Bowers & Wilkins PX: Recensione, prezzo e opinioni delle cuffie wireless di classe

Bowers & Wilkins PX: Recensione, prezzo e opinioni delle cuffie wireless di classe

Al primo tentativo, B&W sforna un paio di cuffie wireless noise-cancelling di alto livello. Ecco la recensione, il prezzo e le opinioni degli utenti delle Bowers & Wilkins PX

Bowers & Wilkins è un produttore inglese noto agli audiofili per la qualità, decisamente alta, dei propri altoparlanti. Decenni di eccellenza in questo campo hanno cementato un marchio che ispira fiducia e conta su uno zoccolo durissimo di appassionati. Da un po’ di tempo, la casa inglese ha esteso il proprio raggio a cuffie e altoparlanti bluetooth, con risultati decisamente apprezzabili. Ecco quindi Bowers & Wilkins PX, dispositivo con cui B&W intende affilare le lame e buttarsi nel remunerativo settore delle cuffie wireless dotate di noise-cancelling. Un primo tentativo davvero riuscito, dato che sono state subito salutate come pretendenti al trono delle MDR-1000X di Sony, che anche noi abbiamo segnalato come top della categoria. Ma come sono, realmente, le B&W PX? A nostro parere anche meglio, e non lo scriviamo certo a cuor leggero.

Il design: Le cuffie wireless eleganti e comode

Le cuffie B&W PX arrivano in due colori. L’ormai classico “space gray”, che sta ad indicare un grigio scurissimo che non dista poi tanto dal nero, e un più frivolo “soft gold”, dove in realtà di dorato ci sono soltanto le finiture sui padiglioni auricolari e i supporti che li collegano alla fascia. Il design non è troppo dissimile da precedenti prodotti targati B&W, ma nell’ambito delle cuffie wireless con noise-cancelling riduce al minimo il volume d’ingombro e garantisce una linea affusolata inusuale per la categoria. Piacevole anche la forma ellittica dei padiglioni, che offrono notevole comodità anche se la pressione esercitata sulle orecchie è superiore a quella della concorrenza. In particolare, la differenza si sente se le paragonate con le MDR-1000X, che possono essere portate per ore e ore senza dare il minimo fastidio. Perdita minima in fin dei conti, perché anche le PX restano comunque adatte a lunghe sessioni d’ascolto.

Bowers & Wilkins PX: Recensione, prezzo e opinioni delle cuffie wireless di classe
Belle ed ergonomiche, le B&W PX sono le economiche del brand

Noise-cancelling e qualità audio: Bowers & Wilkins al top?

Partiamo dal noise-cancelling, una spanna sotto rispetto ai rivali più quotati come Bose e Sony. Chi vola di frequente e spera di trovare pace uditiva dai motori dell’aereo, troverà un’alternativa più performante nelle QuietComfort 35, il cui hardware rappresenta ancora l’eccellenza nel campo del NC. Tutti gli altri, però, apprezzeranno una qualità audio sorprendente. In questo senso, la forza delle PX sta nell’utilizzare gli stessi trasduttori da 40mm che guidano le P9 Signature, gingillo che rappresenta l’eccellenza fra le cuffie cablate. Di più, perché l’angolazione dei driver è stata aumentata per offrire una riproduzione più aperta e naturale. Ma B&W si è spinta anche oltre i naturali limite del bluetooth, implementando il codec aptX HD. Si tratta di una versione migliorata del già notevole aptX, che può trasmettere audio bluetooth in alta risoluzione fino a 24bit/48kHz su dispositivi compatibili. Alla prova pratica, le cuffie wireless (ma la denominazione corretta resta “bluetooth) Bowers & Wilkins PX suonano magnificamente, grazie a uno stage sonoro che riesce ad esaltare la separazione degli strumenti e una potenza timbrica che andrebbe persa su dispositivi meno curati. Dal punto di vista qualità audio insomma, la nostra recensione alle cuffie B&W PX non può che adottare toni entusiastici.

Le specifiche tecniche e l’usabilità delle PX

Ovviamente, per sfruttare l’aptX HD dovrete avere uno smartphone in grado di decodificarlo, come ad esempio il recente LGV30. Dato il successo di aptX, non è comunque difficile immaginare un futuro in cui la compatibilità sia estesa alla maggior parte dei telefoni. L’aspetto forse più sorprendente delle PX è però la comodità d’uso. Sono tante, infatti, le case produttrici che riescono a progettare dispositivi perfetti sotto il profilo audio ma lacunosi in quanto a design e usabilità. Lasciando da parte l’app, abbastanza inutile, che permette di modificare i profili audio del noise-cancelling, sono i dettagli a rendere le PX le migliori cuffie che abbiamo provato da tanto tempo a questa parte. Dettagli che possono sembrare minori ma a cui ci si abitua subito, come la capacità automatica di rilevare i movimenti delle cuffie e fermare la riproduzione audio quando vengono spostate dalla testa. O come i comandi presenti sui padiglioni, precisi e responsivi, con i quale potrete controllare la riproduzione in dettaglio.

Le opinioni degli utenti: I possessori di Bowers & Wilkins PX sono soddisfatti?

Di recensioni alle cuffie wireless PX ne trovate a bizzeffe sul web, ma come funzionano le B&W sulla lunga durata? Uscite ormai da diversi mesi, fanno fede le opinioni degli utenti. Loro hanno testato il prodotti a lungo, sviscerando le considerazioni personali sui principali marketplace. Il verdetto generale è comunque positivo: le B&W PX si fanno pagare (399 € il prezzo di lancio, su Amazon a 349 €), ma dureranno una vita. Su 17 recensioni, le cuffie wireless B&W PX si beccano il 76% delle votazioni a 5 stelle su 5. Particolarmente dettagliata la recensione di Claudio, che le definisce “cuffie dal suono spettacolare” e le paragona alle Sennheiser Monumentum e alle cuffie da DJ V Moda M100. “Secondo me però queste PX raggruppano i pregi di entrambe in una sola cuffia. Assolutamente consigliate”, afferma con sicurezza l’utilizzatore. Qualità, durevolezza e massima usabilità. Soltanto il noise cancelling perde un po’ di punti, ma nulla di drammatico secondo il sentire comune degli utenti.

Quanto il noise cancelling interferisce sulla qualità audio?

Bella domanda. In generale si può ridurre al minimo l’interferenza, ma riduzione del suono è sinonimo di perdita di qualità. Nel caso delle Bowers & Wilkins PX stiamo parlando di alcune frequenze, difficilmente udibili dall’orecchio umano. La resa è meno pregiata del modello P9 e qualche piccolo difetto lo si capta. Sono le frequenze basse a risentirne e tanti audiofili storceranno il naso. Si può sempre disattivare la modalità, oppure selezionarne una tra le tre disponibili: aereo, ufficio e città

Bowers & Wilkins PX: Conclusioni e recensione in breve

Il 2017 passerà agli annali come il momento in cui cuffie e auricolari sono diventati realmente wireless. Archiviati i problemi storici a livello di qualità audio, sono stati diversi i prodotti lanciati nel corso dell’anno e tanta è stata anche la qualità disponibile. Fra queste, le cuffie dotate di noise-cancelling hanno ulteriormente alzato il livello, tant’è vero che migliori device sono usciti in questa categoria. In un mercato in cui era normale vedere un solo dominatore – Bose – contiamo almeno quattro o cinque new entry che lottano per lo scettro. Fra queste, le B&W PX coniugano in modo quasi perfetto il binomio che più di tutti ci spinge ad acquistare un paio di cuffie: estetica e qualità audio. Sarà interessante vedere chi (e quando) riuscirà a superarle. QUI trovate la scheda prodotto completa, con tutte le specifiche e le recensioni degli utenti Amazon. 

Bowers & Wilkins PX Cuffia Bluetooth HD, Grigio
Prezzo di listino: EUR 399,00
Prezzo: EUR 370,11
Risparmi: EUR 28,89
Price Disclaimer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *