Monitor fotografia

Eseguire un buon fotoritocco con un monitor fotografia dedicato

Monitor fotografia: le ultime novità di fascia media tra i monitor per fotoritocco dedicate ai fotografi e a chi lavora con le immagini.

Per fotografi, grafici, architetti e creativi occorre un monitor fotografia per lavorare nelle giuste condizioni. Vi segnaliamo quindi alcuni dei monitor per fotoritocco tra i più acquistati sul web. Un risultato ottenuto tramite in passaparola online di feedback positivi. Si tratta dei migliori monitor per fotografia di fascia media, alcuni pure con prezzi davvero competitivi. Se sei un principiante, un fotoamatore evoluto ma pure un professionista accorto, scegli tra questi il monitor fotoritocco più adatto alle tue esigenze espressive e lavorative.

Monitor fotografia: confronta i prezzi


Da non perdere


Monitor fotografia: i migliori monitor per fotoritocco del momento

Spesso sul web si possono trovare molte buone occasioni per acquistare device tecnologici a buon prezzo. Ecco quindi una carrellata dei monitor fotografia di fascia media con i migliori riscontri da parte degli acquirenti, che li usano anche come monitor fotoritocco.

1 – BenQ PD2700Q | Monitor fotografia

Eccellente rapporto qualità/prezzo per il monitor fotografia BenQ PD2700Q. Il marchio BenQ è noto per il suo focus su monitor per fotoritocco, per designer, creativi in genere e anche questa volta sforna un prodotto a loro dedicato. I 100 bit di profondità colore e la risoluzione da 2560×1440 pixel danno già un’indicazione: si tratta di uno dei migliori monitor per fotografia di fascia media. Tra i più acquistati anche da chi preferisce rivolgersi al web per comprare articoli tecnologici.

Le caratteristiche principali

Monitor fotoritocco: cosa fa di questo monitor fotografia uno dei migliori device in circolazione, oltre all’ottimo prezzo? Innanzitutto il “carattere” che lo rende subito identificabile. Infatti a seconda che si abbia bisogno di utilizzarlo come monitor per fotoritocco, essendo fotografi, oppure grafici, architetti o animatori 3D si potrà scegliere una modalità appropriate. Questo tra:

  • darkroom, in cui i dettagli vengono messi in rilievo secondo parametri di contrasto e luminosità adeguati allo sviluppo in un ambiente in penombra, ovvero le condizioni ideali nelle quali dovrebbe post produrre un fotografo digitale. Quelle insomma che riportano alla famosa camera oscura
  • CAD/CAMperfetta per architetti e progettisti che troveranno ben rimarcate linee e forme progettuali. Da usare in particolar modo con programmi come AutoCAD, Solidworks e tutte quei software che richiedono l’applicazione del metodo CAD
  • animation, perfetta modalità per gli animatori che vedranno messi in risalto i dettagli nelle aeree più scure del progetto, così da poter lavorare senza fatica e mantenendo quanto più inalterata l’idea originale, anche se questa prevede campiture vicino al nero assoluto.

Ognuna di esse, quindi, dispone di specifici settaggi che evidenziano i dettagli delle immagini, accentuano i bordi o aiutano nella visualizzazione dei risultati in divenire. A seconda del tipo di elaborazione che dobbiamo compiere. 

Che cos’ha di speciale?

Tra i migliori monitor per fotografia ad altissima precisione: infatti dispone della risoluzione QHD 2K. Con più di un miliardo di colori in sRGB e un gamut Rec.709 a 10 bit canale, la fedeltà immagine sarà davvero di alto livello. Come la maggior parte dei monitor fotoritocco (e non solo) di ultima generazione, anche il BenQ PD2700Q è progettato con tecnologia IPS: la fruizione delle immagini sarà ottimale da qualsiasi angolazione avvenga e, in più, l’angolo di visione è stato maggiorato fino a 178 gradi in orizzontatale e in verticale

Super pratico in ogni funzione, prevede la modalità DualView, particolarmente adatta ai progettisti che potranno vedere il monitor ripartito in 2 sezioni in cui confrontare render e bozza del lavoro. Massimo confort di visione, per poter lavorare anche a lungo sul fotoritocco delle foto, grazie alla riduzione dello sfarfallio e la tecnologia Low Blue Light. Instabilità e luce blu dannosa per la vista verranno equalizzate, in modo da annullarne l’effetto negativo sull’utente.

Le opinioni di chi l’ha provato

Molto apprezzato come monitor fotografia e anche per l’editing video, è un accessorio per computer davvero consigliato da gran parte dei creativi. Se impiegato come monitor per fotoritocco, pare essere raccomandata la calibrazioneIl prezzo è davvero appetibile, insomma un ottimo affare per tutti.


2 – Eizo EV2450-BK | Monitor fotografia

Il marchio di riferimento per i monitor fotografia resta sempre Eizo. Vediamo un paio di modelli che restano in una fascia di prezzo non troppo elevata, con caratteristiche tali da renderli molto versatili, oltre che buoni monitor per fotoritocco. Il primo è l’Eizo EV2450-BK, da 23 pollici in formato 16:9, ottimo per l’ufficio, ma con in più la vocazione da monitor fotoritocco.

Le caratteristiche principali

Tra i migliori monitor per fotografia adatti anche a usi, per così dire, canonici: questo Eizo è “smart” già dal design. Lo spessore della cornice, di appena 1 mm, fa sì che il monitor fotografia occupi pochissimo spazio sulla scrivania, così da avere il piano libero e completamente sfruttabile. La cornice da soli 4,3 mm, invece, non occupa la superficie dello schermo: sarà quindi un device perfetto da usare in configurazione multipla con più unità dello stesso. Una modalità molto comune negli studi di architettura, in azienda, nei laboratori fotografici. 

La sua risoluzione Full HD 1920×1080 e la luminosità stabile fino a 250/cd m2, abbinate alla tecnologia IPS con retroilluminazione LED si traducono in:

  • foto ricche di dettagli ed estremamente nitide
  • contorni netti
  • grafiche dalle campiture brillanti
  • alta risoluzione delle immagini percepibile da ogni angolazione si osservi il monitor

La tabella cromatica (LUT) è a 10 bit, in grado di restituire informazioni più accurate rispetto ai comuni schermi da 8 bit. Qualità fondamentale per un buon monitor per fotoritocco in grado di leggere correttamente la maggior parte delle sfumature. Il punto di bianco può essere impostato in modo personalizzato, tra 4000K e 10000K.

Che cos’ha di speciale?

Particolarmente utile, sull’Eizo EV2450-BK, la funzione Auto EcoView: questa consentirà al monitor di conformare la luminosità in base alle condizioni circostanti di luce già presente nell’ambiente. La risoluzione delle immagini sarà sempre ottimale e si potrà anche risparmiare energia, rispetto ad apparecchi che hanno livelli standard di regolazione. Utili anche le modalità colore preimpostate da utilizzare a seconda che si stia lavorando con le immagini, guardando un film oppure leggendo o scrivendo un testo. Il trattamento antiriflesso, infine, aiuta chi deve rimanere per molte ore davanti allo schermo a farlo in maniera quanto più confortevole.

Le opinioni di chi l’ha provato

Eizo è il marchio irrinunciabile per i fotografi che vogliono post produrre le loro immagini in maniera accurata. Il monitor fotografia preso in esame non fa eccezione e, seppur presentandosi come un prodotto abbastanza “ibrido” e adatto anche al lavoro d’ufficio, resta tra i migliori monitor per fotoritocco per chi inizia. E anche per chi tratta foto (e perché no video) in maniera avanzata. Molti acquirenti del web l’hanno preferito, per affidabilità e risoluzione, a schermi di altri marchi sempre “foto-focused”. Il prezzo è imbattibile, per un monitor fotoritocco di questo brand: sicuramente consigliato a principianti e amatori evoluti.


3 – Eizo CS2410 LCD | Monitor fotografia

Ancora un monitor fotografia Eizo, per chi chiede uno step in più rispetto a un prodotto entry level o principalmente destinato a utilizzo amatoriale. Con il monitor per fotoritocco Eizo CS2410 LCD si alza l’asticella, pur rimanendo in una fascia di prezzo che si aggira intorno ai 500 euro, non superandoli di molto. Lo schermo in questione è un 24 pollici con risoluzione 1920 x 1200 pixel.

Le caratteristiche principali

Tra i migliori monitor per fotografia, post produzione video e grafica sotto i mille euro, questo schermo ha uno spazio colore sRGB con copertura del 100% e esce dalla fabbrica già calibrato. La resa colore sarà pertanto molto accurata e fedele alla realtà, sia per le fotografie che per i video. Notevolmente superiore rispetto alla media la tabella cromatica che stavolta è a 16 bit e racchiude dati dettagliatissimi circa ogni singola tonalità. 

Che cos’ha di speciale?

L’Eizo CS2410 LCD è il “figlio minore” della serie ColorEdge realizzata dal marchio, quella dedicata al monitor fotografia di alta qualità. Questo schermo è dotato di sistema Digital Uniformity Equalizer in grado di assicurare uniformità dal punto di vista della luminosità e del colore percepito a occhio. L’efficiente software ColorNavigator è scaricabile gratuitamente e vi guiderà nelle successive fasi di calibrazione periodica del monitor per fotoritocco. La quale potrà avvenire per mezzo di un dispositivo hardware e, inoltre, sarà anche possibile installare il paraluce palpebra per ridurre ancor più al minimo la probabilità di avere riflessi sgraditi e disturbanti sullo schermo.

Le opinioni di chi l’ha provato

La qualità a livello fotografico dei monitor fotoritocco Eizo è certamente indiscussa e chi ha deciso di acquistare il modello fin qui descritto non se ne pente. I colori riprodotti a schermo hanno un dettaglio incredibilenon è presente alcun fenomeno di sfarfallio, neppure minimo e la risposta da parte del dispositivo alle successive calibrazioni, da effettuare nel tempo, è eccellente. Molto apprezzata anche la qualità costruttiva del monitor fotografia. Insomma si può dire che abbia sempre pienamente soddisfatto le esigenze dei fotografi che o hanno scelto, affidandosi a un accessorio di sicura qualità.


4 – HP Pavillion 27 pollici | Monitor fotografia

A metà tra monitor fotografia e schermo per gaming ed esperienze multimediali, l’HP Pavillion 27 pollici gode di un’ottima risoluzione immagine. Si colloca pertanto tra quei prodotti assai versatili, che possono essere sfruttati al meglio sia come monitor per fotoritocco che per altri usi.

Le caratteristiche principali

Tra i migliori monitor per fotografia, questo HP, che si trova ad essere anche particolarmente adatto per l’editing video. Infatti tra le altre cose gode di un sistema acustico molto ben sviluppato degli altoparlanti integrati prodotti in collaborazione con Bang & Olufsen. Il design super sottile e minimale, oltre a rendere il monitor fotoritocco e gaming molto bello da vedere, perfetto per integrarsi con un arredamento contemporaneo, lascia ampio spazio alle immagini sullo schermo. Inoltre è perfetto per essere usato in combo con altri monitor, in un unico flusso di lavoro condiviso, proprio per l’assenza di bordi invadenti.

Che cos’ha di speciale?

Per una migliore fruizione delle immagini, il monitor fotografia in esame è inclinabile da 5 gradi fino a 25 gradi. Ovviamente è progettato con tecnologia IPS, per consentire una visione ottimale dei contenuti a schermo da qualsiasi angolazione li si guardi, fino a 178 gradi. La risoluzione è in Full HD a 1920×1080 dpi. La tecnologia AMD FreeSync incide sulla fluidità dei filmati e dei giochi multimediali, così da renderli incredibilmente realistici nei movimenti, totalmente privi di scatti.

Le opinioni di chi l’ha provato

Soddisfatti gli acquirenti che hanno optato per l’HP Pavillion 27 pollici. Lo trovano in generale un ottimo dispositivo per lavorare, pratico e con tutto a disposizione per mezzo di pochi cavi. Molto apprezzata la webcam e la risoluzione immagine, che lo rendono un’ottima alternativa come monitor fotografia economico.


5 – AOC Q3279VWF | Monitor fotografia

Ancora un monitor fotografia dall’ottimo rapporto qualità/prezzo che coniuga un grande schermo al design minimale e poco ingombrante. Si parla dell’outsider AOC Q3279VWF, un buon monitor per fotoritocco da ben 32 pollici.

Le caratteristiche principali

Il monitor fotoritocco AOC dispone di un’elevata qualità immagine, nonché di ampissimo campo visivo. La risoluzione in QHD a 2560×1440 pixel completano il quadro. Il formato 16:9 è ottimo anche per la fruizione di contenuti multimediali, come video e giochi web.

Che cos’ha di speciale?

Anche questo monitor gode della tecnologia FreeSync che rende estremamente fluida la fruizione dei contenuti video e multimediali. Insieme troviamo anche il sistema Flicker-free e il pannello retroilluminato DC, per un perfetto confort visivo durante il lavoro, anche prolungato.

Le opinioni di chi l’ha provato

Un discreto schermo che può adattarsi bene anche come monitor per fotoritocco, a un prezzo competitivo. Chi lo usa, pur trovando i materiali costruttivi un po’ “cheap” ne è generalmente soddisfatto. Fa bene un po’ tutto ed è particolarmente focalizzato sulla qualità immagine. Consigliato per chi vuol iniziare ad approcciarsi al mondo della post produzione e cerca tra i migliori monitor per fotografia che non fanno spendere cifre esorbitanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *