Computer Palmari: Storia di un prodotto e innovazione

computer palmare

Vi ricordate i vecchi palmari? Veramente inguardabili, ma erano dei gioielli di tecnologia. Peccato che i loro fratelli del 2000 siano dotati di superpoteri

Cosa sono i computer palmari e quali migliorie comporta il loro utilizzo? Ma soprattutto: sono una tecnologia superata oppure stanno tornado in forma rivisitata? Non ci piace la suspense e quindi vi riveliamo subito che sono tornati (e in ottima forma). I primi computer palmari erano originariamente concepiti come una sorta di agenda elettronica. Un sistema non particolarmente evoluto, solitamente dotato di orologio, calcolatrice, calendario, rubrica contatti e lista di impegni o attività.

computer palmari
PRIMO PALMARE: PSION ORGANISER II

1 Storia di un mito

Il primo produttore di un palmare è stato Psion nel 1986. Il modello si chiamava Organizer II, un minicomputer da tenere nel palmo di una mano. Era dotato di funzioni veramente basilari, forse troppo. Tanto che nel 1991 venne messo in commercio il secondo modello: Psion Serie 3. Quest’ultimo poteva finalmente vantarsi di avere una tastiera che il fratello maggiore non aveva. A partire dall’anno successivo si è iniziato a chiamarlo definitivamente con il nome inglese attuale: PDA (Personal Digital Assistant). Nel 1994 IBM ha introdotto il primo palmare con funzionalità complete di telefonia mobile che può anche essere considerato il primo smartphone. Infine, nel delirio generale, Nokia ha cavalcato l’onda due anni dopo presentando un palmare (9000 Communicator) che divenne il PDA più venduto al mondo. Il Communicator può essere considerato l’antenato del nostro meraviglioso e adorato smartphone.

computer palmari
SECONDO PALMARE AL MONDO: PSION SERIE 3 DEL 1991

2 A cosa servono i computer palmari?

Questi dispositivi sono dotati della capacità di collegarsi e sincronizzare dati con i personal computer, sia con un collegamento a infrarossi che con una connessione seriale, USB o bluetooth. Oggi alcuni palmari possono collegarsi a dispositivi esterni aumentandone le possibilità d’uso. Il loro limite, forse, sta ancora nella memoria disponibile. A Londra, un’azienda tech -chiamata Planet Computer– sta costruendo un PDA di nuova generazione con un look molto anni ’90. L’importante è non ritornare ai tempi in cui, quando si scaricavano le batterie, si perdeva tutto il database. In ogni caso i PDA del passato erano considerati veri e propri portenti tecnologici.

computer palmari
PDA DELLA PLANET COMPUTER IN FASE DI REALIZZAZIONE

3 Palmari in offerta

Se state cercando dei computer palmari in offerta per la vostra azienda, anche su Amazon potete trovarne numerosi modelli. Uno tra tutti il Datalogic Memor X3, con risoluzione del display 240 x 320 Pixel. Dotato di display touch screen TFT, wi-fi e bluetooth è sicuramente un valido alleato in azienda. Altro pezzo forte l’Honeywell Dolphine 60S, anch’esso touch screen.


4 Compure palmare Brother PT-H110

Il mondo dei palmare è in continua evoluzione. Le stampanti per etichette completamente autosufficienti come Brother P-touch PT-H110, generalmente presentano uno di due fattori di forma. Alcuni, come l’Editor ‘Choice Brother P-touch PT-D200, offrono una forma più o meno rettangolare e sono più larghi di quanto si possa facilmente avvolgere la mano. Altri, come il PT-H110, sono progettati con precisione per essere tenuti in una mano, con i lati curvi progettati per una presa comoda. Per coloro che preferiscono il design completamente portatile, PT-H110 offre un’opzione economica e di facile utilizzo per la stampa di etichette senza computer.

Come la PT-D200, la PT-H110 stampa il tipo di etichette laminate adatte per uso interno oesterno. In effetti, stampa sugli stessi nastri del PT-D200, con unavarietà di tipi di nastro tra cui etichette laminate standard; etichetteflessibili; etichette con adesivo extra resistente per superfici irregolari oambienti difficili; etichette in tessuto non laminato su ferro; ed etichetteprive di acidi, che in realtà significa etichette con adesivo privo di acidi inmodo da poterle utilizzare in sicurezza su una foto senza danneggiarla.

Nonostante utilizzino le stesse etichette e abbiano un prezzo relativamente vicino, le due stampanti offrono diversi set di funzionalità oltre alle loro forme e tastiere. In particolare, il PT-H110 ha solo un carattere, anziché otto; può memorizzare solo 9 etichette in memoria anziché 30; e funziona completamente a batterie, senza opzione adattatore di alimentazione. Invece di essere essenzialmente la stessa stampante con un fattore di forma diverso, in breve, è una stampante significativamente diversa. Fisicamente, il PT-H110 è simile al DYMO LabelManager 420P molto più costoso, ma più piccolo.

Pesa circa 1,1 kg completo di batterie. Tuttavia, è molto più piccolo di quanto ci si aspetterebbe dalle misurazioni, poiché la larghezza e l’altezza massime si applicano solo nell’angolo in alto a destra, dove sporge la taglierina manuale. Quindi è facile da impugnare. L’impostazione della stampante consiste nello scatto della cartuccia del nastro e di sei batterie AAA. Brother non fornisce batterie, tuttavia; dovrai portarli altrove.

Creazione e stampa dietichette

La creazione e la stampa di etichette è abbastanza sempliceda permetterti di imparare tutto ciò che devi sapere senza mai consultare laGuida per l’utente. La stragrande maggioranza delle scelte sul menù delpannello di controllo di questo palmaree sui pulsanti per scopi speciali sono autoesplicative. L’unica caratteristicache non può sembrare ovvia è come salvare un’etichetta in memoria, e anchequesto mi ha portato solo qualche falso inizio per andare bene.

Per stampare un’etichetta:

– inserire il testo sulla tastiera,

– premere il pulsante Stampa,

– impostare il numero di copie,

– premere nuovamente Stampa,

– attendere il completamento della stampa,

– quindi premere la taglierina manuale.

È possibile impostare le dimensioni del testo su Grande,Medio o Piccolo; imposta il testo su Normale, Grassetto, Contorno, Ombra eCorsivo; aggiungere una sottolineatura o una cornice con varie decorazioni suilati sinistro e destro; e aggiungi uno dei 178 simboli, tra cui opzioni comeuna palma, quadrifoglio e un’icona di avviso standard.

Un problema minore è che il display LCD non è retroilluminato. Ma poiché è molto probabileche tu tenga la stampante in una mano, mentre crei l’etichetta con l’altra, disolito dovresti essere in grado di trovare un buon angolo per renderloleggibile. Tra i lati positivi, lebatterie dureranno più a lungo di quanto farebbero con la retroilluminazione.Aiutando anche le ultime batterie è che se si dimentica di spegnere l’unità, sispegnerà automaticamente, aspettando solo cinque minuti dopo l’ultima pressionedi un pulsante.

Velocità

La velocità di stampa per le stampanti per etichette varia principalmente con la lunghezza dell’etichetta, con le stampanti spesso classificate in pollici o millimetri al secondo. Brother valuta il PT-H110 a 20 mm al secondo. In realtà è sorprendentemente veloce per il prezzo. Il 420P molto più costoso, ad esempio, impiegava 6,5 ​​secondi per un’etichetta di quasi 9 cm. Infine, si noti che Brother offre circa 30 cartucce a nastro per PT-H110. Oltre alla varietà di tipi e dimensioni che ho già menzionato, sono disponibili anche in una varietà di combinazioni di colori, tra cui nero su chiaro, bianco su chiaro, rosso su bianco, nero su bianco, blu navy su bianco e nero su giallo.

5 Psion Series 5MX – Computer palmare 16 MB

Il palmare 5mx di Psion è due volte più veloce rispetto alla serie 5 precedente, ha 16 MB di memoria interna (il doppio della memoria) e ha applicazioni aggiornate tra cui: e-mail, navigazione Web, jotter, ordinamento nel foglio di calcolo, vista di struttura nell’elaboratore di testi e un elegante (IMHO ) custodia grigio argento. Il fattore di forma di base è invariato rispetto al 5. È possibile scaricare JAVA anche dal CD incluso. Ci sono state alcune cose che mi hanno particolarmente colpito di questo palmare:

1) Ambienteoperativo. EPOC32 è un sistema operativo maturo con un’interfaccia utenteottimizzata. L’interfaccia utente nontende a ostacolare il lavoro svolto. Multitasks e il passaggio di attivitàquasi istantaneamente.

2) Applicazionirobuste. Ciascuna delle applicazioni integrate sembra più simile alle lorocontroparti desktop rispetto alle versioni tascabili “annacquate”. Ilword processor supporta fogli di stile, grafica incorporata e persino fogli dicalcolo / grafici; l’app di posta elettronica integrata supporta più caselle diposta; il programma dell’agenda supporta la grafica integrata e unaprogrammazione molto flessibile. Non vi sentirete di fare un compromessosignificativo nel lavorare in remoto con il dispositivo.

3) Hardware / Fattoredi forma. Psion 5mx ha la tastierapiù bella di qualsiasi dispositivo della sua categoria. Il display èdecente (non il migliore nella sua categoria, ma perfettamente utilizzabile) –ed è supportato dallo speciale meccanismo a cerniera (quindi toccandolo non siribalta). La penna è ergonomica e ponderata.

4) Disponibilità delsoftware. C’è un enorme seguito disviluppatori per Psion (molti dei quali si trovano nel Regno Unito). Non hoavuto problemi a localizzare le applicazioni per tutte le mie esigenze. Granparte del software è anche freeware o shareware. Per le persone orientate albusiness, ci sono applicazioni diproject management, programmi di presentazione (che visualizzano /modificano PowerPoint!), programmifinanziari e altro. Nella categoria di intrattenimento, c’è un’enorme quantità di giochi sharewaredisponibili; c’è anche un emulatore Spectrum che esegue la libreria diprogrammi 4000+ di giochi a 8 bit a tutta velocità.

5) “Zoom”globale. Questa caratteristica di questo palmare è sorprendente. In tuttele applicazioni integrate (anche l’app di sistema) e in molte app di terzeparti, è possibile ridimensionare il testo / la grafica su schermo tra quattrodiversi livelli. Lo zoom non influisce sull’output di stampa, ma principalmenteper facilità di modifica / navigazione.Funziona quasi istantaneamente ed è davvero molto utile per svolgere varilavoro. Ad esempio: sarai in grado di ingrandire l’immagine sull’elaboratore ditesti e vedere molto chiaramente ciò che stai scrivendo, quindi rimpicciolireper la visualizzazione a larghezza intera della pagina (la visualizzazione èlarga 640 pixel) al fine di formattare correttamente i paragrafi e spostare lecose.

6) Durata dellabatteria. Questo palmare garantisce una durata della batteria eccezionale.

8) Supporto Macintosh.Sebbene non sia robusto come la sua controparte per PC, Psion fornisce unpacchetto di connessione Mac opzionale. Include l’adattatore per cavo e ilsoftware per eseguire backup, installare software e persino montare i“dischi” di Psion sul desktop per una completa integrazione conFinder. Trascino i documenti di routine tra Psion e il mio Mac. Per questesemplici operazioni, il pacchetto Mac connect funziona in modo molto sempliceed elegante.

Certo, ci sono state alcunecose che potrebbero darti fastidio:

1) Devi usare lapenna (o un’unghia se sei coraggioso) per lanciare una qualsiasi delle applicazioni. Sarebbe bello se cifossero scorciatoie da tastiera per almeno le app integrate. È tuttaviapossibile scaricare programmi macro freeware che offrono questa funzionalità.

2) Mancanza dicategorie nei programmi Agenda e Contatti. Puoi avere file di agendaseparati, ma molti preferiscono visualizzare tutti i programmi in una volta.Non puoi avere più file di contatto.

3) Nessuno slot perPC Card. C’è uno slot CompactFlash per l’espansione della memoria (ho unascheda da 80 MB nella mia!), Ma non c’è supporto per le PC Card. È possibileacquistare un adattatore per PC Card che consente l’uso di schede modem, ma nonè disponibile il supporto per schede Ethernet e altri dispositivi simili.

Nonostante queste carenze relativamente minori, la SeriePsion 5mx è la cosa più vicina a un compagno digitale mobile ideale come èattualmente disponibile.

Articolo scritto in collaborazione con Luigi Maiello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *