Nikon Z

Analisi dettagliata delle Nikon Z, le mirrorless del marchio giapponese

Nikon Z prezzi, caratteristiche, funzioni, opinioni: tutto quello che c’è da sapere e se vale la pena acquistare le Nikon mirrorless full frame della serie.

La Nikon Z è una gamma di fotocamere giovane, ma che ha da subito destato la curiosità di tutti. Soprattutto degli utenti Nikon desiderosi di lasciare le ingombranti reflex per una Nikon mirrorless full frame, performante e facile da usare come lo sono sempre state le macchine del marchio leader giapponese. Si è molto dibattuto in merito: questo perché, anni fa, un primo tentativo del brand di produrre delle innovative Nikon mirrorless si era rivelato un mezzo flop. A questo giro, invece, avrà fatto centro? Nikon Z prezzi, confronti, differenze e similitudini tra i vari modelli: trovate tutto nella nostra guida all’acquisto.

Nikon Z: confronta i prezzi

Da non perdere

Le peculiarità del sistema Nikon Z

Le Nikon mirrorless sono “un’invenzione” recente: le prime vengono immesse sul mercato appena nel 2018. Ciò mentre altri marchi, su tutti Sony, producono questa tipologia di fotocamera (e in più un vasto catalogo di mirrorless full frame) già dal lontano 2013. Questo cosa significa? Che l’esperienza ha portato case quali la già citata Sony, così come la Fujifilm e la Panasonic a sviluppare maggiore esperienza e a intercettare diverse sfumature nelle richieste dell’utente finale.

Iniziamo quindi dicendo che le Nikon Z non sono all’altezza? Assolutamente no. Tutta la gamma, e in particolar modo le Nikon mirrorless full frame, è in linea con gli standard di categoria. All’interno della serie troveremo una macchina dall’altissima risoluzione, adatta a chi lavora mettendo i dettagli in primo piano, 2 fotocamere per così dire intermedie, una di recentissima uscita che abbassa i Nikon Z prezzi per coinvolgere una maggiore fascia d’utenza. E una simile, versatile e molto veloce: dalle foto di bellissimi uccelli che spiccano il volo agli atleti in corsa su di un circuito, è il classico apparecchio dedicato ai fotografi d’azione. C’è poi una Nikon mirrorless DX dai tratti consumer ma sempre dalle prestazioni notevoli.

La tecnologia

Nikon si presenta sempre un po’ come la prima della classe: le sue macchine sono massicce e costantemente in grado di restituire una risoluzione pazzesca. Nella sua linea Nikon mirrorless il marchio tiene fermi tali capisaldi (si adatteranno però a una mirrorrless?). Così ha deciso di puntare tutto sulla luce. Infatti quella che entra dall’attacco Z-Mount è maggiore rispetto a quella delle fotocamere della concorrenza. Il diametro più grande della baionetta, per mezzo del quale si ottiene l’incremento, però permette di sfruttare solo le ottiche dedicate al sistema Nikon Z. O almeno era così, finché non è stato deciso d’introdurre l’adattatore per l’utilizzo delle altre lenti Nikon di default. E anche nei kit venduti con obiettivo annesso.

Stando alle opinioni più diffuse, allora, il sistema Nikon mirrorless full frame (quello che maggiormente c’interessa) è secondo solo a quello Sony, almeno per qualità immagine. Laddove Nikon, invece, paga maggiormente l’inesperienza nel settore delle senza specchio è nell’autonomia delle batterie e nel peso dei dispositivi. Quest’ultimo fatto, poi, è particolarmente “grave” se si pensa che molti professionisti tendono ad abbandonare la tecnologia reflex DSLR perché tali apparecchi risultano troppo pesanti e poco maneggevoli. 

Vediamo quali sono tutti i modelli della gamma Nikon Z e cosa contraddistingue nel dettaglio le Nikon Z, con un focus particolare sulle Nikon mirrorless full frame.

1 – Nikon Z5

Si discute molto di come i prezzi delle macchine fotografiche digitali “senza specchio” stiano lievitando, negli ultimi tempi. Ovviamente questo è dovuto alla sempre maggiore richiesta e al fatto che sia questo, attualmente, il segmento su cui case produttrici e fotografi tendono ad investire. Tra le ultime arrivate sul mercato, le Nikon mirrorless, che di certo non si sono presentate come l’alternativa economica. In ogni caso adesso Nikon prova a presentarne una: si tratta delle Nikon Z5, che qui andremo ad analizzare nel dettaglio.

Le caratteristiche principali

Rispetto ad altri marchi (vedi Sony), la serie Nikon Z è stata presentata assai tardi, considerando i trend, ovvero a fine 2018. La Z5 entra a far parte della famiglia dal mese di agosto di quest’anno e si presenta come la Nikon mirrorless full frame entry level a un costo accessibile. Un controsenso? Forse, ma sappiamo che sono in molti a desiderare una macchina compatta e potente al tempo stesso. Quindi la mossa della casa produttrice nipponica sarà senza dubbio dettata anche dalla necessità di soddisfare l’utenza e rimpinguare le casse, sempre più asciutte se si considera solo l’ambito reflex DSLR in cui Nikon ha sempre spiccato. Detto ciò, questa macchina ha molto da spartire con la Z6: Nikon prezzi, vediamo come si è riusciti a contenerli.

Differenze tra Nikon Z: la Z6 e la Z5

Per spendere meno acquistando una Nikon Z5 a cosa dobbiamo rinunciare? Innanzitutto alla velocità dello scatto a raffica, che qui arriva “solo” a 4,5 fps. Poi sono presenti sì 2 slot per le memory card, ma compatibili esclusivamente con delle SD. Invece sui modelli Nikon mirrorless più professionali viene supportato anche il formato veloce e innovativo XQD. Pare non sia presente nemmeno un sistema GPS avanzato. 

Altra cosa che differisce è il sensore: stessi Megapixel tra le due macchine, ma quella della Z5 non è retroilluminato. Non sappiamo però se ciò sia effettivamente percepibile a livello di qualità immagine, in quanto l’uscita di questo apparecchio è molto recente e non si ravvisano Nikon rumors indicativi in tal senso. Tuttavia se non vi occupate di fotografia sportiva, naturalistica o, insomma, con soggetti in rapido movimento e non scattate quantitativi d’immagini esorbitanti, questa Nikon mirrorless full frame potrebbe sempre fare al caso vostro. Si pensi a chi pratica prevalentemente fotografia di ritratto o still life.

Altri dettagli

La Nikon Z5 ha un sensore CMOS da 24,3 Megapixel, il classico “tuttofare” che la rende performante anche nella ripresa video. Sotto questo aspetto, si avrà la possibilità di girare in 4K a 30p, 25p, 24p ma con ritaglio di 1.7x, e in FullHD a 60p, 50p, 30p, 25p, 24p. Per gli esperti, il tipo di codifica disponibile è H.264 MPEG-4. Si potrà anche godere dei benefici apportati dallo stabilizzatore a 5 assi. Questa Nikon Z è poi governata dal sensore dedicato a questi modelli dal marchio giapponese, ovvero l’EXPEED 6. Dal punto di vista strutturale, sia la Z6 che la presente Z5 sono realizzate in lega di magnesio e tropicalizzate: solo che sulla Nikon Z modello 5 non è presente il piccolo display nella parte superiore della scocca in cui controllare le impostazioni in uso. Chiaramente mutuato dai modelli reflex.

2 – Nikon Z6

All’interno della serie Nikon Z non poteva mancare una macchina professionale ma di livello intermedio. Ecco dunque la Nikon mirrorless full frame Z6: con il suo sensore CMOS da 24,5 Megapixel retroilluminato assicura alti livelli di dettaglio immagine e al contempo velocità. Osserviamola meglio.

Le caratteristiche

Le Nikon Z, quindi anche questa, da un punto di vista del design e dei materiali sono realizzate utilizzando prevalentemente lega di magnesio. Ci troveremo quindi di fronte a macchine solide e in grado di comunicare anche attraverso l’esteriorità il loro valore. Sono tropicalizzate e somigliano vagamente alle Sony serie Alpha 7. Le Nikon mirrorless, per ampliare il range di sensibilità ISO, che rende le Sony Alpha imbattibili, hanno proprio puntato su uno “stratagemma” strutturale. Ovvero l’attacco a baionetta Z-Mount ha un diametro maggiore rispetto alle altre camere senza specchio in commercio.

Risultato: la Nikon Z6 è in grado di fornire una scala di sensibilità che va da 100 a 51200 ISO. Sulla camera ammiraglia della serie Nikon Z, ovvero la Z7, questo dato si estende nei valori bassi a 63 ISO, per arrivare a 25.000 ISO. E sulle Sony Alpha? Con l’ultimo modello si è arrivati a un range da 40 ISO a oltre 409.000 ISO. A chi è dedicata quindi la Nikon Z6? Ai fotografi che trattano spesso soggetti in movimento: infatti lo scatto a raffica è il più veloce tra le Nikon mirrorless full frame, anche più rapido di quello della Z7. Si attesta dunque a 12 fps.

Altri dettagli

Sulle Nikon Z, si tratti della 6 come della 5, non è presente il GPS e, anche se viene supportata l’archiviazione su schede memoria di ultima generazione XQD, non possiamo trovare nemmeno un doppio slot. Di certo si tratta di una Nikon mirrorless versatile: se non svolgiamo prevalentemente scatti still life o fotografia macro, in cui potrebbe volerci la super-risoluzione di un sensore come quello della Z7, è una scelta equilibrata, ottimale. Tra i Nikon Z prezzi migliori, tra l’altro, sia per la versione solo body che kit. Se volete un’alternativa, potete fare il confronto diretto con la Sony Alpha 7 III.

3 – Nikon Z7

La nikon mirrorless full frame “dei sogni” resta la Nikon Z7. Se state cercando una camera sì compatta ma altamente performante da un punto di vista della qualità immagine (dalla gradazione tonale, al contrasto, alla gamma dinamica) questa è la Nikon mirrorless che vi serve. Perfetta per i ritratti, lo still life e la fotografia paesaggistica. Lavorare ad alti livelli è possibile con questa Nikon Z.

Le caratteristiche

Parlavamo quindi del sensore presente sulla Nikon Z7: si tratta di un BSI-CMOS FX retroilluminato da 46 Megapixel, spinto da un processore EXPEED 6. Tanta risoluzione rallenta un po’ la macchina, ma ciò avviene con un rapporto di proporzione davvero basso, rispetto ad altri modelli in commercio. Infatti la raffica è comunque possibile a 9 fps, solo 3 fps in meno rispetto al “modello speed” della serie Nikon Z, ovvero la Z6. La gamma ISO è abbastanza estesa da permettere alla Z7 di raggiungere prestazioni ragguardevoli in tutti i contesti, anche con poca luce. Inoltre un aiuto verso la realizzazione di scatti privi di mosso arriva dallo stabilizzatore a 5 assi integrato.

Indispensabile anche durante la ripresa dei video. Questa potrà avvenire in 4K e, altro grande punto a favore della Nikon mirrorless full frame Z7 risiede nell’autofocus. Dotato di 493 punti AF, è uno dei migliori per “l’inseguimento del soggetto”, che così risulterà perfettamente a fuoco in qualsiasi area del frame si collochi.

Altri dettagli

In definitiva per essere una Nikon mirrorless full frame ad altissima risoluzione, quella in esame è una macchina assai veloce: dall’autofocus all’otturatore, tutto collabora affinché il flusso di lavoro sia rapido e scorrevole. Il display LCD utilizzabile in modalità Live View e il Wi-Fi integrato completano il quadro positivo relativo alla Nikon Z numero 7. E allora dove casca l’asino? Sull’autonomia della batteria, che consente solo 330 scatti, davvero pochi anche per un segmento, quello delle mirrorless, che di certo non ha in questo fattore il suo grande vantaggio. E anche nella maneggevolezza: infatti non è una fotocamera molto leggera e poco ingombrante.

4 – Nikon Z50

L’unica Nikon Z a non essere full frame e proprio la Nikon Z50. Dato che in questo frangente c’interessa soffermarci prevalentemente sulle macchine fotografiche digitali professionali faremo un breve accenno a questa DX. Sebbene, probabilmente, il famoso marchio abbia dato il meglio nella realizzazione del prodotto.

Le caratteristiche

Nikon Z prezzi più abbordabili rispetto alle Nikon mirrorless full frame? La Nikon Z50 si colloca in una fascia di prezzo intorno ai mille euro. Ha un robusto corpo macchina, tropicalizzato, che ne fa un apparecchio di sicura qualità rispetto ad oggetti simili molto più “plasticosi”. La Nikon mirrorless è in grado di fornire prestazioni eccellenti sotto tutti i punti di vista: dallo scatto in condizioni di scarsa luminosità, alla ripresa dei video in 4K. E, cosa di sicuro rilievo, ha un sensore da 20,9 Megapixel: le fotocamere di pari categoria non si spingono, il più delle volte, oltre i 12 Megapixel.

Altri dettagli

La Nikon Z50 è una camera leggera (davvero questa volta) e facile da utilizzare, anche dal punto di vista dei menù. L’autofocus si dimostra reattivo e così pure la qualità dei filmati non può che dirsi ottima. Si tratta di una Nikon mirrorless ideale per i fotografi di viaggio, da portare in vacanza o sempre nello zaino durante gite ed escursioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *