Quale Canon scegliere? La top 5 dei migliori modelli

Dettagli
Professionale
Prezzo
Dettagli
AF
Nessuno
Dettagli
FTP/FTPS
Prezzo
Dettagli
Vlog camera
Impugnatura
Dettagli
4k
Obiettivo fisso

Qual è la migliore Canon del 2021? Ecco una classifica sempre aggiornata con le macchine fotografiche più amate e recensite del momento

Le macchine fotografiche digitali Canon sono tra le più vendute in assoluto, soprattutto nella fascia di tipo professionale. Ciò che, di solito, piace molto di questi apparecchi è la “pasta” cromatica delle immagini e, com’è ovvio che sia, la qualità costruttiva delle fotocamere della multinazionale di origine nipponica. Tuttavia nella vita spesso bisogna fare delle valutazioni e, se fossimo messi alle strette, alla domanda quale Canon scegliere, come risponderemmo? Basta continuare nella lettura delle prossime righe per scoprire la classifica aggiornata dei modelli Canon top 5. E non solo: nella guida sono presenti anche tutte le indicazioni necessarie per poter scegliere una fotocamera con cognizione, in base all’utilizzo che se dovrà fare. Dunque entriamo subito nel vivo della questione.

1 Classifica migliori Canon

  • Canon EOS-1D X Mark III: questa camera è stata segnalata all’EISA Award come la migliore reflex Canon digitale professionale del 2020/2021. Si tratta di una full frame da 20,1 Megapixel con processore d’immagine DIGIC X, capace di produrre uno scatto continuo fino a 20 fps e di riprendere video in 5.5 K in formato RAW. Dunque un dispositivo perfetto per i videomaker e, ad esempio, per i registi di filmati per matrimoni, eventi e cortometraggi. Una delle macchine più potenti attualmente sul mercato cui, giocoforza, corrisponde anche un investimento economico importante. Un’alternativa? Provare a leggere l’articolo sulla full frame evergreen: tutto sulla mitica Canon 6D.
  • Canon EOS 90 D: anche questa fotocamera ha vinto un EISA Award quest’anno, nello specifico nella categoria migliore Canon reflex APS-C (continuando a leggere questa guida sarà possibile conoscere il significato della suddetta sigla). Una reflex da 32,5 Megapixel davvero poliedrica, adatta dalla realizzazione di still life a quella dei ritratti. Permette di scattare e mettere a fuoco in maniera rapida, senza perdite di tempo e soddisfa il fotoamatore evoluto così come il professionista dinamico. Per soddisfare la curiosità, si consiglia di consultare anche il nostro articolo sulla Canon 2000D, una delle reflex più vendute del marchio.
  • Canon EOS R5: con questo apparecchio entriamo nel mondo mirrorless di Canon. Nel caso specifico, si tratta di una “senza specchio” full frame, premiata con un EISA Award 2020/2021 come migliore camera innovativa. Se ti stai domandando quale Canon full frame scegliere, devi sapere che questa è dotata di 45 Megapixel, della possibilità di produrre una raffica a 20 fps, così come video fino alla risoluzione di 8K a 12 bit in formato RAW: un assetto potente che intende porre la EOS R5 come scelta professionale alternativa all’ammiraglia EOS-1D X Mark III. Ottimo plus valore di questa macchina è la possibilità di utilizzare sia schede memoria CF Express sia SD. Per approfondire l’argomento e, quindi, capire cos’è una macchina senza specchio, si consiglia la lettura della nostra guida sulle fotocamere mirrorless.
  • Canon EOS M50 Mark II: la macchina digitale per i contenuti multimediali prodotta da Canon? Decisamente si tratta di quella in questione, una mirrorless con sensore APS-C da 24,1 Megapixel pensata per vlogger e youtuber. Il segmento del v-log camera è sempre più nutrito di apparecchi in grado di facilitare dirette streaming, funzionare anche da webcam e aiutare chi produce tutorial, diari e quant’altro nell’esportare filmati nella giusta risoluzione e dimensioni. Senza dimenticare un fattore molto importante la fruizione dei contenuti di questo tipo: l’audio. Per capire meglio cosa sono le v-log camera, è una buona idea dare un’occhiata alle caratteristiche delle Lumix G100, da noi testata personalmente.
  • Canon Powershot G7 X Mark III: la compatta è la tipologia di macchinetta fotografica adatta a tutti, ma con questo modello, dal design estremamente portatile, si fa un passo in avanti. Infatti è un dispositivo perfetto per vlogger, influencer e per chi è portato a condividere spesso contenuti online o sui vari canali social. Dispone di un notevolissimo sensore da 20.1 Megapixel e permette all’utente di registrare video anche in 4K. Il display orientabile è la ciliegina sulla torta. Fotocamere compatte: quale scegliere tra gli ultimi modelli per fare il vero affare, leggi questa guida per orientarti ancor meglio.

2 Come sono state scelte le migliori Canon?

Benissimo, ma qual è il criterio per stilare la top 5 delle migliori fotocamere Canon? Se ti stai chiedendo come le abbiamo scelte, è presto detto: per prima cosa abbiamo pensato di includere nelle classifica modelli che potessero accontentare la più ampia fetta di pubblico possibile. Nel senso che, sicuramente un professionista potrà individuare nella top 5 un dispositivo che fa al caso suo e, lo stesso, un appassionato che, magari, scatta solo nel tempo libero o in vacanza. A dare credito alla nostra selezione ci sono, poi, le recensioni degli utenti che hanno acquistato oggetti Canon e li usano abitualmente, i dati relativi alle vendite stesse e l’EISA Award.

Quest’ultimo è uno dei più prestigiosi premi in campo tecnologico al mondo, sempre un faro per chiunque debba approcciarsi all’acquisto di oggetti del genere. Ecco allora che tra le fotocamere segnalate nella classifica su quale Canon scegliere, troverete certamente riscontro anche con le valutazioni della giuria EISA.

3 Quale Canon scegliere?

Livello di esperienza nel campo fotografico

Le prime domande da porsi, quando si pensa ad acquistare una macchina fotografica sono: che tipo di foto voglio scattare? La userò saltuariamente, magari durante i viaggi o le vacanze? Oppure sto sviluppando una passione per la fotografia che intendo coltivare e approfondire? O ancora, sono un professionista che vuol cambiare o ampliare il suo equipaggiamento? In base alle risposte, ci si può orientare verso macchine compatte, per esigenze entry level, oppure apparecchi più articolati, con obiettivi che si possono cambiare e impostazioni completamente personalizzabili. Ecco allora che la scelta vincente è orientarsi verso una mirrorless o una reflex.

Compatta

Perché acquistare una macchina fotografica compatta nel 2021? Non ci sono già gli smartphone? Ebbene no. Una compatta produce immagini di qualità superiore a quelle scattate con un telefono (almeno nella maggior parte dei casi è così) e, se completa di un buon apparato connettivo (Wi-Fi integrato, Bluetooth, correlazione con app messe a disposizione dal produttore, ecc.), permetterà di condividere facilmente scatti e video anche su altri dispositivi, oltre che online. Le compatte più avanzate possono consentire anche di impostare parametri di ripresa personalizzati e supportare la risoluzione 4K. Conviene acquistare una compatta se si desidera una macchinetta leggerissima e realmente tascabile, se si fotografa per diletto, magari durante le gite o i viaggi, oppure ci serve uno strumento pratico e veloce per prendere degli appunti visivi.

Mirrorless

Sembra che ormai le macchine fotografiche mirrorless, che tradotto in italiano significa senza specchio, ovvero le fotocamere prive di quell’elemento che riflette l’immagine prima di trasmetterla al sensore, rappresentino il futuro del mercato fotografico. Abbastanza compatte da essere maneggevoli e facilmente trasportabili, leggere (non sempre per la verità) in grado di fornire all’utente tutti i tipi di personalizzazione che desidera, così come immagini super professionali. Inizialmente molto gradite dai fotografi di strada, oggi sono usate praticamente da tutti: fotografi entry level, videomaker e veri Pro.

I loro vantaggi? Oltre alle già nominate caratteristiche legate alla maneggevolezza, si possono trovare macchine mirrorrless full frame, cioè a pieno formato, in grado di produrre file di grandi dimensioni e adatte a stampe super dettagliate, modelli dal buon rapporto qualità/prezzo così come dispositivi progettati per soddisfare in particolar modo i videomaker. E i punti deboli? In generale la scarsa autonomia della batteria (la maggior parte dei possessori di una mirrorless va in giro con una o due pile cariche, pronte per sostituire quella “on board”) e la precisione del mirino. A chi sono consigliate? Di certo a chi ha “intenzioni serie” con la fotografia e non teme di dover imparare a regolare autonomamente il suo apparecchio, e ha disponibilità economica per costruirsi un buon parco ottiche.

Reflex

Di solito chi acquista una reflex lo fa perché vuole imparare a fotografare senza utilizzare gli automatismi, potendo gestire tutto liberamente, dalle impostazioni di scatto agli obiettivi da usare, oppure è un fotoamatore evoluto o un professionista che vuole cambiare la sua attrezzatura o, ancora, ampliare il suo kit. Insomma, una macchina fotografica reflex permette di andare sul sicuro, assicura una grande autonomia della batteria, permettendo di realizzare lunghe sessioni di shooting e permettendo qualsiasi tipo di output finale. Oltre ai tanti vantaggi offerti da questo tipo di sistema, c’è da dire che le reflex in genere sono assai pesanti e poco maneggevoli e, i modelli più professionali, possono costare davvero tanto.

Foto o video?

Perché si desidera una fotocamera? Prevalentemente per scattare foto o per girare video? Le “fotocamere” oggi si prestano sempre più spesso a sostituire le videocamere, tant’è che molti videomaker ormai le preferiscono. Il vantaggio sta nel fatto che, al bisogno, consentono anche di scattare ottime foto. In questo caso, però, potrebbe servire attenzione al dettaglio (still life, macrofotografia e anche ritratto) e dunque, nella scelta dell’apparecchio, è meglio orientarsi verso un apparecchio con una risoluzione da media ad alta. A tal proposito, leggere il paragrafo successivo in cui si parla dei Megapixel. Se l’esperienza e il budget lo consentono, vale la pena anche prendere in considerazione una macchina con sensore a pieno formato.

Quale Canon scegliere nel caso in cui, invece, lo strumento di cui si ha necessità è più simile a una videocamera bisogna fare attenzione alla risoluzione specifica per le riprese. Gli standard più diffusi che si trovano sono: HD, Full HD, Ultra HD a 720p o 1080p, ideali per contenuti video destinati soprattutto alla condivisione web.

Una nota: la risoluzione 4K, oggi molto diffusa, è funzionale specialmente quando si devono effettuare dei ritagli all’interno di un fotogramma in post produzione video: questo formato consente di perdere meno qualità del dettaglio. Qualora, appunto, ci fosse bisogno d’intervenire pesantemente in post produzione, c’è da prendere in considerazione anche i dati che riguardano Log e Codecnel momento in cui si riflette seriamente su quale Canon EOS scegliere per la propria attività.

Peso

Una macchina per foto leggera e maneggevole è l’ideale quando si fotografa durante i momenti di svago e non aggiunge troppo peso al bagaglio, nel momento in cui la si porta in vacanza. Un principiante, dunque, apprezzerà molto questa caratteristica, tipica delle compatte. Le mirrorless sono una via di mezzo, ma ne abbiamo conosciute di decisamente pensanti, come la Lumix S1R, nonostante le ottime performance. In linea di massima con le reflex non c’è scampo, sono pesanti. Tuttavia sbirciando la diretta concorrenza Canon, troviamo la versatile e “peso piuma” Nikon D780.

Sensore

Il sensore è la versione digitale della pellicola. Dalle sue dimensioni, e dalla sua qualità, dipende quanto belle e dettagliate saranno le foto e i video “sfornati” da una fotocamera. Molti sensori di ultima generazione sono indicati come retroilluminati: riescono a trattenere una maggior quantità di luce, permettendo così a chi scatta o riprende di non impostare un valore di sensibilità ISO troppo alto, causando quel disturbo noto come rumore fotografico. I sensori possono essere:

  • APS-C, cioè i più diffusi, montati sulle macchine cosiddette entry level o anche più avanzate. Questi sensori hanno un fattore di ritaglio, (o crop) rispetto a un pieno formato (o full frame), cioè sono più piccoli se si pensa a un fotogramma in pellicola da 35 mm come paragone. Tale valore per Canon equivale a 1,5x. Sono comunque sensori di ottima qualità e hanno una notevole convenienza dal punto di vista economico. Dagli 8 Megapixel in su garantiscono anche la stampa delle immagini fotografiche a medio/grande formato.
  • Full frame, ovvero pieno formato, stavolta l’equivalente di un frame di rullino da 35 mm. Le dimensioni di un sensore full frame sono 24 mm x 36 mm ma ciò che fa la differenza, per una qualità immagine migliore e dettagli più definiti, è la densità dei pixel. Una macchina con sensore full frame da 12 Megapixel in su, già è ottima e può adattarsi a performance professionali, rivelandosi, di contro, assai costosa.
  • Quattro Terzi è un sensore le cui misure sono calcolate in base alla sua diagonale e ha le dimensioni di 17 mm x 13 mm:in pratica, la sua forma è più quadrangolare rispetto a APS-C e full frame. Il fattore di crop è 2x e si trova spesso montato sugli apparecchi più compatti e maneggevoli.

Megapixel

I Megapixel sono i milioni di pixel presenti all’interno di un sensore fotografico digitale e produce immagini che sono, in sostanza, dei file. Anche questi ultimi sono costituiti da pixel e, maggiore è la loro quantità e densità, più le foto risulteranno nitide, a fuoco, dettagliate e ricche di gradazioni tonali. Cioè la risoluzione potrà definirsi elevata. Attenzione! Una risoluzione in Megapixel molto elevata potrebbe rallentare la velocità di salvataggio delle registrazioni video: da tenere presente se s’intende acquistare una fotocamera per girare filmati.

Processore

Il processore gestisce tutti i meccanismi più importanti di una macchina fotografica digitale. In particolare la velocità di scatto, la fluidità delle riprese video, la capacità di salvare velocemente i contenuti ripresi, la qualità immagine. Un buon processore coordina anche il modo in cui un dispositivo reagisce agli alti ISO e, dunque, alla limitazione del rumore fotografico. Ma non solo: nitidezza, contrasto, definizione della foto e velocità della messa a fuoco saranno migliori quanto più un processore è avanzato e studiato per dare un valore di un auto-bilanciamento alle problematiche più impattanti delle immagini riprese.

ISO

Il termine ISO fa riferimento alla sensibilità che, in sostanza, ha a che fare con la luce. Se in pieno giorno la l’illuminazione è alta e abbondante, non si può dire la stessa cosa al crepuscolo (a proposito, da segnalare la nostra guida su come scattare foto ai tramonti). Ecco allora che il processo di formazione dell’immagine digitale diventa più lungo e la possibilità di ritrovarsi con delle immagine “macchiate” dal rumore fotografico si concretizza. Usare un treppiede fotografico per lo scopo, è certamente una valida risoluzione. La gamma standard di sensibilità ISO in genere va da 100 ISO a 6400 ISO nativi: scattare o riprendere al di fuori di questi valori (detti nativi) può essere anche essere un fattore in grado di portare disturbo sulle immagini

Messa a fuoco

L’intelligenza artificiale, presente anche nel settore fotografico, ha condotto allo sviluppo di sistemi AF molto precisi e in grado di restituire i minimi dettagli al massimo della nitidezza. Sono dunque da valutare la presenza dell’Eye-AF o il Tracking-AF su di una macchina, prima di acquistarla. In partica si tratta di sistemi che “agganciano” gli occhi, il volto o un particolare di un soggetto, mantenendolo a fuoco, sebbene questo possa muoversi pure in modo veloce. Sulle macchine reflex e mirrorless è, ormai quasi sempre, presente un sistema di messa per punti: visualizzandoli nel mirino, si potrà spostarne uno (o molteplici) per scegliere la zona precisa che dovrà risultare a fuoco.

Più i punti AF sono tanti in quantità, maggiore sarà la precisione della messa a fuoco. Molti tra gli apparecchi di ultima generazione vedono la presenza simultanea di due sistemi AF (sistema ibrido): quello definito a contrasto e quello chiamato a rilevazione di fase, più preciso.

Connettività

Se come obiettivo si ha la condivisione delle immagini sul web o su altri dispositivi, al di fuori della fotocamera, quando si pensa a quale Canon scegliere, bisogna accertarsi della presenza di connessione Wi-Fi integrata, Bluetooth e/o tecnologia NFC sulla macchina. Questi elementi consentono all’utente di traferire i contenuti ripresi in modo facile sul computer, sullo smartphone e così via. Le stesse case di produzione mettono a disposizione applicazioni desktop e mobile per facilitare il processo e coadiuvare la post produzione.

Obiettivi

Se si scelgono sistemi mirrorless e/o reflex, bisogna che siano disponibili anche degli obiettivi adatti e vari, per ogni stile e tecnica fotografica. Di certo con Canon si cade sempre in piedi, vista la qualità della sua produzione di accessori fotografici, oltre che di corpi macchina. La qualità delle lenti non è in discussione nemmeno per gli zoom presenti sulle macchine compatte.

4 Canon EOS-1D X Mark III

Per chi lavora con la fotografia e i video a livello super professionale non può che puntare sulla Canon EOS-1D X Mark III. Le ammiraglie Canon sono sempre state scelte da chi ha bisogno di affidabilità e alta qualità, dunque è arrivato il momento di aggiornare il kit “da combattimento”. L’ultima generazione di reflex a pieno formato del marchio giapponese è incredibilmente precisa, rapida in qualsiasi operazione e in grado di non dare mai una delusione. In particolare c’è da sottolineare la velocità dello scatto a raffica, che non farà perdere nemmeno un attimo decisivo della scena che si presente davanti al fotografo, con i suoi 20 fps.

Inoltre l’implementazione dell’intelligenza artificiale nella messa a fuoco ha portato questa macchina a includere non solo i metodi di Tracking AF e Eye AF, ma sistemi in grado di calibrarsi su qualsiasi tipo di situazione, di riconoscere i volti anche nascosti da cappelli o occhiali e soggetti in rapido movimento. Grandi prestazioni anche quando c’è da alzare gli ISO e progettata per soddisfare le esigenze dei videomaker. Insomma, sembra proprio vero ciò che afferma il brand per promuovere questo apparecchio, cioè che si tratta proprio di un’estensione delle mente dell’utente, il quale potrà esprimersi al massimo grado. Maggiori info qui.

A chi è consigliata la Canon EOS-1D X Mark III: professionisti fotografi e videomaker.

5 Canon EOS 90 D

La Canon migliore reflex “per tutti” qual è attualmente? Di certo è la nuova Canon EOS 90 D. Perfetta per gli appassionati di fotografia naturalistica e sportiva, grazie alla grande reattività dell’autofocus, permette anche di realizzare scatti che puntano tutto sui dettagli, vista la sua notevole risoluzione (oltre 30 Megapixel). Con questa macchina è possibile scattare a raffiche a 10 fps ed effettuare dei crop (ritagli del fotogramma) in post produzione senza perdere qualità immagine in maniera evidente. La sensibilità può essere impostata fino a 25600 ISO, è presente un mirino ottico intelligente che si rivela in grado di coprire fino al 100% del frame e il display LCD è touch screen, nonché orientabile.

Scatti del tutto nitidi in qualsiasi condizione, 45 punti AF perfettamente funzionali e sfruttabili anche in condizioni di scarsa luminosità. Possibilità di riprendere video in 4K ed estrema completezza delle funzioni inerenti la connettività (Wi-Fi integrato, Bluetooth, app proprietaria, ecc) completano il quadro. La EOS 90 D è di certo uno dei prodotti imperdibili della nota casa produttrice: da tenere in considerazione anche che si è cercato di contenere pure il peso, a favore della maneggevolezza del dispositivo, che si attesta intorno a i 700 grammi.

A chi è consigliata la Canon EOS 90 D: perfetta per tutti i fotografi entry level e di media esperienza.

6 Canon EOS R5

Possedere una fotocamera dalle prestazioni professionali e, al contempo, in grado di soddisfare le esigenze di scatto più dinamiche non è più un sogno. Nella Canon EOS R5, la praticità di una mirrorless si abbinano al pieno formato, alla possibilità, per i videomaker, di esprimersi al massimo grado, dagli 8K ai 4K a 120 fps, avvalendosi di uno stabilizzatore immagine efficace fino a 8 stop e un’incredibile precisione di messa a fuoco, grazie ai 5940 punti AF. A fare il resto, anche da un punto di vista fotografico, ci pensano il processore di ultima generazione DIGIC X e il sistema Dual Pixel Raw, utile per un’illuminazione dedicata per ritratti e soggetti con sfondo sfocato o, al contrario, quando si desidera il massimo della nitidezza (ad esempio nel momento in cui s’immortalano paesaggi).

Di nuovo troviamo l’intelligenza artificiale applicata al sistema di messa a fuoco, in grado di riconoscere e “congelare” volti e animali in movimento, in maniera tale che risultino prefettamente a fuoco e nitidi. Molto interessanti anche le funzioni di scatto wireless e FTP/FTPS, per i professionisti che lavorano in team, scattano direttamente su computer e inviano direttamente i file al comparto di post produzione. Una macchina che prevede un budget abbastanza impegnativo, ma che è uno dei migliori apparecchi al passo con i tempi, perfetto per tutto: dal lavoro, alla fotografia nel senso più stretto, fino alle riprese video e ottima camera da portare sempre nello zaino o in valigia durante viaggi ed escursioni. Quale Canon scegliere se si desidera un apparecchio davvero di ultima generazione? La risposta è la R5.

A chi è consigliata la Canon EOS R5: professionisti, fotoamatori evoluti, street photographer, videomaker

7 Canon EOS M50 Mark II

Se si ha il pallino di offrire contenuti di tipo multimediale sempre più interessanti e professionali ai propri follower online, serve uno strumento all’altezza. Ed ecco, allora, che qui entra in gioco la Canon EOS M50 Mark II: nel suo equipaggiamento sono compresi l’ingresso per il microfono esterno da 3,5 mm, la possibilità di effettuare la transcodifica video in maniera automatica, il Wi-Fi integrato e la modalità webcam, per dirette YouTube. Inoltre sarà assolutamente facile e intuitivo girare anche video in verticale in 4K, così come riprendere con buona qualità pure in condizioni di bassissima luminosità. Tutto è intelligente su questa macchina, per rendere il flusso di lavoro affrontabile anche da chi non è un professionista del settore audiovisivo. Ovviamente in primo piano spicca anche il comparto connettivo.

A chi è consigliata la Canon EOS M50 Mark II: vlogger, youtuber.

8 Canon Powershot G7 X Mark III

Molto più di uno smartphone: se, oltre all’immediatezza, per voi è importante la qualità delle vostre immagini scattate o dei filmati, non potete accontentarvi. La Canon Powershot G7 Mark III crea un’esperienza visiva spettacolare e ad alta definizione: permette la registrazione di video in 4K e a 120 fps, così come permette di agganciare al body un microfono esterno, tramite l’uscita da 3,5 mm standard. Anche se non ha obiettivi intercambiabili, lo zoom da 4,2x su di un’ottica da 24 mm, fanno sì che sia possibile ottenere risultati eccellenti, dal dettaglio al paesaggio. Implementate anche le funzioni per uno streaming rapido su YouTube e grande efficienza del comparto connettivo. La ricarica della batteria avviene in tempi rapidi tramite USB. Quale Canon scegliere per la vita di tutti i giorni? Sicuramente questa.

A chi è consigliata la Canon Powershot G7 X Mark III: vlogger di viaggi.

9 Domande frequenti

Quale obiettivo Canon scegliere?

Come primo passo, oltre a pensare quale Canon scegliere, per individuare i migliori obiettivi in assoluto, quelli da avere a tutti costi, leggi la guida: “Di quale obiettivo macchina fotografica non puoi fare a meno?”.

Per il resto, quest’anno l’EISA Awards ha segnalato come miglior obiettivo standard il Canon RF 24-70 mm f/2.8L IS USM.

Quale zoom scegliere per Canon?

Anche in questo caso, conviene fare affidamento ai responsi dell’EISA Awards, che segnala il Canon RF 70-200 mm f/2.8L IS USM, non solo come il massimo della tecnologia in commercio, per ciò che riguarda i teleobiettivi, ma come miglior obiettivo dell’anno.

Migliori flash per Canon

In primis, oltre a chiedersi quale Canon scegliere, è bene sapere che la nostra guida su come usare il flash è sempre utile per approcciarsi all’argomento lampeggiatori. Successivamente, è possibile fare riferimento sempre al nostro articolo sui flash macchina fotografica: guida all’acquisto dei migliori flash reflex.

Migliori SD per Canon

Conviene dare un’occhiata alla nostra guida all’acquisto di una memoria SD, così come a quella sulle migliori schede compact flash per fotocamere e videocamere.

Meglio Canon o Nikon

Di sicuro sono sempre meglio i fotografi appassionati e professionisti che coltivano la loro passione, con curiosità e voglia di sperimentare. Qualsiasi strumento utilizzino, meglio se scelto leggendo le nostre guide all’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *