Robot tagliaerba Ambrogio: Prezzi, opinioni e quale comprare

Robot tagliaerba Ambrogio: Prezzi, opinioni e quale comprare

Zucchetti lancia gli Ambrogio, tra i migliori Robot tagliaerba sul mercato. Ma quale comprare? Ecco alcuni prodotti, recensiti per prezzi e opinioni nella nostra guida

Incredibile quello che Zucchetti ha fatto in Italia. L’azienda è famosa soprattutto per il software di gestione per commercialisti. Il Gruppo Zucchetti però produce anche dispositivi per la domotica (ormai arrivata anche in cucina), in particolare i robot tagliaerba chiamati Ambrogio. Tutto il know-how sulla gestione e l’automazione di operazioni complesse, è stato messo a disposizione per creare oggetti che sappiano servire e curare il prato autonomamente. Risultato? Sono tra i grandi player del settore e producono tra i migliori robot tagliaerba sul mercato nel 2018. Ma quale Ambrogio è meglio comprare? E quali sono i prezzi e le opinioni a riguardo? Nella guida, troverete 3 modelli recensiti e alcune informazioni utili. Se invece volete consultare la guida completa, con tutti i brand disponibili, la trovate a questo link

I Robot tagliaerba Ambrogio di Zucchetti: una storia tutta italiana

È il 1977 quando Domenico Zucchetti, commercialista di Lodi, realizza il primo software in Italia per l’elaborazione delle dichiarazioni dei redditi. Sembra un’idea poco attraente ai più, ma nel giro di poco tempo riscuote l’interesse degli studi di commercialisti e nell’anno successivo viene fondata l’azienda Zucchetti. Diventa con il tempo (e tutt’ora lo è) un punto di riferimento per i professionisti del settore. Nel frattempo si specializzano nella creazione di software per la gestione aziendale, producendo per banche, uffici e compagnie assicurative. Ma di Zucchetti apprezziamo soprattutto lo spirito pionieristico: la società si estende in settori nuovi, mai battuti sul suolo italiano. Dalla robotica con intelligenza artificiale, all’enterprise resource planning, all’automazione industriale.

Robot tagliaerba Ambrogio: Prezzi, opinioni e quale comprare
Clicca sull’immagine per consultare tutto il catalogo Amazon di robot rasaerba Ambrogio

Come sono arrivati al giardinaggio?

Bella domanda. Sul sito ufficiale scrivono che la mission aziendale, ormai è “realizzare prodotti altamente innovativi, performanti e competitivi assumendo una forte responsabilità in termini sociali ed ambientali nei confronti del territorio in cui opera”. I robot tagliaerba Ambrogio insomma, sono soltanto uno dei tanti settori in cui Zucchetti ha messo le mani, forte dei suoi 380 milioni di € di fatturato. I modelli vanno bene, hanno un prezzo elevato ma vantano tecnologie che la concorrenza si sogna. L’L60 ad esempio, è tra i pochi modelli di robot che non richiede l’installazione di filo perimetrale. Il nuovo Ambrogio L210 invece, ha un sistema di connessione complessa e una batteria al litio molto capiente. C’è anche l’Ambrogio L300 Elite, per grosse superfici di prato e quattro zone programmabili. Ecco i migliori robot tagliaerba Ambrogio.

[amazon_link asins=’B071ZS5NCH,B00D60Q69U,B06WJ5H1JQ’ template=’ProductCarousel’ store=’albuilder-adv-21′ marketplace=’IT’ link_id=’74dce410-79f2-11e8-865c-77bfe301456f’]

Ambrogio L60: Il più economico del brand

Ha alcune criticità ma tante potenzialità. Non è recentissimo, eppure vanta alcune innovazioni studiate appositamente da Zucchetti. Ci sono i sensori che individuano le aree di prato già tagliato, quelli per calcolare la mappatura del giardino e quelli per gli ostacoli. Gestisce 400 metri quadri di prato e non teme le pendenze più estreme (fino ai 30 gradi, dichiarati). Buona autonomia, che supera le 2 ore di taglio del manto erboso consecutive. Problemi? Le ruote sono talmente massicce che potrebbe lasciare segni sul terreno. Per il resto l’Ambrogio L60 è un ottimo robot rasaerba. E si trova su Amazon a un prezzo ribassato, QUI il link diretto.

Ambrogio L300 Elite: Per chi ha grosse superfici

Il robot tagliaerba Ambrogio L300 Elite non è alla portata di tutti. Il prezzo sfiora i 4500 €, venduto su Amazon con tutte le garanzie del caso. Serve soprattutto a chi ha grossi prati verdi, da mantenere sempre regolari nell’altezza dell’erba. Gestisce oltre 6000 metri quadrati e ha un’autonomia di 5-6 ore. Non pesa poco (17 chili circa) ma non teme né salite, ne ostacoli sul terreno. Le opinioni di chi lo ha provato sono molto positive e l’Ambrogio L300 Elite viene elogiato per le quattro zone di terreno programmabili. Per saperne di più, rimandiamo alla scheda prodotto con tutte le specifiche. Non per tutti, ma è uno dei migliori robot rasaerba disponibili al momento.

Ambrogio L210: il più evoluto

Forse è l’Ambrogio che ci piace di più. Costoso ma non troppo, ha alcune caratteristiche invidiabili. Ci piace soprattutto il sistema smart di cui è dotato, perché si connette al bluetooth con lo smartphone e ha un app dedicata. Molto preciso anche il taglio, grazie alle quattro lame da 29 centimetri e velocità modulare. Batteria super (come certi smartphone targati Vernee) da 7,5 Ah e che garantiscono 3 ore e mezza di funzionamento. Gestisce 2800 metri quadri e pendenze del 45%! Praticamente uno “scalatore” e che utilizza solo due ruote motrici. Anche in questo caso, scordatevi il filo perimetrale. Ambrogio L210 gestisce tutto con i sensori. Potrebbe essere un ottimo punto di partenza, se non si sa quale robot tagliaerba comprare. QUI trovate il link diretto per l’acquisto

2 thoughts on “Robot tagliaerba Ambrogio: Prezzi, opinioni e quale comprare”

  1. Ho acquistato Ambrogio 3 anni fa e le ha avute tutte. Guasti di ogni tipo perfino lo chassis spaccato

    In pratica è stato più il tempo in riparazione che quello in funzione con in più il fatto che il riparatore è scomodissimo.
    Sconsiglio a turi l’acquisto.

    1. Ciao Guido,
      Ambrogio di Zucchetti effettivamente qualche anno fa aveva dei problemi, come buona parte dei robot tagliaerba, d’altronde.
      Nell’ultimo anno però, possiamo assicurarti che hanno fatto passi da gigante e oggi sono prodotti assolutamente consigliabili.
      Ovviamente ci spiace per il tuo acquisto. Se ti può consolare, ci è capitata una cosa simile con un vecchio Zucchetti 😉
      grazie per aver condiviso la tua esperienza e continua a seguirci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *