Microfono wireless

Come usare al meglio il microfono wireless: tips and trick

Microfono wireless: la crescita esponenziale di video tutorial delle più svariate tipologie rende necessario l’utilizzo del microfono wi-fi.

Il microfono wireless un oggetto quotidiano? Le nostre abitudini sono rinnovate, almeno per alcuni di noi l’impatto tecnologico e dei social media ha cambiato la vita. Arricchendola di possibilità inedite: tra di esse quella di costruirsi per certi versi una carriera. Chi offre gratuitamente tutorial o recensioni si prende in carico oneri e onori di rispondere alla domanda di tantissime persone alle prese con la bidimensionalità della rete. Ormai è anacronistico bistrattare gli influencer perché, sponsorizzati o meno, spesso hanno il merito di dare una sorta di terza dimensione alle cose, specialmente quelle che c’interessa acquistare. Il mondo della condivisione web ha generato milioni di canali, soprattutto YouTubea tema “How to”, di recensioni, opinioni e “prove su strada” o semplice think sharing.

Aumentando la richiesta si è innalzata anche la qualità effettiva dei contenuti caricati. Ecco quindi che anche a livello “casalingo” tanti si sono attrezzati con apparecchiature che mai, prima d’ora, avremmo visto in casa. 

Microfono wireless: confronta i prezzi

Da non perdere

Nuovi media

Telecamere, cavalletti, luci fotografiche, sfondi e microfoni per garantire un’esperienza visiva quanto più fedele alla realtà. Ci concentreremo oggi sul microfono wireless, la scelta più comoda, moderna e, diciamolo, anche esteticamente migliore per valorizzare l’audio durante una ripresa. Il microfono wi-fi libera da molti impacci e le sue caratteristiche funzionali sono attualmente ben progettate. Tuttavia un sistema wireless per microfoni può presentare anche delle criticità. Vediamo quindi come orientarci al meglio nella scelta dei nostri microfoni senza filo per girare video pressoché professionali o dirette streaming anche dal divano.

Microfono wireless: cablaggio addio. I pro e i contro

Il futuro degli impianti elettrici è di avere connessioni prive di fili con i device che alimentano. Un sistema wireless per microfoni permette movimenti ampi e naturali a chi ne fa uso: si pensi in prima battuta a cantanti e artisti ma ciò si estende facilmente anche al modo del video. Un microfono wireless può essere più o meno potente e prevederne l’utilizzo all’interno di grandi strutture così come in una singola stanza. Durante l’impiego di un microfono wireless bisogna fare attenzione:

  • alla posizione di trasmettitore e ricevitore, infatti tra le due parti non dovrebbero esserci ostacoli di sorta per evitare l’interruzione del segnale. Gli elementi che più lo disturbano sono gli oggetti metallici, muri, pareti divisorie e persone. Infatti il nostro corpo è costituito in gran parte d’acqua, uno dei maggiori mezzi di assorbimento delle onde radio. La ricezione può essere disturbata anche nel momento in cui l’antenna, di tipo flessibile, presente sul trasmettitore risultasse in qualche modo flessa in posizione non corretta. L’ideale, per farla breve, sarebbe porre il trasmettitore a un’altezza un po’ più elevata rispetto al ricevitore
  • come accennato, l’ottimo stato delle antenne è indispensabile. Se utilizziamo un microfono wireless per registrare video, ad esempio, è comunque consigliabile tenere i trasmettitori non troppo lontano dal ricevitore perché in genere hanno antenne abbastanza corte, in grado di restituire sì ottima funzionalità ma non a distanze elevate
  • non sovrapporre le frequenze radio di un microfono wi-fi ad altre lunghezze d’onda, come ad esempio a quelle di un televisore, di uno stereo o di qualsiasi altro dispositivo che opera con lo stesso metodo
  • in un sistema wireless per microfono, inoltre, sono di fondamentale importanza le batterie. Non essendoci appunto fili che collegano direttamente le parti in gioco all’alimentatore della corrente, bisognerà sempre accertarsi che le batterie siano ben cariche prima di mettersi all’opera. Altrimenti si potrebbe assistere a un improvviso spegnimento del sistema, cosa decisamente molto antipatica se quella che stiamo registrando è una diretta streaming.

Gli elementi di un sistema wireless per microfoni

Ne abbiamo parlato fino adesso, ma forse è il caso di analizzare nel dettaglio anche cosa ci sta dietro a un microfono wireless. Per permettere il funzionamento dei microfoni senza filo è necessario disporre essenzialmente di tre elementi:

  • il microfono wi-fi
  • un trasmettitore
  • un ricevitore

Il loro migliore utilizzo è regolato dalle semplici regole determinate al capitolo precedente. I trasmettitori, all’interno di un sistema wireless per microfoni, sono di tipo cosiddetto bodypack. Esistono anche quelli palmari ma appartengono a una modalità di fatto meno smart, perché integrati sì nel microfono, ma quello molto anni ’80 che si tiene in mano, per intendersi. Il modello bodypack, invece, può stare attaccato direttamente addosso allo speaker, nascosto tra gli indumenti. Un microfono wireless può essere agganciato direttamente alla videocamera o alla fotocamera, oppure, posto intorno alla testa con un archetto. Infine il ricevitore elabora il segnale radio.

Quale configurazione preferire?

Quindi, quale sistema wireless per microfoni scegliere? Come spesso capita, la risposta migliore a domande del genere è quella che rimanda alle proprie necessità specifiche. Un microfono wireless con tramettitore bodypack è decisamente consigliato per video tutorial dove solitamente si spiega come fare qualcosa. Si avranno le mani libere e, inoltre, esteticamente si presenta molto meglio. Se quella che affrontiamo a mezzo video è una semplice chiacchierata, si può pensare anche di orientarsi per una configurazione con microfono a mano, in ogni caso più obsoleta. Inoltre ci sono da valutare altri parametri, come ad esempio il budget. Grazie alle molteplici opportunità proposte da vari canali, il web su tutti, è possibile reperire prodotti per tutte le fasce di prezzo.

Microfoni wireless, i migliori da comprare online

Infine, dopo aver tentato di capire come impiegare nel migliore dei modi i microfoni senza filo, evitando al massimo brutte sorprese, ecco qualche consiglio per gli acquisti. Si tratta di articoli che hanno ricevuto, generalmente, ottimi riscontri da parte di chi li ha acquistati. Si va da una tipologia di microfono wi-fi più articolata e prodotta magari da marchi blasonati nel settore, a sistemi molto abbordabili e comunque di qualità. Sono senza dubbio il miglior accessorio per garantire un eccellente audio ai vostri video, magari homemade. Tra i marchi di riferimento: Røde, Beschoi, Sennheiser, Saramonic e Boya, tutti con grande esperienza nel settore audio. Per contenuti multimediali migliori e professionali, avvaletevi di tutta la tecnologia necessaria, oggi a portata di click.

1 – Sennheiser set microfono senza fili portatile lavalier EW 122P G4-A

Per chi è pratico di tecnologia audio, Sennheiser non può che essere un marchio di riferimento. Ciò che anima la sua ricerca è una vera e propria cultura per la qualità del suono. Ecco quindi che Sennheiser set microfono senza fili portatile Lavalier EW 122P G4-A si può annoverare tra le soluzioni più professionali. Questa tipologia di microfono wireless è perfetta per il commento sonoro registrato in presa diretta e anche in condizioni di forte disturbo

Alcune caratteristiche

Piccolissimo e compatto, il microfono wi-fi presente nel kit è clip-on, sia omnidirezionale che cardioide (ME 2-II e ME 4). Il sistema wireless per microfoni in esame inoltre comprende il ricevitore EK 100 GA da alloggiare sulla videocamera o sulla macchina fotografica e il trasmettitore SK 100 GA. Il prezzo non è tra i più economici, ma chi lo utilizza conferma l’eccellenza Sennheiser, sempre al top.


2 – Saramonic Blink 500 Ultracompact microfono wireless a 2,4 GHz 

Saramonic propone una soluzione molto pratica, tra i microfoni senza filo. Il Saramonic Blink 500 Ultracompact microfono wireless a 2,4 GHz adatto in sostanza è un sistema costituito da un trasmettitore di dimensioni molto ridotte. Il dispositivo è clip-on, pertanto può essere messo sui lembi degli indumenti, ed è comprensivo di microfono Lavalier. Il ricevitore va sistemato sulla slitta hotshoe dello strumento di ripresa, che sia una videocamera o una fotocamera, per mezzo di cavi TRS e TRRS. Si adatta anche a schemi sincronizzati, acquistando separatamente più unità compatibili, in modo tale da poter microfonare più persone. 

Alcune caratteristiche

Il produttore garantisce una qualità audio perfetta e priva di rumore con quello che è un sistema wireless per microfoni tra i più intuitivi in commercio. Infatti è sufficiente accenderlo per metterlo in funzione senza necessariamente dover conoscere nozioni tecniche troppo specifiche. Le frequenze sulle quali opera appartengono allo spettro dei 2,4 GHz ed è un microfono wireless dotato di una tecnologia così avanzata da fargli evitare automaticamente i disturbi provenienti da altre frequenze che si potrebbero sovrapporre

L’autonomia garantita delle batterie al litio è di 5 ore ed è inoltre dotato di porta USB-C. Ultimo grande plus di questo microfono wi-fi è rappresentato dal fatto che può funzionare anche con smartphone e tablet, semplicemente sfruttando l’uscita per le cuffie presente su tali device. Insomma siamo di fronte a uno dei prodotti migliori e consigliati per youtuber, influencer, per coloro che registrano tutorial o vivono spesso in live streaming.


3 – Røde wireless GO

Un sistema wireless per microfoni tra i più venduti sul web, quello proposto da un altro marchio d’eccellenza nel capo audio, quale si conferma Røde. Buono anche il famigerato rapporto qualità/prezzo per il Røde wireless GO, quello che essenzialmente è uno tra gli schemi più compatti per microfoni senza filo. Infatti il microfono wi-fi è integrato nel trasmettitore, il quale è anche clip-on. Il ricevitore, delle medesime dimensioni del trasmettitore, si alloggia sullo strumento normalmente utilizzato per riprendere video. 

Alcune caratteristiche

Come la maggior parte dei prodotti di questo tipo, è un sistema wireless per microfoni che opera sulle frequenze di 2,4 GHz percepibili all’interno di un raggio di circa 70 metri. Garantita una qualità cristallina del suono e una totale scioltezza dei movimenti per speaker ed eventuale operatore. Recensioni eccellenti dal parte degli acquirenti, soprattutto da parte di chi lo usa per il vlogging. Ottimo microfono wireless di riserva anche per professionisti, che potranno sfruttarlo con buone performance. Consigliato a chi ha un budget medio da investire ma non intende rinunciare a performance audio di alta qualità, per un risultato finale accurato e quanto più privo di approssimazione.


4 – BOYA BY-WM4 PRO K2

Con il BOYA BY-WM4 PRO K2 parliamo di un sistema wireless per microfoni un po’ più articolato rispetto a quelli fin qui analizzati. Infatti è composto non da 1 ma da ben 2 trasmettitori con microfono wireless Lavalier e da un ricevitore. Ciò significa che, ad un prezzo davvero molto competitivo e accessibile, potranno essere microfonate 2 persone alla volta. Oppure potrete disporre diuntrasmettitore e di un microfono wi-fi sostitutivi con un unico acquisto. Il kit BOYA risulta essere perfettamente compatibile con videocamere di fascia consumer, fotocamere reflex DSLR, computer e smartphone o altri dispositivi mobili. La versatilità d’impiego pertanto è ampia e garantita.

Alcune caratteristiche

Il campo di frequenza di questi microfoni senza filo è 2,4 GHz, sono inoltre dotati di tecnologia anti-disturbo della stessa, per performance uniformi e sempre di alto livello. La ricettività del segnale è ottimale all’interno di un raggio di 50 metri tra trasmettitore clip-on e ricevitore, alloggiato sul dispositivo di ripresa. Il microfono wireless di tipo Lavalier è pensato per dare il meglio anche in presenza di rumore di fondo e durante live streaming e registrazioni in presa diretta. Uno schema efficiente, praticissimo da usare e dotato anche di custodia rigida per il trasporto e la protezione del materiale.


5 – Beschoi WM5

Economico, funzionale e pratico: il Beschoi WM5 si può certamente definire come l’opzione ideale a tutte le tasche e a chi inizia ad approcciarsi al mondo della registrazione semiprofessionale. Si tratta di una configurazione per microfono wireless di tipo Lavalier adatta a riprese video in cui il parlato ha il ruolo principale, per interviste e anche lezioni o conferenze. Il piccolo microfono si alloggia tramite jack nel trasmettitore. Questo si può tenere in mano o sistemare sugli indumenti. Il suo peso si aggira sugli 85 grammi.

Alcune caratteristiche

La banda di frequenza di questo microfono wireless è la UHF, inoltre è dotato anche di canali selezionabili per evitare eventuali interferenze. Permette l’impiego di 4 unità in contemporanea, acquistabili separatamente. La risoluzione del suono è ottimizzata dal sistema WNCR che si occupa di ripulirlo dal rumore e da eventuali disturbi di fondo, molto comuni specialmente durante le registrazioni in diretta.

Basilare e semplice anche il metodo di alimentazione, che avviene tramite pile AA e garantisce fino a 15 ore di autonomia. Chi ha già acquistato sul web il sistema Beschoi sostiene con convinzione che sia il migliore ad un prezzo tanto economico, sicuramente la scelta ideale per chi ha un livello d’esperienza in via di sviluppo. Consigliatissimo, perfetto, perché no, anche come idea regalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *