bitcoin core

Bitcoin Core: Come impostarlo e rendere sicure le transazioni in BTC

Se avete investito in Bitcoin, vorrete probabilmente custodirli in modo sicuro. La soluzione consiste nell’affidarsi al client ufficiale della criptovaluta più nota al mondo. Cos’è, come funziona e come impostare Bitcoin Core.

La maggior parte dei software wallet per Bitcoin (BTC) si connette ad altri server per verificare i Bitcoin venduti e ricevuti. Questo pone un problema di sicurezza informatica, in quanto le transazioni possono essere collegate ad un indirizzo IP preciso. Oltre a questo, i wallet di questo tipo possono essere anche ingannati nell’accettare pagamenti non validi, dato che si appoggiano a server di terze parti per fornire informazioni. Chi possiede Bitcoin e vuole una soluzione più sicura per gestirli, deve scaricare il client ufficiale Bitcoin Core. Bitcoin Core crea un vero e proprio “full node” all’interno della blockchain che regola tutte le transazioni della criptovaluta, il che pone comunque una serie di problemi a livello di spazio, tempi di download e banda di rete utilizzata. Con questa guida vogliamo spiegarvi come impostarlo e come rendere più sicure le vostre transazioni in Bitcoin.

bitcoin core

Bitcoin Core – Perché è più sicuro?

Il modo migliore per implementare un full node è quello di impostarlo su un computer dedicato. In questo modo si minimizzeranno sia i rischi legati al download accidentale di malware, sia i rallentamenti derivanti dal notevole dispendio di risorse in termini di processore. Inoltre, mettere in piedi un full node significa evitare di passare da un server di terze parti per controllare che tutte le regole della blockchain vengano eseguite. In altre parole, impedirà a malintenzionati di “sniffare” il vostro indirizzo IP e risalire così alle vostre informazioni.

Bitcoin Core – Installazione pesante a livello di CPU

Questa maggiore sicurezza ha però un prezzo da pagare, dato che il client necessita di parecchio spazio sul vostro hard disk, almeno 2GB di RAM e una certa potenza di calcolo, il che significa che il vostro PC o Mac potrebbe subire dei lag. Per capirne meglio il funzionamento, vi rimandiamo a questo articolo che spiega cos’è la blockchain. Bitcoin Core non fa altro che scaricare tutta la blockchain sul vostro computer (al momento si tratta di circa 160GB di dati), il che rende la prima installazione piuttosto probante per la CPU.

bitcoin exchange

Bitcoin Core – Sincronizzazione e lancio iniziale

Dopo aver effettuato download e installazione, verrete salutati dalla schermata iniziale del client. Vi verrà quindi chiesto di selezionare la cartella dove andranno tutti i dati, ovvero dove verrà custodito il vostro wallet di Bitcoin, nonché la copia di tutto il registro della blockchain. Assicuratevi che ci siano almeno 200GB liberi sull’hard disk. Potete anche decidere di custodire tutto su un hard disk esterno e, soprattutto, di crittografare i dati per renderli più sicuri. Una volta che avrete dato il via all’operazione, il computer inizierà a scaricare e sincronizzare i dati. Un’operazione che potrebbe richiedere qualche ora come diversi giorni, in base alla potenza della vostra CPU e a quanta RAM avete disponibile. 

Bitcoin Core – Crittografia

Come abbiamo già menzionato, la sicurezza dei vostri dati dipende da chi può accedere alla cartella che avete impostato. Un modo per renderla più sicura è implementare la crittografia. Per farlo, basta andare nelle impostazioni e selezionare l’opzione relativa. Ricordatevi di annotare la password con attenzione e custoditela in un luogo sicuro. Qui trovate altre informazioni su come proteggere il wallet.

Bitcoin Core – Backup del wallet

Oltre alla crittografia, è consigliabile eseguire un backup del file wallet.dat per evitare di perdere le informazioni di accesso ai vostri Bitcoin. Il backup è facilmente eseguibile dalle impostazioni (File>Esegui il backup del wallet) e, nonostante la crittografia, vi consigliamo di non posizionarlo nel cloud. Molto meglio scegliere di metterlo su un altro hard disk, su una chiavetta USB o su un NAS locale che non consenta l’accesso in remoto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *