5 libri post apocalittici

5 libri post apocalittici per chi non legge per rilassarsi ma per sorprendersi

L’apocalisse ha catturato a lungo l’immaginazione oscura dell’umanità. È perché la fine della vita sulla Terra è così impossibile da comprendere?

Abbiamo selezionato alcuni dei libri post apocalittici più belli di sempre. E, può sembrare strano, alcuni di essi raccontano questa dura realtà in modo incredibilmente poetico. Romanzi post apocalittici che fanno riflettere sul mondo attuale in modo intimo, facendoci chiedere: dove ci porterà il nostro modo di vivere? Un po’ sulla scia del genere distopico che avete tanto amato.

Vogliamo però chiarire un punto: questi sono romanzi di fantascienza apocalittica scritti in modo impeccabile, per cui anche coloro che non amano il genere potrebbero dedicarsi alla lettura di questi libri sull’apocalisse, che in alcuni casi non presentano neanche un numero di pagine enorme.

🔶 La strada | di Cormac McCarthy

La strada di Cormac McCarthy è uno dei migliori romanzi degli ultimi anni, e anche se qua lo inseriamo in una lista di libri post apocalittici da leggere, possiamo dirvi che andrebbe letto a prescindere, anche se non siete amanti del genere. La strada è un romanzo in cui McCarthy racconta i limiti dell’amore e della disperazione immaginabili tra un padre diligente e il suo timido giovane figlio. Uno è il mondo dell’altro. L’esperienza iniziale del romanzo è sobria e opprimente, il suo effetto finale è emotivamente sconvolgente.

La storia: l’America – e presumibilmente il mondo – ha subito un’apocalisse la cui natura non è chiara. Il centro del mondo è malato. I terremoti si spostano, le tempeste di fuoco imbrattano il terreno, l’aria è piena di cenere per cui bisogna sempre coprire la bocca. La natura si ribella. Il mondo in rovina è a lungo saccheggiato. Il cibo in scatola, delle buone scarpe e delle coperte sono l’aspirazione massima. Tutto ciò è assolutamente convincente e fisicamente agghiacciante. Il padre tossisce sangue, mentre lui e suo figlio si spostano lungo una strada infida che va a sud, verso un mare e – possibilmente – verso inverni più miti.

Il loro fido compagno di viaggio è un carrello della spesa dove mettono tutto ciò che trovano lungo la strada. Un carrello della spesa ironicamente munito di uno specchio da motocicletta per mantenere il controllo su quello che accade dietro di loro. Il padre ha una pistola, con solo due proiettili. Se vengono catturati, altri violenteranno ovviamente suo figlio, quindi li massacreranno e li divoreranno entrambi. Ha in programma di sparare a suo figlio – anche se mette in dubbio la sua capacità di farlo – se vengono catturati. Di tanto in tanto, tra gli incubi, il padre cerca rifugio in ricordi pericolosamente bisognosi e squisiti del nostro mondo perduto.

La fame dilaga, e anche ai personaggi capita di non mangiare per alcuni giorni. Il padre osserva il figlio sempre più magro, con il viso scavato e le ossa della schiena ben in evidenza. Si spostano verso sud, dormendo male sotto un sudicio telone, sistemando falò nascosti, esplorando case in rovina, scavando mele avvizzite. Sentiamo e proviamo compassione per la loro desolazione affamata poiché, nonostante la profonda sfida all’immaginativo romanziere contemporaneo, McCarthy raggiunge completamente questo inferno fisico e metafisico per noi.

Uno dei romanzi post apocalittici più belli di sempre, in cui McCarthy mette in primo piano le basi della sopravvivenza umana fisica e l’intima evocazione di un paesaggio distrutto disegnato con tanta precisione e bellezza. In questo racconto trovano spazio anche alcuni temi biblici come il masochismo maschile, le ferite e dei riti di passaggio. Il padre dice a suo figlio:

“Il mio compito è prendermi cura di te. Sono stato nominato da Dio per farlo… Siamo i bravi ragazzi. Noi portiamo il fuoco”.

Un libro di fantascienza apocalittica che il lettore affronterà, pezzo dopo pezzo, assolutamente convinto, elettrizzato, ipnotizzato dal disgusto e dall’affascinante novità di tutto: fughe incredibilmente fortunate; un treno abbandonato; un’improvvisa liberazione, gioiosa scoperta o una cantina di amputati incarcerati che vengono lentamente mangiati. Ma c’è anche la volontà di cercare sempre altrove, per vedere se le cose possono andare diversamente. C’è un finale di speranza, in cui emergono bellezza e bontà. Dovremmo pensarci. Tutto ciò che il romanzo moderno può fare, è qui.


🔶 World War Z | di Max Brooks

World War Z è un libro post apocalittico di Max Brooks ed è un must per gli appassionati di zombie, in quanto descrive un mondo post-apocalittico che ha sofferto una pestilenza di zombie iniziata in Cina, dopo che un ragazzo di dodici anni è stato morso da qualcosa mentre pescava con suo padre. Dopo che il ragazzo è stato morso, l’esercito non è in grado di contenere lo scoppio e si diffonde in tutta la Cina prima di viaggiare nel resto dell’Asia e poi negli Stati Uniti. Nel romanzo è noto come “Paziente zero”, ma non dovrebbe essere “Paziente uno”? È ciò che mi sono chiesto spesso anche in questi giorni, ascoltando le cronache.

In questo libro che va inserito senz’altro tra i romanzi post apocalittici da leggere, Max Brooks racconta storie individuali. Questi resoconti personali sulla sopravvivenza creano un quadro più ampio nel mondo degli zombie. Ci sono New York, il Sud Africa, dove le persone vengono separate in piccole zone sicure che sono state liberate dagli zombie. In questo libro di fantascienza apocalittica, Brooks commenta come le persone non sarebbero pronte per un’apocalisse di zombie se dovesse accadere nella vita reale. Una delle mie citazioni preferite del libro è:

“La maggior parte delle persone non crede che qualcosa possa accadere fino a quando non lo è già. Non è stupidità o debolezza, è solo la natura umana. “

Un libro dei libri post apocalittici più interessanti da leggere perché si fanno strada anche le opinioni politiche. Israele chiude i suoi confini a tutti gli estranei a eccezione di ebrei e palestinesi. Scopriamo anche che il Canada apre i propri confini a tutti coloro che vogliono fuggire dagli zombi. Tuttavia, milioni di persone muoiono a causa della fame. Sette anni dopo il Paziente Zero, i leader di tutto il mondo si incontrano per discutere possibili azioni. Naturalmente, in tipico stile americano, il presidente degli Stati Uniti suggerisce la guerra contro gli zombi. In questo caso, è ovviamente la scelta giusta.

Il libro sfuma anche con insabbiamenti politici, in quanto risulta che la Central Intelligence Agency in Virginia era a conoscenza della situazione in Cina e l’ha ignorata. Inoltre, le aziende farmaceutiche cercano di capitalizzare sulla paura umana vendendo farmaci “anti-zombi”, che sono solo placebo e, purtroppo, non funzionano. World War Z di Max Brooks è uno dei libri post apocalittici da leggere perché condensa in sé tanti aspetti.

Vediamo anche un’oscillazione del potere politico dopo la fine della guerra degli zombi. Ad esempio, la Cina diventa una democrazia e il Tibet diventa la città più popolata del mondo. Il paesaggio geografico e topografico è stato per sempre cambiato. La Corea del Nord diventa completamente vuota di tutta la vita. World War è un grande racconto di zombie, al cui interno Max Brooks inserisce anche commenti politici e sociali che voleva condividere con il mondo.

Un libro di fantascienza apocalittica che ci spinge a pensare: cosa succederebbe davvero se il mondo fosse invaso dagli zombi? I paesi si unirebbero contro un nemico comune? Oppure, il mondo si sbriciolerebbe sotto la propria cecità egoistica?


🔶 Cronache del dopobombe | di Philip K. Dick

Cronache del dopobombe è tra i migliori libri post apocalittici di sempre. Scegliendo la Guerra Fredda come punto cruciale, Philip K. Dick ha immaginato un’America in cui si manifesta la minaccia post-Seconda Guerra Mondiale di catastrofe nucleare. In questo romanzo di fantascienza apocalittica, Dick fa trovare spazio sempre più ad alcuni dei suoi temi e motivi tipici – schizofrenia e telecinesi – e si avvia verso una conclusione surreale.

La storia inizia con Stuart McConchie che è in piedi sulla strada, spazzando il marciapiedi di fronte al negozio dove vende televisori. Osserva la vita che lo circonda. Tutto sembra normale a San Francisco nel 1992. Lentamente e con sicurezza, vengono introdotti più personaggi in città, tra cui Hoppy Harrington, un uomo senza braccia e senza gambe che possiede abilità innaturali con la tecnologia, così come l’omonimo Dr Bluthgeld, un fisico atomico che crede di soffrire di schizofrenia.

Poi le bombe cadono e la narrazione salta avanti di sette anni dopo il disastro nucleare. Un altro personaggio importante è Dangerfield. Con l’intenzione di iniziare una nuova vita su Marte, le bombe cadono proprio mentre la sua astronave entra nella stratosfera terrestre. Con la stazione che lo avrebbe reindirizzato su Marte distrutta, è bloccato in un razzo in orbita attorno alla Terra. Nei sette anni che passano, Dangerfield diventa una personalità ben nota.

Le sue trasmissioni radiofoniche di musica e libri sono molto apprezzate dai quartieri disperati della popolazione che sopravvive. Il culmine della storia di Dangerfield si rivela parte integrante della trama principale, oltre ad essere una delle personalizzazioni più affascinanti di Dick. Uno dei libri post apocalittici da leggere perché tematicamente il romanzo tocca una varietà di argomenti, inclusa la discriminazione.

Sebbene non si possa mai essere certi con Dick, è possibile che il libro sia anche una dichiarazione sul comportamento degli alleati post-Seconda Guerra Mondiale. Intenzionale o no, suggerisce che la vittoria su Hitler offrì ai governi degli Stati Uniti e della Russia l’opportunità di assorbire il potere prima che le cose si stabilizzassero. La storia è sviluppata senza intoppi, così come la caratterizzazione dei personaggi. Anche la trama del romanzo si muove in modo efficace, lasciando spazio a una manciata di concetti pertinenti alla condizione umana.

Con il suo mix di caratterizzazione, realismo, storia alternativa e soprannaturale, i neofiti dell’autore troveranno punti di partenza per le opere di Dick, mentre i suoi fan non rimarranno delusi. Senz’altro uno dei romanzi post apocalittici da leggere.


🔶 Io sono Leggenda | di Richard Matheson

Anche per Io sono Leggenda di Richard Matheson vale il concetto già enunciato finora: è uno dei libri post apocalittici da leggere! L’immagine che Matheson fornisce all’inizio del romanzo di Robert Neville da solo a Los Angeles è una delle scene di fiction post-apocalittiche più agghiaccianti. E allo stesso tempo più credibili. Passando da pratico e poco emotivo, a solitario e furioso, Neville siede nel suo salotto barricato, cercando di ignorare le grida dei vampiri, provenienti dall’altra parte delle pareti.

Così impassibile. Così snervante. Matheson scrive questo libro sull’apocalisse nel 1954, e i suoi zombie sono molto spaventosi, interessanti, memorabili e credibili. I cadaveri camminano per le strade. Richard Matheson è stato un grande scrittore, non solo di libri post apocalittici.

Ray Bradbury lo ha definito

uno dei più importanti scrittori del 20 ° secolo”

Stephen King ha affermato che Matheson è

“l’autore che mi ha influenzato maggiormente come scrittore”

e che Io sono Leggenda è stato una sua grande fonte di ispirazione.

Per Steven Spielberg:

“l’immaginazione ironica e iconica di Richard Matheson ha creato storie di fantascienza fondamentali”.

Anche per questo Io sono Leggenda di Richard Matheson è uno dei romanzi di fantascienza apocalittica da leggere.


🔶 Il mondo nuovo – Ritorno al mondo nuovo | di Aldous Huxley

Il mondo nuovo-Ritorno al mondo nuovo è un classico – è un romanzo distopico che ruota attorno all’idea del totalitarismo ed è ambientato in un mondo futuristico in cui una combinazione di scienza e piacere forma una società piuttosto feudale. Questa idea di totalitarismo viene raggiunta attraverso i bambini in provetta e l’ipnotismo; con un sistema di caste preordinato composto da umani intelligenti adatti alle posizioni più alte e viceversa; esseri simili a servi geneticamente programmati per svolgere lavori umili.

In questo mondo di Alpha, Betas, Gamma, Delta e gli sfortunati Epsilon, esiste la felicità indotta dalla droga. Al centro di questo libro c’è l’idea dell’eugenetica e nonostante sia stato scritto diversi decenni fa, il suo messaggio rimane valido per la nostra generazione. Il mondo nuovo è un libro post apocalittico che esplora gli aspetti negativi di un mondo apparentemente di successo, in cui tutti sembrano contenti e soddisfatti. Ma questa stabilità si ottiene solo sacrificando la libertà nel suo vero senso e l’idea di responsabilità personale.

Un libro che esplora i pericoli della tecnologia e cosa può fare. Questo tema è ciò che rende controverso il romanzo – eppure un classico a cui possiamo relazionarci, specialmente nel mondo di oggi, dove la tecnologia è abbastanza vicina a governare la nostra vita. Il mondo nuovo esplora l’idea di quanto la scienza possa spingersi senza diventare immorale. Vorremmo davvero vivere in un mondo in cui domina l’eugenetica e nonostante tutti siano uguali in superficie, in profondità bolle l’idea di disuguaglianza e ingiustizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *