Quale asciugatrice slim comprare per risparmiare spazio? Qui le risposte che cerchi

asciugatrice slim

Candy, Hoover, Miele: ecco tutti i migliori modelli di asciugatrice slim, con caratteristiche, prezzi e opinioni

Tra i tanti guanti di sfida che ci lancia la stagione invernale, il bucato è sicuramente in pole position per livello di difficoltà. I complici indiscussi dei nostri travagli sono la rapidità con cui esauriamo i ricambi e quindi, l’assoluta necessità di riutilizzare i capi, che non lascia spazio a procrastinazioni di sorta. Insomma, malgrado le piogge, e in molti casi anche l’umidità, siano una costante delle nostre giornate, proprio non possiamo permetterci il lusso di attendere il ritorno di un clima favorevole per fare il bucato. Tantopiù se viviamo in una famiglia numerosa, magari composta da uno o più bambini. Una soluzione pratica c’è, e si diffonde rapidamente in tutte le nostre case: un’asciugatrice slim.

È vero, si tratta di un elettrodomestico non proprio economico, né in negozio né in bolletta, ma i suoi comfort sono notevoli e chi l’ha provata difficilmente riesce a tornare indietro. Infatti, possiamo decidere di rinunciare all’ausilio di molti dispositivi domestici, impiegando tempo ed energie. Ma in nessun caso potremo sostituirci al sole o ad un’asciugatrice per permettere al nostro bucato di asciugarsi rapidamente. La slim, inoltre, proprio come l’omonima lavatrice, occupa uno spazio notevolmente ridotto rispetto ad un modello tradizionale di asciugatrice. Questo ci consente di collocarla senza difficoltà anche in un monolocale o in un appartamento senza vano lavanderia. Rappresenta, insomma, la scelta ideale per chi viva in pieno centro città o in una località decisamente umida e piovosa.

In questo articolo approfondiremo tutte le caratteristiche dell’asciugatrice slim e tutti i vantaggi che derivano dal suo acquisto. In seguito, passeremo in rassegna i migliori modelli presenti sul mercato in base a specifiche, convenienza e opinione dei clienti.

1 Caratteristiche

Facciamo un breve ripasso di tutte le proprietà dell’asciugatrice slim, come funzionamento, dimensioni e prezzo in bolletta.

Asciugatrice slim in breve

L’asciugatrice slim è un elettrodomestico che si alimenta, appunto, ad energia elettrica. Il suo design ricorda molto quello di una lavatrice, ma la sua funzione è esclusivamente quella di asciugare in maniera rapida il nostro bucato. Ciò è possibile grazie ad un meccanismo che aspira l’aria esterna, la riscalda tramite una resistenza e la diffonde nel cestello con una ventola. È questo il funzionamento dell’asciugatrice a condensazione, più economica da acquistare ma molto cara in bolletta (generalmente appartengono alla classe B o C).

L’altra tipologia esistente è l’asciugatrice a pompa di calore, più costosa all’acquisto ma più economica in fatto di consumi energetici. Essa possiede un motore interno e un circuito frigorifero che generano aria calda e la fanno circolare all’interno del cestello. A seconda dei modelli, poi, l’umidità del bucato può essere espulsa all’esterno tramite un tubo oppure condensata e accumulata in una vaschetta da svuotare.

Prestazioni

I modelli più prestanti di asciugatrice slim assicurano un’asciugatura totale del bucato in un arco di tempo variabile, dipendendo dal tipo di indumenti. In generale, possiamo stimare che un ciclo può avere una durata compresa tra 1,30 h e 3h. Insomma, un tempo paragonabile a quello impiegato dal sole appena durante le torbide giornate d’agosto.

Rispetto alla “collega” centrifuga, l’asciugatrice small è più efficiente e presta maggiore attenzione ai capi. Innanzitutto, ce li restituisce totalmente asciutti, che è già un fattore essenziale. In secondo luogo, il suo cestello è strutturato in modo da non usurare i capi né danneggiarli. Infine, al termine del ciclo, i capi saranno molto meno stropicciati e in molti casi potremo fare a meno di stirarli.

Dimensioni

Ovviamente, le dimensioni asciugatrice slim variano a seconda dei modelli e del loro carico massimo. In linea generale diremo che si tratta di un apparecchio pensato specificamente per risparmiare spazio, soprattutto in profondità. Alcuni modelli da 7 kg possiedono una profondità di circa 40 – 45 cm e una larghezza che supera di poco il mezzo metro. Insomma, difficilmente avremo difficoltà nel trovarle una collocazione, anche se disponiamo di poco spazio.

Prezzi e costi

Giungiamo al tasto dolente, seppur disponendo ancora di uno spiraglio di speranza. Nonostante non si tratti di un elettrodomestico economico, l’asciugabiancheria slim è sicuramente più conveniente rispetto al modello classico. Esso può raggiungere e superare tranquillamente i 1000 €, anche se esistono alcuni modelli economici ed efficienti. Invece, un apparecchio più piccolo e di ottima qualità, come un’asciugatrice slim 7kg, costa in media 500 €. Non è detto che sia una scelta meno funzionale: l’importante è avere un po’ di organizzazione.

Per quanto riguarda il costo in bolletta, invece, esso dipende direttamente dalla classe energetica dell’apparecchio. Ovviamente, sarebbe sempre meglio prediligere un modello di classe A+++, che ci garantisce il maggior risparmio possibile. Alcuni modelli, inoltre, riescono a calibrare i consumi in base al peso del carico, e anche questo si traduce direttamente in risparmio. Di base, con un buon apparecchio, arriveremo a spendere circa 0,40 € per un ciclo di asciugatura.

2 Asciugabiancheria slim: tutti i vantaggi

Abbiamo già parlato di alcuni vantaggi derivati dall’acquisto e dall’utilizzo di una asciugatrice slim. Per esempio, si è già detto che si tratta dell’unica soluzione possibile quando il clima non ci aiuta e noi siamo in piena emergenza bucato. Vediamo altri aspetti, per nulla secondari.

  • Capi puliti e profumati, sempre. Una delle caratteristiche che più ci alletta, perché parte integrante del piacere del fare il bucato. Non solo la fragranza dell’ammorbidente non verrà dispersa durante l’asciugatura, ma in alcuni casi si può anche aggiungere un’essenza addizionale.
  • Bucato già stirato. Sembra una chimera, eppure è possibile: la maggior parte dei modelli possiede una funzione apposita. Essa consente di asciugare e contemporaneamente distendere i tessuti, di modo che il lavoro con il ferro da stiro venga notevolmente diminuito o addirittura evitato.
  • Risparmio di spazio. Non solo per quanto riguarda le dimensioni ridotte dell’elettrodomestico, che sono il cavallo di battaglia principale dell’asciugatrice slim. Ma anche e soprattutto perché, dotandoci di questo apparecchio, potremo rinunciare ad un balcone, una terrazza o allo stendibiancheria. È un’opzione validissima da prendere in considerazione, quindi, se già possediamo un appartamento piccolo o se stiamo pensando di prenderne uno.
  • Spesa ponderata. Diversi modelli disponibili sul mercato ci offrono la possibilità di risparmiare notevolmente, tanto sull’acquisto tanto sul dispendio di energia. Optando per una asciugatrice slim con sensore incorporato, per esempio, la pagheremo un po’ di più ma ci garantiremo un risparmio in bolletta sul lungo termine.

3 Asciugatrice slim migliori modelli

Candy GVS4 H7A1TCEX-01

Apriamo le danze con un modello di Candy, azienda leader del settore, che anche in questo caso non delude le aspettative dei suoi clienti più affezionati. Non si tratta dell’ultimissimo modello prodotto, ma è comunque un prodotto eccellente che ci permette di risparmiare notevolmente (il prezzo Amazon attuale è di 484,99 €). La Candy GVS4 H7A1TCEX-01 è un’asciugatrice slim 7kg che colpisce subito per compattezza e prestazioni. Le sue dimensioni sono 85 x 59,6 x 46,5 cm e la rendono particolarmente facile da collocare anche in contesti abitativi ristretti. Si tratta di uno dei pochi modelli che può essere impilato sulla lavatrice. È inoltre un prodotto la cui resa, tutto sommato, ripaga la spesa. Infatti, la classe energetica A+ le consente un consumo annuo massimo di 269 kWh, nonostante si tratti di un modello a condensazione, che abbiamo visto essere il più costoso in bolletta.

A seconda della quantità di carico e del tipo di tessuti, un ciclo di asciugatura può durare dalle 2 alle 4 ore. Sono numerose le funzionalità a cui ci affezioneremo, come la Smart Start Delay, che ci permette di ritardare la partenza sino ad un massimo di 24 ore. Oppure Memory, che ci permette di salvare il nostro programma preferito. Gli specifici Lana e Stiro Facile, poi, diverranno i nostri migliori alleati. Piena fiducia, quindi, alle 4 stelline di gradimento attribuite dai clienti a questa Candy.

Candy CS4 H7A1DE-S

Continuiamo con un altro modello Candy, il CS4 H7A1DE-S. Il suo prezzo non è basso (700 € circa), ma in compenso si tratta di un modello super efficiente, tecnologico, longevo e oculato nei consumi. Innanzitutto, è un prototipo che funziona a pompa di calore (tecnologia Heat Pump), che abbiamo detto essere la meno dispendiosa in bolletta. Questo fattore è confermato anche dal fatto che appartenga alla classe energetica A+. In secondo luogo, è un’asciugatrice slim dotata di tecnologia Kilo Detector, in grado, appunto, di pesare il bucato e calibrare i consumi.

Molte delle sue specifiche sono uguali a quelle del modello precedente. Le dimensioni, ad esempio, sono pressoché identiche (85 x 60 x 46,5 cm), ad eccezione della larghezza. Tra i pregi, quindi, una collocazione facilitata e un oblò più alto per dire addio al mal di schiena. Semplificato anche il sistema di scarico, che consiste in una vaschetta incorporata internamente nel cestello da svuotare dopo ogni ciclo. Ulteriori elementi degni di nota sono poi i ben 16 programmi differenti di cui è dotata (tra cui stiro facile e lana) e la connettività NFC. Essa ci consente, con l’apposita app Candy, di controllare lo stato non solo del ciclo, ma anche delle componenti tecniche come filtri e motore. Mille e più recensioni dalla media di 4,5 stelline: rapida, silenziosa (67 dB), super efficiente. In poche parole, un top di gamma, ad un terzo del suo prezzo.

Hoover DXW4H7A1TCEX-01

Della Hoover Slim Next basterebbe dire che costituisce l’Amazon’s Choice di categoria, caratterizzato da prezzi competitivi e recensioni positive. Partendo dal primo fattore, questa asciugatrice slim è attualmente oggetto di uno sconto Amazon del 35%, costando solo 519,99 €. Non pochissimo, ma nemmeno troppo, considerando che il suo prezzo pieno è di circa 800 €. Anche in questo caso le dimensioni sono tutto, o quasi: i suoi 60 x 85 x 46 cm la rendono più larga rispetto ai modelli Candy, ma egualmente gestibile e impilabile. Il design punta su un cestello molto ampio e antirumore, che attutisce suoni e vibrazioni fastidiosi. Esso contiene anche la vaschetta di accumulo dell’acqua, proprio come i modelli precedenti.

Anche in questo caso il risparmio in bolletta è garantito. Innanzitutto perché si tratta di un modello a pompa di calore, in secondo luogo perché la sua classe energetica è la A+. A livello di prestazioni, non solo Hoover si prende massima cura dei capi delicati, ma consente anche di mescolare tessuti differenti. In questo caso, riceveremo un avviso quando i capi più delicati saranno già asciutti, per estrarli e continuare il ciclo. Altri comfort indiscussi sono la partenza ritardata (da 3, 6 o 9 ore), e la partenza programmata (sino a 23 ore). Oltre a programmi specifici per ogni tessuto, quest’asciugatrice possiede anche 4 differenti opzioni di asciugatura, per un totale di 15 programmi. Non le manca nemmeno la connettività: è infatti dotata di WI-FI ed è totalmente gestibile dall’App Wizard.

Miele TDB 230

Dulcis in fundo, riserviamo l’ultimo posto a Miele, che è sempre il top di gamma degli elettrodomestici, come, ahinoi, confermano i suoi prezzi. In questo caso parliamo di un’asciugatrice, la TDB 230, che è un ibrido tra una slim e un modello tradizionale. Di slim c’è sicuramente il prezzo (circa 850 €) e la capacità di carico (si tratta di un’asciugatrice slim 7kg). Per il resto, non si può dire che sia un modello compatto come i precedenti, misurando 85 x 59,6 x 63,6 cm. Se, però, avete la fortuna di trovarle una collocazione adeguata, non fatevela sfuggire. È vero, il suo design non è propriamente quello che si definisce all’ultimo grido, complice l’oblò totalmente coperto. Però si tratta di un modello a pompa di calore e di classe energetica A++, quindi molto efficiente e conveniente.

Le sue prestazioni, come avviene per ogni prodotto Miele, sono impeccabili: asciuga perfettamente ogni tipo di tessuto, senza rovinarlo o lavorarci più del necessario. Ciò è possibile grazie al complesso sistema tecnologico di cui è dotata. In primis, parliamo del Direct Sensor e del Perfect Dry, l’elaborato sistema di sensori che rileva peso e percentuale di umidità presente, “organizzando il lavoro” di conseguenza. Segue la Tecnologia EcoDry, che consente di asciugare in tempi brevi e, per di più, risparmiare energia. I programmi presenti sono almeno 11, tra cui Lana, pre-stiratura, antipiega e delicato plus. Non possiamo non citare il fatto che la durata media di un ciclo sia di soli 137 minuti e la rumorosità sia inferiore a tutti gli altri modelli (66 dB).  

Confronta i prezzi delle migliori asciugatrici Miele attualmente online:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *