action cam economiche

Action cam economiche: TomTom e la sua primogenita Bandit

TomTom Bandit: capisce i tuoi movimenti e vince sulle altre action cam economiche con la semplicità d’utilizzo.

Ad Amsterdam piove sempre. I bambini sono abituati a giocare sotto la pioggia per ore senza suscitare alcuna apprensione da parte delle mamme. Sarà questa sfida continua con il meteo a rendere gli olandesi particolarmente portati per l’impermeabilità. TomTom si reinventa e si impermeabilizza. Dopo quasi un decennio trascorso come azienda leader indiscussa nel settore della navigazione satellitare. Lo fa sfruttando il suo punto di forza: il GPS e l’analisi del movimento. No, niente navigatori per auto. Neanche smartwatch. Stiamo parlando delle action cam economiche TomTom. Prima di leggere altro, concedetevi due risate in compagnia di questa capra pazza e surreale. Con tanto di belati.

In tasca alla GoPro

Non è solo un modo di dire. Entra letteralmente in tasca e sfida apertamente GoPro, anche inserendosi nella sua fascia di prezzo. Ma il cavallo di troia degli olandesi è, senza dubbio, il video editing. La action cam TomTom Bandit è stata progettata per alleggerire gran parte del lavoro successivo di elaborazione dei filmati. Non ci fa impazzire il design, ma ha un display incorporato ed un sistema interno di georeferenziazione per la valutazione degli spostamenti. Ciò la rende molto adatta allo sport, meglio se estremo. Prima vantavamo la fissa degli olandesi per l’impermeabilità. La Bandit è in grado di scendere sott’acqua ad una profondità di 50m senza alcuna protezione (a differenza di molte action cam economiche sul mercato). TomTom, forte della sua “olandesità”, ha utilizzato materiali plastici rifiniti e tecnologie di assemblaggio di elevata qualità.

E il pacchetto premium?

Sulla scia della GoPro, anche i produttori di TomTom scelgono di personalizzare gli accessori. Hanno addirittura pensato a vari set da proporre. Il pacchetto Premium contiene anche un telecomando con cinturino, supporto per manubrio e altri piccoli supporti per ampliare la visuale in stazione fissa e il cavo di alimentazione. In aggiunta anche una Batt-Stick da 1900mAh, il coperchio per obiettivo a prova di spruzzi, 1 supporto per superfici piane 1 supporto per superfici curve e adattatore GoPro. Tutti hanno notato e apprezzato il coperchio per proteggere l’obbiettivo. A differenza dei gusci protettivi delle altre action cam economiche, nella Bandit i progettisti hanno pensato di rendere immediata un’eventuale sostituzione del vetrino. In caso di graffi o danneggiamenti, si può sostituire con il minimo sforzo e costo.

La primogenita di TomTom, caratteristiche e funzionalità

La Bandit è caratterizzata dalla stessa tipologia di tasto “one-touch”, già visto negli smartwatch dell’azienda. I cuori della Bandit sono il display led monocromatico e il pad a 4 direzioni posti entrambi sul lato superiore della fotocamera. Il gingillo olandese è in grado di registrare video in FullHD 1080p a 60 fps, 4k a 15 fps e 2k a 30 fps. Presenti anche modalità Timelapse e Slowmotion, del tutto automatizzate e non necessitano di post-produzione. Per le foto, invece, dispone di un sensore da 16 megapixel. Ma qual è il valore aggiunto di questa action cam (per la guida completa cliccate qui)? L’esperienza di TomTom è riuscita a portare una seria innovazione in questo campo. Stiamo parlando di un sistema combinato tra GPS, giroscopio e accelerometro, in grado di analizzare in tempo reale i movimenti della fotocamera (e di chi la indossa). Incredibilmente, riconosce accelerate, sgommate, piroette e tutto ciò che vi passa per la testa, per le gambe e per le braccia. Tutto questo si rivela molto utile in fase di montaggio. Grazie all’app, infatti, i video della Bandit potranno disporre di fattori grafici interessantissimi e sovrapponibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *