Panasonic mirrorless Lumix

Tutto sulla Panasonic mirrorless Lumix full frame S1R testata per voi

Il sistema Lumix mirrorless gode già di fama consolidata: con la serie Panasonic S1 Lumix si alza l’asticella verso il pieno formato.

Panasonic mirrorless Lumix: ormai le conosciamo bene. Qualche tempo fa, infatti, c’era stato modo di provare con mano, sul campo, le ottime Lumix GH5 e Lumix GH5S. Quest’ultima ancora oggi una delle preferite da chi gira video per la qualità immagine davvero cinematografica e il potente stabilizzatore integrato. Ma, dato che le fotocamere Lumix mirrorless sono sul mercato per lottare ad armi pari con gli altri blasonatissimi marchi, non potevano sottrarsi alla “sfida” del momento. Ovvero quella che riguarda l’applicazione del sensore a pieno formato sulle macchine senza specchio. Nasce così la serie di Lumix mirrorless full frame che va sotto il nome di Panasonic S1 Lumix. Ebbene, finalmente ecco il test della DC-S1R

Panasonic mirrorless Lumix: confronta i prezzi

Panasonic mirrorless Lumix S1R: uno sguardo d’insieme

Grazie a Panasonic possiamo renderci conto personalmente della bontà (e dei difetti!) che caratterizzano le note fotocamere del marchio. Tutto ciò per riportare un’opinione ancor più approfondita, aiutandovi a scegliere nel caso di un vostro eventuale acquisto. Quella in esame è la Lumix mirrorless full frame DC-S1R, qui proposta nella versione kit comprensiva di obiettivo Lumix S 24-105 mm f/4 Macro O.I.S.

Panasonic mirrorless Lumix

L’obiettivo compreso nel kit, il Lumix S 24-105 mm f/4 Macro O.I.S.

La Lumix mirrorless S1R qui presente è dotata di un’ottica dalle caratteristiche versatili. Come succede di solito in questi casi, si ha uno zoom in grado di coprire sia ampiezze di campo grandangolari, sia di operare come moderato tele. Tali funzioni sono ben assolte dal Lumix S 24-105 mm f/4 Macro O.I.S.: dotato di levette per l’attivazione della stabilizzazione (O.I.S.), per impostare l’autofocus o la messa a fuoco manuale (AF/MF) e per bloccare le ghiere (l’apprezzatissimo LOCK) direttamente sul barilotto, è molto pratico da settare.

Questo obiettivo, che accompagna la Panasonic mirrorless Lumix DC-S1R, ha rivestimenti interni e lenti asferiche che coadiuvano nel modo più efficace il contrasto alle aberrazioni di ogni genere, inoltre è tropicalizzato. Il sistema di stabilizzazione O.I.S. si abbina a quello sulla macchina a formare il Dual I.S. presente sulla Lumix mirrorless full frame: ottima combo quando si scatta a mano libera in condizioni di scarsa luminosità o si girano dei video. La S1R è considerata una camera dedicata prevalentemente ai fotografi che cercano grande accuratezza del dettaglio, si pensi a chi si occupa di ritratti, still life o fotografia macro. Pertanto un’ottica per essere all’altezza deve avere una breve distanza di messa a fuoco: il 24-105 mm cattura il soggetto a un intervallo minimo di appena 30 cm e gode di un fattore d’ingrandimento 1:2. Non è per niente pesante, preso da solo.

Panasonic mirrorless Lumix

La Lumix mirrorless full frame S1R vista da fuori

Ciò che colpisce subito, appena si prende in mano la Panasonic S1 Lumix R, sono il peso e le dimensioni. Di certo “fuori scala” rispetto a come si è portati a immaginare una mirrorless. Infatti sono pressoché identiche a quelle di una reflex: purtroppo non è un punto a favore per chi, nella Lumix mirrorless full frame DC-S1R, cerca un passaggio a una camera sì performante, ma al tempo stesso leggera e maneggevole. Vi mostriamo un confronto visivo tra Panasonic Lumix S1R e la reflex pieno formato Nikon D800, così che possiate capire a colpo d’occhio ciò cui si fa riferimento.

Panasonic mirrorless Lumix

I comandi

La Panasonic mirrorless Lumix trasmette comunque l’idea di un apparecchio ben fatto, con materiali di qualità e un design che ricorda sia Le Sony Alpha sia l’inarrivabile Leica. Con la quale, non a caso, condivide il sistema L-Mount per gli obiettivi: ciò significa che potrete montarci anche quelli e ora anche i Sigma. Non sono pochi i bottoni e i pulsanti presenti sul corpo macchina della Lumix mirrorless DC-S1R. I più utili e pratici, oltre ai più ovvi, sono quelli relativi al bilanciamento del bianco, all’impostazione degli ISO e alla compensazione dell’esposizione posti in fila, uno vicino all’altro.

E quello della lampadina che illumina il piccolo LCD di servizio sul dorso superiore della macchina. Poter scegliere se attivare l’illuminazione o meno può sembrare un dettaglio di poco conto, ma sulle mirrorless ogni funzione che fa risparmiare energia è ben accolta, in quanto l’autonomia della batteria non è mai un loro punto forte. Utile pure il tasto LVF, per switchare dalla modalità per cui il mirino si oscura allontanando l’occhio, mentre si accende il monitor, a quella direttamente in live view.

Il display

Apprezzabile il pulsante che consente di bloccare la modalità di scatto prescelta, onde evitare cambiamenti accidentali, anche se possono servire entrambe le mani per attivarlo. Per il resto ci sono molti interruttori, levette e joystick di cui forse non si avverte un reale bisogno, ultima eccezion fatta per il Q (quick menù) che richiama delle funzioni in maniera rapida. Il display LCD da 3,2 pollici è parecchio grande, forse troppo, anche se copre il 100% del frame.

Limando un po’ le sue dimensioni e togliendo qualche tasto probabilmente si poteva ottenere un body più compatto e maneggevole. Detto ciò, il display può essere inclinato verso il basso e verso l’alto a pozzetto e ruotare su un asse, ma è touch screen, assai sensibile al tocco e perfetto per navigare nel menù interno delle impostazioni.

Panasonic mirrorless Lumix

Lumix mirrorrless full frame DC-S1R: le caratteristiche del comparto fotografico

Innanzitutto la Panasonic mirrorless Lumix a pieno formato S1R ha un sensore CMOS da 47,30 Megapixel. Già questo fa capire come sia una fotocamera pensata soprattutto per i fotografi cui interessa particolarmente la precisione dei particolari e dei dettagli. Nonostante l’imponenza dei file prodotti non se la cava male nemmeno nel comparto video, che esamineremo successivamente. Adesso vediamo piuttosto quali sono le funzioni fotografiche più interessanti che caratterizzano questa Lumix mirrorless

Le migliori funzioni della S1R

Prestate attenzione a queste voci menù presenti nel menù della Panasonic S1 Lumix versione R:

  • Foto HLG, ovvero una tra le funzioni più interessanti di questa macchina, a cavallo tra l’applicazione fotografica e video. Infatti si può usare in corrispondenza alla registrazione d’immagini in 4K o 8K (si avete capito bene) che sostanzialmente sappiamo essere come degli still frame estrapolati da una sequenza animata. HLG sta per Hybrid Log Gamma (tenetelo a mente se siete anche dei videomakers) ed è un profilo logaritmico che consente di registrare con una gamma dinamica straordinariamente ampia e ricca di sfumature cromatiche, detta anche Like2100, molto vicina a ciò che vedrebbe naturalmente l’occhio umano. Tale funzione è studiata per la riproduzione d’immagini su tv 4K di ultima generazione HLG-compatibili: queste si possono salvare in 8K in RAW o JPEG
  • Modo alta risoluzione, altra incredibile funzione tipica del sistema Panasonic S1 Lumix. Non ti bastano i 47,30 Megapixel di risoluzione? Attivando Modo alta risoluzione si può passare a 187 Megapixel (di nuovo, avete capito bene). Come funziona questa opzione? In sostanza vengono combinati insieme 8 scatti consecutivi, perfettamente stabilizzati dall’opera del sensore posto sul corpo macchina, che equilibra gli spostamenti del sensore. Fate spazio nella vostra memoria, perché il file generato utilizzando tale funzione sarà di 116.736 x 11.168 pixel
  • Intervallo i.Dinamicocompensa contrasto ed esposizione quando tra soggetto e sfondo c’è una differenza di luminosità troppo grande. Si può selezionare una neutralizzazione leggera, elevata, standard o automatica a seconda delle esigenze
Panasonic mirrorless Lumix
Panasonic mirrorless Lumix
Immagini scattate con funzione intervallo i.Dinamico attiva
Panasonic mirrorless Lumix
Immagini scattate con funzione intervallo i.Dinamico attiva

Ancora altre funzioni

  • Focus peaking, ormai noto, evidenzia con un colore le aree a fuoco durante lo scatto. Molto utile anche durante la registrazione di video
  • Stabilizzatore Body I.S., presente sul corpo macchina. Si tratta di un sistema a 5 assi che da solo permette di scattare fino a 5,5 stop più lenti a mano libera. Abbinato alla tecnologia O.I.S. a 2 assi presente su tutti gli obiettivi per Panasonic mirrorless Lumix il recupero arriva fino a 6 stop. E ne scaturisce quello che viene definito il sistema Dual I.S.
  • Foto 6K-4K, con questa funzione ormai classica sulle Lumix mirrorless full frame si parla di scatto ad alta velocità che permette di estrapolare un’immagine fissa da un video della risoluzione di 18 Megapixel in 4:3 o 2:3. Ricordate che le alte risoluzioni dei filmati sono molto spettacolari, ma se l’output finale è il web, queste verranno riportate a formati leggeri e facilmente condivisibili. Quindi altamente compressi, che non rappresenteranno mai il materiale registrato realmente “on camera” in 4K o oltre. Piuttosto la cosa interessante di tali risoluzioni sta nel poter reinquadrare il fame o croppare in post produzione con una minore perdita di qualità immagine
  • Post focus, cioè una raffica di foto in 4K/6K in cui l’area di messa a fuoco cambia automaticamente e può pure essere selezionata dopo che lo scatto è avvenuto
  • ISO esteso che amplia il range da 50 ISO a 51200 ISO
  • Focus fino a 255 punti con rilevamento a contrasto
  • Istogramma, Alte luci lampeggianti, Zebra pattern, ovvero tutta una serie di funzioni che permettono all’utente di avere maggiore controllo sull’esposizione durante la fase di scatto. Segnalano soprattutto laddove può avvenire o è avvenuta una sovraesposizione.
Panasonic mirrorless Lumix
Panasonic mirrorless Lumix
Panasonic mirrorless Lumix

La sezione video della Lumix mirrorless S1R

Parlando delle funzioni fotografiche ne sono state introdotte già alcune che coinvolgono anche le modalità di ripresa video. Tra di esse quella HLG, che riguarda il LOG della S1R, il focus peaking, l’i.Dinamico, le funzioni 6K e 4K così come il solidissimo sistema di stabilizzazione Dual I.S. In più a tutto ciò bisogna aggiungere i 60/50 p cui può registrare, sempre in 4K.

Le migliori opzioni video presenti sulla Lumix DC-S1R

Ecco cosa rende oltremodo performante anche registrare video con questa Lumix mirrorless full frame:

  • Riduzione dello sfarfallio, un’opzione fondamentale che consente di attenuare, se non debellare del tutto, il fastidioso effetto a bande intermittenti visibile a monitor
  • Filmato ad alta velocità, pressoché identificabile con lo slow motion, permette la ripresa di video a velocità ultra elevata, successivamente visibile al rallentatore in formato MP4
  • Qualità di registrazione che risulta essere strettamente legata alla funzione Formato file di registrazione, permette di scegliere tra AVCHDMP4. Nelle seguenti tabelle tutti i dati relativi a risoluzione, frame rate, bit al secondo, qualità del file e compressione audio.
Panasonic mirrorless Lumix
Panasonic mirrorless Lumix

Altre funzioni

Tutti i video registrati con la Panasonic mirrorless Lumix in questione saranno compressi secondo il metodo Long GOP, mentre è consigliato utilizzare schede memoria SD classificate almeno come UHS Speed Class 3, per quanto il doppio slot presente supporti anche le XQD

Dalla ghiera di selezione delle modalità di ripresa è possibile selezionare la voce Creative Video per modificare esposizione e bilanciamento del bianco indipendentemente rispetto alle impostazioni fotografiche. Inoltre all’occorrenza si potrà registrare utilizzando un dispositivo esterno (monitor) per la preview delle immagini, tramite USB o HDMI. Oltre allo slow motion, un altro dei metodi di ripresa presenti sulla Lumix mirrorless full frame DC-S1R è il time lapse, ormai quasi un classico moderno dell’iconografia video. 

On board presenti una presa per microfono da 3,5 mm, il jack per le cuffie, con cui monitorare anche i livelli del suono e l’adattatore XLR per microfoni professionali direttamente sulla slitta hotshoe.

Il sistema AF

Il rilevamento a contrasto dell’AF si combina con la tecnologia DFD, esclusiva della serie Panasonic S1 Lumix e la velocità di messa a fuoco può arrivare fino a 0,08 secondi, garantendo reattività fino a -6 EV. Presenti Eye-AFriconoscimento facciale così come il tracking AF che “prevede” il movimento di un soggetto tramite l’Advanced Artificial Intelligence (selezionabile sulla ghiera delle modalità come Ai). Con AF singolo impostato la velocità di scatto si attesta sui 9 fps, diventano 6 fps con AF continuo.

Conclusioni

La Panasonic mirrorless Lumix DC-S1R è certamente una macchina adatta a soddisfare le esigenze professionali di chi con le immagini ci lavora, oltre che sperimentarci o divertirsi. Non è l’ideale, invece, per chi proviene da un sistema reflex ed è in cerca di una mirrorless full frame potente ma compatta e maneggevole. Caratteristiche che varrebbero il 50% del motivo alla base di un cambio attrezzatura. S’indirizza soprattutto a chi vuol passare al pieno formato per la prima volta ma ha già le idee abbastanza chiare su cosa fare con la fotografia. Infatti è una camera dall’altissima definizione immagine, che può toccare picchi di risoluzione mai visti, perfetta per la fotografia macro, lo still life e il ritratto.

Questa Lumix mirrorless full frame ha una buona autonomia, la batteria non si scarica così in fretta come accade sulla maggior parte delle fotocamere dello stesso segmento, anche in relazione alle sue molteplici funzioni specifiche. Ci mette però non poco a ricaricarsi completamente. Per ciò che riguarda i “fattori esterni”, alcune ghiere risultano poco comode da utilizzare rapidamente, su tutte quella di accensione/ spegnimento. Il grip resta ottimale non trattandosi di una macchina troppo piccola.

Come sono le foto della S1R

Ma veniamo al dunque: come sono le foto della Panasonic mirrorless Lumix DC-S1R? Senz’altro di ottima qualità e davvero equivalenti a quelle di una reflex, se è ciò che vi state chiedendo. Tuttavia per trovare il massimo grado di tridimensionalità bisogna arrivare ad utilizzare “l’estensione dei Megapixel” (Modo alta definizione) che tuttavia genera un file di dimensioni un po’ esagerate. Tanto da essere difficile post-produrli senza andare incontro a rallentamenti del software di fotoritocco. Alla domanda – cambieresti la tua reflex full frame con questa Lumix mirrorless? – la risposta è: la userei come secondo corpo macchina. Il livello di dettaglio nelle foto risulta perfetto, si nota al limite un po’ di artefatto negli still frame a 6K, ma rimane una vaga e comunque leggerissima sensazione di “piattezza”

Come sono i video della S1R

I video con la Lumix mirrorless full frame in questione sono soddisfacenti, sebbene la qualità dello stabilizzatore e il “look” cinematografico dei girati con Lumix GH5S rimangano superiori. E parliamo di una APS-C. La S1R è stata messa “sotto sforzo” con riprese a mano libera e con soggetto in (imprevisto) movimento, nella penombra. La messa a fuoco e stabilizzazione non se la sono cavata male, apprezzata soprattutto la possibilità di scegliere nella sezione qualità immagine Cinelike o Come.709. Tuttavia non avendo a disposizione una scheda memoria ad alta velocità (che ha un medio costo da mettere in conto) almeno di tipo UHS Speed 3 sono state riscontrate alcune limitazioni e problemi di buffer. Il tono dei frame è tendente al caldo, ma la presenza di un Log permetterà perfette regolazioni di fino.

La S1R è uscita sul mercato nella primavera del 2019, da pochi giorni per la serie Pansonic S1 Lumix è invece uscita la DC-S5, un’altra Lumix mirrorless full frame.

A inizio settembre Panasonic ha rilasciato un firmware per le Panasonic S1 Lumix che consente la ripresa di video in 5K e aggiorna le funzioni AF.

* Le immagini scattate con la S1R giocoforza sono a risoluzione web, quindi indicative

Panasonic Lumix DC-S1R

Da non perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *