Test HIV a casa

Il test HIV a casa e in pochi minuti è sicuro? Come si fa?

Preoccupazione diffusa per la salute e forte richiesta di esami autodiagnostici: ci domandiamo se fare il test HIV a casa sia affidabile.

Dal test HIV a casa, a quello per rilevare le carenze vitaminiche, fino alle prove allergiche. Il web sembra essere diventato una grande farmacia, complici i problemi di mobilità, gli ospedali off-limits e l’ansia per la salute generati dalla pandemia di Covid-19. Come ogni novità, le opinioni si dividono tra favorevoli e totalmente scettiche. A noi piacciono le sfumature, dunque proveremo ad analizzare il fenomeno dei farmaci e dei sistemi d’analisi acquistabili online, nel modo più possibile oggettivo. Cominciando proprio con il test fai da te HIV.

Test HIV a casa: confronta i prezzi

Test Aids fai da te: di cosa si tratta?

Prima di prendere in considerazione le opinioni in merito ai test HIV da fare a casa, diamo un’occhiata alle case farmaceutiche che li producono e commercializzano, in cosa consiste l’esame stesso e cosa viene riportato nella loro scheda prodotto. Abbiamo selezionato quattro HIV test fai da te. Ricorda comunque che anche la vita sana e qualche integratore mirato aiutano ad aumentare le difese immunitarie

BioSure

Iniziamo con quello di BioSure, un’azienda del Regno Unito specializzata in test rapidi. Il loro test HIV casalingo, si legge sul sito web, è stato il primo a essere certificato CE e verificato dal BSI Group. Il valore della società è supportato anche dal suo accreditamento presso l’European Medicines Agency (EMA) e la Medicines and Healtcare Agency (MHRA), enti e sigle che probabilmente abbiamo imparato a conoscere, in questi mesi di Coronavirus. Tant’è che la stessa BioSure produce anche test rapidi per il Covid-19. A proposito, se hai un attività aperta al pubblico o semplicememente vuoi monitorare il tuo stato di salute in questo difficile periodo, usa un termometro a infrarossi. Rapido e igienico. Inoltre, prendi in considerazione l’acquisto di uno sterilizzatore per spazzolino da denti che funziona con il sistema delle lampade germicide

Nella scheda prodotto si legge che per eseguire la procedura basta una goccia di sangue, sufficiente per rilevare l’HIV-1 e l’HIV-2, comprese altre sottocategorie note. Può individuare un’infezione manifestatasi fino a 3 mesi prima dell’esecuzione dell’esame ma, in ogni caso, qualsiasi sia l’esito, se sono presenti sospetti di contagio è FONDAMENTALE FARE RIFERIMENTO ESCLUSIVAMENTE AL PROPRIO MEDICO O UN OPERATORE SANITARIO. Per avere chiarimenti sulla prassi di esecuzione, sul sito dell’azienda è presente una sorta di video tutorial: lo trovi a questo link. Se acquistato online, dovrebbe essere consegnato in forma anonima. Qualcuno riferisce che non sempre è così, tuttavia le semplici opinioni di chi l’ha fatto sono molto positive, sia sull’agevolezza di utilizzo che sull’affidabilità.

Mylan

Mylan è una realtà italiana che, proprio mentre scriviamo, sta per essere acquisita dalla multinazionale Viatris, una branca della Pfizer. Dunque in teoria la garanzia di serietà dovrebbe essere assicurata. La Mylan stessa si accredita anche come uno dei maggiori produttori delle componenti che rendono efficace un farmaco, ovvero i principi attivi (API). Per quanto riguarda il loro test di autodiagnosi HIV, sul sito non se ne parla direttamente, piuttosto si fa riferimento a un portfolio generico di soluzioni, adatte a diverse patologie.

Ma veniamo alla scheda prodotto: ovviamente anche in questo caso per effettuare la prova serve una goccia di sangue. Il modo più semplice per auto-prelevarlo è da un polpastrello, dunque in soli 3 semplici gesti sarà possibile portare a termine la procedura. Per lo sviluppo del risultato servono appena 15 minuti. Si legge, inoltre, che il test è in grado di rilevare un contagio avvenuto fino a 3 mesi prima dell’effettuazione dell’esame. Non è immediato trovare un tutorial di esecuzione, ma confidiamo in un foglietto illustrativo interno alla confezione. Presente il marchio CE, assicurarsi della data di scadenza prima dell’acquisto. Tuttavia PER QUALSIASI SOSPETTO DI CONTAGIO, RIVOLGERSI AL PROPRIO MEDICO O A UNA STRUTTURA SANITARIA, non ci stancheremo di ripeterlo.

SCREEN Italia

Il campionario di test rapidi che vanta SCREEN Italia è davvero vasto. Quello che, diciamo, più ci rassicura sta nel fatto che l’azienda sia anche fornitore delle Forze dell’Ordine. Immaginiamo in merito a tutto quel settore che riguarda gli alcool test o i test antidroga, e così via.

Nella descrizione del Test HIV Insti di SCREEN Italia si fa ovviamente riferimento alla sua semplicità d’utilizzo, ma la cosa davvero apprezzabile è che sul sito del produttore sono scaricabili le certificazioni CE e la Notifica al Ministero della Salute proprio sotto forma di documento. Un atto di trasparenza. Allora, come fare il test HIV in casa? Basterà la puntura di un polpastrello per prelevare la goccia di sangue necessaria. Riguardo al metodo preciso di esecuzione, rimandiamo alle istruzioni interne.

Il produttore afferma che l’auto-esame è in grado di rivelare un’eventuale positività che può essere stata contratta appena 21 o 22 giorni prima e fino a 3 mesi prima. La precisione, in tale evenienza, è assicurata al 99,8% e su HIV-1 e HIV-2. Eseguire un test per HIV a casa si può definire un’azione che assiste la diagnosi, SEMPRE E COMUNQUE DA EFFETTUARE PRESSO UN CENTRO SANITARIO O IL PROPRIO MEDICO CURANTE. Chi ha acquistato questo prodotto l’ha generalmente trovato valido.

Rapid Screen Systems

In merito a Rapid Screen Systems non sappiamo molto, tuttavia il prodotto proposto per l’HIV sembrerebbe dotato di marchio CE. Almeno questo è ciò che riporta la dicitura nella scheda web.

Rispetto ad altri dispositivi, fare il test per HIV a casa con Rapid Screen Systems non comporta l’invio del materiale ad alcun laboratorio, per il responso finale. Le opinioni sono un po’ discordanti, c’è chi trova pratica la lettura istantanea (in sostanza come se fosse un test di gravidanza) e chi invece trova il sistema molto approssimativo. In 15 minuti la presenza o meno di alcune tacche nell’area centrale del rilevatore dovrebbero fornire un’indicazione di positività al virus o meno. RACCOMANDIAMO COMUNQUE DI RIVOLGERSI A PERSONALE MEDICO SPECIALIZZATO PER UNA DIAGNOSI ATTENDIBILE.

Bene, ora che se ne sa un po’ di più su alcuni produttori di test HIV fai da te, e sulla loro autorità in materia, passiamo a descrivere le procedure di esecuzione più comuni.

Test HIV a casa: come si fa?

In genere all’interno di una confezione è presente tutto il necessario, dovrete lavare le mani utilizzando l’acqua calda, che scioglie la circolazione. Dopodiché togliere il cappuccio dal piccolo bisturi incluso e porre l’estremità indicata su di un polpastrello. A questo punto spingere con una certa decisione perforandolo, dunque eliminare la prima goccia di sangue che fuoriesce, a favore della seconda. Con quest’ultima bisogna sfiorare il tampone fino a quando non risulta completamente impregnato e seguire le istruzioni che ogni marchio di test riporta, in merito alla soluzione che innesca il processo di rilevamento e alla sua applicazione.

Attendere il tempo indicato e, nuovamente, consultare le istruzioni riguardanti la lettura dei risultati. Tutto ciò in caso di test Aids fai da te rapido. Alcune tipologie potrebbero prevedere l’invio del dispositivo di rilievo presso un laboratorio, incaricato poi di trasmettere il responso. Questo appena riportato è un iter generico, in ogni caso è necessario attenersi a quello che comunicano le istruzioni presenti in qualsiasi confezione.

Test HIV a casa sono sicuri?

Il Ministero della Salute, in merito all’autodiagnosi HIV, parla anche degli esami che si effettuano tramite prelievo della saliva o di una goccia di sangue dal polpastrello. Li definisce come “test di primo screening”, cioè quello che effettivamente sono. Questo significa che, in caso di risultato positivo, non del tutto definito o se si hanno dei dubbi bisogna NECESSARIAMENTE rivolgersi a un medico o a una struttura specifica, dove si provvederà a effettuare altri prelievi ed esami approfonditi.

Dunque non bisogna scambiare i test HIV da fare a casa come strumenti di diagnosi definitiva. Tuttavia sono regolarmente distribuiti nelle farmacie e commercializzati, oggi disponibili anche online. I test HIV a casa sono sicuri dunque, nell’accezione in cui vanno considerati. Ciò che afferma il Ministero sul tema dell’HIV lo si trova anche seguendo questo link, se volete approfondire ulteriormente la questione. In ogni caso, come buona norma, è bene affidarsi a kit certificati e conformi alle normative comunitarie, dunque informarsi in merito prima dell’acquisto.

Chi dovrebbe fare il test HIV

Ci sono persone che più di altre dovrebbero sottoporsi a un test HIV, anche casalingo? La salute, in realtà, dovrebbe stare a cuore a tutti, dunque i check-up e i controlli non si sconsigliano a nessuno. In particolare chi ha, o ha avuto, rapporti sessuali con partner diversi e dei quali non è sicuro di conoscere la abitudini in materia, dovrebbe fare un esame del genere. Lo stesso vale per persone omossessuali e per i tossicodipendenti.

Per questa patologia oggi sono a disposizione molte più cure rispetto a un tempo. Se diagnosticata rapidamente, intervenire è possibile. Così che una vita pressoché del tutto normale possa essere garantita a chi ne viene colpito. La prevenzione e la diagnosi tempestive, dunque, fanno la differenza. Come nella maggior parte delle malattie.

HIV e AIDS sono la stessa cosa?

L’HIV è un virus, la sua azione si manifesta contro i globuli bianchi di tipo CD4. In sostanza quelli che principalmente governano il sistema immunitario, la prima e insostituibile difesa dell’organismo. Se il suo apparato viene abbattuto dal virus, si capisce che la persona colpita da HIV è esposta a ogni tipo di malattia, comprese le più gravi, come i tumori.

Tuttavia è molto difficile sapere se si è positivi e se nel sangue circolano gli anticorpi anti-HIV, addirittura si può vivere normalmente senza nessun sintomo per anni. Fino a quando non si manifesta un problema che, se approfondito, rivela l’esistenza del virus. Perciò, e perché come già detto è una malattia che affrontabile, è fondamentale eseguire dei test per individuarla in tempo utile. L’Aids invece identifica lo stadio avanzato dell’infezione da HIV, in cui le difese immunitarie sono “sconfitte” e si è particolarmente fragili.

I progressi scientifici in materia hanno prodotto farmaci che, oltre ad essere più efficaci, risultano pure meno invasivi. La cosa impressionante sta nel fatto che l’aspettativa di vita di una persona con HIV ora è quasi equiparabile a quella di un individuo che non ne è affetto. Una conquista di valore inestimabile, così come il controllo sulla trasmissibilità del virus.

Perché si parla di HIV?

Innanzitutto è bene chiarire che non è mai il caso abbassare la guardia intorno alle grandi problematiche legate all’esistenza e alla salute. Tuttavia il discorso relativo all’HIV spesso è anche associato a fattori culturali. Ad esempio la stretta connessione della malattia con i comportamenti sessuali, l’omosessualità e il consumo di eroina l’ha messa in relazione a un errato immaginario fatto di persone che trasgrediscono le regole. Tant’è che il periodo in cui fu scoperta e si diffuse a livello di vera e propria pandemia furono gli anni ’80 e ’90. Simbolo di consumismo e vivere sfrenato. In realtà contrarre una malattia del genere non è per nulla indice di tutto ciò, ma spesso si è assistito a una vera e propria discriminazione.

Un piccolo fatto recente che ha riportato in auge l’argomento è rappresentato dalla serie tv SanPa trasmessa in streaming da Netflix. Un documentario, più che altro, che racconta la storia delle contraddizioni della comunità di recupero per tossicodipendenti di San Patrignano e del suo guru fondatore Vincenzo Muccioli. Morto con ogni probabilità per l’Aids.

Quanto costa un test fai da te HIV? Dove acquistarlo?

Un test HIV da fare a casa è abbastanza economico, in genere la media di spesa si aggira sui 30,00 € o meno. Addirittura alcuni dispositivi molto basilari non superano i 15,00 €. Acquistarli è molto facile, anche senza spostarsi da casa. Ecco i prodotti citati in apertura, di cui già sai le caratteristiche più importanti.

1 – BioSure test autodiagnostico per HIV

Da un’azienda inglese, il BioSure test autodiagnostico per HIV, tra i più completi in commercio.

2 – Mylan Autotest di screening dell’HIV

Il Mylan Autotest di screening dell’HIV è stato uno dei primi ad essere venduti regolarmente nelle farmacie italiane.

3 – SCREEN Italia Test HIV fai da te Insti

Da un marchio italiano certificato come SCREEN Italia, ecco il Test HIV fai da te Insti. Veloce e affidabile.

4 – Rapid Screen System Test autodiagnostico per l’HIV

Rapid Screen System Test autodiagnostico per l’HIV è uno dei dispositivi più basilari, molto economico, non tutti però lo consigliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *