ombrelloni da terrazzo

Ombrelloni da terrazzo, ecco quale forma scegliere in base allo stile

Rotondo, quadrato, a base centrata o decentrata: ecco i migliori ombrelloni da terrazzo per design e rapporto qualità prezzo

Oggigiorno siamo sempre più costretti a scegliere tra una casa in campagna, immersi nel verde ma isolati, e un appartamentino in pieno centro città. Capita sin troppo spesso, per comodità e forza di cose, di essere costretti ad optare per la seconda. In quest’ottica, avere a disposizione uno spazio esterno vivibile è cosa assai ambita. Un’oasi di pace dove trascorrere anche pochi minuti al giorno può aiutarci a ricaricare le energie e allentare la tensione. Per farlo, non necessitiamo di un’area vasta né di un ampio giardino a piano terra. È sufficiente possedere una veranda o un terrazzo e sapere come arredare l’ambiente esterno. Da questo punto di vista, gli ombrelloni da terrazzo sono tra gli elementi più utili ed efficaci per trasformare l’atmosfera in poche mosse.

Da poco abbiamo dedicato un articolo agli ombrelloni da giardini, concentrandoci sulle caratteristiche da prendere in considerazione e sulle aziende produttrici più affidabili. Oggi scendiamo in pista con un approfondimento sugli ombrelloni da terrazzo, focalizzandoci sul loro design e sull’effetto scenografico che sono in grado di darci. Come dicevamo, anche un terrazzino può essere arredato e decorato per essere trasformato in un grazioso spazio verde. L’importante è sapere come muoversi. Sole si, ma con le dovute precauzioni!

In questo articolo ripasseremo velocemente le specifiche più importanti da verificare prima di procedere all’acquisto di un ombrellone da esterno, nonché i fattori da considerare preventivamente. In seguito, vi proporremo i modelli più belli di ombrelloni da terrazzo, dividendoli per forme e posizione della base.

Ombrelloni da terrazzo o da giardino?

Quando si parla di ombrelloni da esterno, ci si addentra in una zona grigia dai confini labili. Quali modelli sono adatti al giardino e quali ad una terrazzina? Esistono davvero differenze sostanziali?

Anzitutto, c’è da specificare che molto dipende dallo spazio che avete a disposizione e dal progetto che avete in mente. Se il vostro ambiente esterno è abbastanza ampio, tanto da potervi inserire anche un tavolo da pranzo, potete tranquillamente optare per un modello da giardino. Il loro diametro può raggiungere anche 3 m, coprendo, nel caso fosse di forma quadrata, una superficie di 9 m². In questo caso, non dovreste avere problemi scegliendo un modello a base centrata: l’importante è che non sia d’intralcio per tavoli e sedie eventuali.

Se il vostro spazio esterno assomiglia più che altro ad un balcone, invece, sarebbe meglio evitare l’effetto claustrofobico. Fate sempre in modo che l’ombrellone da terrazzo non ricopra l’intera area e non sia collocato troppo in basso. In questi casi è meglio optare per un modello a base laterale o, ancor meglio, con braccio laterale fissato direttamente al muro.

Altri fattori importanti

A prescindere dall’utilizzo che volete farne, è bene accertarsi che gli ombrelloni da terrazzo possiedano dei buoni materiali di produzione. Che siano fissi o richiudibili, essi sono perennemente esposti agli agenti atmosferici, e rischiano di arrugginirsi, bucarsi o, ancor peggio, essere spazzati via dalla tempesta. Di conseguenza, via libera ai modelli realizzati in acciaio, alluminio e legno di qualità. Per la copertura invece, è ottimo il tessuto in acrilico dalla grammatura di 180 gr/m².

Infine, per ottenere il massimo del comfort, vi consigliamo di optare per un modello inclinabile o addirittura orientabile. In questo modo, al virare del sole, potrete modificare comodamente la posizione dell’ombrellone da terrazzo senza essere costretti a cambiare posizione voi stessi.

A seconda dei gusti personali, dello stile della vostra casa e delle necessità che avete, potete scegliere il modello di ombrelloni da terrazzo perfetto. Per fortuna, il mercato in questo senso ci viene incontro, dandoci la possibilità di scegliere la forma che più ci aggrada e la posizione della base per noi più comoda.

Ombrelloni da terrazzo rotondi

Senza dubbio, si tratta della variante più classica della categoria, ma anche della più evergreen. Scegliendo un modello rotondo, insomma, andiamo sul sicuro: si tratta di un ombrellone da terrazzo che difficilmente andrà fuori moda. Dobbiamo specificare, anzitutto, che di ombrelloni da terrazzo perfettamente rotondi se ne incontrano di pochi. Questo perché la loro stessa configurazione necessita di un minimo di angolazione.

In altre parole, la forma di questi elementi d’arredo è più simile a quella dei classici ombrelloni da spiaggia, a otto o più lati. Un aspetto, questo, che tra l’altro attribuisce loro un’attitudine decisamente più esotica, soprattutto nei modelli in legno o con la copertura rivestita in paglia artificiale.

Per concludere, diremo che gran parte dell’effetto scenografico dei modelli rotondi dipenderà dalla scelta dei materiali: un prodotto in legno tende ad accentuare il lato wild del vostro terrazzo. Al contrario, con un ombrellone colorato dalla base in alluminio conferirà al vostro spazio esterno un aspetto più easy. E se lo stile del vostro appartamento è minimal, potete sempre optare per un total white senza fronzoli.

Ombrelloni da terrazzo squadrati

Che si tratti di modelli quadrati o rettangolari, gli ombrelloni a quattro lati sono decisamente più avanguardistici. Chi desidera mantenersi al passo con il design contemporaneo ne sarà sicuramente folgorato. Proprio per questa esigenza di aderire all’epoca corrente, la stragrande maggioranza dei modelli è prodotta nelle colorazioni bianco, panna, grigio e nero. Il più delle volte la struttura è verniciata a contrasto, di modo da sottolineare ancor più l’essenzialità delle linee.

Insomma, si tratta di modelli pensati per un terrazzo moderno, dalle linee decise e pulite. Tutto ciò, s’intende, senza rinunciare alle piante: l’importante è attenersi ad uno stile clean ed evitare l’effetto giungla.

Ci piace molto anche il compromesso della variante con base in legno e copertura beige: l’effetto luxury da villa californiana con piscina è garantito. Tra l’altro, essi costituiscono una giusta via di mezzo tra uno stile moderno ed uno spazio esterno da full immersion nella natura.

Ombrelloni a mezzaluna

Si tratta della variante salvaspazio per eccellenza: la copertura è costituita da un semicerchio fissato alla base, che dev’essere assicurato direttamente al muro. Il design non è il massimo, magari, ma se non disponete di molto spazio è assolutamente la scelta ideale. Noi siamo dell’idea che sia molto meglio assicurarsi un poco di ombra e lasciare comunque uno spazio laterale aperto.

L’alternativa sarebbe piazzare sul balcone un ombrellone troppo grande “soffocando” visivamente l’intero ambiente esterno. Inoltre, la prospettiva fa miracoli: visto da una posizione frontale, l’ombrellone a mezzaluna è tale e quale a quello intero. Insomma: non solo è meglio di niente, ma è anche meglio che esagerare senza poterselo permettere!

Come scegliere la base

Come avrete notato, esistono innumerevoli modelli di ombrelloni da terrazzo, sia rotondi che quadrati, con base centrale o laterale. Anche in questo caso si tratta di un grande vantaggio che ci lascia enorme libertà di scelta.

Senza dubbio, una base laterale contribuisce a ricreare un ambiente moderno e molto più innovativo. Inoltre, essa ci permette di risparmiare molto spazio, in termini effettivi così come visivi. L’ambiente sembrerà senza dubbio più spazioso e sarà molto più comodo da pulire e da vivere.

Molto dipende anche dal vostro progetto iniziale: se volete riprodurre un bordo piscina, di sicuro la base centrale richiama molto più l’ombrellone da spiaggia, insieme al suo ricco immaginario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *