Gli hobby con la carta sono ottimi passatempi per le persone creative

hobby con carta

Siete appassionati di bricolage e cercate un buon antistress? Qui la lista completa dei migliori hobby con carta, per diventare veri artisti

Fatemi indovinare. È da un po’ di tempo che cercate un modo nuovo per passare il tempo libero. Siete alla ricerca di un’attività divertente e allo stesso tempo rilassante. Sì, insomma, qualcosa che non richieda troppo sforzo mentale, che richieda un altro tipo di concentrazione. Quell’attenzione che ci permette, nel frattempo, di ascoltare musica, di “liberare la mente”. Una passione da coltivare da soli, persi tra i vostri pensieri, o magari in coppia, che però (a differenza dei film!) favorisca il dialogo. Siete nel posto giusto! Da una prima diagnosi, ciò di cui avete bisogno è proprio un hobby con carta.

La carta è una materia preziosa con cui si possono creare meraviglie: è economica, ecologica, eppure ci permette di realizzare opere sorprendentemente belle e durature. Sin dall’antica sapienza giapponese, il mondo occidentale ha ereditato tantissimi hobby creativi con la carta. Se cercate un’occupazione in cui fare velocemente progressi, sicuramente creare con la carta vi darà soddisfazione in abbondanza. In questo articolo vi diamo tutte le dritte di cui avrete bisogno. Vedremo insieme in che cosa consistono i migliori hobby con carta, e quali sono tutti i materiali necessari per realizzarli.

1 Creare con la carta | i vantaggi

Se gli hobby con carta sono in netta ascesa, ci sarà un motivo! Ci abbiamo pensato un po’ e, in tutta sincerità, di motivi ce ne sono tanti. Innanzitutto, si tratta di passatempi molto ma molto economici. La maggior parte dei materiali necessari si trova già in casa nostra, oppure si può comprare con una spesa davvero ridotta. In secondo luogo, nonostante sia economico, l’hobby con la carta dà ugualmente un estremo appagamento. Non bisogna essere dei grandi artisti, o aver studiato disegno, per ottenere dei buoni risultati.

Tutto ciò che serve, si dice spesso, è un bel po’ di pazienza. Noi sentiamo di dissentire un po’ con questo luogo comune, che già presuppone un’accezione negativa del tempo impiegato. In realtà non ci vuole pazienza perché non c’è niente da sopportare. Ci vuole, invece, una buona dose di passione e concentrazione in ciò che si fa. Questo perché creare con la carta significa dedicarsi ad un’attività abbastanza certosina, degna di un orefice o di un amanuense. Se siete portati per queste attività “svuota-mente” allora cadete a fagiolo. Non vi resta che scegliere il vostro hobby con carta preferito!

Altra componente non trascurabile è quella che in antropologia viene chiamata “restituzione”. In poche parole, è ciò che risponde alle domande “chi me lo fa fare? Cosa ottengo?”. Nel caso delle creazioni di carta, tantissimo. A differenza di un solitario, o di qualsiasi altro gioco da tavolo, al termine del lavoro avrete sempre realizzato un oggetto con le vostre mani. Che sia un biglietto di auguri, uno svuota tasche o un bellissimo quadro da appendere o regalare. Insomma: che il frutto dei nostri sforzi sia tangibile è un ulteriore motivo per rimboccarsi le maniche!

2 Origami

È proprio alla millenaria tradizione giapponese che andiamo ad attingere per il primo hobby con carta: gli origami. Una voce lontana sembra arrivare a noi sin dall’estremo oriente, per dirci che, con un pezzo di carta, si può davvero realizzare tutto. Per approcciarci a questa arte abbiamo bisogno solo di un manuale di istruzioni e dei fogli appositi. Sebbene questa attività possa essere svolta con qualsiasi tipo di cartoncino, infatti, è importante munirsi di fogli dalla grammatura giusta per essere lavorati facilmente. Allo stesso modo, è sconsigliabile utilizzare della carta troppo sottile, pena la mancata riuscita della piccola opera d’arte. Detto questo, esistono due tipi di carta per origami.

I primi sono dei semplici fogli di cartoncino colorati e monocromatici. Sono quelli utilizzati per realizzare oggetti dall’aspetto più infantile e, al netto di eventuali decorazioni fatte a mano, secondo noi non valorizzano al meglio il lavoro svolto. La tinta unita, infatti, comporta una perdita notevole della tridimensionalità, almeno dal punto di vista dell’effetto ottico. Secondo noi, nessun materiale è così evocativo come la carta stampata originale. Questi fogli sono coloratissimi, ricchi di colori vivaci e di motivi geometrici o vorticosi, dall’effetto fortemente ipnotico. Per questo, sottolineano notevolmente il carattere esotico degli origami, e sono anche molto belli da esporre.

Le possibili creazioni di carta origami sono davvero tantissime: si può iniziare con semplici soprammobili, per poi passare a fiori di carta da mettere in esposizione. Ancora, buste da lettere particolari, scatole portaoggetti originali, confezioni regalo stravaganti. Infine, i più audaci, potranno anche provare a realizzare degli orecchini. In questo caso dovremo munirci anche di gancetti, colla forte, ed eventualmente anche glitter e spray decorativi.

Manuali utili sugli origami:

Carta per origami:

3 Collage

Il collage è un altro hobby con carta che tutti i paper artist hanno sperimentato almeno una volta nella vita. Anche se spesso declinato nelle sue numerosissime varianti, il collage è prevalentemente basato sulla sovrapposizione di più fogli di carta. Si può scegliere come base una immagine primaria, andando ad arricchirla con particolari inconsueti. Oppure, si può scegliere come base una superficie vuota su cui andare ad incollare tutti gli elementi della composizione. Le combinazioni sono davvero infinite: basta essere aperti di mente, o cercare spunti in un apposito libro.

Il fascino del collage sta nel risultato surrealista del prodotto finale, che non rispetta alcuna legge della fisica, in primis quella delle proporzioni. Eppure, non ci sentiamo di affermare che l’artista proceda in maniera del tutto aleatoria. Al contrario, nei collage ben riusciti si incontrano una serie di corrispondenze che rendono l’opera davvero magnetica. Si tratta di riuscire ad individuare tra le varie componenti degli equilibri (o delle dissonanze) di forme e colori. Il naturale prosieguo della loro esistenza? Ovviamente, essere affissi ad una parete sotto forma di un delizioso quadretto.

Volumi interessanti sul collage:

4 Decoupage

Anche il découpage, così come il collage, è un hobby con carta che si basa sulla sovrapposizione. Esso si può realizzare sopra qualsiasi superficie, l’importante è dotarsi di materiali idonei. Di solito per il découpage viene impiegato un foglio di carta molto sottile, alla stregua della carta da cucina. Il materiale impiegato, tuttavia, non deve essere né troppo spesso né troppo sottile, altrimenti si sfalda. I più individuano come carta per découpage ideale la carta di riso: morbida da adattarsi alla superficie, ma abbastanza resistente.

Molto dipende dal materiale che si vuole decorare, perché sì, il decoupage serve proprio a questo. Si sceglie un oggetto in ceramica, in plastica, in plexiglass, in vetro o in legno e si decide di applicarci sopra la carta. Può essere un portafoto, un piatto, un portafiori, davvero qualsiasi oggetto. La carta decorata, così facendo, diventerà la sua pelle e gli regalerà nuova vita. Essenziali, quindi, diventano anche le forbici, un pennello e una colla adatta. Tra quelle in commercio, le colle più quotate sono la vinilica, se diluita con acqua, la mod podge e soprattutto la colla velo, che non gocciola.

Per spunti sul décupage:

5 Quilling

Se non avete mai sentito parlare di quilling art, è un vero peccato. Significa che vi siete persi i più bei biglietti di auguri, ma anche i più bei quadri colorati che si possono realizzare a mano. Doti artistiche richieste? Q.b. Ciò che davvero può fare la differenza in questo hobby con carta è l’occhio per le proporzioni, e soprattutto tanta, tantissima precisione. Con il paper quilling si va a lavorare al millimetro, per questo avremo bisogno del materiale adatto alla lavorazione. Ci riferiamo a una colla a fissaggio rapido con beccuccio sottile, una pinzetta, una bacchetta con scanalatura centrale. Una goccia di colla in più o un po’ di residui sulle mani possono rovinare il tutto.

La carta per quilling più utilizzata è il classico cartoncino colorato, che però deve essere tagliato in tante strisce sottili. Esse di solito sono lunghe anche sino a 40 cm, x 0,5 cm di spessore circa. Converrete con noi che, soprattutto in caso di progetti elaborati, diventa molto gravoso ritagliare manualmente la carta necessaria. Per fortuna però, in commercio si trovano blocchi di strisce già tagliate. Le strisce di carta dovranno poi essere arrotolate e fissate su una superficie in maniera perpendicolare. Il risultato sarà quindi una composizione realizzata con dei cerchi di carta concentrici e colorati. Dando un’occhiata ai libri di quilling art, ci si rende conto che si possono realizzare opere davvero notevoli.

Manuali sul quilling:

I migliori kit per quilling:

6 Perline di carta

Più o meno con lo stesso principio del quilling, si possono realizzare anche dei gioielli. È questo un hobby con carta che ha dello straordinario, al pari degli origami. Questo perché ci permette di sfoggiare le nostre stesse creazioni, oppure regalare dei gioielli originali ai nostri amici. Armiamoci, allora, del seguente materiale per hobby con la carta:

  • carta o cartoncino
  • tagliacarte
  • forbici
  • colla vinilica o stick
  • pennarelli colorati
  • vernice ad acqua/smalto trasparente/smalto glitterato
  • un pezzo di polistirolo
  • degli stuzzicadenti

La forma della perlina da realizzare dipende dallo spessore e dalla lunghezza delle strisce di carta che taglieremo. Perciò, per avere una vasta scelta, vi consigliamo di acquistare un manuale, cercare un tutorial oppure aspettare il nostro articolo dedicato. Una volta ritagliata la striscetta di carta, vi si colorano i bordi esterni con tinte differenti, alternando sezioni di circa 2-3 cm. Poi la striscia si arrotola al rovescio intorno a uno stuzzicadenti. Infine si fissa tutto con la colla e, una volta asciutta, la si vernicia. Con questo hobby con carta, insomma, si possono realizzare accessori estremamente graziosi, coloratissimi e soprattutto originali. Ma la loro utilità non si ferma solo a collane, orecchini e bracciali: sono utilizzabili in tantissimi progetti di crafting.

7 Papercut

Ed ora, si facciano avanti tutti i professionisti del taglio. O, perlomeno, i paper artist più certosini di tutti. Anche questo hobby con carta deriva dall’oriente, questa volta dalla Cina. Per praticarlo, ci vogliono tanta buona volontà, una mano abbastanza ferma e, soprattutto, gli strumenti giusti. Il papercut, come dice la parola stessa, consiste nell’intagliare un foglio di carta secondo un disegno o una geometria preventivamente scelta. In questo senso, è possibile acquistare dei blocchetti con dei disegni già stampati, pronti per essere ritagliati, oppure cimentarsi in prima persona nel disegno. Qualora si volesse procedere individualmente, però, occorrerebbe comunque seguire alcune indicazioni.

Innanzitutto, il tratto deve essere spesso uno o più millimetri, di modo da poter ritagliare il contorno della figura senza che si spezzi. Allo stesso modo, la carta per papercut deve essere idonea al ritaglio, quindi avere una grammatura compresa tra i 110 e i 160 gr. In commercio, si trovano anche dei blocchetti di carta colorata adatti a quest’hobby. Altro elemento indispensabile, poi, è il taglierino, o bisturi, meglio se acquistato in più unità per praticare le incisioni anche più sottili. Una volta ottenuto il disegno sul foglio da ritagliare, si mette su un bel disco e si inizia a incidere, finché non rimane solo la sagoma del disegno stesso. Quando avremo finito, giriamo il disegno al rovescio… et voilà! La sagoma bianca sarà bellissima da appendere in un quadro, con sfondo a contrasto.

Set di coltellini da precisione:

8 Acquerelli

Dulcis in fundo, non potevamo non accennare ad uno degli hobby più affascinanti di sempre: la pittura ad acquerello. Ciò che serve è una carta per acquerello dalla grammatura robusta: tra i 200 e i 300 gr, a seconda del quantitativo di acqua che si utilizza. In commercio ce ne sono diverse tipologie: torchon, fina, satinata, ma anche in cotone o in cellulosa. La differenza tra la carta è tutto: grana e porosità determinano gran parte del risultato. La grana torchon è molto pronunciata, quindi viene utilizzata per i soggetti paesaggistici e quelli più astratti. Per dipinti più dettagliati, come i ritratti, si predilige una superficie liscia.

Per quanto riguarda acquerelli e pennelli, il grande vantaggio è che se ne trovino di buona qualità a prezzi bassissimi: provare per credere. Ovviamente, più sarà ricca la vostra tavolozza, meno dovrete pasticciare per creare il colore desiderato. Per il resto, sta a noi: possiamo decidere di lasciarci ispirare da dipinti famosi, cercare immagini online o lavorare di fantasia. Oppure, se vogliamo scoprire bene tutte le tecniche e il potenziale di questo stupendo hobby con carta, non ci resta che studiarne tutti i segreti con un volume apposito.

Set di acquerelli:

Manuali sulla tecnica acquerello:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.