Computer per rendering

S.O.S. progettisti: il miglior assetto computer per rendering

Come scegliere un computer per grafiche e rendering potente e affidabile? Quali caratteristiche dovrebbe rispettare? Alcuni consigli.

Gli architetti, i progettisti, gli animatori 3D, i grafici e un po’ anche i fotografi lo sanno bene: lavorare con le immagini è fantastico. Ma allo stesso tempo può diventare anche parecchio rognoso. Soprattutto quando la creatività si trova necessariamente a dover essere filtrata da programmi software supportati da tecnologie hardware. Uno dei problemi principali sta nella pesantezza dei file da gestire. Vediamo allora di stilare alcune regole utili come guida nel momento in cui bisogna approcciarsi all’acquisto di un buon computer per rendering. Sia che ci si trovi all’inizio di un percorso formativo, sia che la nostra carriera sia al suo apice, contare sugli strumenti giusti è fondamentale. Qual è dunque la carta d’identità di un computer per grafica e rendering progettato per non piantarci in asso sul più bello?

Computer per rendering: confronta i prezzi

Da non perdere

Caratteristiche computer per rendering: quali sono?

Per un architetto, un designer o un progettista in genere, per il quale i programmi basati sul CAD sono il pane quotidiano, dover scegliere un computer per rendering può risultare impresa assai ostica. Un po’ perché non si tratta di un argomento molto trattato, un po’ c’entra il fatto che i consigli ricevuti nei grandi store di elettronica o da “mio cugino” possono essere distorti dalla poca esperienza nel settore o da opinioni troppo personali. Cerchiamo quindi di fare chiarezza sui punti fondamentali in maniera esaustiva e senza considerazioni troppo arzigogolate.

Conoscenza del flusso di lavoro

Un computer per rendering come si suol dire “buono per tutte le stagioni” non esiste. Ogni progettista ha esigenze diverse e, allo stesso modo, procedure esecutive differenti. Bisogna quindi concepire per prima cosa un computer per grafica e rendering come una sorta di abito sartoriale cucito apposta per noi. Intanto è importante avere chiaro il tipo di scala che caratterizza maggiormente i nostri progetti. Se utilizziamo relativamente pochi poligoni per costruire le figure, non avremo bisogno della stessa potenza di elaborazione di chi invece ne usa molti di più. E quindi il costo dell’attrezzatura varierà. Chi, ad esempio, si occupa di design di prodotto non lavorerà sulla stessa scala di chi progetta grandi aree. 

Poi dovremmo avere una certa idea anche in merito agli altri usiper cui vorremmo impiegare il nostro computer per rendering. La scelta può cambiare a seconda se ci occupiamo anche di modellazione 3D o di post produzione fotografica. Tra le configurazioni aggiuntive per un computer per grafica e rendering c’è pure quella riguardante il gaming, se siete degli appassionati. Infine conta anche il motore che si usa per la progettazione: sapere quindi se fa perno sulla GPU, sulla CPU o su entrambe.

Il peso del lavoro: GPU o CPU?

Per delineare correttamente le caratteristiche computer per rendering, accennavamo alla GPU e alla CPU. Dunque, i programmi per la gestione di questo tipo di workflow non “ragionano” tutti nello stesso modo. Alcuni, quando si lancia il caricamento del render, usano come supporto la CPU, altri la scheda video, o GPU. Per quanto le tecnologie basate sulla GPU negli ultimi anni stiano progredendo, resta ancora assai frequente il fenomeno del crash quando viene sfruttata la RAM della scheda video (VRAM).

Perché è importante sapere come opera un computer per rendering?

Essere a conoscenza della suddetta distinzione è fondamentale perché ampliare una VRAM evidentemente insufficiente è molto più semplice ed economico, piuttosto che intervenire sulla memoria della CPU. Nel caso si desideri allestire una workstation completamente personalizzata o acquistare un computer per grafica e rendering già assemblato, bisogna semplicemente accertarsi che la scheda madre del sistema scelto supporti diverse schede video che lavorano in contemporanea (assetto SLI).

Se invece il carico del render “poggia” sulla CPU, prevedere, oltre alla modellazione, come useremo il computer per rendering, ad esempio per altri scopi grafici, ci aiuterà nella sua scelta. Infatti è sbagliato pensare che una CPU con tantissimi core migliori i risultati di elaborazione a prescindere. Di solito più sono i core, più sarà lenta. Il caso generico maggiormente diffuso resta quello in cui il computer verrà impiegato per più usi, dalla progettazione, fino magari alla lavorazione di foto e addirittura al gaming. Ecco quindi che risulta certamente meglio optare per una configurazione CPU bilanciata. Le vie di mezzo non sono necessariamente scelte approssimative, anzi il contrario.

La RAM

In definitiva, c’è un valore più o meno ideale per una RAM dedicata a un computer per rendering? Per quanto, come detto, non sia corretto fare di tutta l’erba un fascio, una RAM sui 64 GB dovrebbe coprire la maggior parte delle esigenze. Sicuramente di coloro che utilizzano software “CPU based”. Chi progetta piccoli oggetti, per dire, potrebbe orientarsi anche su qualcosa in meno, risparmiando un po’ sul prezzo del computer. Per quanto riguarda le schede video, di certo da prendere in considerazione anche una Nvidia Quadro che, pur essendo sviluppate per supportare modelli di calcolo molto complessi, non sembrano essere così veloci. Almeno non rispetto, ad esempio, a una GPU progettata per il gaming.

E il monitor adatto a un computer per rendering?

Se come computer per grafica e rendering abbiamo optato per una postazione fissa, ecco che ci sarà bisogno di un buon monitor da abbinarci. Chiaro che stiamo parlando di discipline in cui l’immagine è al centro dell’attenzione, pertanto sarà molto importante che il monitor abbia un’eccellente resa cromatica. Tra gli aspetti decisivi cui tenere conto ci sono:

  • la risoluzione, cioè il rapporto tra i pixel orizzontali e verticali di cui un buon campione è il 1920×1080 px
  • la concentrazione di pixel per pollice (PPI)
  • lo spazio colore, consigliati sicuramente i monitor che supportano l’Adobe RGB o meglio che permettono di “skippare” da uno spazio colore all’altro. Più questo dato è evoluto, più risulteranno accurate le informazioni in merito alla gamma cromatica (gamut) nelle estremità (es. cyan e green)
  • il rapporto d’aspetto
  • refresh rate, ovvero la fluidità dei fotogrammi (importante però soprattutto per i contenuti video)
  • il tempo di risposta, indica i millesecondi che un singolo pixel impiega a cambiare colore. Può essere responsabile del fastidioso effetto ghosting
  • valutare l’implementazione della tecnologia IPS, ovvero quella che consente di percepire i colori sempre nello stesso modo da qualsiasi angolazione si osservi il monitor, privandolo anche di riflessi decisamente molesti.

Tra i marchi più apprezzati per la grafica, la progettazione e la fotografia: BenQ, Samsung, HP, Dell, LG. Eizo produce monitor eccezionali soprattutto per la fotografia, anche con dispositivi per la calibrazione integrati.

Qualche esempio di computer per rendering

A questo punto meglio andare sul pratico. Ecco alcuni dei migliori computer per rendering acquistabili anche direttamente online. Ci sono soluzioni per postazione fissa e anche laptop portatili. Questi ultimi possono non rappresentare la risposta più performante, ma talvolta è indispensabile possedere un dispositivo da portare in giro, facile da spostare. Il criterio di scelta dei seguenti articoli è stato l’alto apprezzamento e i feedback positivi da parte di chi già li usa.

1 – Ankermann 4K 3D Corsair Rendering PC

I computer per rendering Ankermann rappresentano uno degli standard più alti del segmento. L’Ankermann 4K 3D Corsair Rendering PC è disponibile come workstation assemblata secondo diverse varianti. Poche parole, quelle entusiaste degli acquirenti. Che lo trovano anche ottimo per il gaming: bassi consumi, motore ultra silenzioso, performance ineccepibile. Unico neo forse il prezzo, ma la qualità si paga e, anzi, i costi del sistema non sono nemmeno così esorbitanti. Una delle prime soluzioni da prendere in considerazione nel momento in cui si va alla ricerca di un computer per grafiche e rendering che sia pure versatile.


2 – Realtechnology srl Gamma pc SSD desktop completo licenza Windows 10 Pro 64 GB

Ancora un computer per rendering assemblato, la tipologia che in fin dei conti risulta più funzionale per il tipo di attività. Il Realtechnology srl Gamma pc SSD desktop completo licenza Windows 10 Pro 64 GB, tra le altre cose gode di un ottimo rapporto qualità/prezzo. Assolutamente di ultima generazione, è corredato da un processore Intel Quad Core i5-9600k 6 core, con un range di frequenza che va da 3,7 GHz a 4,6 GHz. E da una RAM da 64 GB, qui presentato nella versione con licenza Windows Pro.

Altri dettagli

Da notare l’estrema silenziosità del sistema, quando in uso, e l’ottimo risparmio energetico. Questa configurazione ne fa un perfetto computer per grafica e rendering, per editing foto e video e anche per gaming. Ideale come dispositivo da ufficio così da utilizzare a casa. Sicuramente in grado di fornire prestazioni altamente professionali. Il fornitore assicura pronta assistenza per 24 mesi in caso di qualsiasi problema. E, per finire, un plus davvero importante per un computer per rendering: infatti questo sistema assemblato risulta essere ulteriormente espandibile. L’assetto pertanto sarà ancor più personalizzabile e versatile, anche qualora la sua destinazione d’uso originaria dovesse cambiare. Chi l’ha già acquistato online è convinto di aver fatto un grande affare e lo consiglierebbe caldamente.


3 – ASUS ROG strix G G531GT-BQ021T notebook con monitor da 15,6’’

Non solo computer per rendering fissi: benchè le loro performance siano indiscutibilmente affidabili, a volte la praticità di un portatile è irrinunciabile. Parliamo quindi di un laptop Asus pensato per il gaming (ormai è chiaro che questo tipo di dispositivi ha molto da spartire con le immagini e l’ottimizzazione della loro gestione) ma con caratteristiche computer per rendering interessanti. Si tratta dell’ASUS ROG strix G G531GT-BQ021T notebook con monitor da 15,6’’

Le caratteristiche

Il computer è caratterizzato da un’alta frequenza fino a 60 GHz e da un’incredibile fluidità del frame da sfruttare anche in fase di upload. I bardi ultra sottili lasciano ampio campo visivo sul monitor. Dispone di LED perimetrali e retroilluminazione per essere utilizzato anche in condizioni di scarsa illuminazione. Inoltre ha una ricezione del segnale wi-fi potenziata, che non guasta mai. Veloce e dalla resa visiva ad altissima risoluzione, vi farà venir voglia di lavorare oltre che di giocare.


4 – HP gaming OMEN 15-dh0057nl Notebook

Con questo HP Omen restiamo sulla tipologia di computer portatili da gaming, adattabili però anche per la progettazione e la grafica. Ciò su cui vale la pena soffermarsi è la scheda grafica GDDRG super veloce e NVIDIA GeForce Experience e GameReady, ovviamente vista la sua destinazione nativa. Un cuore molto potente in grado di supportare notevoli carichi. Il display, importante su di un computer per rendering, è un FullHD con tecnologia anti-riflesso e retroilluminazione WLED. Quest’ultima è pressoché indispensabile quando si passano molte ore davanti al monitor, per non affaticare la vista e preservarne la salute nel lungo andare. I bordi sono ridotti al minimo, sempre per permettere la migliore visione possibile mentre si progetta…o si gioca. Il reparto connettivo è ben potenziato e si presenta in tutto e per tutto come un apparecchio spendibile ad ampissimo spettro. Come si dice, davvero multitasking.

Le caratteristiche

Un dispositivo che vanta dettagli di design affatto di second’ordine: a partire dal pannello di accesso singolo. Quest’ultimo è situato nella parte inferiore del computer, e tramite esso sarà possibile disporre dell’accesso alle componenti interne in maniera facile e rapida. Così da poter effettuare la manutenzione ogni volta che si desidera. La tastiera, come spesso accade sui laptop da gaming, è retroilluminata. Sarà così possibile usarli in qualsiasi condizione, anche al buio. Su questo modello in particolare si potrà anche scegliere tra alcuni pattern d’illuminazione diversi.

Altri dettagli

Inoltre, per un’esperienza audio davvero fuori dall’ordinario, il sistema di casse è stato studiato appositamente da Bang&Olufsen, con una tecnologia di amplificazione che permette la ricezione di un suono chiaro e pulito in ogni momento. Chi ha già acquistato il dispositivo conferma che le caratteristiche computer per rendering ci sono tutte. E anche molto altro. Infatti è un apparecchio perfetto per le simulazioni, l’editing video e foto, l’editing musicale e il live streaming. Una potenza davvero inusuale per un laptop portatile, tanto da non farvi rimpiangere in nessun caso il fisso. Il prezzo è coerente, per una particolare categoria di prodotti tecnologi che richiedono prestazioni di livello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *