Come allestire un acquario

Come allestire un acquario: la guida completa

L’acquario per pesci è il tuo sogno, ma non sai da dove iniziare? Qui la guida completa per allestire un acquario: dimensioni, accessori e migliori modelli

L’acquario è un complemento d’arredo quasi magico: è considerato dai più un bene di lusso, al pari di una piscina o di una zona bar domestica. Il lato curioso della faccenda è che l’acquario per pesci venga sopravvalutato non per il suo costo eccessivo o perché richieda cure troppo impegnative, ma solo per il suo forte fascino e la sua potenza ipnotica. Un acquario per pesci, piccolo o grande che sia, ha il potere di trasformare radicalmente l’aspetto di qualunque ambiente in cui venga collocato, apportando allo spazio armonia, eleganza e concedendo a chiunque dei momenti di relax. Poiché la sua realizzazione richiede di seguire molti piccoli passaggi, tanto semplici quanto specifici, abbiamo deciso di stendere per voi una guida completa su come allestire un acquario. In questo modo il procedimento vi risulterà infinitamente più comprensibile e l’obiettivo incredibilmente più vicino.

Come procedere?

Il primo passo sarà quello di cerare di capire le dimensioni adatte per un acquario per pesci: ovviamente esse dipenderanno dai vostri gusti, dallo spazio a disposizione e dal budget di partenza. Passeremo poi a studiare dove sia più adatto collocare l’acquario per pesci, in termini di supporto e in termini di rapporto con la luce solare. Penseremo, insomma, alla salute dei pesciolini, preoccupandoci anche del filtro per la depurazione dell’acqua.

A questo punto, avremo già le idee sufficientemente chiare per vedere insieme i vari modelli di acquario disponibili su Amazon: potremo valutare le loro caratteristiche, comprese forme, dimensioni e optional inclusi. Ovviamente, in questa fase, ci saranno d’aiuto le recensioni dei clienti che hanno già acquistato questi modelli di acquario per pesci. Infine, riserveremo l’ultima parte della nostra guida su come allestire un acquario per elencare tutti gli elementi indispensabili per l’allestimento e la manutenzione: dagli strumenti utili agli oggetti decorativi.

Ecco un piccolo sommario degli argomenti che tratteremo:

  • Dimensioni e supporto dell’acquario per pesci
  • Posizionamento, temperatura e filtro
  • I migliori modelli di acquario per pesci
  • Kit strumenti di allestimento e pulizia
  • Piante e oggetti decorativi
  • Mangime per pesci

Come allestire un acquario | Dimensioni e supporto

Potrà sembrare banale, eppure non lo è: le dimensioni di un acquario per pesci sono la prima cosa a cui bisogna pensare. Infatti, molti cascano ancora in questo errore: considerano l’acquario un mero contenitore in cui “ficcare” tutti i pesci che hanno acquistato. Ahinoi, non funziona affatto così! L’acquario per pesci è innanzitutto una dimora, un rifugio, un luogo dove gli animali possano vivere in pace e avere i propri spazi.

È bene, pertanto, stilare una lista dei pesci che si vorrebbero avere (badando alle necessità di ogni specie, se sono solitari ecc.) e capire quanti saranno nel complesso. Fatto questo, bisogna considerare che ogni pesce ha bisogno di una data quantità di spazio, e che, in generale, questa necessità aumenta all’aumentare della grandezza, anche in relazione alla sporcizia che i pesci producono. In media, un normale pesce rosso ha bisogno di 10/12 litri d’acqua. Il che significa che, in un acquario da 50 l, non possono vivere bene più di 4 pesciolini.

Comprese le dimensioni dell’acquario per pesci che vorremmo comprare, è poi indispensabile, per gli acquari più grandi, scegliere un supporto adeguato. Infatti, i mobili improvvisati come scrivanie, armadietti, tavolini e supporti per tv potrebbero risultare più che inadeguati. Non sottovalutiamo il peso enorme di molti litri d’acqua, incrementato dal vetro e dagli altri impianti annessi all’acquario per pesci! Potremmo aver bisogno di un mobile per acquario apposito. Su Amazon ce ne sono tantissimi a prezzi convenienti, che sono molto robusti e anche idrorepellenti (non dimentichiamo che il legno, di solito, se si bagna si gonfia e va in malora).


Come allestire un acquario | Posizionamento, temperatura e filtro

Il secondo step della nostra guida su come allestire un acquario riguarda la salute dei pesci, ma anche la nostra organizzazione logistica. Dobbiamo, cioè, giocare d’anticipo e capire dove vorremmo collocare il nostro acquario per pesci. Una scelta per cui bisognerà scendere a compromessi, probabilmente: il luogo ideale è un angolo della casa che disponga di prese elettriche nelle vicinanze. Non solo: è necessario che, nelle vicinanze, ci sia una finestra che lasci entrare la luce naturale, anche se essa deve colpire direttamente l’acquario per pesci il meno possibile. Il calore solare diretto favorisce la crescita di alghe, costringendoci a pulire l’acquario molto più spesso e con risultati meno soddisfacenti. In più l’esposizione prolungata al sole può interferire sulla salute dei pesciolini. Infine, la temperatura dell’acqua deve, per ovvie ragioni, rimanere costante.

Il filtro da acquario per pesci è la terza cosa importante da tenere a mente: esso dev’essere sufficientemente potente da far circolare 15 l/h per ogni litro contenuto nella vasca. Ad esempio, un acquario per pesci da 50 l necessita di un filtro che faccia circolare 750 litri ogni ora. Tuttavia noi, con questa guida su come allestire un acquario, vi abbiamo promesso di facilitarvi la vita. Per questo motivo i modelli di acquario per pesci che andremo a proporvi possiedono già il filtro incluso. Tutto ciò che dovrete fare è ricordarvi di pulirlo con regolarità, per far sì che svolga sempre il suo lavoro in modo ottimale e non diventi un nemico mortale per i pesci.


Come allestire un acquario | I migliori modelli di acquario per pesci

? Acquario per pesci piccolissimi – Cascade Globe di Tetra

Se siete amanti dei pesci minuscoli e desiderate un acquario piccolo, questo di Tetra è molto simile alla tipica sfera per pesci rossi. Le specie di pesci in miniatura adatte a questo acquario per pesci da soli 6,2 l, come i Boraboras o i Brachygobius, non sono adatte agli acquari più grandi perché costituirebbero delle prede per i pesci più grandi. In alternativa, potete optare per un unico pesce solitario. Questo acquario è dotato di filtro, luce a LED e piccola cascata dall’alto, e il suo prezzo è inferiore ai 50 €. 4 stelline su 5!

? Acquario per pesci 54 litri | Regular starter line di Tetra

Si tratta dell’acquario per pesci più venduto nella categoria Starter kit, e costituisce una valida opzione per chi si avvicini per la prima volta a questo universo. Questo aquario per pesci di Tetra è standard, forse non sbalorditivo, ma comunque bello e soprattutto funzionale. Il suo volume è di ben 54 l e possiede illuminazione LED a basso consumo. Altre chicche sono il filtro efficace e moderno, il piccolo impianto di riscaldamento da 50 watt e le cartucce filtranti sostituibili senza bisogno di bagnarsi le mani. Con l’attuale sconto Amazon questo acquario per pesci costa meno di 80 € ed è amato dall’80% dei clienti.

? Acquario per pesci 23 litri | Acquario Edge di Fluval

Design perfetto, ma in miniatura? Possibile, con questo acquario per pesci di Fluval. Ha tutto il fascino dell’acquario moderno e tutti i comfort inclusi: 21 luci LED diurne, luce notturna blu cui è possibile installare un timer e un ottimo sistema di filtraggio a 3 livelli. Manca, invece, un sistema di riscaldamento. Anche questo adatto per un paio di pesci rossi o più pesci minuscoli. Materiali di qualità, ottima progettazione ed estetica top: 4,5 stelline su 5 è il verdetto dei clienti che lo hanno acquistato! Prezzo attuale: 148 €.

? Acquario per pesci 44 litri | Acquario Pure M LED di Askoll

Questo acquario per pesci di Askoll raggiunge l’apice della sua bellezza se arricchito con pochi elementi essenziali: il suo stile di punta è il minimal. Si tratta di un complemento d’arredo abbastanza grande, con i suoi 44 l di volume, molto scenografico e pluriaccessoriato. Possiede infatti il filtro pulizia a 4 stadi, il riscaldamento a 25° da 100 watt e le luci LED a ciclo automatico che riproducono 3 effetti: alba, tramonto e luce lunare. Incluso anche il timer digitale con pulsanti touch e il LED driver. Il suo prezzo Amazon attuale è di circa 187 € e il suo punteggio è di 5 stelline piene!

? Acquario per pesci 105 litri | Acquario Starterline di Tetra

In extremis, vi proponiamo anche un acquario per pesci di Tetra da 105 l, così che possiate sbizzarrirvi con più varietà di pesci e di vegetazione. Il suo design è piuttosto semplice, ma complessivamente è un acquario ben strutturato, esteticamente piacevole e dal prezzo ragionevole (attualmente costa circa 200 €). Come il modello Tetra precedente, anche quest’acquario per pesci possiede illuminazione LED a risparmio energetico, un potente filtro a cartucce sostituibili e un impianto di riscaldamento fissato a 25° da 100 watt. Se 105 l vi sembrano un po’ troppi, potrete optare anche per la dimensione media, che possiede un volume di 80 l e il cui prezzo è di circa 170 €. Si tratta di un acquario per pesci venduto e apprezzato in tutta Europa, e il giudizio complessivo degli utenti è di 4 stelline su 5.


Come allestire un acquario | Kit indispensabili per allestimento e pulizia

Chiunque desideri possedere un acquario per pesci necessita, per lo meno, di due differenti set di strumenti per prendersene cura. Diciamo subito che si tratta di una strumentazione appositamente pensata per intervenire sull’aspetto dell’acquario in maniera pratica e veloce, senza doverlo svuotare né dovercisi immergere. Non stiamo affatto parlando di strumenti sofisticati e costosi: al contrario sono dei piccoli attrezzi del mestiere dal basso costo e dalla innegabile comodità.

Starter kit

Il primo kit indispensabile per curare un acquario per pesci è il cosiddetto Starter Kit e si compone, principalmente di:

  • Una forbice per acqua molto lunga, per eliminare in tutta comodità la vegetazione in eccesso
  • Due pinze, una dritta e una obliqua, per inserire, raccogliere e sistemare gli oggetti
  • Una spatola, per sistemare e pulire la sabbia

Ovviamente, il grande vantaggio di questi attrezzi è che sono tutti di acciaio waterproof e corrosion resistant, quindi restano come nuovi anche dopo molti utilizzi.  

Kit pulizia

La seconda categoria di kit che vi consigliamo per facilitare la manutenzione dell’acquario per pesci è quella della pulizia. Su Amazon si trovano set molto differenti e alla portata di tutti, a seconda delle esigenze e del tipo di acquario acquistato. I pezzi più comuni e più utili sono la retina per pesci, il rastrello per la ghiaia e la spazzola in spugna per la parte interna del vetro. Molto pratici, però, possono risultare anche i piccoli sifoni aspira rifiuti in gomma: pochi minuti di utilizzo al giorno, e gli intervalli di tempo tra una pulizia profonda e un’altra diminuiranno notevolmente. Per gli amanti dei vetri impeccabili, infine, ci sono anche dei piccoli lavavetri magnetici con cui è possibile pulire contemporaneamente entrambe le superfici del vetro, quella interna e quella esterna.


Come allestire un acquario – Piante e oggetti decorativi

Dalle classiche piante in poliresina, sino a tempietti, relitti e caverne sottomarine: uno dei passaggi più divertenti dell’allestimento riguarda proprio la scelta delle decorazioni. Su questa scelta, avete il campo totalmente libero: ricordatevi solo di controllare che si tratti di materiali atossici e di non eccedere nel riempimento, per salvaguardare la salute dei pesciolini. La pagina dedicata di Amazon è ricchissima di spunti e le sue decorazioni sono originali e molto economiche


Come allestire un acquario – Mangime per pesci

Dulcis in fundo, il mangime per pesci: è questo l’ultimo step che ci manca per ricevere un diploma su come allestire un acquario. Ricordatevi che il primo parere da ascoltare per scoprire il cibo giusto dei vostri pesci è quello dell’esperto di acquariologia che ve li avrà venduti. Nulla vi impedisce, poi, di acquistare il mangime online, sicuramente a prezzi più vantaggiosi. Esistono sostanzialmente due tipi di mangime per pesci:

  • Il mangime in fiocchi, secco, risultato della mistura di più alimenti poi triturati. È il più diffuso ed è ottimo perché galleggia nell’acqua e si ammorbidisce, diventando più digeribile.
  • Il mangime in granuli, ottenuto dal mix di alimenti lavorati a freddo. Affonda più facilmente e rimane duro, con il rischio che potrebbe essere indigesto o impossibile da mangiare.

Da non perdere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *