Mp3 Downloader: Scaricare o musica streaming? Come i giovani ascoltano canzoni

Mp3 Downloader: Scaricare o musica streaming? Come i giovani ascoltano canzoni

Come ascoltano la musica i giovani d’oggi? Scordatevi i CD Audio, i giradischi o le piattaforme p2p. Spoiler: c’è tanta musica streaming e gli Mp3 Downloader

Abbiamo chiesto a un giovane delle scuole superiori come ascolta musica su internet. Si chiama Riccardo, è al terzo anno di ragioneria ed è appassionato di musica, gaming e tecnologia. Nato nel 2000, è per noi un testimone importante di usi e costumi della Millennial Generation più ruspante. Riccardo è a pieno titolo un “nativo digitale”: cresciuto con lo smartphone (qui il nuovo Pixel 2 di Google) tra le mani, il pc sempre acceso e il mondo di internet a portata di click. Per lui scrollare, whatsappare o scattare selfie sono operazioni naturali. Non ha (probabilmente) mai utilizzato una macchina fotografica a rullino, una cabina telefonica o un VHS. Sono oggetti museali, appartenenti a epoche lontane. Quando cita Napster, ne parla come “uno dei tanti servizi di streaming tipo Spotify” e non come il software peer-to-peer che rivoluzionò l’industria discografica. Eppure quando ci illustra il suo modo di fruizione musicale, tira fuori un metodo squisitamente vintage. Sono app, si chiamano “Mp3 downloader” e – tralasciando i risvolti (il)legali – sono piuttosto ingegnose. Pare sia una pratica molto diffusa tra i suoi coetanei. Di seguito, trovate la testimonianza di Riccardo, scritta di suo pugno in religioso silenzio.

Come si potrebbe facilmente immaginare, il giovane del nuovo millennio trova “la sua musica” cercandola su piattaforme online come Spotify e Napster. Che dire, in parte è così, ma sarebbe sbagliato generalizzare. Non dimentichiamo i problemi di connessione a internet: può capitare di trovarsi a corto di giga o WiFi. Così ci si attrezza a dovere, con l’ausilio di comodissime app comunemente chiamate “Mp3 Downloaders”. Queste app sono vere e proprie porte verso la “pirateria musicale”; danno accesso a un illimitato numero di canzoni dei propri artisti preferiti, semplicemente digitando il nome dei loro brani. Il giovane ha sul suo dispositivo i suoi pezzi preferiti da ascoltare anche quando la Wi-Fi di casa viene meno.

Mp3 Downloader: Scaricare o musica streaming? Come i giovani ascoltano canzoni

Come si utilizza un “Mp3 downloader”?

Di seguito, trovate una sintetica guida per il vostro Mp3 Downloader. Sono app davvero intuitive, ma Riccardo ci tiene a mostrarci passo-passo come funziona il programma. Noi non ci prendiamo la responsabilità di eventuali utilizzi illeciti degli “Mp3 Downloader”.

1. Scaricare il vostro Mp3 Downloader:

Per scaricare il vostro downloader dovete semplicemente digitare “Mp3 Downloader” sullo store del vostro telefono e scaricarne uno fra tanti. Personalmente consiglio di sceglierlo in base alle recensioni. Leggete bene le valutazioni degli altri utenti, confrontatele e infine installate quella che vi convince di più.

Mp3 Downloader: Scaricare o musica streaming? Come i giovani ascoltano canzoni

2. Aprire l’Mp3 Downloader e cercare un brano:

Per trovare il vostro pezzo preferito sul cellulare non dovrete fare altro che aprire il vostro downloader e digitare nella barra di ricerca il titolo della vostra canzone.

Mp3 Downloader: Scaricare o musica streaming? Come i giovani ascoltano canzoni

3. Scaricare il brano sul proprio dispositivo:
Per scaricare il vostro pezzo, basta premere su di esso e selezionare un formato. Sceglierete Mp3 per avere un file audio, gli altri con audio e video, in base alle vostre esigenze.

Mp3 Downloader: Scaricare o musica streaming? Come i giovani ascoltano canzoni

 

4. Ascoltare il brano dal vostro telefono:
Una volta scaricato il brano non dovrete far altro che andare nell’ app musica del vostro telefono per godervela anche senza una connessione dati!

 

Mp3 Downloader: Scaricare o musica streaming? Come i giovani ascoltano canzoni

Vince la semplicità, ma a ognuno il suo

Cosa abbiamo imparato dalla chiacchierata con Riccardo? Che il download è duro a morire, ma la semplicità vince su tutto. Ne consegue che le app che conciliano le due esigenze, sono diventate popolarissime. Sono finiti i tempi di Emule, quelli di Mirc e SoulSeek: tutti quei passaggi, l’attesa infinita di un peer che inviasse i pacchetti dati al proprio file spazientiscono qualsiasi persona con meno di 20-25 anni. Oggi si vuole tutto e subito, anche quando non si paga il servizio. Invece la sicurezza di un brano sulla memoria interna del dispositivo rimane una priorità tra le nuove generazioni. Complice forse una connettività ancora carente e piena di falle, almeno nel nostro Paese. In conclusione il nostro amico ci tiene a sottolineare la pluralità di tipologie di ascolto. “I giovani d’oggi vivono la musica in un modo tutto loro”, ci rivela. L’importante è “che sia condivisibile con i propri amici e che rimanga a portata di smartphone”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *