Festa della mamma 2017: Speaker JBL Charge, la playlist Spotify da dedicare

La festa della mamma 2017 è alle porte. Vi consigliamo di celebrarla con un JBL Charge e una playlist che spacca. Buon ascolto.

Se è vero che “la mamma è sempre la mamma”, va celebrata come si deve. Per andare sul sicuro, fatele un bel regalo: internet è piena di offerte pensate ad hoc e avete soltanto l’imbarazzo della scelta. Tra questi, vi segnaliamo lo speaker JBL Charge, un gioiellino hi-tech, perfetto per ascoltare musica in vacanza o mentre si fanno le pulizie casalinghe. È un tubo lungo una ventina di centimetri, facilmente collegabile ai vostri device elettronici. Uno smartphone, un account Spotify e il gioco è fatto: musica in 20 Watt trasmessa in stereo per tutta la casa. E per fare un figurone con vostra madre, sarebbe bello prepararle una bella playlist di canzoni dedicate a lei. A corto di idee? Niente panico, ci pensiamo noi. Alzate il volume e godetevi la miglior musica “da mamme” della storia.

Viva la mamma – Edoardo Bennato

Partiamo con un classicone: sarà scontato, ma Viva la mamma, di Edoardo Bennato è LA canzone da dedicare a chi ci ha messo al mondo. Parte come una ballata tranquilla. Poi arriva – puntuale – il giro di accordi tipico di Bennato e via alle trombe, la batteria e la voce spensierata del cantautore. Quante volte anche quest’anno, le radio italiane trasmetteranno l’evergreen per la festa della mamma 2017? Innumerevoli: ma voi collegherete il JBL Charge al PC, tablet (come la Winpad della Mediacom) o smartphone e ve la sentirete a massimo volume. Giusto?

 

Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte – Gianni Morandi

Adesso Gianni Morandi è un vecchietto sorridente che ha scoperto Facebook, ma un tempo è stato un’icona della musica italiana. Tra i tanti successi, c’è la twisteggiante Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte, uscita nel 1962. Testo semplice che, a dispetto del titolo, non è dedicato alla figura materna, quanto alla fidanzatina di Gianni Morandi. Lui deve dirle una cosa importante e la aspetta fuori dal portone di casa. Lei non può uscire, senza il permesso di sua madre. Era dura la vita di un innamorato geloso, quando ancora non esistevano SMS, Facebook o Whatsapp.

Dear Mama – Tupac

I rapper fanno tanto i duri, ma quando si tratta di mamme hanno un cuore tenero e sensibile. Ce lo insegnò Tupac, nel lontano 1995. Il paladino della West Coast dedicò un brano alla madre, intitolandolo Dear Mama, dal quale traspare il rapporto conflittuale (per usare un eufemismo) e al tempo stesso tenero. Il racconto comincia  male: “When I was young me and my mama had beef/ Seventeen years old kicked out on the streets” ma si conclude con la voglia di perdonare: “But my plan is to show you that I understand/ You are appreciated”. Che lezione di vita.

Cleaning out My Closet– Eminem

Altro rapper dal cuore d’oro è Eminem. Da ragazzo passò dei pessimi momenti assieme alla madre, tanto da attaccarla verbalmente in diverse interviste. Poi se ne uscì con una canzone così violenta e così sincera, che scalò le classifiche mondiali. Si intitola Cleanin’ Out My Closet, che tradotto suona come “pulirò tutti gli scheletri nel mio armadio”.

Mama, I’m Coming Home – Ozzy Osbourne

A tutte le mamme con il rock ‘n roll nel sangue, consigliamo di aggiungere in playlist Ozzy Osbourne. Il leader dei Black Sabbath ha registrato una canzone intitolata Mama, I’m Coming Home. No, non parla di sua madre, bensì della moglie e manager Sharon Osbourne. Proprio lei però è la mamma dei suoi tre figli Kelly, Jack e Aimee. Tutta la famiglia, partecipò per anni al divertente reality The Osbourne, trasmesso in Italia da MTV. Più volte, durante lo show, Ozzy chiamava la moglie con il soprannome di “Mama”, proprio come nella famosa canzone. Il bello è che a distanza di anni, Ozzy e Sharon stanno ancora insieme. Il Re dell’heavy metal “has come back home” e ci è pure rimasto, per i successivi 30 e passa anni. Buona festa della mamma 2017, Ozzy & Sharon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *