Essential Phone

Essential Phone: Nessuna vendita, successo inaspettato

Non succedeva da anni: nel mondo smartphone vince il volume di vendita. Contro ogni aspettativa (e numeri) Essential Phone ha già un enorme successo

Andy Rubin, il padre fondatore di Android ci riprova. Questa volta con l’intento di entrare nella fetta di mercato medium-hight quality, in concorrenza diretta con i colossi Apple, Samsung, Google. Il successo di Essential Phone parte sin dalla presentazione del progetto, probabilmente molto ben comunicato. Le premesse riguardo le caratteristiche hanno spiazzato i consumers perché potrebbe davvero diventare il migliore smartphone sul mercato. E dove non arriva con la qualità compensa con l’originalità. Le specifiche dell’Essential Phone sono aggiornatissime e lo schermo copre quasi tutta la parte frontale del dispositivo. Alla pari dell’ultimo Samsung Galaxy S8 e forse anche di più. Il software rimane comunque Android, ma la vera scommessa si gioca sulla parte hardware!

Essential Phone

Ennesimo tentativo?

Negli ultimi anni abbiamo visto tantissimi tentativi simili, la maggior parte di questi progetti non ha mai visto la luce. Nessuno, fino ad ora, ha ancora scombinato le carte. Per questo motivo i nostri dubbi sono leciti e, nonostante l’entusiasmo per un prodotto finalmente diverso, abbiamo bisogno di vederlo in funzione. Uno dei segreti del successo spropositato di Essential Phone è sicuramente legato all’impatto mediatico. In alcuni casi abbiamo assistito a strategie di marketing sovradimensionate rispetto alla qualità reale del prodotto. In questo caso, media ed esperti di settore hanno visto la luce al solo sentire il nome, senza dubbio autorevole, di Andy Rubin. L’informatico era ancora molto giovane nel 2014, quando lasciò Google per andare in pensione. Alla fine ha deciso di cimentarsi nel mondo delle startup, creando anche un fondo di Venture Capital. Essential è la prima azienda nata proprio da quell’iniziativa, fondata e guidata personalmente da lui. Ha un bellissimo sito ed una grafica da “azienda navigata” nonostante abbia appena iniziato a commercalizzare i propri prodotti.

Essential Phone

Le tre caratteristiche innovative

Abbiamo già detto quanto le specifiche siano tra le migliori possibili per uno smartphone Android. Essential Phone ha tutta la componentistica disponibile top di gamma, ad oggi, sul mercato. Ma i 3 aspetti che fanno davvero la differenza sono la qualità ingegneristica dei materiali, il retro e lo schermo. Analizzando più a fondo: la cornice della scocca telefono è in titanio, fosse in alluminio si piegherebbe in un istante visto che ha uno spessore veramente minimo. Il retro invece è in ceramica (molto resistente, ma lascia passare molte più onde elettromagnetiche rispetto al metallo). Infine lo schermo: 5,7” di schermo su un fattore di forma da 4,7”. Uno schermo molto grande e coinvolgente, Gorilla Glass 5, che segue una tendenza ormai imprescindibile.

Essential Phone

Ancora novità?

Come se non bastasse, la vera particolarità è la posizione della fotocamera frontale che si ritaglia uno spazio nello schermo. Per quanto riguarda lo stoccaggio, Essential Phone è progettato con 128 GB di memoria interna UFS 2.1 non espandibile. 128 GB sono molti, è vero, ma l’impossibilità di espandere la memoria a piacimento, in un mercato dove la prima regola è la personalizzazione del prodotto, potrebbe essere uno svantaggio. Il suo peso complessivo è di 185 grammi, molto leggero.

Essential Phone
SEZIONE DELLA FOTOCAMERA 360°

Gli accessori che fanno la differenza

Tra le novità, fanno gola in particolare tutti gli accessori modulari previsti in accoppiamento all’Essential Phone. Questi accessori si possono connettere al telefono grazie ad un aggancio magnetico posto sul retro. Trasmissione dei dati e alimentazione dell’accessorio stesso avvengono senza l’utilizzo di cavi, ma con una speciale connessione USB wireless. Non possiamo ignorare la comodità e l’innovazione legata a questa trovata. Il primo accessorio modulare è una fotocamera panoramica a 360°, per creare contenuti tridimensionali per la realtà virtuale o aumentata. La risoluzione del sensore è di 12 MP su entrambi i lati, con fisheye. Sul sito di Essential viene definita come “the world’s smallest 360° personal camera”, in effetti lo è! Una volta agganciata, lo scatto può avvenire normalmente, senza alcun settaggio preventivo ed essere subito condiviso. Davvero il massimo anche per gli instagrammer più accaniti! Il secondo accessorio degno di nota è la docking station per ricaricare l’Essential Phone. Anche questa è dotata di connettori magnetici, permette di ricaricare il dispositivo in qualsiasi momento, assicurando una continuità di utilizzo dello smartphone senza improvvisi spegnimenti.

Essential Phone
DOCKING STATION PER ESSENTIAL PHONE

Si può acquistare, ma l’Italia aspetta

Da ieri, 17 agosto 2017, l’Essential Phone è disponibile sul sito ufficiale al prezzo di 699 dollari. Due le colorazioni disponibili: Black Moon e Pure White. Solo per un tempo limitato sarà inoltre possibile acquistare smartphone + Essential 360 Camera ad un prezzo speciale di 749 dollari. Presto saranno disponibili altre due colorazioni: Stellar Grey e Ocean Dephts. Come se già i nomi dei colori non fossero abbastanza! Purtroppo queste condizioni valgono solo per gli americani. Tutti gli altri, italiani compresi, dovranno ancora aspettare (non si sa quanto) per avere in mano uno di questi gioiellini. Ed insieme a Essential Phone aspettiamo anche Essential Home, base domotica che sfiderà Amazon Echo, Google Home e quella di Apple in uscita. Approfondiremo presto in un articolo dedicato!

Essential Phone
ESSENTIAL HOME

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *