Quale Dell Alienware comprare: Computer portatili, desktop e monitor, la guida

Quale Dell Alienware comprare: Computer portatili, desktop e monitor, la guida

State cercando un pc per il gaming? Forse avrete sentito parlare degli Dell Alienware. Ma quali comprare? Portatili, desktop e monitor: la guida completa

Se si cerca un marchio top di gamma per prestazioni, qualità e cura nei dettagli, si opta per Alienware. Il marchio costola di Dell Computers ha da sempre un solo obbiettivo, stupire i gamers di tutto il mondo con oggetti di culto. Eccone qui una piccola selezione.

Un po’ di storia

Il marchio Alienware nasce nel 1996 ad opera di Nelson Gonzalez ed Alex Aguila, due gamers appassionati che si chiesero “possiamo inventare PC migliori?”. I risultati sono arrivati e li si vede sugli Alienware portatili, ma anche a tutta la folta schiera di prodotti ed accessori che la casa produce. L’azienda si è sempre posta l’obbiettivo di spaccare il mercato con macchine performanti, uniche nel design e assolutamente esagerate. Con fasce di prezzo che si assestano comunque sul medio/alto anche per l’entry level. Inevitabile l’acquisizione di Alienware da parte di Dell, nel 2006. Il colosso informatico puntava l’azienda di Miami fin dal 2002, ma riuscì a comprarla dopo solo quattro anni. Grazie a questa fusione, Gonzalez ed Aguila riuscirono ad ampliare in maniera esponenziale i già loro ampi orizzonti.

Quale Alienware comprare?

I prodotti Alienware, dai Notebook ai Desktop passando per monitor, mouse e tastiere, hanno tutti un leitmotiv che li accompagna. Potremmo deifinirlo in una parola: esagerazione. Prima della comparsa di altri gaming notebook e PC altrettanto performanti sul mercato (pensiamo agli Asus ROG), gli Alienware hanno dominato il mercato tra i nerd appassionati. La filosofia dell’azienda è semplice: costruire macchine opera di videogiocatori per videogiocatori, creando un legame indissolubile fra prestanza e potenza. Gli Alienware portatili possono avere schermi che arrivano a 18 pollici, enormi widescreen con cui godersi i giochi al 100%. I Desktop solitamente sono enormi full tower pieni di componenti di qualità. Per quanto riguarda gli accessori, abbiamo i velocissimi mouse e le tastiere meccaniche con retroilluminazione, perché un po’ di status cool non guasta mai.

I modelli di successo e dove comprare

Non abbiamo ancora detto da dove proviene il nome Alienware. Da una lontana passione dei due fondatori per X-Files, motivo per cui ogni macchina Alienware è ispirata al mondo alieno/spaziale. A partire già dal classico simbolo, il celebre alieno grigio con occhi neri, presente su tutti i modelli più famosi. Alienware portatili come lo storico M17x, rivisto e corretto poi anche negli anni successivi, oppure Alienware Desktop come  l’Area 51, considerato ancora oggi come uno dei PC da Gaming pre-assemblati meglio riusciti di sempre. In mezzo tante altre chicche, come la serie Aura oppure la recente gaming console Alienware Alpha, lanciata nel 2014 che però non è riuscita a sfondare nei cuori dei gamers come altri prodotti dell’azienda. I PC e gli accessori Alienware possono essere acquistati sul sito ufficiale Dell, ma anche su Amazon.

I migliori PC Alienware hanno un filo rosso: il design

Considerato l’approccio aggressivo delle vendite e del prezzo di Alienware sul mercato, queste macchine, gli accessori ed i monitor non potevano non possedere un look appropriato. Non è insolito infatti trovare nei PC Alienware ventole meccaniche che si alzano tramite comandi, enormi LED che si estendono per i fianchi ed il muso del computer, prese d’aria retroilluminate, e altre perle di tamarra ispirazione che fanno di questi PC una vera e propria gioia per gli occhi. Il design come vedremo ricopre tutti i prodotti della famiglia degli alieni americani. Questa piccola guida vi presenta alcuni dei migliori prodotti firmati Alienware.

Alienware Aurora R7, la torre di Mordor in versione Silver

Un mostruoso ed enorme mid tower che già di per sé fa la sua figura sulla scrivania, a cui si aggiungono due enormi fasce LED a croce su entrambi i lati, e la siderale colorazione argento. La serie Aurora si compone  fino ad ora di sette rivisitazioni, e come si intuisce questa è l’ultima arrivata. Spinta basilarmente da un Intel I5 di ottava generazione con frequenza di 2,8 GHz e possibilità di overclock (esiste anche una versione con Intel I7 sempre di ottava generazione), questo bestione non lascia niente al caso. Oltre al performante chipset infatti e all’enorme case, troviamo all’interno 8 GB di RAM e ben due schede video in parallelo. Le schede di questo modello sono due AMD Radeon RX  560X con 4 GB di memoria dedicata ciascuna. E’ possibile personalizzare questo PC, portandolo fino a 64 GB di RAM e montando due Nvidia GTX 1080 all’interno.

Al suo interno non è presente un SSD come ci si aspetterebbe, ma trova posto un enorme HDD da 1 TB, che in fase di personalizzazione può essere portato fino a 2 TB. La versione che troviamo in vendita su Amazon è dotata di un solo terabyte di memoria. Esteticamente è anche possibile smontare i pannelli laterali per ammirare tutte le componenti al loro interno, così come sostituirle e modificarle. Questi PC sono ampiamente personalizzabili, e lo sono anche a livello estetico. Grazie al software Alienware integrato infatti è possibile regolare ogni funzione, dal cambio luci del PC e della tastiera, fino alle frequenze del processore. Una macchina che a discapito di un prezzo davvero alto per l’utente medio non lascia adito a molti dubbi. La serie Aurora ha messo piede sulla terra ormai qualche anno fa, ma ad ogni nuovo modello conferma in pieno le aspettative dei gamers. Più di così, non potevamo chiedere.

Dell X51 – 9652 PC Desktop, piccolo ma feroce

Non volete piazzarvi sul tavolo un enorme torrione ingombrante? Allora buttatevi sulla serie X51. Uscita anche essa da qualche anno, consta ad ora di tre modelli usciti in serie non regolare. Alienware ha pensato bene di invadere anche il mercato dei Desktop portatili, ovvero di quelle macchine low tower dalle dimensioni ridotte.

Questo piccolo mostro oltre alla solita classe estetica data sia dai LED personalizzabili, che dalle linee curve e sinuose che lo fanno assomigliare ad un enorme sommergibile nucleare, nasconde un cuore di potenza esagerata. A bordo troviamo un Intel I5 di sesta generazione da 2,7 GHz con possibilità ovviamente di overclock fino a 4,4 GHz, mentre come comparto video abbiamo sia una AMD 560X e se aggiungiamo circa 400 euro alla cifra che spenderemo per questo modello, possiamo portarci a casa l’upgrade con Intel I7 di ottava generazione e scheda grafica Nvidia.

La scheda grafica ha una risoluzione massima di 3840×2160 pixels, così da poter essere utilizzata anche con monitor in 4K e giochi che supportano questa tecnologia di ultima generazione. Sul retro abbiamo un ingresso HDMI, una porta USB super veloce, due USB Hi-Speed con una altissima frequenza di trasferimento ed elaborazione dati ed una porta USB aggiuntiva con velocità di 10 Gbps. Abbiamo anche la possibilità di mettere più monitor in parallelo e gestire ogni funzione del computer grazie al software Command Center. Aggiornato in questo modello alla versione 4.0, ci permetterà non solo di gestire il comparto luci sia del PC che della tastiera e mouse che collegheremo, ma anche di personalizzare chipset e scheda grafica per ogni nostro titolo preferito, così da avere setup già predefiniti. Il “piccolo” di casa Alienware ha voglia decisamente di far parlare di sé, e se consideriamo la spesa in rapporto al prodotto che ci portiamo a casa, non potremo chiedere di meglio.

Un PC Desktop consigliato a chi cerca una macchina performante, ma ha seri problemi di spazio o non gradisce i giganti da svariati chili. L’X51, una derivazione del ben più noto Alienware Area 51, almeno in termini estetici, accontenterà una folta schiera di giocatori.

Alienware 17 R5, un Notebook che sembra un Desktop

Siete alla ricerca di un Notebook da gaming senza molti compromessi? Portatevi a casa la versione aggiornata ed ingigantita del classico Alienware 15, ovvero l’Alienware 17. Quel numero non è messo lì a caso, ma indica i pollici dell’enorme schermo sormontato dal logo dell’azienda retroilluminato. Schermo con risoluzione Full HD (1920×1080 pixels), predisposto per la realtà virtuale. Questo vuol dire che potrete sia giocare ai titoli che supportano l’utilizzo di visori VR, sia guardare filmati in questa modalità.

Per poter gestire tutto, Alienware ha pensato di piazzare sotto al cofano di questo marziano una GTX 1060 della Nvidia con 6 GB di memoria dedicata, tutto il necessaire per spingere il Notebook da gaming al massimo delle potenzialità. Come l’Intel I7 di ottava generazione presente al centro della scheda madre, che unito ai 256 GB del veloce SSD posto sia per ospitare il sistema operativo, sia per archiviare alcuni dati, rendono questo Notebook una scheggia.

Come accade in ogni Notebook da gaming che si rispetti, anche in questo Alienware c’è la possibilità di aprire il pannello posteriore, oltre ad un alloggiamento per un HDD in più che non fa mai male. Doppio speaker frontale con subwoofer integrato e Dolby Sorround per una resa in fase di gioco che vi farà immergere realmente nell’avventura che state vivendo. Ovviamente un Alienware come questo ha ogni genere di uscita che si possa desiderare. USB 3.0, HDMI 2.0, USB type C, Display Port, ben 3 porte Thunderbolt per la connessione ed il trasferimento veloce, e chi più ne ha più ne metta. Alla “modica” cifra che trovate su Amazon, il gamer incallito si porta a casa una macchina che non può fallire.

Alienware AW3418DW Monitor, il Millennium Falcon degli schermi

Forse non avrà fatto la rotta di Kessel in meno di 12 Parsec, ma questo monitor Alienware da 34 pollici con design curvo sa come farsi notare. Al di là della curvatura dello schermo, ciò che colpisce di questo monitor è il design. Aggressivo, esagerato e pesante, con un enorme piedistallo nella parte posteriore che lo sorregge, al centro del quale si trova il logo alienware scritto in orizzontale. Sormontato da tre fasce LED che verranno poi personalizzate grazie al software presente nel computer che gli collegheremo. Un monitor pensato per immergere i gamers in tutta calma e passione dentro ai loro titoli preferiti, ad un prezzo dobbiamo ammetterlo davvero concorrenziale.

Risoluzione di 3440×1440 e frequenza da 120 Hz, se collegato ad un PC Desktop giusto per lui, questo monitor regala infinite gioie. Una fluidità di immagine unica, supporto per i visori VR, risoluzione ottimale e costantemente monitorata sia dallo schermo stesso, che dal programma presente sul PC. Per collegarlo sono presenti tutte le porte che possono servire: HDMI, VGA, DVI ed anche una Display Port nel caso volessimo collegare più di uno schermo in parallelo. Va da sé che monitor come questo devono necessariamente essere collegati a PC Alienware, di modo da fornire le migliori prestazioni soprattutto per la compatibilità dei software. Tuttavia visto il prezzo molto aggressivo per il prodotto che è, se ne consiglia l’acquisto anche ai possidenti di altri PC, sia di altre marche che assemblati in casa.

Alienware AW3418DW Monitor
Prezzo di listino: EUR 1.199,90
Prezzo: EUR 1.199,90
Price Disclaimer

Alienware AW2518HF 24.5″ Full HD, più piccolo ma non meno potente

Se invece cercate un monitor dal design aggressivo ma meno imponente, ecco la versione a 24,5 pollici. Sempre in risoluzione Full HD (1920×1080 pixels), questa piccola bestiolina conserva il design del suo fratello maggiore. Ritroviamo infatti il piedistallo di grandi dimensioni con la scritta Alienware sullo chassis orizzontale, mentre le tre fasce LED a colori personalizzabili sono presenti anche qua. Piccola chicca il piccolo alieno della casa americana sul lato alto dello schermo, anche se nella parte posteriore. Facendo levitare meno il prezzo rispetto al curvo interstellare visto poco fa, qui abbiamo un classico schermo LCD, ma che farà comunque la fortuna e la gioia dei gamers.

Questo grazie non solo alla ampia risoluzione o alla interfaccia per il VR integrata, ma agli speaker integrati e ai molteplici ingressi. Ingressi che constano di una porta HDMI 2.0, 4 USB, una display port oltre ovviamente all’alimentazione separata. Con un prezzo davvero irrisorio (specialmente su Amazon) per il prodotto descritto, i gamers si portano a casa un monitor coi fiocchi. Costruito per godere appieno dei propri titoli preferiti, o ancora meglio da essere usato in coppia con un gemello, per arrivare allo spaventoso record di 48 pollici totali. Una piccola chicca di questo modello è anche la presenza di una fotocamera integrata nello schermo, anche essa ad alta risoluzione.

Altri accessori: Mouse, Tastiera e Borsa

Completano il pacchetto di questa enorme carrellata targata Alienware alcuni indispensabili accessori. Partiamo con il Mouse, l’AW558. Dal design unico nel suo genere, perfetto da stringere nel palmo della mano, questo mouse ottico con filo incorporato (è raro che i gamers utilizzino mouse wireless, perché meno precisi), è ampiamente personalizzabile. A partire ad esempio dalle luci che si regolano assieme al monitor ed alla tastiera, oppure alla frequenza ed alla sensibilità settabile su tre livelli. 120 grammi di peso per un prezzo concorrenziale sotto tutti i punti di vista.

Proseguiamo con la tastiera meccanica AW768. Layout QWERTY e tasti meccanici personalizzabili nei colori e nella pressione, questa tastiera è anche regolabile in altezza. Ha una barra d’acciaio per l’appoggio degli avambracci nella parte inferiore, ed include anche una modalità Game che setta alcuni tasti personalizzati per partite subito attive. Design come sempre aggressivo e colori fluo dei LED, unito allo chassis di plastica e metallo in una elegante colorazione Silver. Chiude il cerchio lo zaino portatile di Alienware. Capiente e resistente per ospitare Notebook fino a 17 pollici. Maniglia in metallo rinforzato e spallacci in nylon espanso per pesare meno sulle spalle. Molte tasche al suo interno per ospitare accessori come mouse e cavi, ma anche documenti e quant’altro, e perché no, anche il visore VR se acquistate un Notebook Alienware. Uno zaino da portarsi sempre in giro, capiente ed economico considerando i materiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *