Animali in aereo: come fare a trasportare animali domestici?

animali in aereo

Ami viaggiare ma non sai rinunciare alla compagnia del tuo cucciolo? Ecco le istruzioni da seguire per poter portare gli animali in aereo

Il mondo si divide in due categorie di persone: i travel addicted, che fanno di tutto per scappare dalla propria città ad ogni weekend libero, e i cosiddetti pantofolai, per cui il massimo del divertimento e del relax è godersi il proprio divano ogni volta che si può. Questi ultimi hanno un grande vantaggio dalla loro parte: possono permettersi il lusso di affezionarsi ad un animale domestico e trascorrere con lui gran parte della propria vita. Non sono pochi, infatti, coloro che, per “amor di ventura”, rinunciano ad una delle più belle esperienze del mondo: adottare un animale domestico e farlo crescere accanto a sé. Parliamo, ad esempio, dei giovani fuorisede, che almeno un paio di volte all’anno ritornano nel paese natìo ad abbracciare i propri cari, oppure di chi è già in pensione, che magari vorrebbe un po’ di compagnia ma non sa ancora rinunciare ad esplorare il mondo.

Ma èproprio necessario scegliere? Bisogna per forza rinunciare a uno di questidue grandi piaceri della vita, viaggiare o avere un cucciolo? È così impossibile portare animali inaereo? Ovviamente no! È uno dei tantiluoghi comuni sommari e imprecisi che ci vengono inculcati dal mondocircostante. Innanzitutto in tuttaEuropa vi sono ormai numerosissime pensioni per animali, gestite dapersonale esperto, che potrebbero essere una validissima opzione per voi. Lì ilvostro cucciolo sarebbe amato, curato e “intrattenuto” per tutto l’arco dellavostra assenza. Certo, bisogna fare dueconti in tasca e soprattutto assicurarsiche si tratti di un luogo davvero affidabile, ma non è difficile trovarne. Se invece le vostre vacanze non sarebberotali senza il vostro pelosetto, perché vi mancherebbe troppo e sarestetristi all’idea di saperlo tutto solo e nostalgico, potete sempre decidere di portarlo con voi.

I cani, ad esempio, possono viaggiare in trenoormai da anni, purché provvisti di guinzaglio e di museruola. Stesso discorsoper i gatti, salvo che, invece, siano riposti nel trasportino. Sia ben chiaro: non stiamo dicendo che il trasporto animaliin aereo sia una passeggiata: ci sono, ovviamente, delle regole da seguire e delle procedure che è bene eseguire. Ma il trasporto di animali in aereo non è assolutamentecosa impossibile, né rara. Come sempre, il trucco sta nel giocare d’anticipo e informarsi in quanto più èpossibile su metodi e costi del trasporto di animali in aereo. E noi siamoqui per questo!

1 Animali in aereo – sì o no?

Sfatiamo questa diceria una volta per tutte: non è vero che non è possibile portare glianimali in aereo. È vero soltantoche alcune compagnie aeree non effettuano il servizio di trasporto animali inaereo. Ciò significa poco e niente: inqualunque zona aeroportuale voi vi troviate, state pur tranquilli che ci sarà quasi sicuramente una compagnia chevi permetterà di portare i vostri animali in aereo. D’altronde gli studi disettore parlano chiaro, e il nostro legame con gli amici a quattro zampe si fasentire: le compagnie fanno di tutto pur di non limitare le scelte delle nostredestinazioni ed ampliare sempre di più la qualità dei servizi offerti. Certo, il trasporto animali in aereo èseriamente regolamentato e controllato. Come tutto ciò che riguarda ivelivoli, dopotutto!

2 Animali in aereo – Quali compagnie?

Se state pensando di portare in vacanza con voiil vostro cucciolo, la prima cosa che dovete fare è leggere con attenzione il regolamento del trasporto animali in aereodella compagnia con cui avete scelto di viaggiare. Le variabili sononumerose: oltre che dalla regolamentazione interna, il trasporto animali inaereo dipende anche dalla lunghezzadella tratta, dalla disponibilità dello spazio a bordo, e altri fattori dicui è bene sincerarsi in largo anticipo. Vediamo, in linea generale, come sicomportano le maggiori compagnie del nostro territorio.

Se viaggiate da e per l’Italia probabilmente avrete a che fare con Ryanair,Alitalia o Vueling. Brutte notizie per i viaggiatori low cost: la compagnia aerea Ryanair non ammetteanimali in aereo, di nessuna taglia, salvo che si tratti di un cane daassistenza per non vedenti. Probabilmente i più saranno delusi: la Ryanair èormai la compagnia prediletta, dai giovanissimi e non solo, grazie alle suetantissime offerte super vantaggiose.

Diverso il discorso per Alitalia che, sebbene abbia dei prezzi più elevati – al pari ditutte le altre compagnie aeree mondiali – offredei servizi innegabilmente superiori. Così è anche in fatto di trasportoanimali in aereo: Alitalia è ben lieta dipermettervi di portare il vostro cucciolo a bordo, previa verifica dellaregolarità dell’operazione. Se state pensando di volare con Alitalia e conil vostro cane o gatto, la prima cosa dafare è informarsi sul proprio volo tramite l’Assistenza speciale, in quantoil serviziodi trasporto animali in aereo non èdisponibile su tutti gli aeromobili e il limite delle dimensioniimbarcabili varia a seconda del velivolo utilizzato per la singola tratta.

3 Trasporto Animali in aereo Alitalia – Cani, gatti e furetti

Se possedete un animale di questo tipo e desiderate farlo viaggiare con voi su un Alitalia, dovrete prima sincerarvi che esso abbia tutte le carte in regola per essere ammesso al volo. La regolamentazione a riguardo cambia da Paese a Paese, ma in generale chiunque viaggi all’interno dell’Unione Europea è innegabilmente avvantaggiato.

Per il trasportoanimali in aereo Alitalia in Ue è necessario che essi:

  • Siano stati sottoposti di recente al vaccinoantirabbico, che deve essere in corso di validità
  • Abbiano un passaporto rilasciato dal veterinario, contenente lalista aggiornata delle vaccinazioni e lo stato di salute dell’animale
  • Abbiano un tatuaggio leggibile, oppure il sistema elettronico di identificazione (il cosiddetto microchipsottocutaneo)

Per il trasporto animali in aereo Alitalia su voli nazionali, invece, saràsufficiente che il vostro pet abbia unpassaporto o un libretto sanitario.

Diverso è il discorso per iltrasporto animali in aereo Alitalia diretto negli USA: riassumeremo dicendoche è necessario un certificato cheattesti che l’animale non sia affetto da rabbia né possa averla contrattain alcun modo.

Fanno eccezione a queste regole i Paesi del Regno Unito e dell’Irlanda, dove non è consentito il trasporto di animali in aereo. Altreregole più rigide devono essere osservate per i voli diretti in Sudafrica o inBrasile. Per questo, ribadiamo: informatevibene!

4 Trasporto Animali in aereo Alitalia – Roditori

Alitalia consenteil trasporto animali in aereo verso i Paesi dell’UE anche a conigli, criceti e simili, purché dispongano di un CertificatoMedico di buona salute in corso di validità e un trasportino idoneo al trasporto.

Ancora diverse lecondizioni dettate dalla compagnia Vueling: sì a cani, gatti, uccelli, pesci e tartarughe, no roditori, no puzzole, norapaci, no rettili. Vueling,quindi, dice di sì al trasporto animali in aereo, ma con moderazione: è possibile far volare animali che, inclusoil trasportino, pesino massimo 8kg, e non più di due animali per tratta. Non è quindi possibile far viaggiare connoi cani di media o grande taglia, nemmeno in stiva. Anche in questo casosarà necessario il passaporto dell’animalecon l’attestazione dell’antirabbica in corso di validità (da 30 giorni a 12mesi prima del volo).

5 Trasporto Animali in aereo – Come fare?

Volete sapere se il vostro amico a quattro zampe può viaggiare con voi in cabina? Bene, sappiate che la Vueling consente il trasporto animali in aereo con un trasportino omologato non rigido dalle dimensioni massime di 45 x 39 x 21 cm e dal peso massimo complessivo di 8 kg. Al di sopra di queste cifre non vi sarà possibile portare il vostro amico con voi.

Alitalia, invece, sidimostra più flessibile: il vostro amicopuò viaggiare in cabina se il pesocomplessivo del trasportino, del cibo e del pet non supera i 10 kg. Instiva, invece, possono viaggiare praticamente tutti: è possibile imbarcaregabbitte sino a 75 kg, ovviamenteincluso l’animale. Piccole accortezze richieste e gradite, dal personale dibordo e dagli altri passeggeri, sono:

  • Disporre una traversina impermeabile sul fondo deltrasportino, onde evitare incidenti o cattivi odori
  • Lasciare il vostro amico a digiuno qualche oraprima del volo, perché potrebbe (anche lui!) risentire dei momenti piùintensi del volo, quali il decollo, l’atterraggio o le turbolenze.

Un piccolo trucco per evitare chel’animale si stressi è quello diabituarlo, qualche giorno prima del volo, a stare nel trasportino (potrebbe essere temporaneamente la suacuccia). E durante il volo, soprattuttose lui viaggia in stiva, lasciategli una coperta con cui avete dormito o comunqueche ha il vostro odore: sarà al riparo dal freddo della stiva esarà sicuramente meno spaventato.

6 Trasporto animali in aereo – Quanto costa?

Come tutte le altre regole che abbiamo illustrato, anche il supplemento del vostro biglietto peril trasporto di animali in aereo dipendedalla compagnia, dalla tratta e dal peso complessivo di trasportino +animale. In linea generale, le tariffedi Vueling per il trasporto di animali in aereo (di piccola taglia, loricordiamo) si aggira intorno alle 40 –50 €. Per Alitalia, invece, ilprezzo dipende esclusivamente dalla tratta. Su tutti i voli nazionali, ad esempio, il costo del trasportoanimali in aereo è di € 40; sui voli UE è di € 75; sui voli per il resto del mondo varia dai 150 – 220€ circa.   

7 Trasporto animali in aereo – Quale trasportino scegliere?

Di recenteabbiamo dedicato un articolo ai box per cani e gatti, da esterno, da internoe da viaggio, ragionando insieme sulle vostre esigenze e, soprattutto,su quelle del vostro amico peloso. Riportiamoqui i modelli più funzionali (e in qualche caso anche più originali!) dibox per cani accettato sull’aereo. Potretescegliere uno di questi trasportini per animali in aereo a seconda che il vostro amico sia di grandeo piccola taglia, che debba quindi viaggiare in stiva o in cabina.

Box per trasporto animali in aereo di TecTake Box

Se possedete un cane di taglia media o grande e siete alla ricerca di un box per cani accettato sull’aereo, valutate seriamente questo, senza indugi. È ottimo non solo per il trasporto di animali in aereo, ma anche in auto: robusto, pratico da utilizzare e molto sicuro. Progettato in robusto alluminio e MDF, è trattato per resistere all’acqua e agli agenti atmosferici (compresa la ruggine, quindi!). È ottimo per il trasporto animali in aereo per via della sua forma trapezoidale che impedisce al vostro cane di essere sballottolato durante il tragitto. L’apertura a ventaglio è comoda e utile, perché le chiusure di sicurezza sono presenti su ambo i lati. Un altro vantaggio importante è il bilanciamento tra spazi chiusi e aperti, che permette l’accesso di molta aria ma allo stesso tempo protegge il cane. È disponibile in dimensioni differenti, per taglie piccole, medie o grandi. Un investimento sicuro ad un prezzo accessibile.


Trasportino per trasporto animali in aereo di Lppanian

Un classico, con molti comfort in più. “Versione pro” di quello tradizionale, questo trasportino è migliore degli altri per viaggiare con i propri animali in aereo: per loro, perché con le sue numerose fessure garantisce un circolo d’aria ottimale. Per voi perché è leggero e particolarmente pratico, essendo richiudibile. Con tutti i vantaggi del caso: facilità di pulizia, ingombro zero, comodità di trasporto.


Zaino per trasporto animali in aereo di Mubay

Con questo zaino per animali in aereo vincerete senz’altro il premio originalità. Se avete un coniglio, un gatto o un cane di piccolissima taglia potete persino portarvelo… in spalla! Bellissimo il design, comode le tasche laterali, ottima la maniglia e le ruote sottostanti che permettono di trascinarlo come una valigia. Con questo zaino non dovrete preoccuparvi delle dimensioni del trasportino – che, come sapete, deve essere riposto sotto il sedile davanti a voi. Rivestito internamente in peluche, traforato ai lati per aria a sufficienza, questo zaino è perfetto per il trasporto animali in aereo di piccola taglia. Oltre al fatto che, grazie all’oblò, il vostro cucciolo potrà tenervi sott’occhio in ogni momento. E voi lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *