I libri da leggere in autunno, con le foglie che cadono e i cuori in attesa

I libri da leggere in autunno, con le foglie che cadono e i cuori in attesa

Cerchi un buon libro autunnale da leggere? Se hai voglia di metterti comodo mentre le foglie cadono, dai un’occhiata a questi libri autunnali

L’autunno è una stagione di grandi cambiamenti. I bambini tornano a scuola. Le foglie assumono ogni sfumatura di rosso e arancione. Le temperature iniziano a diventare ostili. È il periodo adatto per rilassarsi con alcuni buoni libri da leggere in autunno. Se vuoi davvero entrare nell’umore autunnale, prendi un libro a tema autunnale.

I libri autunnali sono disponibili in tante varietà quante sono le foglie che cambiano. Puoi leggere un romanzo autunnale che ti ricorda la tua gioventù e farti rivivere i tuoi giorni di gloria a scuola, oppure puoi trovare un libro che parla di natura, con descrizioni vivide del fogliame e del gelo che morde l’aria. Ma a ottobre, è tempo per un diverso tipo di relax: puoi anche scegliere un classico dell’orrore per immergerti nello spirito di Halloween.

I romanzi autunnali spesso parlano di scuola oppure sono comunque a tema educativo. Alcuni titoli fanno ormai parte della tradizione letteraria come Il giovane Holden di J. D. Salinger.“, oppure il più recente L’idiota di Elif Batuman. Ma spesso l’istruzione non è solo nel campo della narrativa. Anche l’apprendimento gioca spesso un ruolo importante nelle memorie. Se preferisci immergerti in lussureggianti ambientazioni autunnali, scegli uno dei romanzi di John Irving (uno lo troverai tra poco in questo elenco).

Ma ricorda sempre che questo mese termina proprio con Halloween, allora potresti scegliere un classico della letteratura horror. Anche se non ti piacciono le storie spaventose, molti classici dell’orrore meritano una lettura e sono parti amate del canone occidentale. Romanzi come Frankenstein di Mary Shelley e Dracula di Bram Stoker sono davvero bei libri. Possono essere considerati dei veri e propri classici da leggere e, a tutti gli effetti, sono dei libri da leggere in autunno, perché ti trasporteranno sicuramente in quell’atmosfera fatta di mistero, attese e suspence. Le letture autunnali possono essere spettrali, spensierate, serie o intelligenti. Scegli uno di questi libri autunnali e immergiti nei loro mondi.

🔶 L’educazione | Tara Westover

Se non hai già letto questo bellissimo libro autunnale, aggiungilo alla tua lista. In L’educazione, Tara Westover descrive la sua brutale educazione in una famiglia di religiosi sopravvissuti in Idaho.

Crescendo, la Westover inizia a capire quanto sarebbero state limitate le sue opzioni senza la possibilità di ricevere un’istruzione formale. Così, a un certo punto della sua vita, decide di cambiare la sua strada, passando da autodidatta in una scuola domestica a dottoranda all’Università di Cambridge.

Se vedi l’autunno come un momento di cambiamento e apprendimento, allora L’educazione è il libro adatto a te, il libro da leggere in autunno e da aggiungere alla tua lista.

🔶 Possessione. Una storia romantica | Byatt

Possessione è molto più di un semplice romanzo, è un vero capolavoro letterario che trascende il genere romantico: è un’epopea per i nostri tempi. Poesie, lettere, storie d’amore messe in cerchio e che sembrano tutte così reali. Questo è un romanzo sulla gioia di studiare la letteratura inglese, un libro da leggere in autunno che cattura l’emozione di comprendere i pensieri dietro le parole che ami, quella sensazione di vero possesso.

Il romanzo inizia con lo studioso sofferente Roland Mitchell che visita la Biblioteca di Londra per esaminare un libro che apparentemente apparteneva al famoso poeta vittoriano Randolph Henry Ash, oggetto degli studi di Roland. Roland vive una relazione con la sarcastica Val. I due vivono in un appartamento che puzza di urina di gatto, dove lei è l’unica a guadagnarsi da vivere con un lavoro che disprezza.

Roland ha sempre ammirato Ash non solo per i suoi successi letterari, ma perché tutto questo è stato ottenuto pur mantenendo una vita domestica stabile. Tuttavia, all’interno del libro Roland scopre diverse bozze di una lettera che il poeta stava chiaramente scrivendo a una signora che non era sua moglie. Ulteriori indagini lo portano a sospettare che Ash possa essere stato coinvolto con la ben più oscura poetessa zitella vittoriana Christabel Lamotte. In compagnia dell’esperta di Lamotte, la dottoressa Maud Bailey, Roland inizia un’indagine che porterà i due nel mondo della politica accademica, dell’analisi testuale e dei segreti di famiglia.

Questo romanzo pluripremiato racconta il romanticismo tra due studiosi di letteratura e include molti meravigliosi stralci per gli amanti dei libri. Byatt intreccia la storia con un mosaico di poesie, fiabe, lettere, annotazioni di diario, narrazioni e persino documenti accademici.

Possessione è una storia d’amore che potremmo definire intellettuale, un romanzo autunnale che ti darà un assaggio di cosa accade in un campus universitario britannico, quando le foglie e la pioggia iniziamo a cadere e i cuori sono in tempesta.

🔶 L’eredità di Mrs Westaway | Ruth Ware

Tutto inizia con una lettera misteriosa: Hal deve ricevere un’eredità. I soldi, a quanto pare, erano destinati a qualcun altro. Hal vuole comunque usare le sue abilità di lettrice di tarocchi per ottenere i soldi, ma presto si ritrova intrappolata in una situazione pericolosa che non si aspettava. Se ami il genere, questo thriller ricco di suspense è ciò che fa per te.

Con questo libro autunnale entriamo nel mondo terrificante e bizzarro dei thriller. Perché un libro horror può creare un po’ di sana suspense che ti accompagna in un pomeriggio autunnale, quando fuori piove e il buio inizia a entrare prima del solito nella tua casa.

L’eredità di Mrs Westaway è un romanzo cinematografico e coinvolgente. Forse è il migliore libro di Ware (finora). L’eredità di Mrs Westaway inizia con Hal, una giovane indovina che ha un disperato bisogno di soldi. Quando viene invitata al funerale di un lontano parente, Hal spende praticamente tutti i suoi soldi viaggiando verso il funerale nella speranza di ottenere un po’ di eredità.

Ware fa un ottimo lavoro nel fissare una posta in gioco alta. Leggere le carte dei tarocchi non è necessariamente una fonte di guadagno e, per questo motivo, è rimasta indietro con le bollette ed è seguita da un uomo che le ha prestato dei soldi a un alto tasso di interesse.

Quando Hal viene contattata per una grande eredità a suo nome, Hal rischia e spende praticamente i suoi ultimi soldi per recarsi al funerale, e prosegue verso l’enorme, fredda, cupa casa di Trespassen della signora Westaway.

Adoro l’atmosfera di Trespassen. La governante sospettosa e riluttante, la signora Warren ci introduce subito nel tono al romanzo: dal dare ordini al suo atteggiamento senza fronzoli, specialmente nei confronti di Hal.

Qualcosa in Mrs. Warren sembra riecheggiare il classico romanzo gotico Rebecca di Daphne du Maurier; il suo odio per Hal contrastava con la sua dedizione e adorazione verso la defunta signora Westaway, la donna morta che sembra incombere su ogni personaggio, non è dissimile dalla defunta Rebecca del classico romanzo gotico. (altro argomento possibile)

In questo caso, la signora Warren sarebbe una versione leggermente più moderna della domestica inquietante, fredda e prepotente di du Maurier, la signora Danvers. Non sorprende che anche il Washington Post definisca il romanzo di Ware

“un racconto di suspense perfettamente eseguito, molto simile a Rebecca di Daphne du Maurier”.

Il romanzo di Ware è pieno di colpi di scena e di mistero. La proprietà decrepita della tenuta prepara davvero la scena per un fantastico thriller. Sicuramente tra i libri autunnali da leggere.

🔶 Le regole della casa del sidro | Irving

Le regole a cui si fa riferimento nel titolo di questo romanzo autunnale di John Irving sono le regole che vengono pubblicate sull’interruttore della luce nella casa del sidro del meleto di Ocean View, sulla costa del Maine, dove è ambientata circa metà dell’azione della storia di Mr. Irving.

“Per favore, non azionare il macinino o la pressa se hai bevuto“.

Ma queste regole vengono più o meno ignorate e una serie di comportamenti completamente diversi viene eseguita dai lavoratori migranti che rimangono nella casa del sidro. Una regola “tipica” sostiene che se entri in un combattimento con il coltello, devi tagliare il tuo avversario quel tanto che basta per terminare il combattimento, ma non abbastanza per farlo ricoverare in ospedale e attirare le autorità.

Allo stesso modo, due serie di regole competono tra loro nel luogo in cui è ambientato il resto del romanzo di Irving. La legge dell’America dell’inizio del XX secolo vieta ai medici di aiutare le donne ad abortire. Ma all’orfanotrofio di St. Cloud, che si trova nell’entroterra di Ocean View, il dottor Wilbur Larch segue le sue regole.

“Nessuno”, crede, “dovrebbe mai fare in modo che una donna abbia un bambino che non voleva avere.”

Il punto centrale del romanzo è che in ogni società ci sono delle regole. L’eroismo sta nello scoprire quali siano quei comportamenti giusti da seguire e impegnarsi a seguirli in ogni caso, anche contro la legge. È vero che il romanzo è pieno di quel misto di commedia e violenza che ormai è diventato quasi il marchio di fabbrica dell’autore.

E così in questo romanzo troviamo una coppia che va a nuotare in alcune rapide e viene spazzata via e uccisa da un vialetto di tronchi. E anche una donna grossa e arrabbiata di nome Melony, che va in giro demolendo edifici e picchiando qualsiasi uomo che cerchi di molestarla.

Ma il romanzo è anche pieno dello speciale marchio di tenerezza del signor Irving. La famiglia di un uomo che muore di Alzheimer (che da sempre veniva considerato un ubriacone) non riesce a ricordare la parola Alzheimer e quindi la chiama Malattia di Al Hammer.

Eppure gli elementi familiari del macabro, del violento e del carino sembrano tutti più controllati e puntati, più dediti alla fine di far avanzare la storia del signor Irving verso una risoluzione definita e coerente.

 Lo stesso si può dire della propensione dell’autore per il sentimentalismo, per le dichiarazioni aforistiche e per l’umorismo da spogliatoio. È come se avesse deciso di smetterla di fingere di essere tutt’altro che un realista che scrive una storia di moralità, e di dedicare tutti i suoi punti di forza e di debolezza a quel particolare fine.

Le regole della casa del sidro è un libro divertente e coinvolgente, in cui troviamo molti passaggi che ci ricollegano al mondo autunnale, fatto di tempi più lunghi e lenti. Non solo le descrizioni vivide dei paesaggi, con le foglie accese e le piogge fitte, ma anche la tristezza di una zattera abbandonata che veniva trascinata intorno alla piscina con l’arrivo di questa stagione.

Nel mondo degli oggetti significativi che “Le regole della casa del sidro” crea, questa tristezza per le cose trascurate a volte ci parla direttamente. Tra i libri autunnali da leggere una volta nella vita.

🔶 Abbiamo sempre vissuto nel castello | Shirley Jackson 

Abbiamo sempre vissuto nel castello di Shirley Jackson è un classico autunnale gotico. La storia Segue la famiglia Blackwood, in particolare le sorelle Merricat e Constance. Constance è stata accusata di aver ucciso metà della loro famiglia, ma ora che è stata prosciolta e tornata a casa, la sorella minore Merricat ha promesso di proteggere Constance dagli abitanti del villaggio e da altri che potrebbero cercare di farle del male.

Si potrebbe sostenere che Abbiamo sempre vissuto nel castello è un libro principalmente sulla routine – routine che è scrupolosamente descritta dalla narratrice e seguita a fondo da lei e da coloro con cui condivide la sua vita: la sua amata sorella Constance, il loro malaticcio zio Julian e persino Jonas, il gatto.

Merricat Blackwood vive nella tenuta di famiglia con sua sorella Constance e suo zio Julian. Non molto tempo fa c’erano sette Blackwood, finché una terribile notte una l’arsenico non raggiunse la zuccheriera. Assolta dagli omicidi, Constance è tornata a casa, dove Merricat la protegge dalla curiosità e dall’ostilità degli abitanti del villaggio. I loro giorni trascorrono in un felice isolamento finché non appare il cugino Charles. Solo Merricat può vedere il pericolo e deve agire rapidamente per tenerlo lontano.

Questa routine quotidiana è quasi una cosa magica per Merricat, fonte di conforto e potere. Certi giorni della settimana appartengono alla pulizia della casa e al fatto che ogni stanza rimanga esattamente come una volta. Altri giorni sono i giorni in cui Merricat si avventura fuori dai confini di casa sua in cerca di cibo e libri. Quelli sono i giorni peggiori: i giorni in cui viene schernita dagli abitanti del villaggio e in cui è chiaro che i Blackwood sono altri e lo sono sempre stati.

Ovviamente non vi diciamo come va a finire la storia di questo libro autunnale da leggere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *