Migliori notebook: Prezzi e opinioni su Lenovo, Microsoft Surface, Dell e Asus

Migliori notebook: Prezzi e opinioni su Lenovo, Microsoft Surface, Dell e Asus

Quali sono i migliori Notebook? Ne esistono di ogni tipo, dimensione, prezzo. Prestazioni top, senza il “peso” di una workstation. La guida all’acquisto completa

Usare un notebook per lavoro è pratica ormai comune. I tempi delle workstation obbligatorie sono finiti. Quelle macchine da guerra da decine di migliaia di euro, indispensabili per un grafico, un montatore video o un architetto di alto livello, sono ancora usatissime, ma hanno un grande limite: limitata trasportabilità. E qui entrano in gioco i migliori notebook professionali. Leggeri, sottilissimi e con specifiche tecniche importanti. L’offerta sul mercato poi, è davvero competitiva. Per farla breve, diciamo che un buon notebook professionale può sostituire la tradizionale workstation, a patto che non si debbano eseguire operazioni di calcolo mostruose. Qui trovate una guida sui migliori notebook Lenovo, Microsoft, Dell e Asus, con le nostre insindacabili opinioni. Una selezione con alcuni fuoriclasse, più dei refusés degni di nota. Una postilla: non troverete prodotti Apple, visto che meriterebbero un discorso a parte.

Notebook consigliati: 

I notebook professionali:

Asus. Notebook a prezzo contenuto:

1 – Il Lenovo ThinkPad X1 Carbon 2017

Diciamolo senza timore: Lenovo non realizza i migliori notebook del mercato. Se volete affidabilità a un prezzo amichevole, dirigetevi su un Dell o un Asus. Da evitare come la peste sono i notebook Lenovo entry level: costano poco (con 250 € ve la cavate) ma vi troverete tra le mani una carretta inutilizzabile. Il discorso cambia quando si superano i 1000 € e si entra nell’alta fascia. È lì che il colosso cinese dà il meglio e propone prodotti che nulla hanno da invidiare alla concorrenza. Davvero tra i migliori notebook in circolazione, per prezzo, opinioni soddisfatte degli utenti e prestazioni. Prendiamo le workstation per grafici, o quelle per PC Gaming, o ancora i notebook Lenovo ThinkPad X1 Carbon. La serie del 2015 aveva già spiazzato critica e pubblico: ora è uscita la nuova versione, con un consistente aggiornamento dell’hardware. Vale come la precedente o sta deludendo gli utenti? Ne consigliamo l’acquisto o è meglio evitare su migliori notebook professionali?

Restyling per il Lenovo ThinkPad X1

Pur negli strumenti professionali, l’occhio vuole la sua parte. Viene in mente il rosso fuoco dei Firewall Whatchguard, o l’elegante minimalismo delle workstation Apple. O ancora i prodotti per l’ufficio più cool, ai quali abbiamo dedicato un articolo. Insomma il Lenovo ThinkPad X1 aveva bisogno di un restyling, per ambire al titolo di migliore notebook. La quinta generazione è stata presentata al CES 2017 di Las Vegas, lo scorso gennaio. I modelli Lenovo ThinkPad X1 Carbon 2017 sono disponibili in versione silver o in nero. Hanno uno schermo da 14 pollici IPS (come la maggior parte dei monitor da PC gaming) in una cornice da 13,3 pollici. Sono sottilissimi, con 15 millimetri di spessore, per un peso di 1,14 chilogrammi. Il design non è ai livelli di un MacBook ma ha lo stesso minimalismo. Mai eccedere in colori o “barocchismi” quando si confeziona un prodotto professionale. Carino, anche se la forma squadrata ha un che di datato.

Lo schermo: Niente magheggi, niente touch

Sullo schermo quelli della Lenovo si sono mantenuti sull’alto livello, senza però stupire con effetti speciali. Anzitutto i pollici: sono 14, inclusi in una cornice da 13,6. I formati disponibili sono due: il classico Full HD e il più cinematografico (o da gamer) Quad HD, con risoluzione 2560×1440 pixel. La cornice è molto sottile (praticamente inesistente) ai lati, mentre più consistente nella parte superiore e inferiore dello schermo. È un pannello IPS, che mantiene un ottimo angolo di visione ed è opacizzato. Inoltre da notare come lo schermo del Lenovo ThinkPad X1 Carbon 2017 non fletta assolutamente e non fa le bolle al contatto con le dita. La cerniera permette una flessione di 180 gradi.

L’hardware interno

La novità rispetto alla serie del 2015 è soprattutto hardware. I nuovi notebook Lenovo ThinkPad X1 Carbon 2017 montano un processore Kaby Lake U: sono 2.8GHz per un Intel Core i7-7600U. Ovviamente però, la generazione e il numero di GHz dipende dal modello acquistato. La scheda grafica è una Intel HD Graphics 620, con 128 MB dedicati. La RAM invece è di 16 GB, DDR4, con 1,866 MHz. La memoria interna è a stato solido (che ormai sta diventando uno standard tra i migliori notebook professionali), ed è da 512 GB. Non capientissima, ma sufficiente per lo storage di documenti aziendali. La buona connettività è assicurata da un Bluetooth versione 4,2, che non è al top come i un iPhone X (vanta la versione 5.0) ma ha prestazioni ottime. Volendo ci si collega ogni tipo di cuffie wireless di alto livello.

Case in carbonio? Leggero e indistruttibile

Già a partire dal nome (Lenovo ThinkPad X1 Carbon) si intuisce come la scelta della lega di costruzione del case sia vanto per l’azienda cinese. E in effetti il carbonio permette grande leggerezza per resistenza incredibile. I tecnici Lenovo hanno sottoposto il PC portatile a test militari, il quale ha superato – a loro detta – oltre 200 controlli di resistenza. D’altronde c’è un chassis a quattro strati di fibra di carbonio rinforzato e un roll cage in lega di magnesio. Sicuramente resisteranno alle vostre bevande versate o agli urti che inevitabilmente prenderà il vostro Lenovo ThinkPad X1 Carbon durante i viaggi aziendali.

In sostanza? La nostra opinione

Il Lenovo ThinkPad X1 Carbon 2017 è uno dei migliori notebook sulla piazza. Su questo, non ci piove. Ma i suoi difetti li ha eccome: sintetizzando c’è l’ottima durata di batteria. Sono 15 ore di autonomia, con una ricarica velocissima. In un’ora la batteria si ricarica all’80%, per circa altre 12 ore di vita. Altra nota positiva sono le alte performance del processore, della scheda video e della memoria SSD. Infine ci sono le virtù del carbonio e un design tutto sommato gradevole. I “contro” sono il prezzo (2100 € non sono pochi) anche se è un prodotto dichiaratamente professionale. E lo schermo, che manca totalmente di funzione touch. Da abbinare con una powebank & caricatore : vi garantirà un viaggio aziendale senza problemi.

2 – Il Dell Latitude 3560

Qualità Dell per uno dei migliori notebook dalle linee eleganti, in grado di soddisfare un’utenza abbastanza ampia. Il design di questo notebook è infatti uno dei più sobri che ci sia capitato di incontrare recentemente. Sembra quasi un vecchio portatile business, ovviamente molto più sottile e con una finitura nero opaca elegante. Appropriato, quindi, per chi se lo porterà dietro al lavoro.

Prestazioni e caratteristiche

Un occhio alle prestazioni. Processore Intel Core i5 a 2.20 GHz4GB di RAM DDR3hard disk da 500 GB HDD. Buono lo schermo LED in HD da 1366×768, ma per applicativi multimediali e di grafica (a meno che non usiate Canva per tutto) il consiglio è di guardare verso portatili dotati di full HD. In poche parole, Latitude 3560 è adatto per chi ha bisogno di una buona potenza per uso personale. Giocatori e utenti professionali in cerca di molta potenza devono rivolgersi verso altre fasce di prezzo.

Porte e batteria

Funzionale la disposizione delle porte, come sempre accade con i prodotti Dell. Troverete due USB 3.0 sulla parte sinistra, insieme a HDMIjack audio e ingresso per il caricabatteria. Sulla destra, due USB aggiuntive 2.0, lettore SDVGA in uscita e uno slot per i lucchetti Kensington. La batteria di 5200 mAh promette un utilizzo da medio a moderato di circa otto ore. non proprio una caratteristica da miglior notebook sulla piazza, ma tant’è. L’alloggiamento è un po’ ingombrante, ma è un prezzo che paghiamo volentieri per prestazioni di questo tipo.

Conclusioni: La nostra opinione

Latitude 3560 è un notebook di buon livello, anche se non il migliore. Senza eccellere in niente, offre però un buon range di caratteristiche pensate in primis per l’utente casalingo attento. Di questo laptop ci piacciono sobrietà, buona autonomia e l’ottima tastiera retroilluminata. E’ una scelta valida per tutti coloro che necessitano di un laptop non troppo dispendioso per gestire operazioni di business personale, o qualcosa di durevole per il normale utilizzo casalingo. Purtroppo non è più disponibile su Amazon ed è (a novembre 2018) un modello sorpassato. in alternativa consigliamo l’ottimo Latitude 5480, con prestazioni migliorate e processore di nuova generazione (i7 a 2,8 GHz). Qui trovate la scheda prodotto, con tutte le caratteristiche e le specifiche tecniche.

3 – Asus Zenbook 3

Ne hanno già parlato in molti, ma quando si tratta di qualità anche noi vogliamo mettere bocca. Perché è divertente esprimere le proprie opinioni, specie quando sono positive. Stiamo parlando dell’Asus Zenbook 3, un pc portatile davvero unico. Senza timore, lo mettiamo tra i migliori notebook di sempre, capace di mettere alle strette il blasonato MacBook della Apple. È uscito da qualche mese e ha già ricevuto gli elogi della critica di settore. Per prestazioni e categoria prodotto assomiglia al Lenovo ThinkPad X1 Carbon 2017 e in un certo senso ai convertibili 2 in 1 Microsoft Surface, HP Spectre e Dell XPS 13. La personalità Zenbook però, lo distanzia da tutta la concorrenza.

Cenni storici: Cosa sono gli Asus Zenbook?

Lanciati nel 2011, sono una famiglia di Ultrabook, dunque notebook molto leggeri e con prestazioni da pc professionale. Tutta la linea richiama alla filosofia orientale Zen e il “marchio” di fabbrica consiste nella trama a cerchi concentrici nel chassis. Rappresentano cerchi nell’acqua e rimandano a quella perfezione geometrica presente in natura. Visto il successo di pubblico, l’Asus ha cominciato una produzione massiccia di Zenbook a partire dal 2012, proponendo modelli di taglio e dimensione differente. Ne esistono 3 generazioni, dalle svariate caratteristiche tecniche. Di grande impatto furono le serie Asus Zenbook Flip, quella Touch e quella Infinity. E il notebook Asus Zenbook 3? Conquisterà il cuore degli users allo stesso modo? Le premesse ci sono tutte.

Il design: Apple, “scansate”

Partiamo dall’esterno: come design l’Asus Zenbook 3 è uno dei migliori notebook sul mercato. Minimale, sottilissimo e leggermente arrotondato nelle forme. In questo è una spanna sopra il pur apprezzabile Lenovo ThinkPad X1 Carbon, che difettava di un aspetto leggermente datato. I cerchi concentrici ci sono, così come le colorazioni “inconsuete”. Se vogliamo trovarci il pelo nell’uovo, diciamo che l’aspetto generale è molto (troppo?) simile al concorrente MacBook. Però lo Zenbook non teme confronti, con i suoi 910 grammi di peso (una piuma, a tenerlo in mano), i suoi 29,6 centimetri, per 191 di lunghezza e 1,1 di spessore. Si assesta tranquillamente tra i migliori notebook come prezzo e opinioni complessive. Sta in una borsa di piccole dimensione, o in uno zainetto portatile. Ci sono anche delle chicche di stile: la tastiera luminosa in oro è impressionante, così come il touchpad molto grosso e finalmente comoda al tatto. I tasti hanno uno spessore ridicolo: praticamente sembra di toccare una superficie liscia.

