smartwatch

Smartwatch: Polar Loop, l’activity tracker per le generazioni più giovani

Come si passa da Chiara Ferragni a milioni di ragazzini? Ecco perchè uno smartwatch può diventare una moda e accontentare gli sportivi.

La moda dell’activity  traker al polso sta impazzando sul web. Che schifo la fedina di fidanzamento! Tutte le coppiette stanno boicottando lo scambio del vecchio e caro anellino per orientarsi verso uno di questi aggeggini (ennesimi “spioni” delle nostre vite!). Una delle marche più cool del momento pare essere il Polar, modello Loop. Cerchiamo di scoprire insieme perché e quali sono le caratteristiche che rendono questo prodotto tra i più succulenti per le nuove generazioni. Senza dubbio Chiara Ferragni, fashion blogger più seguita d’Italia, è una grande influencer per gli adolescenti. Michael Kors l’ha ingaggiata come modella per i suoi smartwatch. Peccato che nella “vita di tutti i giorni” si spara selfie con l’irrinunciabile Apple watch al polso. “Perché tutti i migliori ce l’hanno”! Ps: ce l’abbiamo anche noi (e in promozione fino a domenica). Scacco matto Ferragni (in foto).

Prezzo e completezza pari ad uno smartwatch

Sicuramente il ragazzino non ha tutti questi soldi da spendere. Il Polar Loop è caratterizzato da un ottimo rapporto qualità prezzo, con interessanti caratteristiche distintive rispetto agli altri prodotti. Ad esempio, il Polar Loop è il primo activity tracker studiato per connettersi direttamente ad una fascia cardio. In questo modo fornisce l’indicazione dei battiti cardiaci durante il nostro esercizio fisico. Gli intenditori sapranno bene che fino ad ora questa possibilità veniva offerta solo tramite l’utilizzo di orologi specifici da running o utilizzando uno smartphone.

Waterproof e personalizzazione

Secondo punto di forza del Polar Loop sta nella sua impermeabilità fino a 20 metri di profondità! Finalmente non dobbiamo togliere il braccialetto sotto la doccia o, in generale, quando veniamo in contatto con l’acqua. Quindi, cari sbarbatelli, se volete portare la fidanzatina al mare (è il periodo giusto), organizzatele una caccia al tesoro nella sabbia… scrivete voi il finale! Per quanto riguarda la dimensione del bracciale, l’azienda finlandese ha scelto di lasciare la circonferenza smisuratamente lunga. Se da un lato questa soluzione rende estremamente adattabile il Polar Loop, dall’altro potrebbe essere una scocciatura. Il bracciale andrebbe, infatti, tagliato con delle forbici in base alla misura del vostro polso.

Conclusioni della recensione

Tutto sommato è un accessorio molto carino. Valida la chiusura “con fibbia”, più sicura della classica “a pressione”. Ottima trovata la gestione delle funzioni del Loop centralizzata in un solo bottone sulla destra del display LED. A scorrimento è possibile controllare il monitoraggio dell’orario, dei passi percorsi, il livello delle attività svolte, le calorie bruciate e il livello della batteria. Lasciate il Michael Kors alla Ferragni, sentite a me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *