I migliori libri scritti da chi ha vinto il premio Pulitzer

I migliori libri scritti da chi ha vinto il premio Pulitzer

Abbiamo scelto tre storie che, secondo noi, possono rientrare tra i migliori libri di premio Pulitzer da leggere assolutamente!

Ogni giorno ti perderai tra le righe dei libri belissimi che hanno vinto il premio Pulitzer. I libri che hanno vinto il premio Pulitzer sono tantissimi, per cui spesso, nell’eccesso della scelta, non si sa da dove iniziare. In quest’articolo trovarai delle descrizioni approfondite (ma senza troppi spoiler) di libri scritti da premi Pulitzer per la narrativa, tra cui scegliere il prossimo da inserire nella tua lista di lettura. Questo elenco di libri che hanno vinto il Premio Pulitzer include ottimi esempi di letteratura moderna che dovresti aggiungere alla tua collezione di libri, se non l’hai già fatto.

PS: hai già letto la guida sui migliori libri in uscita nel 2022? E i migliori libri scritti da Premi Nobel?

1 Il guardiano notturno | di Louise Erdrich | Libro Premio Pulitzer 2021

Iniziamo la rassegna dei migliori libri di premio Pulitzer, con il libro che ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa nel 2021: Il guardiano notturno (The Night Watchman) di Louise Erdrich. Due anni fa, Louise Erdrich pensava che non avrebbe mai più scritto. L’autrice vincitrice del National Book Award con La casa tonda e di tanti altri preziosi romanzi, era certa che il suo impulso creativo fosse scomparso.

Fortunatamente per noi, si sbagliava.

Un giorno iniziò a leggere delle lettere nascoste scritte a metà del XX secolo da suo nonno Patrick Gourneau. Era stato presidente del comitato consultivo della Turtle Mountain Band of Chippewa durante la moderna lotta per la sopravvivenza della tribù. La minaccia a quel tempo era legale ma potenzialmente disastrosa quanto i precedenti assalti: nel 1953, la Camera degli Stati Uniti approvò una risoluzione che dichiarava che un certo numero di tribù doveva essere rapidamente “liberato dalla supervisione federale”.

Sotto quella gloriosa promessa di emancipazione si celava il vero piano del governo: l’abrogazione unilaterale dei trattati, la cessazione totale dei diritti delle tribù e l’abbandono dei nativi americani, già impoveriti da secoli di politiche di genocidio. Ricordando quell’era oscura e il ruolo eroico di suo nonno nel salvare la riserva di Turtle Mountain nel North Dakota, Erdrich sapeva di aver trovato l’ispirazione per la sua prossima storia, che diventerà uno dei migliori libri di premio Pulitzer.

La carriera della Erdrich è stata un atto di resistenza contro il razzismo e la forza implacabile dell’ignoranza dell’America bianca. Un libro potente dopo l’altro, dove ha scolpito le vite e le storie degli indiani.

Il guardiano notturno è uno dei libri scritti da premi Pulitzer per la narrativa più apertamente politico. Sebbene la storia legislativa e le battaglie congressuali della repressione contro gli indiani rimbombano all’orizzonte, la storia rimane focalizzata sulle persone che vivono nella riserva di Turtle Mountain. Per la maggior parte di loro, le preoccupazioni immediate di guadagnarsi da vivere, tenere insieme una famiglia e trovare qualcuno da amare sono più urgenti dell’ultimo attacco da parte di un gruppo di membri del Congresso bianchi, che sono a miglia di chilometri di distanza.

Ma Thomas Wazhashk, il capo tribù al centro di questo romanzo, comprende presto e pienamente il pericolo legislativo. Thomas, un personaggio basato sul nonno di Erdrich, lavora come guardiano notturno in una fabbrica di gioielli, il primo stabilimento di produzione della riserva. Le sue ore sono lunghe, sempre solitarie, a volte spaventose.

Come al solito, realismo moderno e spiritualità nativa si mescolano armoniosamente nelle pagine della Erdrich senza mettere in discussione nessuno dei due. Tra il suo giro e la lotta con un fantasma dei suoi vecchi tempi di collegio, Thomas lotta per rimanere sveglio in modo da poter scrivere lettere a politici locali e nazionali, imprenditori, studiosi – chiunque possa aiutarlo a mettere in piedi una difesa efficace contro i piani del Congresso di porre fine alla sua tribù.

“Siamo sopravvissuti al vaiolo, al fucile a ripetizione Winchester, alla pistola Hotchkiss e alla tubercolosi”, pensa Thomas.

“Siamo sopravvissuti all’epidemia di influenza del 1918 e abbiamo combattuto in quattro o cinque guerre mortali negli Stati Uniti. Ma alla fine saremo distrutti da una raccolta di parole noiose”.

Mentre Thomas si sforza, alla deriva tra il lobbismo e il sogno, il romanzo si sposta nella comunità, catturando le vite dei suoi amici e parenti. Questo intreccio di storie è la firma dell’arte letteraria di questa autrice premio Pulitzer. Capitolo dopo capitolo, incontriamo personaggi interconnessi, ma che viaggiano lungo le proprie strade.

C’è Lloyd Barnes, un uomo bianco che insegna matematica nella riserva, consapevole del suo status di outsider, ma non inibito da esso. Gestisce anche una palestra nel centro sociale. Il suo miglior ex allievo è ora il suo miglior pugile. Sia l’allenatore che il pugile sono innamorati dell’eroina del romanzo, Patrice Paranteau, una giovane donna molto intelligente, che però non ha alcun interesse per nessuno dei due.

Erdrich tesse una commedia romantica così affascinante da questa situazione, cogliendo la frustrazione ansiosa di questi corteggiatori e il disprezzo fulminante di Patrice per entrambi. Sebbene abbia solo 19 anni, Patrice ha preoccupazioni più serie per la testa. È la capofamiglia per sua madre e il suo fratellino, e la loro principale protettrice quando suo padre alcolizzato torna a casa. La cosa più allarmante, sua sorella, Vera, è andata a Minneapolis mesi fa e nessuno ha avuto sue notizie. Quando suo zio percepisce in una visione onirica che Vera è nei guai, Patrice sa che deve partire per la città per trovarla e riportarla a casa.

Questa avventura in un grintoso mondo sotterraneo urbano dimostra quanto siano ampi i confini del territorio narrativo della Erdrich. Come un’adolescente ingenua che non ha mai lasciato la riserva, Patrice sembrerebbe un bersaglio facile per truffatori e protettori, ma la sua ricerca della sorella vanifica le nostre aspettative. Le scene passano agilmente dalla strana commedia all’orrore indicibile, in qualche modo senza sminuire il tutto. A un certo punto, Erdrich suggerisce che questo è essenzialmente un atteggiamento dei loro territori nativi,

“dove la stranezza era anche divertente e il pericolo che circondava l’intera situazione era del tipo di cui potresti ridere, anche se potresti anche farti male”.

La visione di questa narratrice è ampia e capiente, raggiungendo un’intera comunità in tenera conversazione con se stessa. Aspettandosi di seguire la traiettoria lineare di un mistero, scopriamo nella narrativa di Erdrich qualcosa di più organico, di più umano. Come i suoi personaggi, ci ritroviamo

“a ridere in quel modo disperato e acuto in cui le persone ridono quando i loro cuori sono spezzati”.

Uno dei migliori libri di premio Pulitzer anche perché ci fa conoscere la storia dei nativi indiani, di cui non si è mai parlato abbastanza.

2 La breve favolosa vita di Oscar Wao | di Junot Dìaz | Premio Pulitzer 2008

Continuiamo questa rassegna con uno dei libri che hanno vinto il premio Pulitzer, che piacerà molto agli amanti della cultura nerd. L’autore vincitore del Premio Pulitzer Junot Diaz è considerato una delle voci più importanti della narrativa contemporanea. La sua opera più nota è il romanzo La breve meravigliosa vita di Oscar Wao“.

L’eroe del primo romanzo di Junot Díaz è un dominicano-americano in sovrappeso di nome Oscar, un “nerd del ghetto” devoto di fumetti, romanzi di spada e stregoneria, fantascienza, giochi di ruolo: il magazzino letterario pop di miti e fantasie in cui si crede tanti ragazzi frustrati e disadattati come lui abitino.

Questo testo è uno dei migliori libri di premio Pulitzer, grazie alla bravura dell’autore che mostra le sue credenziali da geek, la sua saggezza di strada e la sua cultura letteraria con pari brio. Un libro dove le citazioni letterarie e non si susseguono, donando alla lettura un ritmo sempre veloce. Una breve epigrafe dei Fantastici Quattro è bilanciata da allusioni a “Dune” a “Matrix” e (soprattutto) a “Il Signore degli Anelli”, ma anche con riferimenti a Melville e García Márquez.

Per come lo racconta Díaz, la Repubblica Dominicana è il tipo di piccolo paese che soffre di un eccesso di storia. Fin dall’inizio, è stato un terreno fertile per destini fuori misura e passioni mostruose.

All’interno della sua durata relativamente compatta, il libro contiene una moltitudine indisciplinata di stili e generi. La storia della formazione di Oscar è in qualche modo lo strato più sottile del libro, un melodramma per giovani adulti che prende vita su una cronaca familiare di immigrati multigenerazionali che si diletta nel realismo magico tropicale, femminismo punk-rock, machismo hip-hop, post-postmoderno e multiculturalismo.

A tenere insieme tutto questo, la voce di una narrazione apparentemente onnisciente che poi si rivela come personaggio. Non tutti gli uomini dominicani sono pavoni macho, e non tutti i fanatici di fantascienza, anime e Dungeons & Dragons sono ragazzi bianchi. Che questo possa essere un punto ovvio non diminuisce l’abilità e l’estro con cui Díaz lo porta a casa.

Ma “La breve vita meravigliosa” non è solo la storia di Oscar. Il racconto delle sue storie d’amore sventate, del suo tentativo di suicidio, delle sue amicizie e dei suoi progetti letterari è interrotto – e messo in ombra – da episodi di storia familiare, soprattutto legati alle donne della famiglia: la mamma e la sorella del protagonista.

Sua sorella, una punk rocker, star in fuga e in pista, è per molti versi un personaggio più vivido e magnetico di suo fratello, così come la loro madre, Beli, la cui straordinaria biografia costituisce la vera spina dorsale narrativa del romanzo. A Baní, la città dominicana di provincia in cui è cresciuta, Beli era una bellezza dalla pelle scura, una borsa di studio in una scuola privata di lusso e infine l’amante di un famigerato criminale. Il passaggio doloroso e familiare di suo figlio verso l’età adulta si contrappone alla sua stessa trasformazione, mostrata al contrario.

Quando la vediamo per la prima volta, è arrabbiata, borderline-matriarca immigrata violenta, che litiga con sua figlia e si logora furiosamente con il lavoro e la preoccupazione. Ma i capitoli successivi mostrano Beli come una figlia ribelle a sé stante, alle prese con La Inca, il parente povero ma rispettabile nella cui casa è cresciuta. I genitori di Beli – un medico e un’infermiera, come La Inca non si stanca mai di ricordarle – erano membri della borghesia che si scontrò con Rafael Trujillo, un dittatore straordinariamente brutale, anche per gli standard latinoamericani della metà del XX secolo.

Come dice Díaz in una nota a piè di pagina:

“A prima vista, era solo il tipico caudillo latinoamericano, ma il suo potere era terminale in modi che pochi storici o scrittori hanno mai veramente catturato o, direi, immaginato. Era il nostro Sauron, il nostro Arawn, il nostro Darkseid, il nostro dittatore di una volta e di un futuro”.

L’isola può essere maledetta e infestata, ma è anche incantata; anche i ricordi più amari sembrano addolciti dalla nostalgia. Gli spiriti maligni che periodicamente vengono invocati per spiegare la sfortuna della famiglia di Oscar sono anche, per il romanziere se non per i suoi personaggi, portafortuna.

3 Il tempo è un bastardo | di Jennifer Egan | Premio Pulitzer 2011

Tra i migliori libri di premio Pulitzer, abbiamo inserito anche Il tempo è un bastardo di Jennifer Egan. Un libro su memoria e tempo, su continuità e disconnessione, in cui le relazioni si spostano e si ricombinano. Non è né un romanzo né una raccolta di racconti, ma una via di mezzo: una serie di capitoli con personaggi interconnessi in diversi momenti della loro vita, le cui voci individuali si combinano per creare un’opera sinfonica, che usa la sua forma interconnessa per esplorare idee su interconnessione umana.

Premio Pulitzer 2011, è un libro difficile da riassumere, ma piacevole da leggere, distillando gradualmente un medley dalle sue voci polifoniche.

Via mail era stato fantasioso, quasi goffo, ma di persona aveva l’aria al tempo stesso ansiosa e annoiata.

Il tempo è un bastardo perché tutti nel libro sono spinti dal tempo, dalle circostanze e, occasionalmente, dalle persone che amano. La scrittrice rivela con grande eleganza gli archi narrativi traballanti delle vite dei suoi personaggi, il loro passato doloroso e le delusioni future.

Era il viso di una bambina, che però aveva smesso di essere una bambina mentre lui era distratto.

È uno dei libri scritti da premi Pulitzer per la narrativa più letti negli ultimi anni.

I personaggi che sono marginali in un capitolo diventano il fulcro del successivo. Cambiano anche drammaticamente attraverso tempi e luoghi: adolescenti punk nella San Francisco degli anni ’70 diventano adulti disillusi nei sobborghi della New York degli anni ’90; i loro figli crescono in un futuro immaginario e leggermente distopico nel deserto della California.

A un certo punto troviamo anche una presentazione in Power Point, che la bravura della scrittrice riesce a far diventare commovente.

Non era filo, ciò che univa quelle bambine, ma fil di ferro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.