Macchine da caffè Gaggia: Opinioni, recensioni e prezzi, quale comprare

Macchine da caffè Gaggia: Opinioni, recensioni e prezzi, quale comprare

Quale macchina caffè Gaggia comprare? tra manuali e automatiche, diamo uno sguardo all’offerta di uno dei brand storici del made in Italy: ecco la guida, con opinioni e recensioni per modello

Tra le macchine da caffè più affidabili, conosciute e funzionali ci sono le Gaggia. E’ un marchio storico, orgoglio del made in Italy in uno dei settori di cui il Bel Paese va più fiero: la preparazione del caffè. Produce macchine dal 1947 e dal 1977 si è buttata nella produzione massiccia di prodotti a uso domestico. I modelli non sono troppi e Gaggia non ha mai apportato grosse innovazioni all’apparecchio. Il suo forte è la qualità del caffè, unita alla robustezza delle macchine. Sul catalogo Amazon si trovano a prezzi molto convenienti, con la consueta spedizione rapida e garanzia di due anni. Ma quale macchina da caffè gaggia comprare’ Di seguito, trovate le opinioni e le recensioni per ogni singolo modelli. Dalle manuali, alle automatiche alle super-automatiche. Se volete approfondire un altro marchio – sempre italiano e di ottima qualità – qui trovate la guida alle migliori macchine da caffè DeLonghi

La storia di un marchio. Da Robecco sul Naviglio al successo internazionale

Se il caffè corto oggi, si chiama “Espresso” in tutto il mondo, lo si deve all’imprenditore Achille Gaggia. E’ lui che nel 1938 inventa la prima macchina da caffè non a vapore, con funzionamento a leva. Sono i famosi pistoni, sostituiti poi da compressori elettrici negli apparecchi odierni. Il procedimento rende più veloce la preparazione del caffè, riducendo i tempi di attesa e di servizio nei bar del milanese. Da lì la parola “espresso” a indicare la rapidità (circa 45 secondi) con il quale la bevanda scendeva giù dal filtro. E dire che inizialmente l’Espresso non assomigliava molto all’attuale, perché il caffè veniva molto più blando di come siamo abituati. Poi è Gaggia stesso a inventare il sistema per renderlo cremoso, dando il via al culto del caffè forte ma corto.

Macchine da caffè Gaggia: Opinioni, recensioni e prezzi, quale comprare

L’offerta di macchine Gaggia oggi

Dal 1977, anno in cui la Gaggia si butta nella produzione di macchine da caffè per uso domestico, si sono perfezionati modello dopo modello. Oggi potremmo suddividere il loro catalogo in tre macro-aree: professionali, manuali e automatiche. Non fanno macchine a buon mercato e sono tutte mediamente più grosse delle “A modo mio” e Nespresso a capsule. Tra le professionali ci sono modelli eccellenti, da uno a quattro gruppi, i costi però le pongono come attrezzo da bar, proibitive per l’utente medio. Le automatiche ci paiono il piatto forte della Gaggia, perché tutte di altissimo livello costruttivo. Le automatiche non funzionano male, ma rispetto alla nuova concorrenza fanno fatica a competere. Vi abbiamo già parlato delle super-automatiche della DeLonghi e Saeco: dai prezzi imbattibili e dalle prestazioni un gradino sopra la media.

Quale macchina da caffè Gaggia comprare: le migliori manuali e automatiche

Il nostro articolo si concentrerà sulle manuali e sulle automatiche. Nelle prime i prezzi vanno dai 70 € ai 180 circa. Hanno una buona pressione dell’acqua (attorno ai 15 bar), portafiltro professionale e compatibilità con le cialde. I modelli più venduti sono la Classic, la Carezza e la Gran Gaggia. Nelle seconde (automatiche) i modelli forti sono la Babila, la Velasca e la Naviglio. Quale macchina da caffè Gaggia comprare? Di seguito una selezione, con recensioni, opinioni e prezzi delle migliori. Ce n’è per tutte le esigenze e tutte le tasche. Sono prettamente per uso casalingo, ma non è escluso quello professionale, su locali con una bassa erogazione di caffè.

Gaggia RI8423/11 Grangaggia Style: Basica ma in grande stile

È praticamente la entry level delle macchine da caffè Gaggia, ma è in realtà molto completa e performante. Per il prezzo che porta, è un assoluto best-buy. Costa 78 € su Amazon, quanto una “macchinetta” per sole capsule. Vantaggi: molti. Ci sono i 15 bar di pressione, che garantiscono cremosità come al bar della bevanda. Ma c’è anche la tradizionale coppa portafiltro pressurizzata, un ripiano porta-tazze, il “pannarello” (per montare il latte) e produce acqua calda per tè e infusioni. Tutto questo in dimensioni davvero ridotte, visto che occupa 20 x 26,5 x 29,7 centimetri e pesa meno di 5 chili. Contro? Qualcuno: ottima se usate la polvere da caffè, un po’ meno per le cialde. Pur essendo compatibile e avendo un filtro apposito, con le cialde fuoriesce dal gruppo e produce un caffè non buonissimo. Il design è gradevole ma la scocca è di plastica: avremmo preferito l’acciaio inox. Comunque una delle migliori macchine da caffè Gaggia per qualità/prezzo.

Gaggia RI8425/11 Grangaggia Deluxe

È praticamente la stessa macchina da caffè Gaggia RI8423/11, ma aggiornata e perfezionata in qualche componente. Anzitutto la scocca è più elegante, con parti in acciaio inox e parti in plastica. La doppia colorazione, ci piace molto di più. Ha la solita pressione controllata a 15 bar, il light stand-by, con spegnimento dopo 9 minuti di inattività. Continua a sussistere la medesima criticità con l’utilizzo delle cialde, ma ci pare che le cose vadano meglio. Il caffè risulta comunque bevibile anche se il top lo raggiunge con la polvere classica. Non ci fa impazzire il tasto di accensione sul retro perché sul davanti sarebbe stato più facilmente raggiungibile. Per il resto è un’ottima macchina da caffè Gaggia manuale. Per 100 € su Amazon è difficile trovare di meglio, nemmeno tra la concorrenza più rinomata.

Gaggia RI8523/01 Carezza Style: Qualche difetto, ma ottimo caffè

La serie Carezza presenta modelli di macchine da caffè manuali ad alte prestazioni. La versione Lite è questa Gaggia RI8523/01 Carezza Style. Interessante soprattutto per il prezzo, fisso su Amazon a 130 €. Le prestazioni consentono la produzione di un caffè grandioso, al pari delle più costose macchine da caffè professionali. 15 bar, portafiltro pressurizzato e 950 Watt di potenza di assorbimento. Sono sufficienti per l’erogazione di due tazze alla volta, dal sapore intenso e cremoso quanto basta. Carrozzeria metà plastica, metà INOX, ripiano superiore riscalda-tazze e serbatoio da 1 litro. Va bene, ma per 20 € di più ci si compra la successiva Carezza Deluxe funziona meglio e ha prestazioni al top.

Gaggia RI8525/01 Carezza Deluxe: un mini-bar a casa

La Carezza Deluxe è davvero interessante, perché dà l’impressione di avere un piccolo bar a casa propria. Macchina da caffè Gaggia compatta, manuale e con alcune funzionalità “pro”. C’è l’indicatore di temperatura ad esempio e che permette il controllo dell’acqua e della caldaia, ma anche un sistema elettrico niente male. Frequenza 50 Hz, assorbimento 1900 W che consentono una pressione pompa da 15 bar. Carina l’idea del poggia-tazze che scalda, per assaporare il caffè in tazza di ceramica calda come al bar. Peccato che la conduzione del calore sia lentissimo e convenga utilizzare il monta-latte. Date uno sguardo alla spia anti-calcare, perché se si utilizza l’acqua del rubinetto c’è il rischio di blocco della macchina da caffè. Problema facilmente risolvibile con la decalcificazione. In generale consigliamo l’utilizzo di acqua con poco sodio e calcare. Per il resto è perfetta. Anche il filtro per le cialde funziona molto bene. 

Gaggia RI9403/11: “Classica” e popolarissima

È la versione “Max” della macchina da caffè Gaggia “Classic”. Che dire, ottima, sia per prestazioni, che per design, che per usabilità. Non ha le funzioni professionali della Carezza Deluxe, ma ha una costruzione solida e curata come quelle di fascia alta. È l’anello di congiunzione tra le domestiche e le professionali e ha materiali pregiatissimi: corpo erogatore in ottone cromato e corpo macchina in acciaio INOX. Soltanto i bottoni e il vassoio salva-gocce sono in plastica nera. Pro e contro? Tra i primi c’è un’erogazione perfetta del caffè, grazie ai 1300 watt e al controllo collaudato della pressione dell’acqua. Tra i secondi una scarsa intuitività di utilizzo. Diciamo che ci vogliono un po’ di prove, su quantità del caffè e sull’utilizzo del monta-latte, per ottenere risultati perfetti. Altro consiglio è quello di aspettare un po’ dall’accensione prima di preparare il caffè e farne uno a “vuoto” per riscaldare il gruppo erogatore. Non è una macchina molto silenziosa, ma sono i 1300 Watt che si fanno sentire. Per il resto è WOW: consigliatissima e con un rapporto qualità/prezzo insuperabile. Opinioni e recensioni degli utenti sulla macchina da caffè Gaggia manuale “Classic” parlano da sé.

Macchine da caffè Gaggia automatiche

Più costose, ma decisamente più comode ed evolute, le macchine da caffè Gaggia automatiche si pongono allo stesso livello delle migliori sul mercato. Costano dai 300 agli oltre 1000 € e i modelli più popolari sono la serie Naviglio, la Velasca e la Brera. Le funzioni tipiche vanno dalle programmazioni automatiche, all’alta efficienza energetica, al macina-caffè integrato. Le più evolute fanno anche il cappuccino in totale autonomia, ma presuppongono comunque un minimo di intervento manuale per l’aggiunta del latte. Quali macchine da caffè Gaggia comprare nella categoria delle automatiche? Di seguito, la selezione delle migliori, con recensioni, consigli e opinioni.

Gaggia HD8749/01 Naviglio Blk

È la più economica della sua categoria, ma molto ben recensita dagli utenti sul web. La macchina da caffè Gaggia HD8749/01 Naviglio Blk risparmia sui materiali (box completamente in plastica) ma non nelle funzioni. La macinazione è automatica prima di ogni caffè (ecco come si beve in giro per il mondo), con le macine in ceramica che evitano il surriscaldamento dei chicchi e ne preservano l’aroma perfetto. La procedura è anche piuttosto silenziosa (nei limiti) ed è possibile decidere il grado di macinazione che influisce sull’intensità del caffè finale. Più larga è la macinatura, più acquoso sarà il caffè. Ha il risciacquo automatico del circuito della macchina da caffè, il risparmio energetico e l’inserimento automatico (con opti-dose) della polvere nel filtro. Considerazioni? La Gaggia Naviglio Blk ha una buona manifattura, che la rende duratura nonostante la plastica imperante. La plancia dei comandi è intuitiva, anche se serve un po’ di pratica per arrivare al caffè perfetto. Non è possibile però inserire nel filtro dosi singole di caffè macinato. Prende tutto dal macina caffè e può risultare scomodo se si vuole preparare il decaffeinato per un singolo ospite. Ah la qualità del caffè è ottima, come sempre in casa Gaggia. Ha un rapporto qualità/funzionalità/prezzo davvero imbattibile. Per chi vuole una macchina da caffè automatica risparmiando, ora sa quale comprare. Venduta a meno di 300 € su Amazon è un affare.

Gaggia RI9305/11 Brera

Per prestazioni e funzioni è molto simile alla Naviglio, ma cambia completamente la scocca e il design. Più gradevole e resistente, è fatta tutta in acciaio INOX. Ha 5 regolazioni nella macinatura, sempre realizzate nelle macine in ceramica. Eroga tranquillamente due caffè alla volta, entrambi perfetti e cremosi. Che dire sulle prestazioni? Ha qualche problemino con la dispersione dell’acqua, ma l’automazione è ottima e la durata della macchina da caffè è garantita. Per riassumere la consigliamo, ma con qualche riserva sulla preparazione del caffè. Va bene, ma ha performance incostanti.

Gaggia RI8263/01 Velasca Prestige

Qui siamo al top delle macchine da caffè Gaggia automatiche. Ha un costo fuori portata per molti, ma avrete un bar a casa vostra, concentrato in un oggetto di poco più di 30 centimetri cubici. Recensioni e opinioni degli utenti alle stelle, segno che su questo modello Gaggia ha risolto quelle piccole imprecisioni presenti su Brera e in parte Naviglio. Classe di consumo ottima (A, praticamente il massimo per una macchina da caffè), menù di programmazione vastissimo e intuitivo e che regola anche il grado di emulsione del latte. Si può decidere praticamente tutto: dalla lunghezza del caffè, alla temperatura di erogazione, all’Opti-aroma (la quantità di polvere inseribile nel filtro) e il grado di macinatura. Ci pare che nella Velasca Prestige tutto giri alla perfezione, richiedendo molta meno manutenzione di tutti i prodotti della concorrenza. Ottima la gestione e la preparazione del cappuccino! Non solo perché fa tutto lui, ma soprattutto perché la caraffa del latte è estraibile e riponibile in frigorifero. Questa volta Gaggia fa centro sotto ogni aspetto: anche nel design e nella costruzione, visto che la Velasca prestige è bella da vedere e realizzata in metallo. La miglior macchina da caffè Gaggia di sempre?

Gaggia RI9702/01 Accademia

Questa macchina da caffè Gaggia è di lusso e sa come coccolare l’utente. Il prezzo è leggermente spropositato, ma in rapporto alle prestazioni ci sta tutto. Diciamo che è molto utile per un ambiente affollato, come un ufficio di medie dimensioni, o un locale self service. Ha una plancia di comandi intuitiva e comoda all’utilizzo take away: ci si avvicina alla macchina, si seleziona il programma e il gioco è fatto. Non bisogna stare lì a impazzire con manutenzione, pulizia o altro. Molto bello il design e la vaschetta del latte a vista, che induce immediatamente a selezionare il cappuccino o il macchiato. Ottima la pre-infusione, un procedimento da macchina professionale e preserva il gusto perfetto a ogni erogazione. Ha anche la doppia caldaia, per ridurre i tempi di erogazione. Difetti? Piccoli, ma da citare su una macchina da 1200 €: la vaschetta dell’acqua non è molto capiente. Considerando che viene utilizzata anche per le operazioni di risciacquo automatiche, bisogna ricaricarla molto spesso. Per il resto è una bomba. Qualità del caffè eccelsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *