Mouse ergonomici verticali: Quale comprare, benefici e prezzi

Mouse ergonomici verticali: Quale comprare, benefici e prezzi

Contro il tunnel carpale, ci sono i mouse ergonomici! Verticali, con un nuovo design, ecco quale conviene comprare e perché nella nostra guida.

Avete mai sentito parlare dei mouse ergonomici? Probabilmente si, ma quanti di voi sanno che esistono anche modelli verticali? Sono in commercio ormai da qualche tempo, e si prodigano nel risolvere alcuni problemi legati all’eccessivo uso di questo strumento informatico. Tunnel Carpale in primis, ma anche postura e infiammazione ai tendini. Andiamo nel dettaglio a scoprire quale mouse ergonomico verticale comprare e perché. Quali sono i benefici? E quanto si deve spendere?

Ecco i negozi online più convenienti per comprare un mouse ergonomico verticale:

Cosa sono i mouse ergonomici verticali?

Tutti noi sappiamo cosa sia un mouse. E’ lo strumento principale assieme alla tastiera con cui interagire in modo normale col nostro PC. Esistono in commercio svariati modelli di mouse, di cui gli ergonomici sono solamente gli ultimi di una lunga lista. Agli albori dell’informatica i mouse erano semi-ottici, ovvero sfruttavano la movenza di una piccola sfera collegata a sensori, per inviare informazioni statiche e fisiche al cursore del PC. Nel corso degli anni poi la sfera è stata sostituita da un vero e proprio sensore ottico, in uso ancora oggi.

Esistono mouse più o meno sensibili, i cui files interni registrano informazioni dettagliate e forniscono un feedback diverso a seconda di ciò che stiamo facendo. Ne sanno qualcosa non solo i gamers, per i quali le aziende si sbizzarriscono nel creare mouse sempre più precisi e performanti, ma anche i grafici o i designer. Immaginate di dover spostare un cursore in modo così preciso da non potersi permettere la minima “sbavatura”: da qui la creazione dei mouse verticali. Si tratta di mouse sofisticati, che i nerd ad esempio hanno scoperto solo recentemente come alternativa ai classici mouse da gaming (generalmente più costosi), che permettono non solo un maggiore grip sul cursore del PC, ma anche benefici medici che adesso andremo a spiegare.

Quali sono i benefici medici legati ai mouse ergonomici?

La mano a lungo andare si stanca nel tenere sempre la medesima posizione, e stesso discorso è valevole anche per le tastiere (che siano meccaniche, da gaming o standard). Per questo nel corso degli anni le aziende informatiche si sono gettate in massa nel creare prodotti che riuscissero a sopperire alle mancanze dei classici in dotazione. Così come abbiamo tastiere con forme particolari che non stancano le mani durante la digitazione, esistono i mouse con forme e posizioni dei cursori che non comportano rischi.

Ma esistono davvero rischi per la salute? Beh, nell’utilizzo quotidiano no, ma se usassimo il mouse per svariate ore al giorno tutti i giorni, a lungo andare il nostro polso ed i tendini ne risentirebbero, i mouse verticali ergonomici sopperiscono a questo rischio grazie alla loro particolare natura. Motivo per cui anche i gamers li hanno scoperti recentemente, dato che spesso i mouse da gaming sono di forma abbastanza normale, e non riescono nel tempo a non divenire rischiosi per la salute.

Quali sono le tipologie principali?

Diciamo che la natura stessa del nome ce lo fa capire. Parlando di mouse verticali, si presuppone che siano inclinati, il che si traduce in diverse inclinazioni disponibili. Le più utilizzate sono 30 e 90 gradi, quindi semi-verticale e verticale puro. Anche la natura del grip è diversa, abbiamo mouse con cursore mobile, mouse fissi e con sensore ottico, il tutto studiato per una maggiore sensibilità medica durante l’utilizzo. I benefici del mouse ergonomico verticale? Il nostro polso non si stanca facilmente, e secondo gli studi e le recensioni raccolte, a lungo andare il mouse verticale restituisce un feedback molto più naturale rispetto a quello classico, data la sua posizione costrittiva più naturale anziché semplicemente appoggiarvi la mano sopra. Andiamo ora a scoprire quali possono essere le alternative “verticali” disponibili su Amazon.

AUTLEY: Mouse Ergonomico Wireless Ricaricabile, per i “novellini”

Volete un ottimo modello economico con cui iniziare? Autley viene in vostro aiuto con questo piccolo gioiello. Inclinazione a 30 gradi, il che è ottima per chi non è abituato, dato che fa sentire meno il distacco rispetto ad un modello verticale “puro”. Il cursore è molto sensibile, ed anche regolabile su tre livelli di DPI (i DPI sono le scale con cui vengono registrati i movimenti e la precisione del mouse, raccolti in files che vantano una estensione particolare: la .ini). Dato che esistono molte alternative come abbiamo detto, questo in particolare è wireless, ovvero funziona senza fili tramite un collegamento/rete generato dal mouse stesso e da un ricevitore da inserire nel PC.

La rete che viene creata è anche abbastanza potente, dato che parliamo di un 2.4G, più potente di un telefono di vecchia generazione. Interruttore per lo spegnimento e l’accensione, e la sua forma secondo le specifiche è adatta anche a mani molto grandi, cosa molto importante quando si parla di mouse e del loro utilizzo quotidiano. Bello e particolare anche il design, che ricorda molto alcuni strumenti di minimal di fine anni ’90, linee sinuose e curve ed un corpo solido. Essendo un mouse wireless ma senza cursore mobile, abbiamo un sensore ottico posto al di sotto del corpo stesso, che permette il movimento. Compatibile con tutti i principali sistemi in commercio, compreso MacOS. Prezzo davvero imbattibile, meno di 20 euro.

Anker: Mouse Senza Fili con impugnatura Verticale, sempre più in alto

Anker (già incontrtata per il videoproiettore rivoluzionario), storica azienda di prodotti low price risponde con questo mouse ergonomico verticale a 90 gradi. Il che significa che la nostra interazione con esso sarà completamente diversa dal precedente modello. Anche qui abbiamo compatibilità totale con i sistemi, DPI regolabile su tre diverse intensità, ma rispetto al precedente nessuna alimentazione indipendente, bensì a batteria. Siamo sempre di fronte invece ad un mouse wireless, con un sensore ottico abbastanza sensibile (stando alle opinioni che si possono leggere) e una forma più piccola del precedente.

Un design ancora più minimale, ma la skill che conta è la modalità automatica di risparmio energetico. Questo mouse infatti dopo 8 minuti di inattività consecutiva, entra in modalità Sleep per risparmiare batteria, ma può essere risvegliato in un secondo tramite un semplice tocco o il semplice spostamento. Pulsanti speciali come avanti ed indietro personalizzabili, e cursore centrale per le esplorazioni della pagina. Che dire, per 19 euro sembra un vero affare, se non altro per entrare in un mondo del quale molte persone sanno veramente poco. Per il rapporto qualità/prezzo, il miglior mouse ergonomico verticale.

Trust GXT 144 Rexx: Mouse Gaming Verticale, dove osano le aquile

Poteva mancare una solida alternativa per i gamers? Classe di utilizzatori che come abbiamo detto ha scoperto il mouse ergonomico verticale da poco? Assolutamente no, ed ecco che Trust, probabilmente una delle aziende produttrici di mouse più famosa al mondo, arriva in loro soccorso con questo GXT 144 Rexx. Partendo da presupposti decisamente più tamarri dei due modelli precedenti, qui abbiamo un mouse con ben 10.000 DPI di sensibilità, unita ad una forza di accelerazione di 20G. Il che significa che questo mouse è adatto ad utilizzi estremi, ad una forza di pressione costante e ad una attività frenetica. Tutti ed otto i pulsanti di questo mouse sono personalizzabili, così come i LED RGB, che possono essere calibrati sia nell’intensità che nel colore.

A disposizione infatti all’interno della confezione un piccolo programma di gestione che ci permetterà di interagire col mouse. Bellissimo il design col logo Trust GTX nella parte inferiore. Accelerazione folle nelle azioni e un tappetino antiscivolo aggiuntivo per poggiare il pollice: è da queste piccole differenze che si distingue un mouse da gamer da uno classico per utilizzo quotidiano. Per riuscire a sfruttare al meglio le sue capacità di velocità e sensibilità, non è un mouse wireless, così da non creare latenze di alcun tipo: abbiamo invece un semplice attacco USB. Ma che bomba ragazzi, a un prezzo comunque accessibilissimo.

Logitech MX Vertical Mouse: ergonomico, high price o high level?

Passiamo a qualcosa di ancora più particolare con Logitech (di cui noi adoriamo gli speaker UE), l’altra faccia dei mouse. Se l’azienda precedente ha una storia importante, Logitech ha un vanto pluriennale. Azienda capace di compiere studi ed esercizi di stile notevoli, qui si presenta col suo mouse ergonomico verticale da 57 gradi di inclinazione. Studiato secondo le specifiche riportate con alcuni esperti medici nel campo della posturologia e del fisico umano, questo mouse promette di essere comodo, facile da utilizzare ma soprattutto professionale. Tecnologia wireless, cablaggio e ricarica USB, superfice interamente in gomma per un maggiore grip, pulsanti totalmente personalizzabili ed un feedback unico.

Distanza massima di utilizzo a 10 metri, sensibilità a 4000 DPI, il che significa che se vi state chiedendo quale mouse ergonomico verticale comprare per lavorare, probabilmente è questo. Parliamo però di un prodotto abbastanza costoso, che nonostante lo sconto Amazon arriva a superare gli 80 euro. Una cifra che ci fa capire ancor di più quanto non sia rivolto alle persone “casuali”, quanto piuttosto ai professionisti in cerca del mouse perfetto per operare ore ed ore senza stancarsi. Nella confezione viene fornito anche il programma di personalizzazione dei tasti, in cui andare ad agire sul loro comando, ma anche sulla sensibilità di ognuno.

Evoluent Vmcr: Mouse Verticale Destro, vediamola da un altro punto di vista

Evoluent è forse uno dei brand più particolari in questo campo, ed ecco che chiudiamo la nostra lista con un mouse completamente inclinato di 90 gradi. Un oggetto a cui si fa fatica inizialmente ad abituarsi, visto che bisogna semplicemente appoggiare la mano sul cursore. Tipo cambio automatico sulle automobili straniere, presente? Questo mousesi stringe come un joystick. Alimentazione tramite cavo, cursore ottico personalizzabile così come i tasti fisici, che possono essere comandati tramite il PC stesso. Un mouse che può essere personalizzato anche nei DPI, aumentabili o riducibili sempre tramite programma.

Si tratta della ri-edizione di uno storico prodotto dell’azienda, a cui sono stati sostituiti materiali ma non la forma. Parliamo di un mouse realizzato in gomma e alluminio per una presa solida e che non stanca alla vista neanche dopo ore di utilizzo. Il cavo in dotazione è di ben 2 metri, quindi ottimo anche per una scrivania ampia (o sedie da gamer belle comode e inclinate) e secondo le recensioni che si possono trovare, la sua sensibilità è davvero ottima. Unica pecca forse il prezzo, che sale sopra i 90 euro. Ma come per il modello precedente di questa lista, parliamo di mouse indicati per i professionisti, coloro che vogliono un prodotto perfettamente funzionate. Per i quali una spesa come questa può essere considerata tranquillamente un investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *