Quello che ancora non sai della Lumix G100: perché acquistarla?

Lumix G100

Panasonic ha il pallino del formato Micro Quattro Terzi e con la Lumix G100 punta ai vlogger, ma colpisce il cuore dei fotografi.

La Lumix G100 è uscita sul mercato all’inizio dell’estate del 2020, in un periodo storico in cui video blog, webinar e filmati di ogni genere hanno invaso la Rete, consentendo alle persone bloccate a casa per la pandemia di continuare a comunicare. La compattissima mirrorless Panasonic G100 è dotata di tantissime facilitazioni “a bordo” per la condivisione istantanea dei contenuti su di essa acquisiti: nasce prettamente come macchina per girare videoauto-riprendersi e come fotocamera per youtuber. Tuttavia, provandola personalmente, abbiamo scoperto che è ottima anche per scattare foto. Dalla qualità immagine, alla maneggevolezza fino a un’esperienza di utilizzo davvero smart: tutti i motivi per cui dovresti avere una Lumix Panasonic G100. A seguire, puoi leggere la recensione e la prova su strada.

Lumix G100: confronta i prezzi

1 Lumix G100 recensione: ti diciamo subito cosa ne pensiamo

Se stai leggendo questo articolo è perché, con ogni probabilità, hai sentito parlare della macchina fotografica oggetto del discutere, quindi vuoi subito sapere se fa al caso tuo. Arriviamo immediatamente al dunque della nostra recensione della Lumix G100, con prova diretta del prodotto: se vorrai approfondire le sue caratteristiche più nel dettaglio, avrai tutto il tempo per farlo in seguito.

La Lumix G100 è un “peso piuma” tra le macchine senza specchio uscite sul mercato nell’ultimo anno, spesso dei veri “mattoni”. Lo abbiamo notato usandola col pratico selfie stick (che comunque, ricordiamolo, non è un gimbal e non aiuta nella stabilizzazione), il quale si trasforma in mini treppiede, nel momento in cui, impugnandola con una mano sola, abbiamo potuto usarla davvero a lungo. Il display completamente orientabile e l’attacco per un microfono esterno faranno la felicità dei vlogger, così come la connessione Wi-Fi e il Bluetooth, attivabili con un tocco sul monitor touch screen, che permettono di trasferire filmati e foto dal PC allo smartphone, fino alla TV. Così come di usare il telefono stesso, o un telecomando senza fili, per avviare scatti e registrazioni da remoto.

Insomma, l’anima della Lumix Panasonic G100 è realmente dinamica e interconnessa, come la vita odierna. Con lei si possono girare notevoli video in Full HD, con i tipici colori “cinematografici” degli apparecchi Lumix (per capire meglio, leggi quanto detto sulle Panasonic Lumix GH5 e GH5S e sulla S1R) fino a 60 fps. Sì, c’è anche il 4K: davvero ti serve? Se carichi i tuoi video online probabilmente no, inoltre, su questa macchina, il fattore di crop con lo stabilizzatore attivo al massimo grado e il 4K si dimostra rilevante. La qualità immagine che caratterizza i video, sorprende ed entusiasma anche negli scatti fotografici. Fotografi della strada, ritrattisti, viaggiatori! Siete chiamati all’appello, e all’acquisto, di questa praticissima e performante macchinetta. 

2 Le caratteristiche tecniche

A questo punto è arrivato il momento di scendere più nel dettaglio e di esaminare le caratteristiche tecniche più significative della Lumix G DC-G100 prodotta dal notissimo marchio giapponese Panasonic.

  • Aspect ratio del sensore: 4:3
  • Attacco obiettivo: Micro Quattro Terzi
  • Megapixel: 20,3
  • Stabilizzatore ottico: attivabile per la registrazione di video (HYBRID I.S. a 5 assi) e di video in 4K (su 4 assi)
  • Formati di registrazione foto: RAW e JPEG
  • 4K PHOTO: MP4/JPEG
  • Video: MP4 H.264/MPEG-4 AVC, formato audio 2 canali AAC
  • Mirino: LVF con copertura quasi totale del campo visivo
  • Display LCD: touch screen da 3 pollici
  • Messa a fuoco: autofocus con sistema a contrasto, rilevamento occhi e viso, tracking AF, 
  • Peso: 345 grammi

49 punti AF oppure Custom Multi area, oppure 1 area, oppure Pinpoint, presenti Post Focus e Focus Stacking. Possibilità di effettuare time lapsestop motion3 microfoni integrati, interfaccia USBHDMIuscita microfono esterno da 35 mm, Wi-FiBluetooth Low Energy e app Lumix Sync.

3 Lumix G100 prezzo: quanto costa?

La fotocamera della quale stiamo parlando da un po’ ti piace proprio e sei sempre più convito ad acquistarla. A questo punto, però, la discriminante fondamentale sta nel prezzo della Lumix G100: sarà congruo con il tuo budget? Vediamo cosa è possibile trovare online, come prodotti e costi. Per tutte le altre specifiche tecniche della Panasonic Lumix G100, trovi maggiori info qui.

Panasonic Lumix G100 solo corpo macchina

Se vuoi decidere in autonomia che obiettivo montare sulla Lumix G100, che, ti avviso, con un adattatore può supportare anche le ottiche Leica M-Mount e Leica R-Mount, scegli la versione solo corpo macchina. Puoi stabilire autonomamente tutte le personalizzazioni che vuoi, magari usare anche un treppiede fotografico che già possiedi o che vuoi acquistare separatamente. Per questa versione, te la dovresti cavare con meno di 600€, in ogni caso tieni sempre d’occhio le schede dei prodotti online, soggette a variazioni di prezzo e sconti.

Panasonic Lumix G100 corpo macchina e obiettivo

Forse il compromesso migliore sta nell’acquistare la versione kit che comprende la macchina e l’obiettivo 12-32 mm, quello che abbiamo avuto modo di provare e che si è rivelato in grado di produrre anche ottime foto e un morbido bokeh. Con macchina e ottica si è subito pronti per premere il tasto e registrare o scattare: il costo, nel momento in cui scriviamo, supera di poco i 600€

Panasonic Lumix G100 corpo macchina e hand grip

La soluzione dedicata soprattutto a chi fa vlogging “on the road” è rappresentata dal set che include fotocamera e hand grip. Quest’ultimo accessorio è davvero versatile: da chiuso funziona come una pratica impugnatura, per tenere in mano la G100 quando si riprende in movimento. Da aperto diventa un mini treppiede da scrivania, ideale per chi registra video tutorial più statici, come ad esempio quelli di make-up. 

Il bello sta anche nel fatto che, collegando l’apposito cavetto alla fotocamera, si potrà scattare direttamente usando i tasti presenti sull’hand grip/treppiede. Nello specifico, sarà consentito scattare foto, avviare e dare lo stop alla registrazione, e mettere la macchina in stand by: insomma una bella comodità. Lumix G100 kit con impugnatura prezzo? Ad oggi, giorno della stesura della recensione della Lumix G100, siamo intorno ai 650€.

Panasonic Lumix G X 12-32 mm f/3.5-5.6 obiettivo pancake

Se lo desideri, puoi comprare la lente zoom G X 12-32 mm f/3.5-5.6 anche da sola, a circa 300€: è compatibile con tutte le camere della serie G di Lumix. Consulta questo link, per scoprire tutte le ottiche Panasonic adatta al sistema G.

Panasonic DMW-SHGR1E impugnatura e treppiede

Ciò che è valido per l’ottica, lo è anche per l’impugnatura Panasonic DMW-SHGR1E. Cioè si può acquistare anche da sola, attualmente a meno di 100€, per comporre il proprio kit in maniera personalizzata.

4 Pro e contro: in sintesi

Ogni cosa ha degli aspetti positivi e altri meno vantaggiosi: la DC-G100 non fa eccezione. Dunque, per avere un’idea immediata dei pro e contro del dispositivo di ripresa, eccoli qui riassunti.

PRO

  • Fotocamera leggera e maneggevole.
  • Display orientabile in tutte le direzioni e touch screen. Se lo si gira verso se stessi, può far partire automaticamente la “modalità selfie”.
  • Discreta autonomia della batteria: una volta montata la camera sull’impugnatura resta possibile effettuare le operazioni di sostituzione della stessa e della scheda SD, senza smontare l’hand grip.
  • Ghiera menu che permette di raggiungere con un tocco le opzioni di configurazione degli ISO (come sulle macchine fotografiche professionali) dell’area AF, del bilanciamento del bianco, dell’impostazione della funzione 4K PHOTO e dell’autoscatto.
  • Tasto Quick menu.
  • Modalità AFF per l’autofocus, dedicata alla messa a fuoco di movimenti bruschi e improvvisi del soggetto.
  • Permette l’utilizzo degli obiettivi Leica con attacco M e R (con adattatore).
  • Possibilità di condividere foto e video su altri dispositivi e online facilitata grazie a Wi-Fi integrato, Bluetooth e app Lumix Sync che consente di traferire le immagini sullo smartphone con un tocco.
  • Comparto audio top gamma: i microfoni integrati permettono diverse configurazioni di ricezione dell’audio (surround, frontale, retrostante, ecc.) e, grazie all’Eye-AF, quando ci si auto-riprende, la ricezione del microfono si orienta automaticamente verso chi parla. Questo è il sistema tecnologico OZO Audio di Nokia, vero punto forte della Lumix G100.
  • Se non bastano i microfoni integrati, si può collegare il microfono esterno.
  • Scatto in modalità silenziosa veramente…silenzioso.

CONTRO

  • Non è possibile caricare la batteria all’esterno della fotocamera, che durante il tempo di rigenerazione non potrà essere usata con un’altra batteria.
  • Ghiera delle impostazioni troppo sensibile e con comandi non sempre intuitivi da trovare: ad esempio, capire che va ruotata se si vogliono impostare i tempi, nello scatto fotografico manuale.
  • Cavetteria che sembra debba staccarsi da un momento all’altro.
  • Display un po’ piccolo per la gestione dei comandi dal touch screen.
  • Notevole fattore di ritaglio presente, se si decide di girare con stabilizzazione su livello High in 4K.
  • Stabilizzazione video poco efficace.
  • Messa a fuoco non costante, soprattutto quando si è in movimento, ma che si presenta anche con lo scatto di foto: probabilmente il vero tallone d’Achille della Lumix G100.
  • Panasonic Lumix G100 prezzo, forse un po’ alto per una macchina che è sì una mirrorless a ottiche intercambiabili, ma pur sempre rivolta a un pubblico consumer.

5 Navigando nel menu: funzioni interessanti

Cosa è saltato all’occhio navigando nel menu delle impostazioni della fotocamera? Ecco un elenco delle funzioni più interessanti:

  • Ghiera Ai e Ai+ per automatizzare la registrazione dei filmati, ottimizzandola.
  • Snap Movie permette di stabilire in anticipo il tempo di registrazione e di riprendere sequenze come se fossero delle istantanee. Si può anche decidere un cambio di messa a fuoco all’avvio della registrazione, così come decidere gli effetti di dissolvenza direttamente in macchina.
  • AFF, cioè la modalità di messa a fuoco che dovrebbe essere adatta anche per soggetti in rapido movimento.
  • Tra gli stili foto e ripresa ci sono la gamma dinamica Cinelike, video Cinelike e V-Log L per poter lavorare in maniera totalmente personalizzata in color correction.
  • Data viaggio è un’opzione che permette di ripescare facilmente foto e video realizzati durante un arco di tempo preciso, impostato sulla macchina, come ad esempio le date di un viaggio.

6 Cosa acquistare invece della Lumix G100?

Come abbiamo visto, la macchina fotografica Panasonic ultra compatta per video blogger è un apparecchio molto valido: dunque perché non preferirla rispetto alla concorrenza? In ogni caso, se vuoi sapere quali sono dei modelli di fotocamera che possono valere come alternativa alla G100, eccoti accontentato.

A dire il vero, l’unica vera “antagonista” è la Sony ZV-1: altra vlog camera dalle caratteristiche molto simili alla Panasonic. Cos’ha di meglio la Sony? Di sicuro il sistema di autofocus, che davvero non molla mai il soggetto. Insieme a una minor perdita di campo visivo, utilizzando stabilizzatore e alta risoluzione. E, invece, in cosa “vince” la Lumix? Senza dubbio nella resa dell’audio e della qualità video “morbida” e satura, meno “spigolosa” rispetto alla Sony.

7 Cosa abbiamo scoperto provando la Lumix G100

Il sottotitolo di questa sezione potrebbe essere: “Quello che le altre recensioni non dicono”. Ebbene, è proprio vero che le cose vanno provate per sapere con cosa si ha a che fare. Sicuramente i riscontri generali sono in linea, per la Lumix G100, ma non ci aspettavamo che si trattasse di una notevole macchina fotografica per scattare foto. Pubblicizzata come videocamera, più che altro, e realizzata per vlogger e youtuber, in realtà potrebbe benissimo abbracciare altre fasce di pubblico, come chi pratica street photography o reportage. Anzi dal lato video ci ha quasi “deluso” per la sua complicata gestione del crop e della stabilizzazione.

Per questi scopi fotografici menzionati, potrebbe rivelarsi davvero pratica, piccola, leggera e maneggevole, come in effetti si dimostra: inoltre, grazie alle svariate opzioni di stile foto che permette di settare, non ha quasi nulla da invidiare ai noti filtri digitali che ricordano le pellicole vintage della Fujifilm. Insomma una macchina fotografica in piena regola, che all’occorrenza rende molto facile registrare anche video. Forse preferiamo vederla così.

8 Conclusioni

Apprezziamo molto l’impegno di Panasonic nel dare così tanta qualità a una macchina che si potrebbe definire “da battaglia”. Il mercato delle camere mirrorless è in continuo fermento e, spesso, escono in commercio apparecchi che sono praticamente la stessa cosa di una reflex per prestazioni ma, al contempo, anche per peso e ingombro.

La Panasonic Lumix G100, invece, si trova pienamente descritta nell’idea di fotocamera smart: intelligente sotto vari punti di vista. Un apparecchio ancora perfettibile (le carenze dal punto di vista dell’autofocus sono purtroppo ancora una costante sulle Lumix) ma davvero utile, senza troppe funzioni messe lì solo per far sgranare gli occhi al pubblico, che spesso gravano solo sul prezzo. Consigliata a tutti: sia ai fotografi o videomaker più esperti in cerca di una camera “per uso distensivo”, sia a chi, con un po’ d’impegno e dedizione (per capire un sistema in cui si possono decidere i parametri di scatto in autonomia e cambiare gli obiettivi) vuol ottenere di più dalle immagini che realizza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *