Tv Hisense: AE5000 e AE6000, recensione dei fascia media del 2018

Tv Hisense: La fascia media del 2018, recensione di AE5000 e AE6000

Hisense lancia due nuovi televisori: l’AE5000 e l’AE6000, la serie di fascia media che promette di conquistare tanti cuori. Ecco la recensione, i prezzi e le opinioni

Hisense allarga la sua offerta sui televisori, settore nel quale è uno dei leader indiscussi assieme a Samsung, Sony e LG. Così nel 2018 lancia quella che chiameremo serie AE, per il prefisso dei due modelli lanciati sul territorio italiano: il tv Hisense AE5000 e l’AE6000. Sono televisori di fascia media, che spaziano per dimensioni, features e prezzi in un range piuttosto ampio. Poco pubblicizzati, come la maggior parte dei prodotti del brand, hanno specifiche interessanti e papabili per chi cerca uno schermo dal prezzo medio. Ma come vanno i AE5000 e AE6000? Di seguito, la recensione e le nostre opinioni sui nuovi televisori Hisense

AE5000 e AE6000: Alcune premesse

Della qualità Hisense abbiamo diffusamente parlato nella guida dedicata. Sappiamo quanto il brand cinese si distingua dalla maggior parte dei connazionali per un’attenzione ai particolari, alla performance visiva e nella scelta dei materiali. Non sono lontanamente paragonabili al “pattume” di Akai e l’assistenza in Italia esiste ed è attenta alle esigenze dei consumatori. Detto ciò, vediamo alcune caratteristiche generali dei tv AE5000 e AE6000: sono televisori Direct LED, tecnologia vecchiotta ma che garantisce alte prestazioni. La risoluzione tocca il vertice soltanto negli AE6000, dotati di pannello 4K (3840×2160). Negli AE5000 si va dall’HD Ready (1366×768 pixel) del modello a 32 pollici, al Full HD del 39 e del 43 pollici. Nessuno dei televisori AE Hisense è dotato di local dimming, cosa che potrebbe ledere – almeno in parte – la qualità generale della retro-illuminazione.

La retroilluminazione: Direct LED senza local dimming ma aggiornatissimo

Sappiamo come il sistema di retroilluminazione influisca sulla qualità di un televisore. Sugli AE5000 e AE6000 troviamo il direct LED, con le lampadine disposte diffusamente dietro tutto il pannello. Di per sé è un’ottima tecnologia, perché garantiscono un’illuminazione uniforme e non soffrono di banding e di clouding. Ai nuovi tv Hisense AE però manca il Local dimming (LG SK85 lo ha ma la fascia di prezzo è un’altra!) e dunque soggetti a scarso contrasto ed effetto blooming. Sono i compromessi da accettare per televisori che partono dai 199 €.

AE5000: 32, 39 e 43 pollici. I tv fascia media migliori?

Migliori non sappiamo, certamente sono tra i più recenti disponibili sul mercato nel 2018. In vendita su Amazon da inizio Maggio hanno alcune features raffinate: c’è il processore MasterPro, che elabora le immagini migliorandone al massimo la resa. C’è il Motion Picture Enhancer che riduce le fastidiose scie di movimento nelle scene di azione rapida. Infine Hisense promette un elevato contrasto di luci e colori, con bianchi luminosi e neri profondi. Ovvio, nei limiti consentiti da un direct LED senza local dimming.

Cosa manca ai tv Hisense AE5000

Sono rinunce che Hisense compie in favore di un prezzo competitivo nel mercato dei televisori. Scordatevi l’Ultra HD, che a dire il vero su pannelli da massimo 43 pollici ci sarebbe sembrata eccessiva. Spiace di più per la mancanza dell’HDR, che sta diventando uno standard tra i contenuti in streaming. Stesso discorso per l’HLG, al quale anche i canali televisivi italiani stanno guardando con interesse. Infine scordiamoci il comparto Smart: c’è un sistema che chiamano USB media, nel quale viene menzionata la parola Smart. In realtà è una semplice porta USB, che gestisce contenuti multimediali. Il consiglio è quello di ricorrere a una delle tante Box tv in vendita (qui le consigliate) e che sostituiscono egregiamente la mancanza dei tv Hisense AE5000.

Qualità dell’immagine: come si vede? La recensione

Tra alti e bassi, la tv Hisense offre prestazioni a fuoco con la fascia di prezzo media. Ci hanno colpito i colori, vividi a con un bilanciamento adeguato. Ottima poi l’interfaccia di settaggio manuale, che consente di migliorare le prestazioni di contrasto, luminosità, colore e nitidezza. Abbiamo notato una lieve insufficienza nel contrasto, così come una luce troppo “sparata” sui neri. Questi tendono al grigio, specie se osservati da angoli di visione estremi. Molto buoni i processi di upscaling e downscaling, gestiti con sapienza dal processore MasterPro. Nelle trasmissioni in chiaro (Rai, Mediaset…) nota una lieve sgranatura, con qualche rumorosità sulle sagome, ma nulla di tragico. L’esperienza utente è comunque di ottimo livello e sono “sporcature” invisibili d una certa distanza.

Materiali e design

Tutto ridotto all’osso e votato alla semplicità. Il tv Hisense AE5000 ha la scocca posteriore nera, realizzata interamente in plastica. Non certo un materiale di pregio, ma la sensazione è comunque quella di un prodotto solido, resistente a urti e all’usura. Intelligente la posizione delle porte e degli attacchi, situati in tre incavi che rendono facile il collegamento ai vari device. La presa USB (non troppo aggiornata: è di tipo 2.0) è situata lateralmente, accanto alle due uscite HDMI. Il colore disponibile è solo il nero: discreto ma meno elegante dei metallizzati di fascia alta. A interrompere il design affusolato c’è il sensore a infrarossi, che sbuca da dietro nella parte inferiore della cornice. Il pannello è abbastanza pesante da vedere (7,7 centimetri nel punto più spesso), però con un Direct LED non si poteva fare altrimenti. Tutto sommato approviamo, ma con qualche accortezza in più si evitava agilmente l’effetto cheap.

Tv Hisense: AE5000 e AE6000, recensione dei fascia media del 2018
Il retro del tv Hisense H43AE5000

Sistema software e menù

Comodo e intuitivo come negli altri tv Hisense. Gestisce velocemente i contenuti multimediali da chiavetta USB o hard disk, senza blocchi o incompatibilità. Merito del Media Player che – ahinoi – viene spacciato nelle descrizioni come sistema Smart ma non lo è. Le estensioni compatibili sono le più utilizzate: mpg,.mov,.mkv,.dat,.vob per il video. .mp3,.m4a,.aac per l’audio e .jpg,.jpeg,.bmp,.png per le immagini. Manca colpevolmente l’H.265, tra i migliori formati di compressione video sulla piazza. Ripetiamo che l’ideale è accoppiare l’Hisense AE5000 con una box tv per sopperire a qualsiasi mancanza sui servizi di serie tv e film. La Xiaomi Mi Box o una delle tante Box Android disponibili su Amazon.

Tv Hisense: AE5000 e AE6000, recensione dei fascia media del 2018
Molto meglio accoppiare l’H43AE5000 di Hisense a una buona soundbar…

Il comparto audio: Qui si poteva fare di meglio!

I tv Hisense fascia media della serie AE5000 non brillano per qualità audio. D’altronde gli altoparlanti integrati sono due, posizionati sul retro del televisore. TCL con il suo XESS X2 fa decisamente meglio, grazie alla collaborazione con JBL. Qui dobbiamo accontentarci di 14 Watt in tutto, suddivisi sui due canali. Il volume si sente, ma i bassi latitano e talvolta il suono arriva metallico nella riproduzione della voce umana. Nulla di tragico, considerato che anche i tv di fascia alta hanno un suono paragonabile. Noi consigliamo – specie ai cinefili – l’acquisto di una soundbar con subwoofer e che trasformerà il vostro salotto in una sala cinematografica. La spesa è minima (se ne trovano di ottime a poco più di 100 €) la resa eccellente. Senza infamia e senza lode, il tv Hisense ha comunque un volume elevato e cristallino grazie a un paio di escamotage sviluppati dal marchio: si chiamano Clean Sound e Isolated Chamber e perlomeno sfruttano al massimo gli altoparlanti integrati.

La serie AE6000: i deluxe dei tv Hisense di fascia media

Qualche implementazione Hisense la riserva alla serie “deluxe”, soprannominata AE6000 e con quattro modelli in catalogo. C’è l’H43AE6000, l’H50AE6000, l’H55AE6000 e il mastodontico H65AE6000. I prezzi? Tutti ghiotti: si parte dai 499 € per il 43 pollici, si passa a 599 € per il 50 pollici, 699 € per il 55 e 999 € per il 65 pollici. Hanno tutti risoluzione in 4K, con sistemi di HDR 10 e HLG integrati. Le novità non finiscono qui: stupisce la presenza dei 10 bit sul pannello, che aumenta lo spettro di colori teoricamente riproducibili. Ottimo, perché è generalmente una caratteristica presente sulla fascia alta. Averlo sotto i 700-1000 € è tanta roba. Buono anche il processore UHD Upscaler, il sistema d’interpolazione MEMC (Motion Estimation and Motion Compensation) e il decoder HEVC. Ciliegina sulla torta? Un sistema Smart tv, con il VIDAA U che funziona bene ed è compatibile con la stra-grande maggioranza delle app per televisori.

Qualità video: come si vedono i tv Hisense AE6000?

Lungi dal fornire immagini perfette, i tv Hisense AE6000 ci hanno piacevolmente sorpreso per le prestazioni video. I colori sono brillanti e la qualità dei pixel molto buona. Tutte caratteristiche già presenti negli AE5000, ma che qui godono di una risoluzione ampliata e di features avanzate. L’HDR 10 si comporta bene e la resa è molto rigorosa. Ci spieghiamo meglio: scordatevi gli effetti pittorici di un Philips o quelli WOW di un Samsung QLED. La resa Hisense è più fredda e “tagliata”, senza sfumature ma con una precisione nell’esecuzione che lascia a bocca aperta. Forse rende meglio su certi documentari ed eventi sportivi che sui contenuti d’animazione. Tanta concretezza, pochi fronzoli, ma siamo su livelli elevatissimi. Upscaling e downscaling? Altro passo in avanti: non soltanto rispetto agli AE5000, ma anche sui fascia alta della stessa Hisense: l’N6800 si scorda una precisione sulle basse risoluzioni (solita tv di stato & canali del digitale terrestre) nella resa. Il processore dedicato insomma, funziona divinamente.

Direct LED a 10 bit, la soluzione economica del futuro?

Non è un abbinamento usuale ma il risultato ci ha soddisfatto per le impressioni appena espresse. Molto precisa la distribuzione della retro-illuminazione, un po’ meno quella sulle zone nere, che talvolta soffrono di virate sul grigio ed effetto blooming. Tutto sommato Hisense ci ha azzeccato, offrendo una soluzione replicabile anche in futuro. Certo la mancanza del local dimming si fa sentire, ma per mantenere prezzi da fascia media, accettiamo volentieri questo e altro.

Sistema software e menu

Finalmente lo Smart, requisito fondamentale per accedere ai contenuti online e on demand. Su VIDAA U poco da dire: semplice e molto più veloce degli Android tv. Per citare le app compatibili più popolari, un breve elenco: Netflix, YouTube, Infinity, Wuaki.tv, Chili TV, Repubblica TV, Corriere TV, IlMeteo, QuattroruoteTV, Calciomercato.com, RTL102.5, AccuWeather. Tutte scaricabili o acquistabili attraverso App Store Foxxum. Gli AE6000 su lato software “sbriciolano” senza pietà gli AE5000 e il prezzo leggermente superiore è ampiamente giustificato.

Tv Hisense: AE5000 e AE6000, recensione dei fascia media del 2018
L’interfaccia del sistema operativo VIDAA U: Elegante e intuitivo, Hisense fa centro

Il comparto audio: 6 Watt in più non bastano

Rispetto ai fascia media Hisense AE5000, i 6000 hanno quei 6 watt in più, per un totale di 20 in tutto (10 canale destro, 10 quello sinistro). Il risultato non cambia, perché la resa è pressoché identica. Anche in questo caso stesso discorso: una soundbar risolverebbe i problemi di bassi e di tridimensionalità del suono.

Considerazioni finali. Recensione in breve: Gli Hisense fascia media valgono l’acquisto?

Secondo noi certamente. Pur con le criticità sottolineate, Hisense AE5000 e AE6000 sono un’ottima soluzione per chi cerca un buon televisore di fascia media. L’utilizzo del Direct LED nel 2018 può sembrare anacronistico, ma i risultati sono soddisfacenti e non fanno rimpiangere soluzioni più costose. C’è un filo di sciatteria nei AE5000, ma per quelle features mancanti già sottolineate. Sugli AE6000 invece nulla da dire e si apprestano a diventare i migliori tv Hisense fascia media di qui ai prossimi mesi. I prezzi? 199 € l’H32AE500, 313 € per l’H39AE5000 e 323 € per l’H43AE5000. Sulla serie AE “deluxe” c’è l’H43AE600 a 499 €, l’H50AE6000 a 599 €, l’H55AE6000 e l’H65AE6000 a 999 €.

3 thoughts on “Tv Hisense: La fascia media del 2018, recensione di AE5000 e AE6000”

    1. Ciao Antonio,
      Sono lo stesso modello. Cambia la denominazione perché (probabilmente) l’A6100 è commercializzato verso altri paesi.
      Le specifiche tecniche però sono le medesime. Il distributore Amazon GrassiShop ha un prezzo molto vantaggioso: https://amzn.to/2Km6EMd
      Grazie a te! Continua a seguirci.
      La redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *