Emmanuel Carrère: 5 libri dello scrittore francese che dovresti leggere

Emmanuel Carrère: 5 libri dello scrittore francese che dovresti leggere

Considerato tra i più importanti scrittori contemporanei, Emmanuel Carrère è un autore dallo stile unico: ecco i suoi migliori libri

Emmanuel Carrère è uno degli scrittori contemporanei di maggior successo e originalità, per questo abbiamo deciso di scrivere un articolo su di lui, o meglio, un articolo in vi consigliamo 5 tra i suoi migliori libri. La sua produzione letteraria è vasta e comprende capolavori come Limonov e l’Avversario, libri che sono all’incrocio tra biografie e narrativa. Ora però entriamo nel vivo con i migliori libri di Emmanuel Carrère.

🔶 I baffi | Emmanuel Carrère

Nelle prime pagine di questo avvincente libro, il narratore senza nome descrive, con un dettaglio sensuale, la sua rasatura, per capriccio, di un paio di baffi di 10 anni. Sua moglie ignora la sua “metamorfosi” ma, di fronte, sostiene di essere sempre stato ben rasato. Lei sta impazzendo o sta cercando di far impazzire suo marito per ragioni diaboliche? O il narratore è un pazzo? I baffi, o la loro mancanza, sono il fulcro banale su cui poggia l’equilibrio del narratore: presto sua moglie nega l’esistenza di persone che considera amici intimi e dice che il suo amato padre è morto.

In questo libro Carrère limita fortemente il crollo del mondo del protagonista e la sovversione del suo senso della realtà. Mentre la mente del narratore si spacia come una montagna russa sfrangiata tra lucidità e follia, e fugge da Parigi per Hong Kong, è profondamente colpito e snervante sia nel panico che nella disperazione. Fin dalle prime macchie di crema da barba, questo è un promemoria teso e penetrante in cui una linea sottile e mutevole distingue il fatto dal miraggio, e la solidità della mente dallo squilibrio.

Ma questo libro di Emmanuel Carrère è anche un chiaro esempio di come i lettori siano necessari prigionieri della prospettiva di un narratore, per quanto distorta o surreale.

🔶 Limonov | Emmanuel Carrère

Questo è senz’altro uno dei libri che preferisco di Emmanuel Carrère, e non solo tra i suoi. Se mi chiedete qual è il libro che ho regalato a più persone, molto probabilmente è questo: un bestseller di enorme leggibilità che indaga sulla vita Eduard Limonov, teppista, poeta fallito, esibizionista, bisessuale, ossessivo autobiografo e politico minore.

Limonov non sa se approvare o meno la versione della sua vita di Carrère. Ma mette in parallelo i fatti noti della sua carriera, anche se alcuni dettagli sono stati inventati. Figlio di un poliziotto segreto senza successo, Limonov si è spinto in giro per l’America negli anni ’70 come letterato minore, ma non ha raggiunto la celebrità. Dopo un periodo a Parigi, tornò a Mosca nel 1991 per fondare il Partito bolscevico nazionale russo, completo di camicie nere, saluti fascisti e ambizioni neoimperiali. E poi si associò ai più cattivi nazionalisti serbi in Bosnia.

Si avventurò nelle guerre di incendi boschivi della Russia ai margini del vecchio impero. Ora è un membro marginale molto pubblicizzato del frastuono, a volte coraggioso, per lo più inefficace opposizione a Putin e come loro, regolarmente anche se viene brevemente gettato in prigione per i suoi dolori. Carrère oscilla tra l’ammirazione romantica e la riluttante disapprovazione di questo posa bizzarra, poco attraente e ormai anziana. Ma il suo stravagante tour de force accende una luce genuina sul margine più trasandato della vita russa e sul lato più squallido della recente storia russa.

Emmanuel Carrère non ha dimenticato. Convinto che la storia della vita di Limonov abbia una qualità eroica, l’ha riprodotta nei minimi dettagli. Carrère descrive il suo libro come un romanzo, che gli permette di essere dentro la testa di Limonov e fuori di esso, seduto in giudizio. Questa confusione su chi sta raccontando questa storia e sul fatto che ciò che stiamo leggendo sia “vero”, aumenta effettivamente l’energia trasmessa dalla storia.

Carrère non è nuovo alla biografia, ma il suo approccio non è convenzionale. Carrère si basa quasi esclusivamente sugli scritti di Limonov per creare un resoconto semi-immaginario dell’uomo e della sua vita. Interamente intrecciati sono frammenti della stessa biografia di Carrère, e in questa narrazione si profila la storia dell’ex Unione Sovietica, in particolare la sua dissoluzione che inizia con la perestrojka e il dramma in continua evoluzione che ne consegue. Naturalmente, nessuna di queste trame narrative mette in ombra il personaggio più grande della vita al suo centro.

Limonov è nato Eduard Savenko nella città sovietica di Dzerzhinsk nel 1943, e in molti modi le sue scelte di vita possono essere viste come tentativi di trascendere i suoi umili inizi come figlio di una umile guardia di sicurezza. Uno dei primi ricordi raccontati nella biografia di Carrère è che Limonov ha sentito una conversazione tra i suoi genitori – la famiglia viveva, non atipicamente, in un monolocale e il ragazzo dormiva ai piedi del letto dei suoi genitori – in cui suo padre racconta di aver trasportato prigionieri che dovevano essere fucilati. La descrizione di un prigioniero particolarmente pericoloso, ma anche “raffinato, stoico” – era “calmo ed educato” e “parlava un russo elegante” – lascia un’impressione duratura sul giovane Limonov che, secondo Carrère,

“inizia a sognare che un giorno sarà come lui, che andrà anche in prigione e impressionerà non solo i poliziotti umili e sottopagati come suo padre, ma anche donne, criminali, uomini veri”.

Ancora più preoccupante è il fatto che, come dice Carrère, “come tutto ciò che sognava di fare da bambino”, in effetti Limonov ha avuto “la possibilità di fare proprio questo”. Limonov è guidato da un insaziabile desiderio di potere, fama e ammirazione. Non sorprende che Limonov sia un uomo con molti nemici, persone che disprezza a causa dei loro successi. Per tutto il tempo che ha avuto aspirazioni poetiche, è stato geloso di artisti del calibro di Joseph Brodsky e Alexander Solzhenitsyn, e si è quasi preso la briga di contenere i suoi sentimenti di animosità nei confronti di quei compagni letterati russi che ha incontrato durante il suo soggiorno a New York.

Un importante bersaglio sopravvissuto dell’odio di Limonov è Vladimir Putin, che allo stesso modo vede usurpare un luogo e una posizione di potere che dovrebbe essere giustamente il suo. Particolarmente inquietante è l’atteggiamento di Limonov nei confronti delle donne, che vede – come fa chiunque altro intorno a lui, solo di più – come un foglio per i suoi stessi disegni. Il problema di Limonov con le donne è esacerbato dal racconto di un autore che, riferendosi alla relazione del suo soggetto con un minore, implica che il vero crimine è

quanto violentemente la nostra epoca condanna la passione di un uomo anziano per la carne giovane”.

Sebbene non sia acritico nei confronti di Limonov, Carrère sembra essere sotto il suo incantesimo e l’effetto è un collasso della distanza critica necessaria tra un autore e il suo soggetto. Tuttavia, questo è un libro affascinante, che vale la pena leggere forse meno come biografia che per i modi in cui gioca con domande di genere e autore.

🔶 Il regno | Emmanuel Carrère

Il regno di Emmanuel Carrére è il racconto del cristianesimo moderno e antico, filtrato attraverso un testo che è uguale parti di memorie, saggi accademici ed esplorazioni immaginarie. A partire dapprima con il breve e intenso rapporto dell’autore con la religione nei primi anni ’90, il libro segue il percorso di Carrère quando alla fine trova i difetti nella sua fede. Da qui, torna indietro nel tempo per analizzare le vite dei primi evangelisti cristiani, in particolare Paolo e Luca, a partire dal 50 d.C.

Combinando riferimento biblico e immaginazione, Carrère porta in vita le gesta di questi uomini, lavorando per diffondere la storia di Gesù alle masse mentre viene perseguitato e sfidato dai detrattori. L’autore si avvicina ad ogni momento con la mente di un narratore scettico, inserendo teorie personali sull’identità degli autori dietro lettere e vangeli biblici e mettendo in discussione la validità dei numerosi miracoli che si dice che Gesù abbia compiuto.

Ci sono continui salti avanti e indietro nel tempo – ad un certo punto, parlare della Vergine Maria porta a un pezzo sul porno su Internet – e così tutto si traduce in un libro spesso affascinante scritto da una mente curiosa e acuta. Senza mai dimenticarsi di essere prima di tutto un romanziere, conduce la sua inchiesta su

quella piccola setta ebraica che sarebbe diventata il cristianesimo”.

E così Carrère fa rivivere davanti ai nostri occhi gli uomini e gli eventi del I secolo dopo Cristo quasi fossero a noi contemporanei: in primo luogo l’ebreo Saulo, persecutore dei cristiani, e il medico macedone Luca (quelli che oggi conosciamo come l’apostolo Paolo e l’evangelista Luca); ma anche il giovane Timoteo, Filippo di Cesarea, Giacomo, Pietro, Nerone e il suo precettore Seneca, lo storico Flavio Giuseppe e l’imperatore Costantino – e l’incendio di Roma, la guerra giudaica, la persecuzione dei cristiani.

🔶 L’avversario | Emmanuel Carrère

Chi conosceva Jean-Claude Romand lo conosceva come un amorevole padre e marito, un brillante medico con un incarico prestigioso presso l’Organizzazione mondiale della sanità e un amico di buon carattere, senza pretese. Così, quando nel gennaio 1993 moglie, figli e genitori di Romand furono tutti trovati morti, i suoi conoscenti rimasero sbalorditi nell’apprendere che Romand era sospettato di averli uccisi tutti. Ma man mano che la polizia approfondiva, il motivo delle sue azioni divenne presto chiaro: né un medico né un dipendente dell’OMS, Romand aveva vissuto una vita finta per 18 anni e aveva sostenuto la sua famiglia principalmente truffando i parenti anziani dai loro soldi della pensione. Riconoscendo che la sua messa in scena era sul punto di essere scoperta, affermò di aver ucciso la sua famiglia per risparmiare loro la vergogna di apprendere la verità.

La storia divenne un evento mediatico in Francia, e il romanziere riferisce di sentirsi ossessionato dalle somiglianze tra la vita che Romand stava presumibilmente conducendo e la sua, e si ritrovò quasi compulsivamente attratto dal compito di mettere insieme l’identità del vero uomo dietro gli inganni di Romand.

La narrazione che ne risulta è un racconto avvincente, seppure profondamente inquietante, di un individuo che, come conclude Carrère, non aveva praticamente alcuna identità oltre a quello che aveva fabbricato per se stesso. Carrère ricostruisce un ritratto complesso e mirabilmente oggettivo di un uomo che, dopo aver fallito un singolo esame a medicina, trovò così difficile ammettere il suo fallimento che costruì un tessuto sempre più elaborato di bugie. Mentre occasionalmente cresce melodrammatico in momenti strani, questo è un resoconto letterale e intelligente di una storia sconcertante.

🔶 Un romanzo russo | Emmanuel Carrère

In questa narrazione avvincente e intensamente guidata dall’interno, l’autore francese Emmanuel Carrère usa come punto di partenza il ritorno di un paziente ungherese con problemi mentali imprigionato in un ospedale russo dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Carrère ammette di essere cronicamente attratto da storie di follia, dovute in gran parte a sentimenti di vergogna profondamente repressi che riguardano il suo rapporto familiare con il nonno di Carrère: un brillante ma cupo emigrato georgiano di lingua russa in Francia che gravitava verso gli occupanti tedeschi durante la seconda guerra mondiale per frustrazione.

Ha lavorato come “interprete” per i nazisti a Bordeaux, poi è scomparso al tempo della Liberazione. La negazione delle azioni di suo nonno l’aveva rosicchiato per tutta la sua vita, e avventurandosi a Kotelnich, in Russia, con una troupe cinematografica, apparentemente per produrre un documentario sulla difficile situazione di questo paziente ungherese, scomparso da tempo, Carrère si immerse di nuovo nella madre lingua russa, sperando in qualche modo di ottenere informazioni su suo nonno.

Man mano che si avanti in questa tortuosa saga russa c’è la crisi romantica di Carrère con la fidanzata Sophie, una giovane donna innamorata dell’autore ma così intimorita dai suoi umori. Il solito Carrère, con i generi che si mischiano indissolubilmente in una storia che vi trascinerà fino alla fine per sapere come si conclude.

1 thought on “Emmanuel Carrère: 5 libri dello scrittore francese che dovresti leggere”

  1. Buon lavoro. Ottima analisi che ci insegna tante cose. Hai letto i libri di Carrère con passione. Niente da vedere con alcuni articoli che si ripetono l”un l’altro.
    Per quanto riguarda Eduard Limonov. c’è un sito con molte informazioni difficili da trovare fuori dalla Russia e che non sono nel libro di Carrère.
    La prima pagina in italiano:
    http://www.tout-sur-limonov.fr/414521107

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *