I migliori libri di spionaggio che ti lasceranno senza fiato

Spy story da leggere tra storie vere di servizi segreti, guerra fredda e intrighi internazionali: ecco i migliori libri sullo spionaggio

Spie, assassini ed ex cecchini… troverai questi agenti nei migliori libri di spionaggio che abbiamo selezionato per te. Personaggi coinvolti in avventure giramondo, in libri di spionaggio e servizi segreti che ti porteranno attraverso la Germania dell’era della seconda guerra mondiale, la Russia moderna e, naturalmente, negli Stati Uniti.

Storie vere sullo spionaggio dove nuovo e vecchio, storico e moderno si intrecciano. Una selezione di letteratura spionistica dove troverai sicuramente un’avventura avvincente che ti appassionerà.

Se sei appassionato del genere, ti consigliamo di leggere anche:

1 Nome in codice Verity. La verità nasconde molti segreti | di Elizabeth Wein 

Iniziamo questa selezione dei migliori libri di spionaggio con una storia che ti colpirà al cuore. Se prendi Nome in codice Verity ci vorrà un po’ di tempo prima di rimettere giù la tua copia sbiadita e macchiata di lacrime.

Uno dei libri di spionaggio recenti in cui Wein ha successo su tre fronti: verosimiglianza storica, mistero straziante e una voce in prima persona di tale sicurezza e talento che la protagonista potrebbe diventare un personaggio classico se solo sapessimo come chiamarla. Soprannominata in alternativa Queenie, Eva, Katharina, Verity o Julie a seconda dell’operazione di doppio agente in cui è coinvolta, scrive la sua storia come una confessione mentre è legata a una sedia e si sta riprendendo dall’ultimo round di torture della Gestapo. I nazisti vogliono i codici che Julie ha memorizzato come operatore prima dell’atterraggio di fortuna in Francia, e lei li fornisce, ma lungo la strada racconta anche della sua feroce amicizia con Maddie, un pilota britannico il cui ingegno tranquillo era impressionante quanto lo sfacciato coraggio di Julie.

Anche se raccontata in modo tagliente come un coltello, la narrazione di Julie è costellata di umorismo oscuro e piccoli atti di sfida, e la tensione che si accumula tra le trame passate e presenti è praticamente insopportabile.

Un sorprendente cambio di prospettiva porta a casa il devastante finale del libro, che rivela che Julie è stata ancora più coraggiosa di quanto credessimo. Sia terribilmente triste che estremamente stimolante, questo thriller spionistico è un romanzo plausibile e non sentimentale, che commuoverà completamente anche il più cinico dei lettori. Tra i migliori libri di spionaggio consigliati!

2 L’ufficiale e la spia | di Robert Harris

Tra i libri di spionaggio storie vere, L’ufficiale e la spia merita senz’altro una menzione. Qui Harris racconta la vera storia avvincente di come un ufficiale francese ha salvato il capitano ebreo falsamente condannato Alfred Dreyfus.

La rivisitazione di una storia il cui esito è noto presenta una serie particolare di sfide. Nel 1895, in una Francia all’ombra della guerra e piena di antisemitismo, il capitano ebreo Alfred Dreyfus fu condannato per spionaggio. Seguirono l’umiliazione pubblica, l’esilio e l’incarcerazione solitaria. Tuttavia, Émile Zola sostenne la sua causa e alla fine fu esonerato.

L’ufficiale e la spia è uno dei migliori libri di spionaggio di sempre, anche perchési occupa scrupolosamente della verità, ricercando fonti originali come trascrizioni di tribunali, resoconti di giornali e scritti dello stesso Dreyfus, nonché successive analisi storiche. Solo raramente si intravede l’ingegneria coinvolta nell’assorbire e sintetizzare così tanto materiale: per la maggior parte è evidente solo come una sorta di delicata sottostruttura.

Sebbene la fine della storia sia nota, forse non è più sicuro presumere che i dettagli fini di questo labirintico scandalo siano risaputi. A Zola potrebbe essere stata attribuita la riabilitazione di Dreyfus, ma relativamente pochi avranno sentito parlare dell’eroe di Harris, Picquart: l’ufficiale francese che fu l’osservatore ufficiale dell’umiliazione pubblica di Dreyfus davanti a una folla ululante e che finì come il suo salvatore.

Harris inizia l’azione di questo romanzo spionaggio con la convinzione e il degrado di Dreyfus, come testimoniato dal maggiore Picquart e riferito al ministro della guerra. Dreyfus viene trasportato su una rovente nave da guerra su una roccia nell’Atlantico meridionale: il maggiore Picquart viene nominato colonnello più giovane dell’esercito francese e dell’unità di intelligence segreta che diede la caccia a Dreyfus.

Patriottico, devoto appassionatamente all’esercito, parte dell’antisemitismo della sua cultura e inizialmente indiscusso della colpa di Dreyfus, il Picquart che Harris ritrae è anche un uomo di intelligenza infallibile e di principio. Già a disagio per l’atmosfera di evasione e inganno che eredita alla Sezione, quando Picquart espone sia le discrepanze nelle prove contro il capitano ebreo sia un sospetto alternativo ancora attivo nell’esercito, intraprende un’indagine che rischia di porre fine alla propria carriera.

Contro ogni previsione, il risultato è un thriller avvincente misto all’avventura: le sue rivelazioni dal ritmo impeccabile e il materiale originale utilizzato con effetti commoventi (in particolare, gli scritti di Dreyfus, che evocano il prigioniero come l’inestirpabile coscienza spettrale di una civiltà degradata).

Un ufficiale e una spia sono rappresentati dall’impareggiabile caratterizzazione di Picquart. Complesso ed esigente, è rigido, goffo, sprezzante e tuttavia profondamente comprensivo, un patriota la cui vita è stata deformata dalla sua lealtà e un incallito libero pensatore.

Alla fine, a disagio con la prospettiva di un finale incontro con l’uomo a cui ha ridato la vita, dice:

«Non è il tipo d’uomo che trova facile dire grazie; molto bene; io non sono il tipo che trova facile essere ringraziato; risparmiamoci l’incontro.”

3 La volpe | di Frederick Forsyth

Frederick Forsyth ha prodotto uno dei libri sullo spionaggio molto rilevante.

Nel 1971, Frederick Forsyth, allora giornalista freelance in cerca di soldi, pubblicò il suo primo romanzo, Il giorno dello sciacallo: la sua storia di un complotto per assassinare il presidente francese Charles de Gaulle ha ottenuto un successo internazionale e ha affermato Forsyth come uno dei principali romanzieri di spionaggio al mondo.

Dopo molti anni Forsyth ha pubblicato La volpe”, uno libri di spionaggio consigliati, in un certo senso una storia strana, ma anche geniale, scritta con perizia e uno sguardo serio sui conflitti internazionali che minacciano il futuro del mondo.

I due personaggi principali del romanzo difficilmente potrebbero essere più diversi. Sir Adrian Weston è un alto funzionario dell’intelligence britannica in pensione di 70 anni che rimane influente perché il primo ministro Marjory Graham si fida di lui. Sir Adrian è il cervello, la coscienza e l’eroe di questa spy story.

L’altro protagonista è Luke Jennings, un diciottenne che sfoggia una massa ribelle di riccioli biondi e soffre di un grave caso di sindrome di Asperger. All’inizio Luke vive con i suoi genitori in una modesta casa in un sobborgo di Londra dove trascorre la maggior parte del suo tempo in soffitta davanti al suo computer. Luke ha in qualche modo sviluppato un’inspiegabile capacità di sfondare le difese del computer. Quel dono è al centro del romanzo di Forsyth.

Un giorno, sbalorditi funzionari della sicurezza americani scoprono che i loro database più segreti, a lungo ritenuti inespugnabili, sono stati violati da un intruso che non ha rubato nulla, si è semplicemente guardato intorno e si è ritirato. Un’indagine approfondita identifica Luke come il colpevole.

Lo consigliamo anche come uno dei libri di spionaggio per ragazzi, per la presenza di tanti personaggi che fanno parte del periodo storico che stiamo vivendo.

In uno scontro alla Casa Bianca, il presidente – Donald Trump – chiede che Luke sia consegnato per il processo e la reclusione. Ma Sir Adrian insiste sul fatto che il ragazzo può essere più utile a Londra accedendo a database apparentemente impenetrabili in Iran, Corea del Nord e Russia. Luke procede a sfondare le difese più elaborate di quelle nazioni per estrarre informazioni inestimabili, spesso su piani nucleari.

La storia di Forsyth include descrizioni feroci di diversi leader mondiali. Nella sua discussione sulla capacità nucleare della Corea del Nord, Forsyth descrive il leader della nazione, Kim Jong Un, come

“grasso, brutto, che insiste per un bizzarro taglio di capelli”

e avverte che la sua

“spietatezza è totale, la sua ossessione per se stesso assoluta”.

Sir Adrian avverte il primo ministro che la presunta denuclearizzazione nordcoreana è una truffa; che se hanno distrutto un impianto nucleare ne hanno semplicemente nascosto un altro altrove. Chiede perché Trump dovrebbe cadere in un simile stratagemma. Perché, dice,

desidera essere insignito del premio Nobel per la pace. Quindi la voglia di credere è trionfante”.

Forsyth è ancora meno lusinghiero con Vladimir Putin, che descrive come “un piccolo ex delinquente della polizia segreta” e assassino di massa che si è unito a gangster e oligarchi russi per diventare forse l’uomo più ricco del mondo. Forsyth dipinge Putin come determinato a riportare la Russia alla ribalta di cui godeva sotto Joseph Stalin.

Sir Adrian avverte che Putin cercherà di dominare l’Europa non con armi nucleari ma con le vaste risorse di gas naturale della Russia e una complessa serie di gasdotti in grado di rifornire gran parte del continente.

Dice al primo ministro:

“La Russia ha ora riposto tutte le sue speranze nell’inondare l’Europa occidentale con il suo gas naturale e diventare così, attraverso la nostra dipendenza energetica, i nostri padroni effettivi”.

Gli oleodotti sono controllati da computer, quindi forse l’Inghilterra può ricorrere alla sua arma segreta, Luke Jennings, per sventare il piano.

Da qui la storia diventa ancora più interessante, con un misto di attacchi cibernetici e riferimenti a cecchini sovietici che avevano eliminato centinaia di soldati tedeschi nell’assedio di San Pietroburgo.

È sorprendente come questo libro sia tra i romanzi di spionaggio più profondamente radicato alla realtà e all’emergenza energetica che stiamo vivendo.

Forsyth è estremamente ben informato sugli affari mondiali, la politica, la diplomazia, le armi e i misteri dello spionaggio. In “The Fox”, come in tutti i suoi romanzi, li espone con dettagli brillanti. Il giovane Luke è la ciliegina sulla torta. Sicuramente tra i migliori libri di spionaggio in commercio.

4 Il giorno dello sciacallo | di Frederick Forsyth

Il giorno dello sciacallo di Frederick Forsyth è un resoconto dettagliato dei piani per l’assassinio di una figura politica e dell’altrettanto meticolosa ricerca dell’assassino quando le autorità vengono avvertite del fatto che è in corso un piano di omicidio molto speciale.

Partendo lentamente, la narrazione si costruisce fino a una suspense mozzafiato. La figura politica è DeGaulle; il tempo, poco dopo il ritiro della Francia dall’Algeria; gli istigatori, l’OAS francese dissidente; e l’assassino? Vi lasciamo scoprilo nel corso della lettura!

5 La cruna dell’ago | di Ken Follett

Ken Follett è qui con quel tono particolarmente britannico di tensione controllata e piacevole, che racconta un complotto di spionaggio. Parliamo del D-Day: solo un uomo può rovinare la segretezza dello sbarco in Normandia: un importante agente sotto copertura tedesco noto come “The Needle” a causa del suo micidiale stiletto. Da qui prende nome il libro di spionaggio più bello di Follet, La Cruna dell’Ago. Ma Follett dichiara subito la sua indipendenza dai luoghi comuni: attirandoci al punto di vista di The Needle, costringendoci ad ammirare la sua ingegnosità, anche se uccide un’innocua padrona di casa e poi il suo stesso complice.

Gli uomini dell’intelligence britannica devono catturarlo prima che entri in contatto con un sottomarino tedesco: e calandosi nella storia apparentemente estranea di un uomo e una moglie giovani e infelici che hanno vissuto su un’isola nel mare al nord. La cruna dell’ago introduce una voce fresca nel mondo della suspense ed è facilmente uno dei migliori romanzi del genere spionistico.

6 Pilgrim | di Terry Hayes

Sembra l’omicidio perfetto: una vittima non identificabile, una giovane donna trovata in un hotel di Manhattan a basso costo, a faccia in giù in una vasca da bagno piena di acido, denti rimossi, impronte digitali e faccia sparite, e una scena del delitto priva di impronte digitali, DNA o altro altri identificatori.

Il detective della omicidi in carica, Ben Bradley, è un amico di lunga data di Pilgrim, un agente della CIA in pensione che ha scritto un libro di testo sulle indagini criminali che l’assassino ha apparentemente letto. Pilgrim, in pensione e solitario, viene coinvolto nel caso da Bradley e si trova rapidamente nel bel mezzo di una caccia all’uomo internazionale che si muove attraverso il Regno Unito, la Francia, l’Arabia Saudita e l’Afghanistan.

Uno dei libri di spionaggio consigliati, perché dietro a tutto ciò c’è più di un semplice mistero di omicidio; c’è anche una minaccia biologica contro gli Stati Uniti, che si lega all’omicidio. I personaggi sono abilmente portati in vita in questa avventura ricca di azione in tutto il mondo, e Pilgrim è un protagonista arguto e assolutamente affascinante. Cresciuto come figlio adottivo in una famiglia molto ricca, è un uomo solitario reclutato dalla Divisione, un gruppo di operazioni segrete top-secret che alla fine viene sciolto. Il suo avversario qui, un altro solitario, soprannominato Saracen, è cresciuto in Arabia Saudita, dove suo padre è stato decapitato per aver criticato il re.

La politica internazionale crea un retroscena affascinante a tutto il romanzo, che a volte può sembrare raccapricciante, ma nessuna violenza è gratuita.

Tra i migliori libri di spionaggio perchétutto sembra reale e credibile. Non lasciarti scoraggiare dalla lunghezza di questo libro di Terry Hayes. La trama è fitta e le pagine volano ferocemente veloci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *