Linksys Velop vs Netgear Orbi: I migliori router mesh per il wi fi di casa

Linksys Velop vs Netgear Orbi: I migliori router mesh per il wi fi di casa

Linksys Velop vs Netgear Orbi: Chi vincerà la sfida come miglior router mesh per il wi fi di casa? Tra recensioni e opinioni degli utenti, ecco quale (secondo noi) dovreste comprare

Tra le riviste specializzate se ne parla molto, ma in pochi hanno ben capito che cosa sia. È la tecnologia mesh, che implementa la connessione del wi fi di casa, attraverso un nodo di router che comunicano tra loro. Per farla facile, attraverso l’acquisto di router wi fi che sfruttano il sistema mesh manterrete la connessione wi fi sempre al top, senza i fastidiosi rallentamenti o le zone “a tacca zero”. In questa guida tratteremo con recensioni e opinioni i due maggiori competitor sul mercato: Linksys Velop e Netgear Orbi. Cercheremo di spiegare anche ai profani, perché comprare un router wi fi mesh, quali sono i vantaggi e come procedere con l’installazione. Pronti?

Che cos’è mesh e come funziona

Partiamo dalle basi. Che cos’è la tecnologia mesh e a cosa serve? È una tipologia di rete, che segue una logica diversa da quella tradizionale. Quella a cui siamo abituati vede l’utilizzo di un modem/router e – eventualmente – altre periferiche, che “dipendono” da esso e ripetono semplicemente il segnale. Possono essere switch, access point o powerline, ma in ogni caso avrete delle limitazioni consistenti. Altro non sono che semplici “potenziatori” del segnale, che nulla possono contro i problemi che affliggono il vostro wi fi di casa. Cali di tensione o di connessione, o ancora malfunzionamento del router stesso. Il mesh cosa fa? Decentra l’egemonia del modem/router principale, affiancandone altri della stessa importanza gerarchica.

Perché migliora il wi fi di casa?

Avendo più router, che svolgono la medesima funzione e si supportano a vicenda, la rete capisce da sola come gestire il traffico, utilizzando un nodo piuttosto che un altro. Riducendo il discorso all’osso: l’architettura del mesh assomiglia più a una stella, dove le punte rappresentano i vari router e nessuno prevale sugli altri. La connessione di casa tradizionale invece assomigliava a un albero! Con una base che si dirama verso più direzioni. Ancora più all’osso? Il mesh è uno dei metodi più economici ed efficaci per avere una connessione wi fi in casa. Da una camera all’altra, in più piani e punti della stanza non avrete nessuna zona d’ombra e sfrutterete al massimo la fibra ottica. Non scendiamo in maggiori tecnicismi, perché il nostro scopo è quello di consigliare e recensire i due sfidanti sul mercato: Linksys Velop vs Netgear Orbi, chi vincerà? Quale dei due è il miglior router wi fi da comprare?

La grande forza di Linksys Velop e Netgear Orbi? La semplicità!

Ecco la ragione per cui ci occupiamo di Velop e Orbi. La vera rivoluzione sta nella estrema facilità di installazione. Non serve essere dei tecnici o degli smanettoni per aggiungere i router mesh al wi fi domestico. Si posizionano le torrette in punti  strategici della casa, poi li si collega alla corrente e il gioco è fatto. Nel Netgear non c’è nemmeno bisogno di schiacciare il tasto “Sync”, memorizzare la password e aspettare che il LED sulla torretta diventi viola. Sul Velop c’è una procedura guidata che dura una decina di minuti e che si sbriga tranquillamente tramite app Android o iOS. Anche un bambino riuscirebbe a installare i due router mesh al wi fi di casa.



Linksys Velop: Recensione del router Apple-Friendly

La semplicità, si diceva, è uno dei punti di forza dei nuovi router mesh sul mercato. Da dove deriva l’immediatezza? Da Apple naturalmente, che nel lontano 1999 lanciava sul mercato un sistema wi fi dall’installazione incredibilmente semplice. Poi il progetto – chiamato Airport – è stato pian piano abbandonato (o quasi) dal colosso di Cupertino. E senza rimpianti, la stessa Apple raccomanda l’utilizzo di altri sistemi di routing mesh, come il Linksys Velop, più volte elogiato dai tecnici californiani. Il segreto di Velop consiste nella app, semplice come qualsiasi social o gameplay e installabile attraverso il proprio smartphone. Chi volesse dargli un’occhiata, QUI trovate quella per Android, mentre QUI quella per iOS

L’App Linksys: che portento!

Non funziona soltanto per la configurazione, ma permette il controllo completo della rete. Bella la grafica, con bottoni immediati e chiari nei testi. Utilissimo il controllo in remoto: significa che se voi siete in ufficio e volete “bloccare” l’accesso a internet (magari ai figli che stanno troppo su internet!) potrete farlo con un semplice bottone. Il blocco è anche modulabile, per siti (potete creare una lista nera di indirizzi non visitabili), orari o creare un accesso per un ospite. Bello anche lo speed test, per verificare la velocità effettiva del vostro wi fi.

Prestazioni e prezzi

In poche parole, Linksys Velop funziona davvero e copre distanze al chiuso notevoli. Non teme le barriere architettoniche, come pareti, soffitti e angoli della casa, ma dipende dal “taglio” che deciderete di comprare. Il più potente arriva a una superficie di 375 metri quadri, più utile per uffici da più piani che abitazioni private. Chi volesse risparmiare comunque, può comprare la soluzione AC2200, che costa circa la metà (177 €) e copre comunque i suoi 125 metri quadri. Vanta la tecnologia tri-band dinamica, dove la terza frequenza è dedicata al “dialogo” di gestione delle torrette, per non intaccare minimamente la connessione casalinga. Le riviste specializzate – Trusted Reviews in particolare – ha notato una minor velocità di connessione rispetto al Netgear Orbi. Può darsi, ma stiamo comunque parlando di pochi mbps persi, che si notano su uno scambio dati esagerato. Se avete la fibra ottica sui 200 mbps, anche in una casa con muri a mattoni (i più difficili da “sfondare” per il segnale) non dovrete temere di nulla. Anche l’operatore – ovviamente – non influisce e il modem bisogna averlo: il Linksys Velop non sostituisce a esso.

Design: minimal ed elegante

Il bianco è il colore imperante, i Linksys non sfigurano se esposti in bella vista in soggiorno. Assomigliano a piccoli grattacieli, realizzati per la maggior parte in plastica. Ha praticamente un solo bottoncino di colore azzurro, sulla faccia superiore dell’oggetto. Tutte le porte e le prese sono nella parte inferiore, ben nascoste ma facilmente accessibili con i fili. Bello, certo, ma il Netgear Orbi è persino migliore e lo vedremo successivamente.

In sostanza?

Pro: La app magnifica di Linksys, il prezzo conveniente, le performance affidabili e il design gradevole.

Contro: Più lento del Netgear, hardware migliorabile. 

Netgear Orbi: La versione 2018 è spettacolare

Alcuni punti di forza e altri di debolezza, per questo router wi fi che sfrutta la tecnologia mesh. Il Netgear Orbi vanta una versione aggiornata al 2018 e che ha sorpreso critica e pubblico, con recensioni e opinioni entusiastiche. A partire dal design che – si diceva – è talmente bello da farle sembrare sculture di arte moderna. Vale la pena acquistarlo o è meglio il competitor Linksys Velop? E a che prezzo lo troviamo su Amazon? Ecco una breve recensione del prodotto.

Prestazioni: Top, come solo Netgear ci ha abituato

Non bada a spese e punta dritto sulla qualità, il marchio Netgear. E infatti Orbi è un oggetto di alta fascia, ma con prestazioni sorprendenti. Nessun singhiozzo, mai un’interruzione di linea e segnale sempre al massimo. Poco gli importano i muri (anche multipli!) i corridoi e le distanze. Sceglie da sé la frequenza, se quella a 2,4 GHz o quella a 5, con la terza banda completamente libera per comunicare tra più Orbi. La differenza con il linksys Velop sta anche nell’architettura dei satelliti. Netgear Orbi è venduto prevalentemente nella versione 1 router più un satellite (sempre router) con copertura fino a 350 metri quadri. Comode le 4 porte Ethernet per connettere qualsiasi dispositivo, così come le luci LED per avvisare l’utilizzatore di qualsiasi malfunzionamento.

Software di gestione e installazione

Qui Netgear Orbi mostra la corda rispetto al router concorrente. È vero che ha lo Smart Parental Control Circle curato da Disney (per chi ha bambini in casa e una tv smart). Ma il software Netgear è il solito già visto su altri dispositivi. Nulla che non funzioni, ma è macchinoso e va a rompere la magia di intuitività inaugurata nell’installazione plug-and-play. E che dire della app per smartphone? Talvolta lagga e non permette tutte le possibilità in remoto del concorrente Linksys Velop. Sull’installazione invece nulla da dire: velocissima e addirittura più facile che nel Velop.

Design e prezzo

Il design è la parte migliore di Orbi. Al pari di Arlo 2, predilige le linee curve e le luci a LED non invadenti. Ma sono stupendi visti dall’alto, perché di sezione irregolare e con uno strano effetto a vite. Ricorda vagamente l’architettura dello spagnolo Calatrava, ma con un minimalismo spiccato. I prezzi delle Netgear Orbi? Si fanno pagare, ma le Netgear RBK20 si trovano a 219 €. Il kit business invece (con un design totalmente rivisto ed è un peccato) si trova a 415 € su Amazon.

In sostanza?

Pro: Design perfetto, alte prestazioni, alta qualità costruttiva.

Contro: Il prezzo leggermente elevato, la soluzione a due unità ha comunque dei limiti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *