinetto touch: perché è importante?

Torniamo all’esempio dei locali pubblici. I rubinetti presenti in questi bagni vengono toccati da tantissime persone, immaginiamo i miscelatori degli autogrill per farci un’idea. Oggi come oggi l’igiene delle mani è sempre più importante e quindi è apprezzabile ogni elemento di rubinetteria che permetta di far scendere acqua senza toccare manopole o comandi vari. Ecco perché sono fondamentali i rubinetti touch, l’unico sistema per poter igienizzare le mani senza entrare in contatto con elementi esterni.

Rubinetti e domotica: un binomio moderno

I rubinetti touch entrano di diritto anche nell’impianto di una casa orientata alla domotica. La domotica, come si sa, è la possibilità di sfruttare la tecnologia nella gestione casalinga. Quindi sono sempre più in voga elettrodomestici e dispositivi intelligenti in grado di risparmiare energia e facilitare le operazioni di casa. Tra questi ovviamente troviamo i miscelatori con fotocellula, un sistema utile e innovativo per svariati motivi. In primis un rubinetto touch consente uno spreco molto minore di acqua, un bene di cui spesso ci dimentichiamo. Non solo, l’utilizzo del sensore permette di non toccare nessun elemento del rubinetto, garantendo la massima igiene per noi e per chi abita con noi.

Come funziona un rubinetto touch?

Il funzionamento di un rubinetto con sensore o fotocellula è abbastanza intuitivo. Avvicinando le mani al sensore si attiva lo scorrimento dell’acqua, che resta tale fino a quando le mani restano posizionate nelle vicinanze del sensore. Il deflusso termina quando le mani vengono spostate dalla zona sensore. In questo modo, come già accennato, è possibile evitare un utilizzo dell’acqua esagerato e astenersi dal dover toccare i rubinetti e le rispettive manopole.

Quali sono le caratteristiche di un buon rubinetto touch?

Quando si decide di acquistare un rubinetto touch ci si ritrova davanti ad una vasta gamma di prodotti, ognuno con le proprie caratteristiche tecnologiche e le proprie peculiarità di design. Non esiste il modello perfetto, ma esiste il rubinetto che più risponde alle necessità dell’acquirente. L’importante in fase di acquisto è ponderare con attenzione tutte le principali funzioni del prodotto. Infatti, oltre alla possibilità di richiedere acqua passando la mano sul sensore, ci sono altre caratteristiche che i miscelatori touch di nuova generazione stanno implementando. Ecco alcuni tra i più curiosi:

  • Possibilità di regolare la temperatura dell’acqua: alcuni rubinetti touch hanno un display integrato al loro interno che permette di scegliere con esattezza la temperatura dell’acqua, che la si desideri fredda, calda oppure bollente;
  • Sensore programmabile da remoto: esistono infatti miscelatori che, oltre al classico sensore azionabile con la presenza di mani e/o oggetti, abbinano un ulteriore sensore, programmabile da remoto, che permette il deflusso di acqua per un tempo prestabilito;
  • Sensore temporizzato: pensate a quando si deve riempire una pentola per la pasta. I rubinetti touch di nuova generazione hanno integrati dei sensori che permettono di temporizzare l’uscita di acqua;
  • Rubinetti legati al controllo vocale: tra le skill più moderne per un miscelatore vi è sicuramente la possibilità di rispondere a comandi vocali. Sul mercato esistono rubinetti con questa caratteristica, quindi programmabili anche senza touch screen;
  • Automonitoraggio: probabilmente tra le più apprezzate caratteristiche dai consumatori. I rubinetti con automonitoraggio integrato sono in grado di individuare in autonomia un’eventuale perdita d’acqua o degli errori nel meccanismo di funzionamento. Tramite un LED oppure un messaggio sull’app di gestione comunicano al padrone di casa dell’errore.

I migliori rubinetti touch da acquistare

Dopo aver capito quali sono i vantaggi di un rubinetto touch, sintetizzabili principalmente in una maggiore igiene per gli utilizzatori e in un risparmio idrico più consistente, ora passiamo all’analisi di alcuni tra i rubinetti più apprezzati sul mercato:

1 – Auralum Rubinetto Automatico con Sensore ad Infrarossi

Auralum è un brand in forte espansione nel mondo dei sanitari. Il suo stile, caratterizzato da una linea minimal e moderna, si abbina ad un’ottima capacità di coniugare qualità e prezzi. Il Rubinetto Automatico Auralum è un miscelatore a collo corto, creato con ottone di alta qualità e dal colore argentato. Il miscelatore è rivestito con uno specchio anti-ossidazione e corrosione e molto resistente all’usura. La sua caratteristica principe è ovviamente la presenza di un sensore a Infrarossi, che permette lo scorrimento dell’acqua solo quando le mani sono posizionate correttamente.

Il deflusso si interrompe solamente 0.45 secondi dopo aver rimosso le mani. Questa soluzione consente sia un risparmio idrico notevole che chiaramente maggiore igiene per gli utilizzatori. Altra funzione molto importante è la presenza di un areatore in grado di ottimizzare il flusso d’acqua e renderlo piacevole e rilassante. Infine, oltre al sensore touch è comunque prevista una piccola maniglia laterale per regolare il deflusso idrico.


2 – Lavello da cucina con sensore

Questo lavello è prodotto da Tapstapspull e commercializzato da YLCJ è un prodotto dal design più classico (ma comunque minimalista), con il collo a forma di cigno, più lungo e ricurvo verso il basso.

La sua progettazione prevede una struttura in ottone massiccio, facilmente abbinabile a lavandini moderni e dal design liscio e delicato. Molto facile da installare, è dotato della doppia funzione di accensione: sia la maniglia che il sensore. Il sensore è posizionato sul collo, verso il tratto finale del tubo. Il Lavello Tapstapspull è disponibile su Amazon al prezzo di circa 91,00 euro.


3 – Gangang Rubinetto touch

Tra i prodotti forse più rivoluzionari nelle caratteristiche e nel design troviamo il Rubinetto di Gangang. Si tratta di un miscelatore a collo corto con una sorta di vaschetta applicata al posto del classico tubo. L’acqua fuori esce dalla zona superiore della pedana e scorre visibile all’utilizzatore fino ad essere disponibile. Composto in ottone e rivestito con cromatura.

All’interno della pedana è installato il sensore automatico per l’accensione e lo spegnimento, funzionalità che permette sia risparmio idrico che la prevenzione igienica oggi necessaria.  Tra le caratteristiche più innovative ed esteticamente più rilevanti di questo miscelatore con fotocellula vi è la presenza di un LED all’interno della vaschetta superiore. Questo LED si illumina in 3 diversi colori a seconda della temperatura dell’acqua. Quando la temperatura è fredda (temperatura massima di 31°) il LED colora l’acqua di verde. Se invece la temperatura è tiepida, ossia compresa tra i 32° e 43°, allora l’acqua si colorerà di blu. Infine, quando l’acqua è bollente il LED cambierà ulteriormente colore restituendo l’impressione di acqua rossa.

Il Rubinetto Gangang è disponibile su Amazon al prezzo di circa 116,00. Può essere una soluzione ottimale per chi desidera coniugare modernità e design all’avanguardia.


4 – Rubinetto Touch Sensor

Il Rubinetto Touch Sensor è un prodotto che può essere impiegato sia nel lavabo della cucina che come miscelatore per vasca. Il punto di forza di questo rubinetto è la struttura molto solida (con forma classica a collo di cigno), costruita in acciaio inossidabile per resistere a graffi, corrosione e appannamento.

La possibilità d’accensione di questo rubinetto è doppia visto che sono presenti sia la maniglia che il sensore. Uno degli elementi di spicco è la valvola a disco ceramico posta nella zona terminale del collo di cigno. Si tratta di valvole dal funzionamento e dalla durata assicurati, visto che l’azienda le sottopone a 500.000 test di apertura e di chiusura prima della vendita. Questo Rubinetto Touch Sensor è disponibile su Amazon al prezzo di circa 172,00 euro.


5 – Rubinetto Euroeco CE Grohe

Per il quinto miscelatore proponiamo uno dei marchi sicuramente più importanti del settore sanitario: Grohe. Quest’azienda è operativa da svariati decenni e abbina la perfezione tecnologica tedesca al design nordico, sempre minimale e d’impatto.

Il Rubinetto Euroeco CE Grohe è un ulteriore esempio di classe e funzionalità. Creato completamente in ottone cromato è nato, come tutti i miscelatori della linea Grohe, per rispondere ai severi requisiti igienici. Allo stesso tempo la tecnologia che lo sostiene garantisce comfort estremo e usabilità intuitiva. Il deflusso dell’acqua viene attivato con comandi infrarossi, ma è comunque utilizzabile anche il telecomando, soprattutto per attivare la modalità di risciacquo quando il lavandino è poco utilizzato. Questa possibilità evidenzia la maniacale attenzione di Grohe verso l’aspetto igienico, visto che il risciacquo permette di prevenire la stagnazione dell’acqua e la formazione di batteri.

Dal punto di vista del design possiede una linea minimalista con una bocca a forma di losanga, pezzo forte della casa Grohe. L’alimentazione avviene tramite batteria al litio 6V con una spia di autodiagnosi per il controllo della batteria stessa. Da sottolineare anche il blocco di sicurezza sul deflusso dell’acqua dopo 60 secondi.


6 – Rubinetto touch da cucina

Ultima proposta della nostra guida sui migliori rubinetti touch e con fotocellula è questo Rubinetto touch. Si tratta di un miscelatore con fotocellula tra i più acquistati e più utilizzati nell’uso famigliare e commerciale.

Il sensore di comando a infrarossi per regolare il deflusso dell’acqua è posto sulla base del rubinetto. Per azionarlo è sufficiente muovere la mano nel raggio di 6 cm dal sensore; in questo modo l’acqua scorre e si ferma quando la mano si sposta dalla distanza prevista. Questa soluzione permette di eliminare i problemi di pulito e fa risparmiare molto tempo in cucina, dove, si sa, spesso le mani sono sporche e non è possibile pulirle continuamente. Non solo, la possibilità di operare con la fotocellula riduce di molto la diffusione dei germi sul rubinetto e garantisce una migliore igiene. Allo stesso tempo il sistema di blocco del deflusso consente anche di ottenere un bel risparmio idrico sulla bolletta dell’acqua.

Questo Rubinetto touch è creato con un design classico a forma di collo di cigno, è molto intuitivo da utilizzare e soprattutto è facilmente installabile in 10 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *