scheda audio Focusrite

Scheda audio Focusrite, scopriamo l’interfaccia audio USB topseller

A caccia di una scheda audio Focusrite esterna? Ecco Focusritescarlett 2i2, la top seller fra le interfacce audio USB, amatissima anche in post acquisto

Avete visto un video YouTube di una cover con un ottimo sound ma vedevate solo un Macbook e una scatolina rossa accanto alla cantante? Sì, esattamente, l’interfaccia audio USB che avete visto è lei, la Focusrite scarlett 2i2. La top seller europea, e segreto di molti amatori e semiprofessionisti che pubblicano contenuti sul web, in particolar modo su YouTube. Infatti, Focusritescarlett 2i2 è l’ideale compagna del musicista che fa home recording o vuole registrare in sala prove con la sua band, ma anche di tutta quell’immensa platea che va dagli youtubers, ai gamers, ai podcasters che ha bisogno di un device audio al prezzo giusto.

La classica domanda: “la scheda audio Focusrite 2i2 Scarlett è meglio per Mac o Windows”?

Analizzeremo la scheda con una recensione approfondita e basata sui feedback dei consumatori ma la risposta al primo quesito è semplice. L’unica differenza è che la Focusritescarlett 2i2 si installa plug and play su Mac, mentre necessita del driver per lavorare su Windows. Nessuna differenza quindi, una volta scaricato il driver dal sito ufficiale la resa è identica anche su PC.

2i2 Scarlett e resto della gamma, il segreto del recente successo | Scheda audio Focusrite

Il mercato nella fascia di prezzo fra i 50 e i 150 euro è molto affollato, e sicuramente presenta altri prodotti di qualità come quelli a marchio Presonus o M-Audio. La gamma di schede audio prodotta da Focusrite è divisa in due rami: la Clarett e la Scarlett 2nd generation. Le schede della gamma Clarett si rivolgono a un pubblico di professionisti o navigati del settore, ma la qualità che il produttore fornisce alla linea Scarlett è di per sé la stessa, ad eccezione per alcune finiture che sono di materiale più pregiato nel primo caso. Dunque, analizzando la 2i2 Scarlett, parleremo di un prodotto appartenen te formalmente ad un entry level, ma con una qualità assolutamente degna di nota.

La distinzione infatti è principalmente basata sulle opzioni di connessione alla scheda audio Focusrite che fanno sì che la scheda sia più adatta a contesti casalinghi, dove le persone suonano da sole o al massimo in coppia e desiderano magari un buon device per ascoltare musica. Ovviamente, con l’ausilio di un mixer si può lavorare tranquillamente in sala prove anche con questo modello, senza contare quanto possiamo guadagnare in portabilità con una scheda dalle dimensioni contenute.

La semplicità di utilizzo abbinata al pacchetto software completo, che permette di avere tutto quanto possa servire in uno studio di registrazione, rende la scheda audio Focusrite la più ambita nel mercato entry level. Il successo di Focusrite, come accennavamo, risiede nella chiave qualità professionale a buon mercato e ottima brand reputation. Infatti l’accattivante metallo rosso spazzolato di Focusrite ha creato un brand che è sinonimo di affidabilità, con un’operazione simile a quella fatta da Apple col lancio dei primi iPhone sul mercato.

Le recensioni del prodotto sono numerosissime, con una media voti su Amazon di 4,5 stelle e centinaia di altre recensioni positive online da parte dei consumatori. Trovare informazioni sul web in quantità elevata è un buon segnale per chi vuol scegliere un’interfaccia audio USB che sia un buon investimento iniziale per il proprio progetto audio o musicale. Qui di seguito troviamo il link al prodotto su Amazon al prezzo attuale di 128 euro.

2i2 Scarlett, come funziona | scheda audio Focusrite

Scendiamo adesso più nel tecnico e nel vivo del funzionamento della Focusritescarlett 2i2. Il rapporto qualità prezzo è molto buono, grazie anche alle molteplici funzionalità dell’interfaccia audio USB. La 2i2 Scarlett è dotata di due entrate e 2 uscite. All’interno degli input è situato un nuovo processore del suono, il pluripremiato preamplificatore Focusrite. Questo tipo di input ci permetterà di entrare ad esempio anche direttamente con uno strumento (basso, chitarra) senza bisogno di bilanciatori di segnale.

In pratica, basta attaccarsi col cavo alla scheda audio Focusrite per poter suonare i nostri strumenti. La potenza del segnale in entrata è di 106 decibel. La Focusritescrlett 2i2 è priva di alimentazione esterna. Il convertitore audio inoltre raggiunge una frequenza di campionamento sino a 192 kHz/24 bit, ideale per avere il massimo della qualità sia in situazioni di home recording che live. L’interfaccia audio USB viene riconosciuta da tutti i software di produzione grazie allo standard Asio.

Al momento dell’unboxing notiamo la semplicità della dotazione. La scheda audio Focusrite è dotata semplicemente di codici per scaricare il software e il driver dal sito ufficiale e un cavo usb per collegare il device. L’interfaccia audio USB misura 24,38 x 10,41 x 16,76 centimetri e il controllo del volume di output è gestito da una grande manopola frontale. Sul retro si trovano invece le connessioni per collegare dei monitor audio o impianti esterni con 2 uscite jack 6,3 bilanciate. Gli ingressi fontali dispongono di entrate combo jack XLR con controllo del gain e switch fra ingresso line/mic ed instrument.

Per entrambe le entrate audio è attivabile l’alimentazione phantom 48V per microfoni a condensatore. Il volume in entrata è controllato da una spia a led circolare attorno ai potenziometri del gain che permette di tenere sempre sotto controllo il volume in entrata. La spia della scheda audio Focusrite ha una colorazione che varia dal verde al rosso passando dal giallo/arancione, per evitare il rischio di clipping e settare i volumi in base alle nostre esigenze. La Focusritescarlett 2i2 è inoltre dotata di switch per la funzione di direct monitor. La 2i2 Scarlett gestisce l’uscita audio per cuffie con un potenziometro collegato ad un amplificatore interno di altissima qualità. Per questo molti utenti nelle loro recensioni consigliano l’utilizzo di cuffie da studio per sfruttare al massimo la definizione audio.

Grazie alla sua bassissima latenza la 2i2 Scarlett è ottima per l’utilizzo di virtual instruments in tempo reale, così come plugins per chitarra, basso o altri strumenti in entrata. Di fatto, la scheda audio Focusrite si trasforma in un amplificatore per chitarra con i software che riproducono i suoni più classici senza latenza. Quest’interfaccia audio usb è anche consigliata da alcuni insegnanti di musica per esercitarsi in cuffia e imparare meglio uno strumento suonando liberamente in qualsiasi orario. L’utilizzo è insomma semplicissimo. Per iniziare a registrare basta solo collegare le cuffie ed immergersi nella qualità del suono tipico della scheda audio Focusrite.

Caratteristiche tecniche 2i2 Scarlett | scheda audio Focusrite

Sicuramente se siete interessati alla scheda audio Focusrite avrete già un’idea di come predisporre la vostra stanza per l’home recording. Se l’interfaccia audio USB è il tassello mancante al vostro studio o se avete in mente acquisti complementari è bene aver studiato bene la scheda tecnica. Ecco le caratteristiche tecniche del prodotto in dettaglio:

  • Dimensioni del prodotto 24,38 x 10,41 x 16,76 cm
  • 2 preamplificatori microfonici Scarlett dal suono naturale con gain abbondante
  • 2 ingressi strumento di nuova generazione
  • Uscita cuffie con controllo del gain
  • Frequenze di campionamento pari ai top di gamma con una definizione massima di 192kHz/24bit
  • Latenza 0
  • Possibilità di usare plug-in in tempo reale collegandosi direttamente alla scheda audio Focusrite
  • Uscite jack da 1/4″ bilanciate per collegare monitor da studio
  • Chassis in metallo spazzolato rosso con ottima portabilità e resistenza
  • Alimentazione via usb

Software incluso con la scheda audio Focusrite:

  • Pro Tools | First, Focusrite Creative Pack e Ableton Live Lite. Programmi DAW classici per la registrazione multitraccia, con effetti e plugins pronti all’uso.
  • Software aggiuntivo scaricabile dal sito con Novation Bass Station, Focusrite Drum Tracks e Focusrite Loopmasters con 2 gb di loop ritmici e timbri di batteria da usare per le produzioni musicali
  • Nuove offerte gratuite di plugins e software scaricabili periodicamente dal tuo account sul sito Focusrite

Requisiti minimi di sistema della scheda audio Focusrite:

  • Mac OSX 10.10 Yosemite o 10.11 El Capitan
  • Windows 7 (64-bit), Windows 8.1, Windows 10

2i2 Scarlett, le opinioni dei consumatori | scheda audio Focusrite

La scheda audio Focusrite di maggior successo è senz’altro la Scarlett 2i2. Sebbene siano molto apprezzate dagli utenti anche l’interfaccia audio USB Scarlett Solo con una sola entrata (ma ricordiamoci però che tanti strumenti necessitano una doppia microfonatura anche in home recording) e i modelli più grandi, la 2i2 Scarlett second generation è l’entry level più venduto e apprezzato in Europa. Il sound, così come l’aspetto estetico è molto riconoscibile. L’interfaccia audio USB ha un’ equalizzazione “flat”, in questo molto diversa dalle schede M-Audio ad esempio, che rimanda a un suono decisamente british. Più freddo per alcuni ma sicuramente di grandissimo appeal. La scheda audio Focusrite è considerata silenziosa da chi la usa quotidianamente e molto affidabile per ogni tipo di utilizzo.

Un’altra caratteristica apprezzata dal grande pubblico sono i preamplificatori. Specie chi ha provato l’esperienza del device della prima generazione, sottolinea un grosso balzo in avanti con la 2i2 Scarlett di seconda generazione. Il prezzo altamente competitivo di 128 euro, abbinato alla qualità del sound e al generoso pacchetto di software incluso, ha attratto molti amatori e semi-professionisti verso il prodotto. Disponibile anche in un bundle completo di microfono a condensatore e cuffie monitor a 204,90 euro, l’interfaccia audio USB top seller su Amazon dispone del marchio Amazon’s Choice. Di seguito proponiamo il link al prodotto in entrambi i pacchetti disponibili. Qui il link alla scheda audio Focusritescarlett 2i2 (Amazon’s Choice), e qui il link della versione studio pack della 2i2 Scarlett, con bundle completo di microfono a condensatore e cuffie monitor.


Scheda audio Focusrite 2i2 3rd Generation | Il nuovo aggiornamento

L’interfaccia top seller, scheda audio Focusrite 2i2, è stata aggiornata con un nuovo prodotto. Infatti, Focusrite ha recentemente effettuato un upgrade di tutta la sua gamma di schede audio USB Scarlett Focusrite con i prodotti della 3rd generation. Con il rilascio della nuova gamma di interfacce audio di terza generazione, Focusrite dimostra di non avere intenzione di cambiare la sua filosofia, fatta di prodotti audio convenienti, facili da usare e di alta qualità per principianti e professionisti.

Popolare tra i musicisti, i podcasters e tra tutti i tipi di audiofili che hanno bisogno di un audio eccezionale a un prezzo eccezionale, la Scarlett scheda audio di terza generazione punta ad imitare il successo delle versioni precedenti. Di conseguenza, è il caso di analizzare se possa convenire aumentare il  budget di spesa per acquistare il prodotto aggiornato al 2019, o optare per la scheda audio esterna Focusrite più celebre di sempre, la Scarlet 2i2 2nd generation a prezzi più accessibili. Per decidere meglio quale interfaccia scegliere fra i vari prodotti presenti sul mercato o per decidere se l’upgrade della tua scheda audio Focusrite 2i2 a quella di terza generazione possa valere la pena, dobbiamo fare un confronto e scoprire le novità dell’aggiornamento.


Differenze di specifiche tra le interfacce Scarlett Focusrite di seconda e terza generazione

Partiamo col dire che indubbiamente ci sono alcuni notevoli miglioramenti nei prodotti Scarlett Focusrite di terza generazione. Gli input e gli output beneficiano tutti di una gamma dinamica più ampia, migliori gamme di guadagno e maggiore potenza di volume. Questo consente di avere un range sonoro più profondo e un’ancor maggiore qualità audio in registrazione. Per il professionista e per l’amatore appassionato di home recording le novità però non si limitano ad un discorso di gamma dinamica. La nuova scheda audio Scarlett Focusrite 2i2, che succede al modello topseller degli scorsi anni presenta altre novità, sia tecnologiche che di organizzazione del pannello frontale.

Le novità tecniche che troviamo sono:

  • La presenza di porte USB-C velocissime, al posto dei vecchi connettori USB (verifica che il tuo PC disponga di tali porte o procurati un adattatore)
  • Configurazioni aggiuntive di input e output
  • Driver più recenti e migliori con i quali potrai sfruttare appieno le potenzialità dei software in bundle.
  • Un’uscita cuffie migliorata grazie al nuovo driver della scheda. L’ amplificatore per cuffie risulta più pulito e potente a livello di volume (chi ha avuto la stessa scheda audio Focusrite di seconda generazione potrà sentire una notevole differenza).
  • L’Air button. La modalità Air è la vera novità. Attivando questa opzione il suono in registrazione riproduce, secondo i produttori di Scarlett Focusrite, il suono dei celebri e classici preamplificatori ISA. Attivando questa modalità dunque il suono risulta più brillante e arioso.

Per quanto riguarda la preamplificazione, la Scarlett Focusrite di terza generazione vede confermati i soliti e gettonatissimi preamplificatori del passato. Inoltre, come nel caso dei modelli precendenti, anche questa nuova scheda audio esterna Focusrite è completamente compatibile con PC, Mac e qualsiasi software audio grazie alla tipologia di trasmissione Asio.

L’ uscita jack per i monitor posta sul retro della scheda audio Focusrite è anch’essa identica al passato. Il selettore line/instrument è invece sostituito da un elegante tasto retroilluminato. I pulsanti “Direct Monitor” della Scarlett scheda audio di terza generazione offrono un interruttore per controllare fra un tipo di monitoring mono e uno stereo. In pratica puoi scegliere se monitorare il primo canale e il secondo canale in entrata insieme o separatamente, il tutto con bassissima latenza. Anche nel caso della funzione di monitoring la casa produttrice ha optato per eliminare il selettore presente nelle vecchie versioni sostituendolo col nuovo elegante tasto retroilluminato.

La connessione XLR è come sempre alimentabile con phantom power 48 V. L’opzione phantom power è attivabile dal pannello frontale, per permetterti di connettere senza problemi anche i microfoni a condensatore. Anche in questo caso il pulsante retroilluminato sostituisce il vecchio tasto opaco per donare freschezza, modernità e pulizia allo stile del pannello frontale. Con la scheda audio Focusrite come in passato sono inclusi dei pacchetti software in bundle, scaricabili dal sito Focusrite, che risultano molto utili. Dalle Daw ai virtual instrument, Focusrite infatti regala delle licenze comodissime per avere a disposizione uno starter pack-perfettamente funzionante e di qualità per le tue creazioni. Ecco i prodotti rilasciati in bundle con la Focusrite 2i2 3rd generation:

  • Ableton Live 10 Lite
  • Pro Tools First, la versione della celebre DAW in una versione più semplice
  • Pacchetto Softube Time and Tone
  • L’utilissima e molto valida Suite di plug-in Focusrite Red
  • Uno strumento virtuale XLN Audio Addictive Keys a tua scelta

La Scarlett Focusrite di terza generazione merita di essere presa in considerazione per un upgrade?

Per chi già dispone della prima versione della scheda audio topseller di casa Scarlett Focusrite inutile dire che l’upgrade è caldamente consigliato, ma cosa si consiglia per chi ha una scheda audio Focusrite di seconda generazione?

Ovviamente la scelta è personale e da valutare in base alla frequenza d’uso, le necessità del momento e altri fattori. Indubbiamente possiamo elencare dei grossi punti di vantaggio. Partendo però da quello che può stupire meno possiamo parlare di una piccola questione estetica. L’aggiornamento del pannello frontale che abbandona la seriosità del vecchio modello può far storcere il naso a qualcuno e non rappresenta di per sé un grande upgrade. Indubbiamente snellisce e rende più moderna l’interfaccia che però a livello di utilizzo potrebbe persino risultare meno comoda che in passato.

La scheda audio esterna Focusrite Scarlett 2i2 anche nella sua versione di terza generazione resta un prodotto economico, pratico ed efficace. I preamplificatori sono i migliori in questa fascia di prezzo, il che fa spiccare questo prodotto fra le preferenze della vastissima audience presente in questa specifica fetta di mercato. Infatti, questo tipo di scheda audio esterna Focusrite va incontro alle esigenze di un vasto range di utenti: dal principiante ambizioso, al professionista che ha bisogno di una soluzione compatta e di qualità.

Il nuovo software di gestione Focusrite Control rende monitorabile da PC o da Mac tutto quello che succede in entrata ed uscita dalla tua scheda audio, facilitando molto l’esperienza utente rispetto al passato.Le specifiche aggiornate e le funzionalità aggiunte sono sicuramente delle novità gradite e pensiamo che aiutino il prodotto ad essere fra i più competitivi sul mercato. Di fatto anche in questa versione la scheda audio Focusrite 2i2 si candida per la posizione di topseller. Detto questo, se hai acquistato recentemente un’interfaccia di seconda generazione, le differenze possono anche risultare poco rilevanti.

Il nuovo “Air Mode” e il flip mono / stereo sono aggiunte eccellenti, ma a meno che tu non ne abbia davvero bisogno, potrai continuare a lavorare senza notare grandi differenze (se non nella dinamica sonora a disposizione) con la Scarlett scheda audio di seconda generazione. Quindi, se per un primo acquisto la Scarlett Focusrite di terza generazione è caldamente consigliata, dovrai invece valutare attentamente l’upgrade se sei un utente già pratico con il medesimo prodotto della seconda generazione.

Una differenza molto gradita, che può far pendere la bilancia dalla parte dell’upgrade è rappresentata dai nuovi amplificatori per cuffie, che producono un suono significativamente più forte (e più chiaro) rispetto alle generazioni precedenti.

Entrambe le generazioni della scheda audio Focusrite più famosa al mondo rappresentano soluzioni perfette per il produttore musicale da camera da letto di livello medio che cerca di registrare brani e idee in modo rapido ed efficiente. Il tutto è possibile grazie ai preamplificatori, capaci di soddisfare a sufficienza anche i più raffinati, e grazie alla distinguibile qualità del suono della scheda audio Focusrite. Non a caso la scheda audio Focusrite, nelle sue versioni anche con più entrate e uscite, o nella compattissima versione “Solo”, è fra le più gettonate fra i podcaster e chi produce album ufficiali/demo homemade. Infatti, la qualità del prodotto consente di realizzare produzioni musicali idonee ad essere pubblicate in streaming sui vari canali online di distribuzione.

Consigli finali sulla scheda audio esterna Focusrite Scarlett 2i2 3rd generation

Se sei alle prime armi con la produzione musicale, ti consigliamo di acquistare il pacchetto che include microfono a condensatore, cavo e cuffie oltre alla scheda audio Focusrite. Ciò ti permetterà di risparmiare un po ‘di soldi, senza rinunciare alla qualità della scheda audio (le cuffie non sono a livello delle AKG ma inizialmente è meglio investire sulla scheda audio).

Se invece possiedi già una scheda audio Focusrite di seconda generazione come già accennato, le features introdotte possono fare la differenza e rappresentare un valido motivo per un upgrade. Infine, se sei fermo ai prodotti Focusrite di prima generazione l’upgrade è veramente consigliato.

Stesso consiglio per chi non ha ancora una scheda audio ma vuole subito puntare in alto acquistando un prodotto al passo coi tempi, senza badare al risparmio che si ha comprando la Focusrite 2i2 second generation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *