Color checker: X-Rite ColorChecker passport e tutte le chart del brand

Cos’è un color checker e a cosa serve? X-Rite ColorChecker passport è il più famoso per un profilo colore accurato: conosciamo i suoi “fratelli” su Amazon.

Perché usare un color checker? Chi si occupa di fotografia a livello professionale sicuramente conosce dispositivi come X-Rite ColorChecker passport, per determinare con precisione un profilo colore. Il color checker non è che una “tavolozza” con dei tasselli colorati, generalmente inseriti su un fondo scuro, che vengono usati principalmente per creare un profilo colore della fotocamera o per prendere l’esposizione o, ancora, per avere un bilanciamento del bianco già ottimale direttamente sulla macchina fotografica. I tasselli sono prodotti con particolari pigmenti che non scoloriscono nel tempo e si mantengono stabili, per permettere sempre misurazioni ottimali. Oggetti come X-Rite ColorChecker passport vengono anche impiegati per ottimizzare la “comunicazione” tra fotocamera e software di post produzione, così come nella conversione dei file, ad esempio i .Raw. La fotografia è un mondo fatto di infinitesimali equilibri, tutt’oggi anche se la tecnologia ci viene incontro. Ponderare bene ogni aspetto del workflow, dallo scatto alla stampa, è fondamentale. Per questo vi avevamo già accennato ai colorimetri, dispositivi spesso necessari per calibrare il monitor sul quale si lavora. Tra i più specifici, da utilizzare per la post produzione, segnaliamo i monitor Eizo. Ovviamente, poi, tutto parte da una buona reflex top linea, senza comunque disdegnare modelli più economici. Ottimi per chi lavora con la fotografia gli sfondi foto, così come i kit luci da studio. Ma torniamo al color checker, per prendere in esame X-Rite ColorChecker passport e tutte le sue derivazioni, per un profilo colore sempre perfetto già in camera, così da farvi perdere meno tempo in post produzione.

ColorChecker: confronta i prezzi

Color checker, indice di tutti i prodotti recensiti

X-Rite ColorChecker passport e il profilo colore

Ormai è facile reperire online, anche su Amazon, accessori professionali per la fotografia, come il color checker per equalizzare il profilo colore della fotocamera. Il brand più famoso che produce questi dispositivi è senz’altro X-Rite. Vediamo le caratteristiche di X-Rite ColorChecker passport e le chart specifiche, come quella per i video.

1 – X-Rite ColorChecker passport photo | Color checker su supporto trasportabile

X-Rite ColorChecker passport photo permette di snellire notevolmente il flusso di lavoro che va dallo scatto all’output finale della realizzazione di una foto. Il color checker è indispensabile per avere il controllo pressoché totale sul profilo colore delle immagini, già in fase di scatto. Ritratti, paesaggi, still life saranno fedeli a come sono nella realtà, per ciò che riguarda i toni, grazie a X-Rite ColorChecker passport photo.

Il vantaggio principale di questo color checker è quello di racchiudere in un unico box portatile e praticamente dalle dimensioni pocket, tre diverse chart di misurazione. Una per le regolazioni creative, una per il bilanciamento del bianco e una per la metodologia classica di calibrazione profilo colore on camera.

X-Rite ColorChecker passport photo è pensato per essere usato in ogni situazione e su qualsiasi set fotografico, interno ed esterno. Grazie al software annesso, sarà possibile riprendere immagini già brillantemente bilanciate, evitando successivamente molti passaggi in post produzione.

Cosa si può fare con un X-Rite ColorChecker passport photo

Con un color checker come X-Rite ColorChecker passport photo sarà possibile impostare in maniera personalizzata il bilanciamento del bianco in modo da scattare immagini con toni chiari standard e senza dominanti di colore con la chart “White balance”. La chart “Classic” aiuta ad ottimizzare i toni anche in base alla luce e, infine la tabella regolazioni “Creative Enhancement” permette di rendere neutrali i toni utilizzando solo determinati campioni, valutare le aree in ombra e allineare i colori allo spettro di Adobe Lightroom, avvero l’HSL.

Per ampliare la gamma di condizioni luminose con cui è compatibile la calibrazione effettuata col color checker, è possibile effettuare le misurazioni con due sorgenti di luce. Si consiglia sempre di conservare il pannello X-Rite ColorChecker passport photo lontano da luce diretta e intemperie quando non lo si utilizza.

2 – X-Rite ColorChecker passport video | Color checker per video

Oltre a X-Rite ColorChecker passport photo, esiste anche un color checker specifico per chi si occupa di videoriprese. Sarà possibile calibrare il profilo colore con X-Rite ColorChecker passport video, un set di chart pensate appositamente per ottimizzare il flusso di lavoro, anche con molteplici strumenti di ripresa.

La problematica principale, quando si gira un video, è che durante le riprese le condizioni di luce possono cambiare. Calcolare il giusto profilo colore, in base a tempi di esposizione e obiettivi per la ripresa può non essere un compito facile.

Con un color checker sarà invece possibile organizzare un workflow universale non solo tra strumento di ripresa e output finale, ma pure tra tutti le diverse videocamere impiegate per registrazioni complesse. I dati cromatici che ogni singolo operatore saranno coerenti con quelli di un altro, grazie a X-Rite ColorChecker passport video. Con questo color checker si potrà intervenire sul bilanciamento colore, sull’uniformità di ripresa, sul bilanciamento e scegliere regolazioni profilo colore personalizzate.

Cosa si può fare con X-Rite ColorChecker passport video

Gia da subito, appena s’inizierà a girare dopo aver preso le misurazioni con il color checker X-Rite ColorChecker passport video, i toni bianchi saranno perfettamente neutri, senza dominati e, di conseguenza, anche gli altri colori. Nessuno sfarfallio cromatico, nemmeno con il cambiare delle condizioni luminose, ma stabilità durante tutto il periodo di ripresa. La pelle dei soggetti umani sarà resa in maniera fedele alla realtà, con tutte le sue tipiche sfumature. Grazie al color checker a molteplici livelli di grigio, sarà possibile esporre correttamente anche per le zone in ombra e, con il tassello nero lucido, arrivare a catturare l’intera gamma gamma cromatica.

X-Rite ColorChecker passport video, e le misurazioni di profilo colore effettuate sulla videocamera, sono compatibili con i maggiori programmi di video editing come, ad esempio, Adobe Premiere, Apple Final Cut, CalMAN, Avid, ecc. Con un color checker, tuttavia, le fasi e le operazioni da eseguire i post produzione saranno notevolmente velocizzate, grazie a delle riprese già perfettamente esposte e calibrate nei toni. Saranno poche le modifiche e le regolazioni da effettuare, soprattutto si concentreranno su ritocchi di gusto personale.

X-Rite ColorChecker passport video è di piccole dimensioni, facile da portare su ogni tipo di set e si adatterà a tutte le condizioni, sia in interni che in esterni, per misurare la meglio il profilo colore “on camera”. Per preservare la durata cromatica dei tasselli, si raccomanda di conservare il dispositivo lontano da fonti di luce e calore, così come dagli agenti atmosferici.

3 – X-Rite ColorChecker classico | Color checker universale

L’articolo principe in casa X-Rite è sicuramente X-Rite ColorChecker classico, anche se ultimamente X-Rite ColorChecker passport photo sta avendo svariate preferenze, per via del suo formato tascabile. Il color checker in versione base X-Rite ColorChecker classico è composto da 24 tessere a pigmentazione stabile nei colori primari, in quelli che richiamano i toni naturali, per la calibrazione della fotocamera quando si riprendono paesaggi, nei toni degli incarnati, per i ritratti e nella scala di grigi, compreso il nero.

Ogni tassello riflette le luci in maniera equivalente al modo in cui avverrebbe nella realtà, senza essere influenzate dalla luce artificiale o dalle sue variazioni, così come dalle dominanti cromatiche. La base su cui sono posti i tasselli della chart è nera.

Una volta scaricate le foto e aperte con il vostro programma di post produzione preferito, saranno perfettamente aderenti a ciò che vedevate mentre stavate scattando. Le differenze e gli squilibri cromatici tra i vari medium digitali saranno equalizzati.

Cosa si può fare con X-Rite ColorChecker classico

Con un color checker sarà possibile accorcaire notevolmente il processo di post produzionedelle immagini, dopo lo scatto. I colori dei paesaggi saranno fedeli, evitando, ad esempio, i verdi “sparati”. Basterà prendere l’esposizione su uno dei tasselli dedicati alla natura del X-Rite ColorChecker classico. Nello stesso modo, un color checher risulterà ancor più utile nei ritratti.

Le sfumature della pelle sono molto delicate e la loro resa in maniera neutra è molto difficile, senza un dispositivo del genere. Anche le ombre e le alte luci potranno essere perfettamente equalizzate attraverso X-Rite ColorChecker classico. Nonostante non si tratti del X-Rite ColorChecker passport photo, le dimensioni questo color checker sono contenute. Sarà pertanto facile portarlo in giro, con la sua custodia protettiva rigida e solida.

La qualità dei materiali con cui è realizzato X-Rite ColorChecker classico è assolutamente di prim’ordine. Tuttavia vi consigliamo di aver cura del vostro color checker e di riporlo adeguatamente, quando non lo utilizzate, in un luogo che non sia direttamente esposto ai raggi solari e agli agenti atmosferici.

La qualità di X-Rite ColorChecker classico è comprovata anche dal fatto che Amazon lo ha inserito nella selezione Amazon’s Choice che contraddistingue articoli in vendita sul famoso portale, recensiti in maniera positiva dagli utenti che già li hanno acquistati, con un rapporto qualità prezzo vantaggioso e in pronta consegna.

4 – X-Rite ColorChecker su cartoncino bianco | Color checker per il bilanciamento del bianco

Chi fa il fotografo per professione non può affidarsi al caso o a strumenti approssimativi, nemmeno per i dettagli. Un color checker può essere specifico anche per il bilanciamento esclusivo del bianco, come X-Rite ColorChecker su cartoncino bianco. Questo color checker non è da sottovalutare, in quanto il bilanciamento del bianco perfetto è una delle impostazioni più “rognose” da effettuare.

Impostazioni non corrette possono inficiare un intero lavoro, una grave perdita di tempo e soldi, specialmente se si tratta di scatti professionali. Come possono esserlo quelli di still life per i cataloghi, per cui questo problema è abbastanza frequente. Ovviamente anche la fase di post produzione successiva agli scatti sarà agevolata dall’utilizzo di X-Rite ColorChecker su cartoncino bianco.

Cosa si può fare con X-Rite ColorChecker su cartoncino bianco

Al cambiare delle condizioni di luminosità, come sa benissimo chi fotografa, cambiano anche le impostazioni per il punto di bianco neutro migliore. Tutta la foto risentirà di tali variazioni, senza contare che anche il migliore degli obiettivi fotografici è influenzato da dominanti cromatiche. Con un color checker si potrà ovviare a tali problematiche, permettendo di prendere l’esposizione su un punto di bianco scientificamente standardizzato e non influenzabile dalle variabili esterne. Il bianco assoluto di X-Rite ColorChecker su cartoncino bianco è in grado di prevenire in modo preciso la maggior parte dei discostamenti dalla realtà visiva.

Con questo color checker sarà anche possibile sistemare le dominati cromatiche, in base alla luminosità dell’ambiente circostante a dove si effettua misurazione e scatto. Come tutti i dispositivi X-Rite, anche questo color checker si può utilizzare in tutte le occasioni, sia in esterno che in interni e sui set fotografici a luce controllata, dove l’impostazione del bilanciamento del bianco non è meno insidiosa che in altri contesti.

Le diverse tipologie d’illuminazione, a incadescenza, a fluorescenza o al tungsteno, possono fare molti “danni” per ciò che riguarda la neutralità dei toni in fotografia. X-Rite ColorChecker su cartoncino bianco è compreso anche nel box X-Rite ColorChecker passport photo, insieme ad altre due chart, per la calibrazione del profilo colore direttamente sulla fotocamera.

5 – X-Rite M50103 ColorChecker GreyScale 3-step balance card | ColorChecker per bilanciare toni grigi, bianchi e illuminazione

Una comoda chart multifunzione la ColorChecker per regolare i toni medi, il bilanciamento del bianco e bilanciare la luce emessa con quella riflessa. Quella in questione è la X-Rite M50103 ColorChecker GreyScale 3-step balance card. In un unico pannello troviamo 3 diverse strisce con altrettanti diversi riferimenti: uno bianco, uno grigio neutro 18% e uno nero. Ovviamente i target corrispondono a quelli universali, già presenti nella X-Rite ColorChecker, ma in versione più piccola, insieme agli altri colori dello spettro.

La caratteristica principale che rende i ColoerChecker a marchio X-Rite così affidabili nell’individuazione di un profilo colore funzionale e preciso, sta nel fatto che, indipendentemente dalla luce che ricevono, riflettono in misura uguale le stesse quantità dei colori rosso, blu e verde. La frequenza luminosa restituita è assolutamente neutra, a prova di riscontro scientifico.

Cosa fare con X-Rite M50103 ColorChecker GreyScale 3-step balance card

Un ColorChecker molto conveniente, può essere usato in diverse situazioni per calibrare la propria apparecchiatura di ripresa, al fine di ottenere un profilo colore coerente. X-Rite M50103 ColorChecker GreyScale 3-step balance card è utile sia quando si scatta in studio di posa, sia durante shooting all’aperto:

  • in studio, permette di effettuare il bilanciamento del bianco in maniera veloce. Inoltre si rivela un ottimo ColorChecker per equilibrare il rapporto tra luce emessa dalle lampade fotografiche e quella riflessa da soggetti e sfondo. Insomma si tratta di una sorta di esposimetro “analogico”
  • in esterno, permette un perfetto bilanciamento dei mezzi toni. Prima di iniziare il servizio fotografico, prendete l’esposizione e il bilanciamento del bianco utilizzando l’area grigia della chart. Le foto catturate successivamente avranno parametri ottimali.

X-Rite M50103 ColorChecker GreyScale 3-step balance card può essere utilizzato anche per la calibrazione dei monitor fotografici e dei software di post produzione foto e video. Questo tipo di ColorChecker è perfetto per rendere più fluido e preciso il workflow, quando si lavora con le immagini. E per effettuare modifiche a livello cromatico in maniera tempestiva e veloce.

6 – X-Rite MSCCVPR ColorChecker video | ColorChecker per riprese video all-in-one

Dopo X-Rite ColorChecker passport per video, ecco una nuova versione della famosa chart, un ColorChecker compatto. Qui tutti i patch necessari per le regolazioni sono collocati in un’unica tavolozza. Delle dimensioni corrispondenti a un foglio A4, X-Rite MSCCVPR ColorChecker video è molto pratico da utilizzare.

Su di un lato sono presenti i tasselli per esporre al meglio i colori e le tonalità corrispondenti alla pelle. In più troviamo i campioni per il bilanciamento rapido dei toni medi, degli scuri e delle alte luci. Su X-Rite MSCCVPR ColorChecker video si può sfruttare anche il lato retrostante a quello della chart cromatica, per il bilanciamento del bianco e ottenere un profilo colore ottimale per la post produzione video.

Cosa fare con X-Rite MSCCVPR ColorChecker video

Rispetto alla versione passport del medesimo ColorChecker video, X-Rite MSCCVPR ColorChecker video è sviluppato in un’unica superficie più grande. Ciò lo rende ottimo per bilanciare al meglio i controlli e le impostazioni prima delle riprese di vaste aree, come paesaggi e panoramiche. I tasselli colorati sono divisi in 2 file laterali, rispetto a quelli più grandi centrali nei toni del grigio, nero e bianco. A sinistra si trovano le cromie non sature e a destra quelle sature: sarà facile e intuitivo avere sempre tutto sott’occhio e trovare i riferimenti in maniera immediata. Inoltre la loro disposizione è pensata per coadiuvare l’allineamento in asse del vettorscopio delle videocamere professionali.

Per ciò che riguarda i grigi, corrispondenti ai contrasti intermedi nella realtà, oltre al patch grigio medio 18% è presente quello con standard 40IRE. Per non eccedere con le alte luci o i neri intensi, agli estremi troviamo i relativi tasselli per effettuare la misurazione. Creare un profilo colore perfetto anche per la pelle sarà ovviamente possibile, grazie ai tasselli che racchiudono tutte le diverse sfumature, anche le più impercettibili. X-Rite MSCCVPR ColorChecker video è la chart professionale per studi di registrazione video, televisivi e cinematografici definitiva.

7 – X-Rite i1 Photographer kit | ColorChecker e calibratore per monitor in versione kit

La soluzione jolly per chi vuole risolvere alla radice ogni questione che riguarda il profilo colore è un kit che comprenda un ColorChecker e uno strumento per la calibrazione del monitor. E questa soluzione è rappresentata da X-Rite i1 Photographer kit. Al suo interno si trovano un X-Rite ColorChecker passport, già precedentemente descritto, e un i1Display per l’equalizzazione cromatica del proprio monitor fotografico. Ciò significa che con X-Rite i1 Photographer kit il vostro flusso di lavoro sarà ottimizzato dallo scatto alla post produzione delle immagini.

Cosa posso fare con X-Rite i1 Photographer kit

Profilo colore coerente tra strumenti di ripresa e per la post produzione: non cercare altrove, quello che ti serve è X-Rite i1 Photographer kit:

  • X-Rite ColorChecher passport ti permetterà di settare al meglio la tua fotocamera, ovunque tu ti trovi, le sue dimensioni compatte permettono di portare la chart sempre appresso
  • i1 Display si può utilizzare con i monitor, compresi ovviamente quelli fotografici wide gamut, con i proiettori e con i dispositivi mobili. Il colorimetro ha una lente con una tecnologia brevettata: sono presenti 3 filtri per bilanciare i toni monocromatici e 3 filtri per quelli RGB che assicurano sfumature dettagliate e morbide. Il software dell’i1 Display è governabile mediante 2 modalità, quella base e quella avanzata, entrambe con il fine di raggiungere il grado più accurato di profilazione, lasciando margine agli utenti più esperti per impostare parametri personalizzati. La procedura è automatizzata, basterà seguire le istruzioni che compariranno volta volta sul monitor: la sonda i1 Display è in grado di prendere in considerazione anche le condizioni luminose dell’ambiente circostante al vostro computer.

Inutile quasi dire che il calcolo della luminanza sarà accuratissimo, come solo il dispositivo top gamma in commercio è in grado di assicurare. Durante il procedimento di calibrazione sarà anche possibile fare un rapido confronto tra il prima e il dopo dei risultati ottenuti, utilizzando proprio una delle vostre foto.

La velocità dell’i1 Display è doppia rispetto a quella delle versioni precedenti e può essere utilizzato anche per la profilazione di monitor appartenenti a un gruppo di lavoro. X-Rite i1 Photographer kit è la soluzione completa per l’accuratezza del profilo colore tra più device, per studi fotografici e professionisti. Fantastico anche come idea regalo.

A chi è consigliato un color checker?

Le fotografie o le riprese video professionali, spesso, devono aderire a precisi standard. Questo perché lo richiedono gli editori e perché, specialmente in settori come quello commerciale, i colori e i toni chiari e scuri delle immagini devono essere il più possibile corrispondenti a quelli dei prodotti originali in vendita. Qui entra in gioco l’utilità di un color checker, generalmente una sorta di tavolozza con dei tasselli colorati, realizzati secondo standard ben precisi e determinati, sopra i quali prendere l’esposizione prima di scattare. Il profilo colore e il bilanciamento del bianco risulteranno neutralizzati da dominanti già sulla fotocamera, così da accorciare anche i tempi della post produzione. Infatti non sarà necessario intervenire su tali parametri con i programmi per l’editing. X-Rite è il marchio per eccellenza che produce questa tipologia di accessori, tra cui il diffusissimo, tra i professionisti X-Rite ColorChecker passport photo. Insieme a lui X-Rite ColorChecker passport video, specifico per chi effettua riprese, X-Rite ColorChecker classico e X-Rite ColorChecker su cartoncino bianco, specifico per il bilanciamento del punto di bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *