fotocamera mirrorless prezzo opinioni

Fotocamera mirrorless: Prezzo, opinioni, modelli migliori, guida all’acquisto

Specchio specchio delle mie brame, qual è la fotocamera mirrorless migliore del reame? Come orientarsi nell’acquisto di una fotocamera senza specchio.

Per chi non lo sapesse, il sistema mirrorless permette la produzione di corpi macchina di dimensioni molto ridotte, quasi come le compatte. Ciò è possibile grazie all’assenza dello specchio e del pentaprisma, cosa che non impedisce la realizzazione d’immagini dalla qualità elevata. La scena inquadrata è riproposta in un’anteprima sul display LCD o via mirino elettronico anziché ottico. Infatti il segmento di fotocamera mirrorless s’inserisce tra quello delle reflex, del quale mantiene il sistema di ottiche intercambiabili e spesso i medesimi sensori ottici, e il segmento delle bridge, pratiche e maneggevoli, ma con ottica fissa. Le fotocamere mirrorless possono avere mirini ottici (OVF – Optical Viewfinder) o elettronici (EVF – Electronic Viewfinder). Molti modelli, tuttavia, sono equipaggiati con mirini ibridi.

Nella categoria più vasta delle fotocamere mirrorless rientrano poi le cosidette EVIL, acronimo di Electronic Viewfinder Interchangeable Lens (fotocamere a mirino elettronico e obiettivo intercambiabile). Dalla commercializzazione della prima fotocamera mirrorless, nel 2004, le vendite sono aumentate esponenzialmente, vista l’ampia fascia di utenza che un oggetto del genere è in grado di abbracciare. Se sei interessato ai modelli EOS, leggi l’articolo dedicato. In questo articolo ci soffermeremo sulle fotocamere mirrorless migliori e con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Fotocamera mirrorless: confronta i prezzi

Da non perdere

Fotocamera mirrorless: conviene acquistarla?

Questi apparecchi fotografici sono ideali da portare sempre con sé, in borsa e in viaggio, viste le piccole dimensioni e il poco peso. L’alta qualità delle immagini catturate da una fotocamera mirrorless, inoltre, non fa rimpiangere la classica reflex, molto più ingombrante e pesante. Grazie alla mirrorless, l’attimo diventa sempre meno fuggente per ogni fotografo che sogna di avere sempre a portata di mano la sua macchina fotografica. In principio fu la Epson R-D1 e a ruota la Leica M8, uscita nel 2006. Le prime fotocamere mirrorless (anche se, a onor del vero, la Leica aveva più che altro un sistema a telemetro che ricordava più le macchine degli albori, negli anni ’30) prodotte rivoluzionarono il mercato e la pratica fotografica stessa. Nel 2008 la Panasonic Lumix DMC-G1 fu progettata con il sistema Micro Quattro Terzi.

Come si è arrivati alla produzione della fotocamera mirrorless

Con l’introduzione del sistema Micro Quattro Terzi fu possibile realizzare apparecchi di dimensioni sempre più compatte, come l’Olympus PEN E-P1. Molte case produttrici hanno poi iniziato a sviluppare attacchi proprietari, come il Samsung NX-mount, il Sony E-mount, il Minolta A-mount e il Q-mount della Pentax, da cui si sviluppò la serie Q, appunto, con macchine equipaggiate con un sensore CMOS da 12.4 Megapixel. La Nikon 1 J1 e la Nikon 1 V1, uscite nel 2011, avevano un sistema di autofocus molto veloce e una grande capacità di raffica (scatto continuo).

Con lo sfumarsi dei confini tra fotografia professionale e amatoriale, nonché lo svilupparsi di quelle che vengono riconosciute convenzionalmente come categorie tematiche, quali la fotografia di viaggio, la fotografia di cibo (food photography) e la fotografia di strada (street photography), l’utilizzo di tecnologie appropriate si è rivelato necessario. La condivisione in rete ha poi fatto il resto: blogger, vlogger, influencer, youtuber, tutti personaggi che comunicano quasi esclusivamente attraverso immagini e video, parlando spesso in presa diretta durante lo svolgersi dei fatti e delle loro vite. La macchina fotografica e/o telecamera diventa l’estensione indispensabile per dare connotazione al tipo d’informazioni divulgate, e, soprattutto, per esistere in rete.

Fotocamera mirrorless: cosa ci aspetta?

Ma veniamo ai giorni nostri e, soprattutto, alle novità che bollono in pentola. Canon lucida l’artiglieria e sembra stia preparando l’uscita di una nuova mirrorless Full Frame. Potrebbe essere presentata durante Photokina 2018, la più importante fiera di settore che quest’anno avrà luogo dal 26 al 29 settembre a Colonia, in Germania. Canon si sarebbe addirittura lanciata nel definire la nuova macchina senza specchio come una “EOS 5D Mark IV in un corpo mirrorless”. Se queste altisonanti promesse saranno mantenute, sarà il tempo a dirlo, e ormai dovrebbe essere questione di giorni.

Anche Fujifilm sembrerebbe intenzionata a introdurre sul mercato una novità: l’attesa X-T3. Rispetto al modello attuale, la X-T2, le “migliorie” dovrebbero riguardare soprattutto il lato software e il sensore stacked, introdotto già dalla Sony. Questo sensore aumenterebbe la velocità di messa a fuoco che, chiaramente, si rifletterebbe sulla qualità dell’immagine, sempre più definita, a questo punto. Nikon, intanto, ha annunciato il lancio del suo nuovo sistema mirrorless Z per il 23 agosto: non fotocamere di classe inferiore rispetto alle reflex, come fu per le Nikon 1, bensì con sensore Full Frame, quindi in grado di affiancare e, chissà, sostituire le DSLR. Dovrebbero chiamarsi rispettivamente Z6 e Z7.

Secondo i famosi rumors, ovvero a sentir quel che si dice, la Nikon mirrorless Z6 dovrebbe essere una macchina più adatta alla fotografia d’azione e movimento, al contrario della Z7, che sembrerebbe puntare sulla risoluzione, grazie a un sensore di ben 45 megapixel. Per queste fotocamere mirrorless l’altro importante focus sarà sul parco ottiche: si vocifera dello sviluppo di un sistema cosiddetto Z-mount, dopo la famigerata tecnologia F-mount delle baionette Nikon.

Caratteristica fondamentale dell’innovazione, un diametro molto più grande rispetto alle altre macchine, che renderà possibile avere obiettivi dalla luminosità inedita. A tal proposito, forse i primi obiettivi che accompagneranno l’uscita della Nikon Z saranno il 24 – 70 mm f/4, il 50 mm f/1.8 e il 24 mm f/1.8 o il 28 mm f/1.8 o ancora il 35 mm f/1.8. Aspettando l’uscita della Nikon Z, che potrebbe portare scompiglio negli equilibri tra la concorrenza del settore, ecco alcuni dei modelli mirrorless più venduti. Qui un confronto tra Canon e Nikon.

Fotocamera mirrorless: i modelli più venduti

1 – Sony Alpha 7K: migliore fotocamera mirrorless Full Frame

La fotocamera mirrorless Sony Alpha 7K resiste tra le mirrorless Full Frame più vendute, prima sul mercato nel suo genere. Parco ottiche cresciuto nel tempo ed esteso grazie anche a una vasta gamma di adattatori. Elevato range di sensibilità ISO (tra i 100 e i 25600 ISO), si può scattare anche in posa B, tra le tipologie di esposimetro, troviamo il Multi-Area, Semi-Spot e Spot. Scatta in JPEG e RAW ed è dotata di un mirino elettronico. Si lamenta un po’ la mancanza di stabilizzazione sul sensore, la mancanza del flash incorporato e la scarsa velocità di messa a fuoco. Tutto questo la rende pertanto maggiormente performante per le riprese di paesaggio, ritratto e macro. La fotocamera mirrorless firmata Sony è confortevole da usare, robusta, realizzata in magnesio e tropicalizzata, assicura l’operatività anche nelle condizioni climatiche più avverse.

Il livello di personalizzazione dei pulsanti di questa fotocamera mirrorless è notevole, così da adattarsi a varie esigenze. Nel display è possibile visualizzare l’esposizione in tempo reale, grande vantaggio che permette una precisa impostazione dei parametri di scatto. Il passaggio tra display e mirino avviene in modo automatico. La modalità “zebra” consente di visualizzare le zone sovraesposte. Il touch screen non è presente e il display è inclinabile solo verso l’alto e verso il basso ma, dato che si tratta di un modello non recentissimo, è plausibile. Questo non inficia la qualità della fotocamera mirrorless Sony Alpha 7K. La messa a fuoco in condizioni di luce normale è buona, quando scarseggia si avverte una certa sofferenza, soprattutto in velocità e precisione.

Il bilanciamento del bianco consente di recuperare i toni più scuri e controllare le alte luci in maniera assai facile. Una fotocamera mirrorless che tutt’ora regge il confronto con non poche reflex grazie al suo sensore. Non è un caso che questa bellissima fotocamera mirrorless Sony Alpha 7K rientri nell’Amazon’s Choice, algoritmo di Amazon che premia soltanto prodotti con combinazione di ottime recensioni, prezzo competitivo e spedizione veloce.


2 – Canon EOS M50: migliore fotocamera mirrorless entry level

La Canon EOS M50 è una fotocamera mirrorless considerata una scommessa azzardata per la Canon, vinta grazie al rapporto qualità prezzo. Sensore APS-C da 24.1 Megapixels, sensibilità che oscilla tra i 100 e i 51200 ISO, esposimetro Multi-Area, Semi-Spot e Spot, produzione di file in JPEG e RAW. Altro grande punto di forza, il peso: appena 390 grammi, una piuma. Nonostante l’assenza di tropicalizzazione del corpo macchina, vengono assicurate le prestazioni da 0 a 40 gradi, fino a un tasso di umidità dell’85%. Lo schermo LCD è touch e orientabile.

Il sensore non è stabilizzato, ma la qualità dell’immagine di questa fotocamera mirrorless è garantita dalla sensibilità ISO che, come si è visto, risulta estensibile oltre i 51000 ISO e dal nuovo file RAW 14bit CR3, affine a quello prodotto dalla Canon la 80D: la profondità colore è esaltata. Il Touch and Drag AF permette di regolare il punto di messa a fuoco senza staccare l’occhio dal mirino, che copre il 100% dell’inquadratura ed è elettronico. Anche in questo caso ottime le recensioni post acquisto della fotocamera mirrorless Canon EOS M50.


3 – Fujifilm X-T2: migliore fotocamera mirrorless semi-pro

La fotocamera mirrorless Fujifilm X-T2 ha un sensore APS-C da 24.3 Megapixels, una gamma di sensibilità tra i 100 e i 51200 ISO, scatta in JPEG e RAW, esposimetro Multi-Area, Semi-Spot e Spot, display LCD orientabile. Abbastanza simile al modello precedente di casa Fujifilm, la X-T1, differisce da quest’ultima però per la maggiore altezza del corpo macchina, che permette una presa migliore e sicura. Da sinistra verso destra sono disposte le ghiere della sensibilità ISO, dei tempi e della compensazione dell’esposizione: l’utilizzo risulta sicuramente intuitivo. Il display LCD, sebbene non touch, come accade in molte altre fotocamere mirrorless, è orientabile verso l’alto e verso destra.

Il corpo macchina della Fujifilm X-T2 è tropicalizzato, per assicurare le prestazioni in qualsiasi condizione atmosferica. C’è chi lamenta una scarsa durata della batteria di questa fotocamera mirrorless Fujifilm X-T2: Fuji tenta di ovviare al problema con un battery pack opzionale, che permette di sfruttare addirittura tre batterie (quella già presente all’interno del corpo macchina e due esterne). Il processore X-Processor Pro migliora la raffica di scatto e il joystick perfeziona la precisione della messa a fuoco.

Inoltre, integrato, c’è un sistema chiamato Intelligent Hybrid AF a rilevamento di fase da 355 punti in grado di sfruttare un singolo punto di messa a fuoco oppure variare in zone da 3×3, 5×5 o 7×7 in 91 aree diverse. Il Wide/Tracking AF insegue il soggetto in un campo di 18 aree. Con la modalità Boost, il mirino passa da 60 a 100fps rendendo migliore la visualizzazione di immagini e video. Come da aspettative, la fotocamera mirrorless Fujifilm X-T2 rientra tra le fotocamere con migliori feedback da parte degli acquirenti, ovvero: acquistala ad occhi chiusi.


4 – Olympus E-M1 Mark II: migliore fotocamera mirrorless per soggetti in movimento

La fotocamera mirrorless Olympus E-M1 Mark II ha un sensore 4/3 con fattore di moltiplicazione 2.0 rispetto al sensore Full Frame. Gamma ISO tra 64 e 25600, esposimetro Multi-Area, Semi-Spot e Spot, produce file JPEG e RAW. Si avvisa forse una maggiore reattività rispetto alla messa a fuoco della Sony Alpha 7K e di contro una scarsa chiarezza dei menù e delle funzionalità. Rispetto ai modelli mirrorless precedenti, l’ergonomia è stata migliorata così come il corpo macchina, molto resistente, in magnesio. Lo stabilizzatore immagine a 5 assi, combinato a quello presente di default su alcuni obiettivi, permette di guadagnare 6.5-stop quando si scatta a mano libera: in questo niente pare competere con la fotocamera mirrorless Olympus E-M1 Mark II. Non è dotata di flash pop-up ma un flash esterno può essere comunque collegato al supporto esterno.

Il display di questa fotocamera mirrorless è touchscreen e si può ruotare di fianco e frontalmente. Il mirino elettronico ha un sensore di prossimità per rilevare l’avvicinamento dell’occhio e passare da LCD a EVF, il quale, in condizioni di scarsa luce risulta migliore di un mirino ottico. Con la modalità Pro-Capture gli scatti iniziano ad essere registrati a piena risoluzione già premendo il tasto di scatto a metà corsa. Inoltre la fotocamera può combinare 8 diverse esposizioni per combinare un’unica immagine a una risoluzione tra 25 e 50 megapixel: chiaramente per sfruttare al massimo questa funzionalità, si presenta la necessità di un cavalletto. Il punto di forza di questa mirrorless rimane la velocità di scatto e l’autofocus che, rispetto ad altre, la rendono adatta a sessioni fotografiche con soggetti in movimento.


5 – Panasonic Lumix DMC-G80MEG-K: migliore fotocamera mirrorless per video in 4K

Panasonic Lumix DMC-G80MEG-K è una fotocamera mirrorless con un sensore 4/3 da 16 Megapixels, gamma ISO tra 100 e 25600, esposimetro Multi-Area, Semi-Spot e Spot, produce file JPEG e RAW. L’impugnatura è massiccia tipo quella di una reflex, il mirino elettronico agisce in modo fluido al passaggio dell’occhio e lo schermo LCD, che si può usare anche per impostare l’autofocus e scattare grazie alla funzione TouchPad AF, è touch e pure del tutto articolato per poter scattare da ogni angolazione. La qualità delle immagini prodotte dalla Panasonic Lumix DMC-G80MEG-K è eccellente, così come i dettagli, grazie al filtro ottico low pass e lo stabilizzatore a 5 assi. Caratteristiche, queste, che la rendono adatta alla produzione di video, in particolare è agevole l’approccio al 4K, quindi come soluzione per i principianti è l’ideale.

La funzione focus stacking, permette di produrre immagini con più elementi a fuoco nonché il post focus fa sì che la scena possa essere rimessa a fuoco dopo aver scattato. In sostanza siamo di fronte a una fotocamera mirrorless dinamica, utilizzabile con risultati soddisfacenti sia per le foto che per i video. A voi la scelta in attesa delle novità.


I nuovi modelli mirrorless:

Qualche altra novità in fatto di fotocamera mirrorless, una tipologia di apparecchio sempre più apprezzata e sulla quale anche le case produttrici ormai investono molto. L’aggiornamento sui nuovi modelli di fotocamera senza specchio coinvolge inevitabilmente i brand più noti e attivi, ovvero Nikon, Canon, Sony e Fujifilm. Vediamoli subito.

6 – Nikon Z50 kit con Z DX 16-50VR + FTZ + Lexar SD da 64 GB: migliore fotocamera mirrorless per scattare con poca luce

Come aveva promesso, Nikon è uscita sul mercato con la sua innovativa fotocamera mirrorless serie Z. La caratteristica fondamentale di questa serie è rappresentata dall’innesto dell’obiettivo definito Z Mount. La sua ampiezza di 55 mm superiore alla media permette alla fotocamera senza specchio di attrarre più luce all’interno dell’ottica. Ciò significa che sono state sviluppate lenti a corredo che permettono di scattare a mano libera anche in condizioni di scarsissima luminosità ambientale e in grado di produrre un bokeh ancora più morbido e armonioso. Vediamo insieme le peculiarità del Nikon Z50 kit con Z DX 16-50VR + FTZ + Lexar SD da 64 GB.

Le caratteristiche

Sulla fotocamera mirrorless, qui presentata in versione kit completa di adattatore, si possono usare ottiche dalla qualità davvero superiore. La stessa messa in campo anche per la progettazione di obiettivi destinati alle reflex full frame della stessa serie, cioè le Z6 e le Z7. 

La Z50 rappresenta la proposta Nikon più versatile, adatta ad amatori e professionisti. Qui fornita con una lente abbastanza poliedrica e certamente adatta per i ritratti e la street photography, ovvero il Nikkor Z 16-50VR. E pure una scheda memoria SD Lexar da ben 64 GB: tutto il necessario per iniziare a scattare appena tolta la mirrorless dalla scatola. 

La fotocamera senza specchio in questione ha un display LCD touch screen, orientabile fino a 180 gradi da 3,2 pollici. Un mirino OLED elettronico con sensore di prossimità da 2360 K e un menù esterno e interno molto intuitivo. Infine, si arriva a 20,9 Megapixel.

Le funzioni

Finalmente con questa serie Z anche Nikon scende in campo con delle fotocamere mirrorless competitive anche dal punto di vista del video. Infatti si potranno effettuare riprese in 4K, Ultra HD e Full HD, sempre di alta qualità. L’ampio diametro della baionetta permette di gestire meglio la luce in entrata, come si è visto. 

Ormai è molto importante anche la connettività, pure su una mirrorless. Avere la possibilità di traferire immediatamente i contenuti sul web o su altri dispositivi è una delle funzioni più desiderate. Bluetooth, Wi-Fi e coordinamento tramite app SnapBridge permettono la condivisione in tempo reale delle foto e dei video registrati dove più si preferisce

L’autofocus, veloce e reattivo, prevede l’impiego anche del tracking del soggetto. L’ottica compresa nel kit è dotata di stabilizzatore e l’adattatore FTZ consente di sfruttare sulla Z50 anche obiettivi F Mount Nikon.

Opinioni

Tra le fotocamere mirrorless DX più attese dagli appassionati, si può dire non abbia deluso le aspettative. Qui descritta nella versione Nikon Z50 kit con Z DX 16-50VR + FTZ + Lexar SD da 64 GB, viene considerata ottima per viaggiare e da portare sempre appresso, anche quotidianamente. Questo per la sua grande compattezza e versatilità. Il massimo del punteggio per tutto l’equipaggiamento e per la qualità, dal corpo macchina robusto in magnesio a quella delle immagini, naturalmente eccelsa come si conviene a un prodotto Nikon. Chi ha comprato il set assicura che vale tutti i soldi spesi.


7 – Canon EOS RP kit RF 24-105 mm f/4 L IS USM: migliore fotocamera mirrorless full frame di recente uscita sul mercato

Uscita nell’estate del 2019, è la fotocamera mirrorless full frame Canon: il marchio si butta definitivamente nella categoria delle mirrorless Pro. Il Canon EOS RP kit RF 24-105 mm f/4 L IS USM è un equipaggiamento compatto e potente, intuitivo nell’utilizzo.

Le caratteristiche

Il sogno di tutti i fotografi: la compattezza di una fotocamera mirrorless e il dispositivo di controllo di una reflex full frame. Ecco che si realizza in questo dispositivo all’avanguardia, con un sensore da 26,2 Megapixel con stabilizzazione sullo stesso e un processore DIGIC 8. Come per la serie Nikon Z, anche per la Canon RP è stata studiata una serie apposita di ottiche, identificata con la sigla RF. Ma con l’adattatore si potranno sfruttare tutte le lenti EF ed EF-S

Tante le tecnologie innovative integrate, come il Dual Sensing IS e DLO. Ottimo il grip del corpo macchina anche in relazione al peso, davvero leggero, che sfiora i 485 grammi. L’ottica che fa parte del kit, il Canon RF 24-105 mm f/4 L IS USM, è perfetta per gran parte delle tipologie di fotografia esistenti, un grandangolo comodo e versatile in ogni occasione.

Le funzioni 

Fotocamera senza specchio, o più comunemente mirrorless: il futuro della fotografia molto probabilmente è questo, a discapito delle ingombranti reflex. Lo dimostrano anche le tante implementazioni studiate per migliorare in tutti gli aspetti le fotocamere mirrorless come questa. Dove troviamo la tecnologia Dual Pixel CMOS AF: saranno disponibili ben 4779 punti liberamente selezionabili, per una messa a fuoco precisissima. E anche molto veloce e reattiva. In condizioni di scarsa luminosità si potranno selezionare diversi step di compensazione, fino a -5 EV

Massima qualità dell’immagine anche durante scatti o riprese in notturna. Questa fotocamera mirrorless può essere gestita anche da remoto, tramite app dedicata Camera Connect. Che servirà anche per trasferire online le immagini, direttamente elaborabili “on camera”. Sarà inoltre possibile usare la modalità silenziosa, per poter passare inosservati o non disturbare durante la fase di scatto. Possibilità di riprendere video in 4K, estremamente stabili grazie alla tecnologia Movie Digital IS. Predisposizione per gli ingressi del microfono e delle cuffie già presenti.

Opinioni

Canon EOS RP kit RF 24-105 mm f/4 L IS USM soddisfa ed entusiasma gli acquirenti del web che già l’hanno scelta. Stupiti dall’incredibile compattezza, leggerezza e maneggevolezza uniti al sensore Full Frame, premiano l’azzardo Canon nel lanciarsi in questa categoria, sempre più “frequentata”: le mirrorless a pieno formato. Consigliata a tutti, dai fotografi esploratori e viaggiatori, che hanno bisogno di un corredo leggero e portatile, ai professionisti che per volontà o necessità si spostano spesso da un set all’altro. 


8 – Fujifilm X-T30 Silver e obiettivo XC 15-45 mm f/3.5-5.6 OIS PZ: migliore fotocamera mirrorrless APS-C

Fujifilm è probabilmente il marchio leaderper ciò che riguarda le fotocamere mirrorless. Con il kit Fujifilm X-T30 Silver e obiettivo XC 15-45 mm f/3.5-5.6 OIS PZ possiamo dire di essere di fronte a un grande classico. Probabilmente la fotocamera mirrorless più amata di sempre. In grado di accontentare un’ampia fascia di utenza, deve molto del suo appeal anche al body dall’aspetto retrò.

Le caratteristiche

La fotocamera senza specchio in questione ha un sensore APS-C X-TRANS CMOS 4 da 26 Megapixel e un’estensione della gamma relativa alla sensibilità che va da 80 a 51200 ISO. Dotata di display LCD basculante da 3 pollici e di mirino ibrido da 1/32000s. Come da tradizione Fuji, ampio spazio agli effetti creativi che simulano le gloriose pellicole del marchio. E che se sapientemente sfruttati possono davvero dare quel quid in più all’immagine finale.

Le funzioni

Ottima mirrorless sotto tutti i punti di vista, questa Fuji, anche da quello della ripresa video. Infatti sarà possibile registrare in 4K fino a 30 fps. Le modalità riguardanti l’autofocus si dividono in AF singolo, a zona, wide e tracking e si troveranno ben 425 punti selezionabili. Tra le altre funzioni in merito: la face detection e face select, il focus peak, il digital split image, l’AF-C programmabile e il focus bracketing

Opinioni

Per chi cerca la migliore fotocamera mirrorless del segmento APS-C, non può che prendere in considerazione il kit Fujifilm X-T30 Silver e obiettivo XC 15-45 mm f/3.5-5.6 OIS PZFeedback al top per una macchina con un autofocus rapido e preciso, abbastanza facile e pratica da utilizzare, sfruttando i menù esterni ed interni. Potente, davvero tanto, e compattissima, ultra leggera e maneggevole. Perfetta per lo street photographer, come per il ritrattista o il reportagista. Una garanzia. 


9 – Fujifilm X-T100 + XC 15-45 mm f/3.5-5.6 OIS PZ MILC: migliore fotocamera mirrorless Fuji per iniziare

Sempre in casa Fujifilm, una fotocamera mirrorless iconica. Che oltretutto ha pure un prezzo molto accessibile: qui presentata nelle versione kit, la Fujifilm X-T100 + XC 15-45 mm f/3.5-5.6 OIS PZ MILC. Dallo stile inconfondibile, sia fuori che per quanto riguarda le foto, è la mirrorless da avere sempre in borsa.

Le caratteristiche

Come sempre Fuji prevede molti filtri che riportano al sapore delle vecchie pellicole, un vero marchio di fabbrica. Per fruire al meglio delle immagini e applicare effetti di post produzione già “on camera” si potrà sfruttare l’ampio display LCD orientabile e il mirino elettronico EL. La qualità della presente fotocamera senza specchio traspare anche dagli elementi costruttivi: consta di un rivestimento anodizzato e profili in allumino. Tutto concorre a darle anche un gradevole aspetto vintage. Il sensore è un APS-C da 24 Megapixel.

Le funzioni

Tra le fotocamere mirrorless più “user friedly”, questa Fuji dispone anche di una potente memoria, che le consente di archiviare molti dati e anche assai velocemente. Anche durante le riprese video si comporta bene, fornendo ottima fluidità del frame. Interessante la funzione SR+ Auto, che riconosce il soggetto principale all’interno della scena. Si tratta di una delle facilitazioni che consentono a tutti di immortalare attimi perfetti.

Opinioni

Fujifilm X-T100 + XC 15-45 mm f/3.5-5.6 OIS PZ MILC è il kit ideale per chi cerca una fotocamera mirrorless per iniziare a scattare con questo tipo di sistema. Comprensiva di un’ottica perfetta per la fotografia di strada, per il reportage e i ritratti. Chi l’ha comprata apprezza molto la sua capacità di mantenere la qualità immagine in ogni situazione, anche con poca luce. Buon rapporto qualità/prezzo che ne fanno la soluzione ideale per i principianti.


10 – Sony Alpha 6000L kit fotocamera digitale con obiettivo SELP 16-50 mm: migliore fotocamera mirrorless compattissima

Sony, tra le uscite sul mercato più recenti, propone una fotocamera mirrorless tra le più compatte mai viste. Già un bestseller, comoda e potente, è la Sony Alpha 6000L kit fotocamera digitale con obiettivo SELP 16-50 mm. Altro plus, che la rende molto appetibile, è il prezzo relativamente contenuto, in rapporto alle prestazioni.

Le caratteristiche

Segnaliamo questa mirrorless per i suoi 24,3 Megapixelsensore APS-C racchiusi in body ultra compatto. Nulla da invidiare a una reflex professionale, per qualità immagine, anche quando la luce ambientale è poca. Il processore Bionz X mette in campo tutta la sua potenza, per la resa d’immagini estremamente realistiche e ricche di gradazioni tonali dettagliate. 

Mirino OLED True Finder per una copertura del frame del 100% e in grado di restituire sempre una fedelissima anteprima dell’esposizione, del grado di sfocatura e di qualsiasi altro dato indispensabile prime dello scatto. Il display LCD inclinabile la rende una delle fotocamere mirrorless più adatte anche per gli youtuber o i vlogger che girano spesso video nei quali si auto-riprendono, durante tutorial, video-diari o lezioni.

Le funzioni

Una fotocamera mirrorless in grado d’inseguire il soggetto e metterlo perfettamente a fuoco, con una raffica a 11 fps. Non lasciarti sfuggire nemmeno un attimo e individua sempre il dettaglio più importante. Sempre per quanto riguarda l’AF, troveremo 179 punti mobili e il riconoscimento facciale, ormai integrato su tutti i modelli di fotocamera senza specchio, e non solo, più recenti. Ottima l’idea di Sony di rendere compatibile la fotocamera anche con gli obiettivi dotati di attacco E. Altra particolarità dell’apparecchio in questione, il flash integrato. L’ottica compresa nel kit, l’obiettivo SELP 16-50 mm, è abbastanza duttile per dare il meglio in una vasta gamma di occasioni.

Opinioni

Per la Sony Alpha 6000L kit fotocamera digitale con obiettivo SELP 16-50 mm i feedback degli acquirenti che l’hanno acquistata sul web sono super positivi, per non dire entusiasti. Una mirrorless adatta a un vasto pubblico, perfetta da portare in viaggio, in vacanza o durante le escursioni urbane. Questo per le sue piccole dimensioni: ma in grado di assicurare performance di livello superiore rispetto a una comune macchina fotografica digitale compatta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *