5 Consigli per curarsi con i libri

5 Consigli per curarsi con i libri

È possibile superare dei momenti difficili scegliendo accuratamente i libri che ti curano, che ti aiutano a risollevarti e ripartire

Curare la tristezza con i libri può essere il rimedio migliore. L’industria del benessere sta prendendo il sopravvento su quasi ogni aspetto della nostra vita. Dai prodotti che mettiamo sul corpo e sul viso ai mantra che potremmo recitare allo specchio ogni giorno, basta dare un’occhiata a qualsiasi talk show televisivo e ci sarà sicuramente un ospite che discuterà di come curarsi con i libri, sfoggiando tanti titoli di libri per risollevarsi, libri per ripartire, libri contro la depressione.

Oppure più semplicemente ti daranno consigli su come ottenere di più dalla tua vita o su come essere più produttivo, con libri contro l’ansia e lo stress. Stiamo tutti cercando di trovare un equilibrio e prendere il controllo dei nostri sentimenti è il motivo per cui questo settore è fiorente. Ma la salute fisica e mentale vanno di pari passo e in questo momento ci sono molte persone offrono i loro pensieri sul come possiamo trarre vantaggio dal curarsi con i libri. Se ti piace l’oriente, ti consigliamo anche 5 manga giapponesi da leggere una volta nella vita!

1 Kintsukuroi: L’arte giapponese di curare le ferite dell’anima | di Tomás Navarro

Iniziamo questa rassegna sul come curarsi con i libri con un grande successo editoriale degli ultimi anni. Lo psicologo Navarro usa il kintsugi – l’arte giapponese di onorare la bellezza nella ceramica rotta fondendo i pezzi insieme – come metafora della guarigione personale. Il kintsugi, scrive Navarro, riconosce “la fragilità, la forza e la bellezza” nell’oggetto riparato, e Navarro ha scoperto che i suoi principi di base di analisi ravvicinata, pianificazione dettagliata e ricostruzione del paziente sono strumenti utili per curare i suoi pazienti, in special modo per elaborare e andare oltre il trauma.

Con una prosa vivace e molte analogie creative (come il corpo che è come un “gigante addormentato”, che ha “tutto il necessario per riparare una ferita”, anche se il proprio corpo “non metterà in moto il processo finché non ne avrai bisogno”), in Kintsukuroi: L’arte giapponese di curare le ferite dell’anima, Navarro facilita il percorso attraverso le numerose domande che strutturano ogni sezione. Intrecciando aneddoti professionali e personali, considera la “riparazione” dalla perdita del lavoro, dalla bassa autostima, dalla perdita dell’amore e dalla perdita di “speranza e gioia”.

Per ogni situazione offre consigli basati sulla liberazione del proprio giudizio dalla colpa e dalla vergogna, imparando da ciò che è accaduto e dissociando l’esperienza negativa dalla propria immagine di sé. I lettori “concentrati sulla costruzione di una nuova realtà” dopo il trauma saranno interessati all’analogia costruttiva del kintsugi di Navarro e a molti esempi di guarigione tratti dalla sua pratica.

Senz’altro una delle scelte da fare per curarsi con i libri.

2 Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice | di Héctor García e Francesc Miralles 

Il termine giapponese “ikigai” o“arte di vivere” si riferisce alla pratica di vivere una vita intenzionale rispetto al senso di sé di una persona. Il libro Ikigai: il metodo giapponese, discute questa idea dalla visita degli autori a una città in Giappone chiamata Okinawa, sede della più grande popolazione di centenari nel mondo.

La cosa affascinante della provincia di Okinawa è la longevità e la vita sana degli abitanti del villaggio. Puicerver e Miralles hanno intervistato la gente del posto per capire il vero significato della parola “ikigai”. Il libro è una perfetta miscela di cultura molto pratica, che ha pienamente giustificato l’epitome di un libro di autoaiuto, pienamente a suo agio anche tra i consigli di lettura per curarsi con i libri.

Ikigai: il segreto giapponese per una vita lunga e felice, nel suo insieme, fornisce consigli quotidiani su come abbracciare e ottenere uno stile di vita più sano e felice, attraverso la scoperta del nostro ikigai individuale con esperienze, pratiche e suggerimenti per uno stile di vita armonioso. In questo libro, vengono affrontati vari aspetti della nostra vita, come l’importanza dello stato di flow (flusso), l’importanza delle amicizie, la ragione per vivere e trovare una fonte di motivazione.

È stato osservato che gli abitanti del villaggio di Okinawa rispettano queste regole grazie alle quali i hanno tassi estremamente bassi di malattie cardiache e demenza, anche tra gli abitanti centenari.

Il secondo elemento del libro stabilisce il significato della salute mentale che è spesso trascurato dai laici. Il libro fornisce suggerimenti su come attivare il cervello, spesso limitato esclusivamente alla routine e a schemi privi di flessibilità. Suggerisce attività come l’interazione sociale e i giochi mentali che possono essere utili come allenamento per il cervello.

Afferma inoltre che evitare lo stress è essenziale per uno stile di vita sano. Sono stati inoltre introdotti studi scientifici necessari che dimostrano che lo stress, a lungo termine, ha un impatto sulle cellule sane del nostro corpo portando così all’invecchiamento precoce. Presenta lo Yoga come un rimedio che calma il corpo e la mente.

Ecco perché lo possiamo considerare anche uno dei libri contro lo stress.

La terza parte di questo libro ci illumina su una tecnica nota come terapia Morita. È stata introdotta principalmente per alleviare l’ansia e il comportamento ossessivo. La terapia richiede all’individuo di coltivare nuove emozioni accettando i propri sentimenti. Il libro in questo segmento fornisce una spiegazione dettagliata di come funziona questa terapia, che può essere applicata praticamente da un individuo per raggiungere il proprio ikigai.

La quarta parte di questo libro si concentra sul concetto di “flow“. Il concetto di flusso ruota attorno al godersi le piccole gioie della vita, in un modo che sostiene la concentrazione in modo che la persona non si annoi nel farlo. Oltre a questo, è stata affrontata anche l’importanza di superare livelli di difficoltà e di come acquisire la fluidità attraverso nuove emozionanti attività che ci spingano a scoprire nuovi tratti e aspetti di noi stessi. Questo libro incoraggia i piccoli gesti per stabilire e preservare amicizie. Anche salutare uno sconosciuto con un sorriso può avere un impatto diretto sulla longevità di un individuo.

Se vuoi approfondire il concetto di flusso, ti consigliamo il libro dello studioso che ha dedicato tutta la sua vita a questo concetto: “Flow. Psicologia dell’esperienza ottimale” di Mihály Csíkszentmihályi.

Verso la fine, il libro ci offre altri suggerimenti. Ci parla della dieta di Okinawa che è variegata, autoprodotta e cucinata. Ci viene presentata la tradizione di Okinawa, che suggerisce di finire di mangiare una volta che siamo pieni all’ottanta per cento. Il libro cita anche varie bevande consumate dai centenari come il tè verde, il tè bianco e lo shikuwasa (frutto tradizionale giapponese) che contengono alti livelli di antiossidanti che garantiscono una vita sana e lunga.

Perseguire attività che migliorano e aumentano le vibrazioni positive di un individuo potrebbe aumentare la durata e la qualità della vita. L’obiettivo del libro non è quello di predicare o proteggere il lettore nelle sue attuali scelte di vita. Al contrario, ci indica chiaramente che uno stile di vita disciplinato e sano è una possibilità reale. Supporta ogni idea con buon senso e prove scientifiche, e ci ricorda che se possono farlo gli abitanti di una piccola città in Giappone, possiamo farlo anche noi.

Leggendo questo testo scoprirai davvero cosa significa curarsi con i libri.

3 Io sono Ava | di Erin Stewart 

Ci piace inserire in questa guida su come curarsi con i libri anche un romanzo, che parla di come affrontare le avversità della vita. Il libro è Io sono Ava di Erin Stewart. La sedicenne Ava Gardener torna a scuola un anno dopo che un incendio in casa l’ha gravemente sfigurata. È abituata ai nomignoli, agli sguardi, al disagio, ma c’è un soprannome che odia più di tutti: “Sopravvissuta”. Come si chiama invece qualcuno che non intendeva sopravvivere?

Quando incontra un’altra sopravvissuta di nome Piper durante una terapia, Ava inizia a sentirsi come se non stesse affrontando l’incubo da sola. Piper la aiuta a recuperare i pezzi della vita che aveva prima dell’incendio: una ragazza normale che baciava i ragazzi e cantava sul palco. Ma anche Piper sta combattendo la sua battaglia per la sopravvivenza, e quando Ava sta per perdere la sua migliore amica, deve decidere se la nuova normalità che sta inseguendo ha più a che fare con la ragazza nello specchio o con le persone al suo fianco.

Un bellissimo debutto, con una trama che attraversa molti alti e bassi. A volte si può avere la sensazione che non ci sia un climax preciso in questo libro. Ma ogni evento che succede provoca a suo modo delle emozioni: piangere, ridere, un po’ e un po’.

I personaggi sono costruiti molto bene. Ava e la sua nuova amica, Piper, sono adolescenti arrabbiate; sono simpatiche e divertenti, e anche abbastanza audaci. Le cicatrici stanno bene su di loro e la loro storia è un viaggio da non perdere.

“Tutti hanno cicatrici. Alcune sono solo più facili da vedere”.

Un libro sulla sopravvivenza, la speranza e l’amicizia. Uno dei libri per risollevarsi e per ripartire. Riconoscibile, straziante e reale, questa è una storia di resilienza da non perdere.

4 Heal. Guarire. Un viaggio scientifico e spirituale sull’incredibile capacità del nostro corpo di guarire se stesso | di Kelly Noonan Gores

Questo libro ci offre invece una prospettiva diversa su come curarsi con i libri. Un viaggio affascinante, scientifico e spirituale, che esplora l’incredibile capacità del corpo di guarire se stesso.

Basato sull’innovativo documentario con lo stesso nome, Heal segue due persone nei loro viaggi di guarigione, combinando ricerca scientifica e testimonianze del mondo reale di esperti come Marianne Williamson, Bruce Lipton, Deepak Chopra, Bernie Siegel, Anita Moorgani, Kelly Brogan , e molti altri, per offrire speranza e cure alternative alle tante persone che soffrono di una varietà di malattie croniche. Identificando le radici emotive delle malattie, possiamo attingere ai poteri curativi del corpo e scoprire che, sebbene la guarigione possa essere complessa e profondamente personale, può anche avvenire spontaneamente in un momento.

Heal ci mostra che la scienza e la spiritualità sono unite e dimostra che i nostri pensieri, convinzioni ed emozioni hanno un enorme impatto sulla nostra salute generale e sulla capacità di riprendersi da malattie e infortuni.

5 Wabi sabi. La via giapponese a una vita perfettamente imperfetta | di Beth Kempton

Concludiamo con un testo che non serve solo a curarsi con i libri, ma anche a fare chiarezza su tanti aspetti che riguardano il “wabi sabi”. Molti pensano di avere una comprensione ragionevole del termine “wabi sabi”, finché non leggono il libro di Beth Kempton.

A essere onesti, non siamo ancora sicuri di poter articolare una definizione con una chiarezza che le renda giustizia, ma apprezziamo molto la ricerca che l’autore (un giapponologo e life coach) ha condotto nel suo tentativo di abbattere alcuni principi sbagliati nei suoi lettori, e dimostrare come possono essere applicati alla vita moderna.

Secondo Beth,

non esiste una definizione universale di wabi sabi nella lingua giapponese. Qualsiasi tentativo di esprimerlo sarà solo dal punto di vista della persona che lo spiega”.

Molti prendono in mano questo libro perché sono attratti dal senso estetico del wabi sabi: toni naturali, materiali organici e imperfetti. A quanto pare, c’è molto altro da sapere. Beth ha un master in giapponese e vive e lavora in Giappone da molti anni. Ha un profondo amore per quella terra che chiama la sua “seconda casa”. In questo libro raccoglie intuizioni ispirate all’antica saggezza e cultura giapponese, e fornisce suggerimenti ai lettori che desiderano applicare il concetto di wabi sabi a diversi aspetti della loro vita.

Il wabi sabi è un’affascinante visione del mondo che deriva dall’estetica giapponese e che ci aiuta a cogliere la bellezza nell’imperfezione, ad apprezzare la semplicità e ad accettare la natura transeunte di ogni cosa. Più che un modo per curarsi, questo libro offre la possibilità di uno sguardo nuovo su tanti aspetti delle nostre vite. Ecco un esempio che piacerà agli amanti dello stile degli interni e della creazione di spazi tranquilli in casa, che saranno molto interessati a leggere il capitolo “semplificare e abbellire” in cui Beth descrive l’apprezzamento giapponese della bellezza e il modo in cui viene vissuta.

Parla di una semplificazione delle nostre case, sfruttando al massimo gli spazi che abbiamo e inserendo sia elementi che materiali naturali. Un libro bellissimo, che evoca anche un senso di rassicurazione e di calma. Forse la cura per noi stessi, passa anche da un approccio meno frenetico alle nostre vite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.