Lo schermo: LED ma di qualità

Di fondamentale importanza per qualsiasi dispositivo portatile. Chi ormai non si guarda serie tv e film in streaming quotidianamente? Così il notebook Asus Zenbook 3 monta uno schermo IPS, a risoluzione Full HD(1920×1080 pixel), che non sono il massimo ma più che sufficienti per quelle dimensioni (12,5 pollici). La tecnologia è a LED, ma sfruttata al massimo. La luminosità è a 300 nits e il contrasto dei colori sfiora la perfezione (1000:1). Anche i neri sembrano usciti da una tv OLED o QLED. Per leggere o guardare contenuti in streaming sul treno è perfetto, anche in condizioni di luminosità a giorno. Se volete di più, avete sbagliato prodotto: piuttosto compratevi un monitor HP o una tv di alta fascia.

L’hardware interno: CPU, scheda video e memoria

Qui nulla di impressionante, ma si vola comunque altissimo. Ordinaria amministrazione, per un marchio affidabile come Asus. Ovviamente dipende dal modello che vi comprate: quello sul nostro catalogo è un ASUS ZenBook 3 UX390UA-GS053R. Disponibile in due colorazioni: una più femminile (rosa) e l’altra più seriosa, in blu. Con una CPU Intel Core i7 di settima generazione, un i7 7500U dual-core e la frequenza di 2,7 GHz. Ha 16 GB di RAM installata e una memoria SSD da 512 GB. Il risultato impressiona per due motivi: anzitutto la silenziosità. Il notebook Asus Zenbook 3 è dotato di ventola, eppure in condizioni normali non fa praticamente rumore. Il secondo è il controllo della temperatura: non surriscalda, nemmeno in condizioni di stress. Per farla breve, l’Asus Zenbook 3 è tra i migliori notebook anche a livello di hardware. Ha componenti da primo della classe, sfruttato a dovere dal sistema operativo Windows 10 Pro.

Difetti, problemi e altre magagne

Non tutto è oro quello che luccica, nonostante le parti placcate dell’Asus Zenbook 3. Pur essendo uno dei migliori notebook di sempre, qualche difettuccio lo porta con sé. E sarebbe strano il contrario. Segnaliamo la presenza di una sola porta USB, una Type-C: u po’ pochino, visto che è utilizzabile pure per la ricarica. Altra ombra è la durata della batteria, che assicura 9 ore di utilizzo. Al di sotto dei suoi concorrenti, nonostante gli accorgimenti presi (memoria SSD, risoluzione dello schermo non altissima e via dicendo). Oltretutto secondo i test fatti da alcune riviste specializzate (tech radar in primis) pare che nemmeno si arrivi alle 9 ore. La visione di serie tv e film in streaming abbassa l’autonomia a poco più di 6 ore. Peccato: meglio armarsi di powerbank adeguata (come la DELL 450-AGHZ). Sempre Techradar, considera l’impostazione della tastiera “scomoda”. In realtà è un difetto comune a tutti gli ultrabook. Con le dimensioni ridotte, l’egonomia ne risente: da lì non si scappa.

Conclusioni: L’Asus Zenbook 3 è uno dei migliori notebook di sempre? Steve Jobs avrebbe rosicato

Può darsi che l’Asus sia uno dei migliori notebook di sempre. Di sicuro è uno dei migliori mai prodotti da Asus. Se volete un voto in decimi, raggiunge tranquillamente un 8/10. Due punti di penalità per i difetti riportati qui sopra. Il prezzo non è proprio regalato, (siamo sui 1700 €) ma è in linea con la concorrenza. Molto utile in ambito business, per chi ha esigenza di viaggiare spesso e non vuole rinunciare alle alte prestazioni. Tra un Asus Zenbook 3 e un Macbook Pro noi non abbiamo dubbi: Zenbook tutta la vita. Costa meno e offre qualcosa in più. Il notebook che Steve Jobs avrebbe voluto lanciare. Per comprarlo a un prezzo più basso, QUI trovate la scheda prodotto, con tutta la descrizione e un prezzo interessante.

4 – I migliori notebook professionali: L’HP Spectre, il Dell Xps 13 e il Microsoft Surface

Sono quei notebook tanto portatili quanto performanti. Possono tranquillamente essere utilizzati in ufficio, per operazioni complesse come elaborazioni grafiche o grossi carichi di calcolo. Ne abbiamo selezionati tre che, a nostra discrezione, stanno una spanna sopra la concorrenza. Costano molto, ma il prezzo di questi migliori notebook professionali è giustificato dall’alta qualità costruttiva. Sono l’HP Spectre, il Dell Xps 13 e i Microsoft Surface.

L’HP Spectre

Chissà se il riferimento a James Bond è voluto o meno. Quel che è certo è che l’HP Spectre è diabolicamente forte, proprio come l’organizzazione criminale contro la quale si batte la spia inglese. Il primo Spectre è stato lanciato nel 2016 ed era un’aperta sfida all’ultimo MacBook. Più sottile (10,4 millimetri), più potente – grazie ai processori di ultima generazione – e dotato di un sistema di raffreddamento più avanzato del concorrente Apple. La serie Spectre però, ha avuto continua evoluzione. HP ha lanciato il nuovo x360, con cerniera completamente ruotabile e il convertibile x2 del quale vi abbiamo parlato in una recensioneSempre meno Apple, sempre più Microsoft Surface, per intenderci. Ribadiamo che il mercato va in quella direzione. Il più “pro” della famiglia però, rimane lo Spectre Pro 13 G1. Il costo è notevole, l’affidabilità è massima. Sono 8 GB di RAM, 512 di SSD (ecco la nostra guida) e un processore i5 o i7 con 2,5 GHz. La scheda grafica è integrata, ma di altissimo livello: Intel HD Graphics 520, che permette operazioni complesse. Qui trovate la scheda Amazon completa, che (attualmente) lo vende a un prezzo ottimo.

Il Dell Xps 13

Potevamo non inserire nella selezione un altro Dell? La compagnia statunitense è tra le uniche a fornire i migliori notebook professionali, di altissimo profilo, anche a prezzi esigui. E se l’ XPS 13 ha ricevuto recensioni entusiastiche, sia dagli utenti che dai giornalisti di settore, ci sarà un perché. Anch’esso fa parte della categoria Ultrabook, divenuti – col passare dei modelli – convertibili 2 in 1. L’XPS 13 è disponibile in moltissime versioni, tanto che è difficile consigliarne una: dipende dalle esigenze professionali di ciascuno. Sul convertibile 2 in 1 però è impossibile dubitare e la scheda tecnica perla per sé: processore Intel Core i7-7Y (3,6 GHz), schermo IPS da 13,3 pollici, con 1920×1080 pixel di risoluzione o in QHD (3200×1800 pixel). 8 GB di RAM e scheda grafica Intel HD 615 integrata. Persino il design non è malaccio, considerato che la Dell non ha mai brillato per originalità. Occhio però: alcuni difettucci fanno dell’ XPS13 convertibile un notebook professionale limitato. Ottimo per foto ritocco moderato o un editing video sommario (scordatevi le color correction in tempo reale). Se volete una macchina da lavoro, dirigetevi su altro (come il 9360, sempre Dell) . Last but not the least, c’è la pratica pennina, per lavorare senza tastiera direttamente sullo schermo/tablet.

Microsoft Surface Pro 2017

Dalle stalle alle stelle. Chi non si ricorda l’ondata di scetticismo con il quale è stato accolto il Microsoft Surface? Quella via di mezzo tra tablet e notebook, quei cardini ballerini convincevano ben poco gli addetti al settore. A distanza di cinque anni, le gerarchie si sono ribaltate: ora il 2 in 1 è diventato il modello da imitare. HPDell, Lenovo, Fujitsu e diversi altri si sono buttati nei convertibili per professionisti. Insomma, i migliori notebook professionali ma scomponibili sono un trend. Il Microsoft Surface Pro 2017 è la punta di diamante di una gamma di grande successo. Uscito da pochi mesi, la stampa di settore ha subito dichiarato il proprio amore: nessuna criticità da segnalare e velocità supersonica in tutte le operazioni testate. Le specifiche, ovviamente cambiano a seconda del modello. A grandi linee comunque, vi troverete tra le mani 128 GB, 256 GB, 512 GB o 1 TB di memoria SSD, che snellisce le operazioni di scrittura. Due CPU diverse (una nel chassis, l’altra nello schermo) che sono Intel Core m3 o i5 o i7 di 7° generazione. Una scheda grafica Intel Iris Plus Graphics 640. Il tutto senza ventole (ne sono rimaste su pochi modelli) e con un sistema di cardini ancora più flessibili. Ah la batteria dura 13 ore in modalità risparmio energetico. Tra i tanti, per l’acquisto vi consigliamo la nuova versione (2018), accreditata come Tablet Pro ma che in realtà è un notebook a tutti gli effetti. Qui la scheda prodotto Amazon, che viene attorno ai 900 €.

5 – Gli Asus: Tra i migliori notebook a prezzo contenuto

Concludiamo in bellezza, con la vastissima offerta Asus. Difficile per il cliente orientarsi nell’acquisto di un buon apparecchio, prodotto dall’azienda taiwanese. Eppure la qualità è ottima e i prezzi molto convenienti. La ASUS è perfetta se si cercano pc portatili, che svolgano tutte le funzioni base senza farci indebitare fino al collo. Su Amazon le offerte sui migliori notebook sono piuttosto vantaggiose e molto apprezzate dal cliente.

I Transformer Book Asus

Sono una formula curiosa, ma dalle grandi potenzialità. In pratica sono un tablet e un notebook… nello stesso prodotto. Avete una tastiera, con incorporate tutte le componenti elettroniche e poi avete uno schermo. Questo, se estratto diventa “autonomo” ed è utilizzabile come tablet. Della gamma Transformer Book ce ne sono tante versioni. Vi consigliamo il T101: ha una buona potenza di processione (1,44 GHz, quadcore), uno schermo da 10,1 pollici e un peso di poco più di un chilo. Sta tranquillamente in uno zaietto, grazie al sistema Windows 10 Home incluso, sarete in grado di fare di tutto. A patto che dai pc portatili non stiate cercando prestazioni da gamer o esigenze professionali di un certo livello. Costo: sui 300 €. Tra i più venduti, citiamo il Transformer Book T103HAF-GR028T, su Amazon a 360 € con recensioni entusiastiche.

I Vivobook: tra i migliori notebook

La gamma VivoBook offre tra i migliori notebook “tout-court”. Significa che i VivoBook sono sì molto portatili, leggeri e maneggevoli, ma non hanno la possibilità di trasformarsi in tablet. Il vantaggio sono le prestazioni e l’affidabilità, decisamente più elevate e “pro”. Perfetti per essere trasportati in una borsa a tracolla (e noi vi forniamo anche di quelle!), il modello E206 pesa comunque un solo chilo, nonostante gli 11 pollici di schermo. Il trucco? Il profilo ultrasottile, da far invidia a un MacBook Air qualsiasi. Unica differenza? Il prezzo! Al posto dei 1300 € che occorrono per comprare il computer Apple, la ASUS vola decisamente su fasce di prezzi più bassi: l’E206 costa soltanto 238 €. A noi piace la versione Pro, che mantiene un prezzo contenuto ma ha specifiche invidiabili. Dal monitor in 4K IPS al processore Intel Core i7-7700. Qui lo trovate venduto a poco più di 1000 €.

Gli F555: Schermo più grande e PC ‘completo’

Se invece rinunciate volentieri alla super-portabilità, in favore di pc portatili completi, optate per la serie F555. Ha tutto quello che vi serve: 15,6 pollici di schermo, risoluzione in HD, (1366×768 Pixel ma ci sono anche versioni da 1920×1080), processore N3700, quadcore a 2,4 GHz. 500 gigabyte di hard disk e sistema operativo Windows 10 Home pre-installato. Difficile trovare di meglio, allo stesso prezzo. Anche perché ormai il modello è disponibile da un pezzo e tanti siti di e-commerce lo offrono a cifre ribassate. Il vero problema è che la generazione F555 non è più aggiornatissima. Consigliamo di passare a un Asus FX753, decisamente più performante.

3 thoughts on “Migliori notebook: Prezzi e opinioni su Lenovo, Microsoft Surface, Dell e Asus”

  1. Articolo stupendo e utilissimo sia per me che per quelli che come me non conoscono praticamente niente in merito a computer.Grazie mille siete dei grandi ,continuate così

    1. Grazie a te Giovanni!
      Felici di averti dato una mano nella scelta del tuo notebook.
      Continua a seguirci 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *