Sterilizzatore smartphone

Piccoli accorgimenti che fanno la differenza: sterilizzatore smartphone

Siamo tornati a fare attenzione all’igiene, rispetto ai contatti personali e alle cose: lo sterilizzatore per smartphone può servire in tal senso?

Sarà capitato a molti, da piccoli, di sentirsi rimproverare dalla mamma: lavati le mani, appoggia lo zaino fuori dalla porta della cameretta, fai attenzione quando vai in bagno in luoghi pubblici, non ti toccare il viso dopo esser stato sui mezzi pubblici e così via. Raccomandazioni che oggi risuonano familiari e che vengono ripetute a noi tutti, grandi e piccini, come un mantra. Conviviamo con germi e batteri da sempre, ma può capitare che qualcuno di loro “ci sfugga di mano”. Resta quindi sempre valida, come norma di buon senso generale, quella di aver cura della propria igiene e delle proprie cose. Adesso più che mai è importante pulire bene, a fondo, gli oggetti che usiamo quotidianamente.

Può essere utile per tale motivo uno sterilizzatore smartphone? Acquistabile facilmente sul web, uno sterilizzatore per smartphone non di rado può essere utilizzato anche per igienizzare altri piccoli ninnoli. Vedremo quale può essere la sua utilità e vi proporremo una selezione di prodotti che vede al centro lo sterilizzatore UV smartphone. Questa almeno è la tecnologia maggiormente utilizzata sui dispositivi in vendita. Inoltre, quanto costa uno sterilizzatore portatile?

Sterilizzatore smartphone: confronta i prezzi

Da non perdere

Batteri e smartphone

Più di una ricerca ha confermato come il dispositivo che tocchiamo maggiormente nell’arco di una giornata sia anche il più grosso “nido di batteri” tra gli oggetti d’uso comune. Parliamo dello smartphone: difficilmente ci viene in mente di pulirlo ed igienizzarlo a dovere, presi come siamo dalle tante cose da fare. Utilizzato in ogni situazione, fuori e dentro casa, raccoglie una quantità infinita e invisibile d’impurità. Tanto da renderlo fino a sette volte meno sicuro della seduta di un WC. Ricettacolo d’impurità sono il display touch screen, che viene sfiorato con le dita mentre siamo in metro, in bus, al supermercato, in ufficio, e la cover. Tutte raccolgono sporco, ma in particolar modo le più esposte sembrerebbero essere quelle in pelle.

Come mai, allora, non si è mai sentito parlare di qualche epidemia causata dai germi presenti sui telefoni? I ricercatori inglesi che hanno condotto un’accurata indagine in merito riscontrano sì la presenza di molti microbi sugli smartphone, ma in buona sostanza sono generalmente quelli delle persone stesse. Cioè i batteri che il nostro sistema immunitario è già riuscito a sconfiggere e con i quali convive abitualmente. Resta tuttavia sconsigliabile scambiarsi i dispositivi mobili perché non tutti potremmo essere immuni a qualche particolare microrganismo prodotto da altri.

Altro fatto che aggrava la situazione è rappresentato dal portare il dispositivo anche in bagno, sia a casa che fuori, scorrendo le notizie sui social o leggere qualche articolo, per passare il tempo mentre si fanno i bisogni. Ciò provocherebbe addirittura la contaminazione da Escherichia Coli, un bacillo conosciuto per la sua dannosità a livello di apparato digerente e che si trova nelle feci. Ecco quindi che nasce l’esigenza di pulire in maniera non superficiale lo smartphone e gli oggetti con cui veniamo più spesso in contatto. In nostro aiuto arriva anche la tecnologia: lo sterilizzatore smartphone entrerà tra gli apparecchi che influenzano i nostri usi e costumi?

Come disinfettare il proprio smartphone?

L’impiego di uno sterilizzatore smartphone rappresenta il “level Pro” dell’igienizzazione. Lo sterilizzatore UV smartphone può essere utilizzato comunemente, tuttavia è consigliato in particolar modo quando sappiamo che potremmo venire in contatto con persone dal sistema immunitario particolarmente fragile. Uno sterilizzatore portatile è un apparecchietto di piccole dimensioni, facile da tenere sempre in borsa. Si pensi ad esempio agli sterilizzatori per i ciucci dei bambini.

Se ancora non si possiede uno sterilizzatore per smartphone, il modo più semplice per igienizzare un dispositivo è detergerlo completamente, in ogni sua parte, con un fazzolettino di carta imbevuto d’alcool, che poi andrà subito gettato via. O con salviettine imbevute di sostanze con principi antibatterici: ad esempio candeggina, lisolo o clorexidina. Importante, per non danneggiare le apparecchiature, non buttare mai (o spruzzare) del liquido direttamente sopra di loro. Evitare quindi il gocciolamento. Una volta terminata l’operazione, lavarsi bene le mani con acqua e sapone.

La sterilizzazione UV

Come vedremo, i vari modelli di sterilizzatore smartphone presi in esame, utilizzano la tecnologia UV per debellare i batteri sulle superfici. Quella conosciuta anche come radiazione ultravioletta germicida: in sostanza si serve della lunghezza d’onda UV-C per modificare l’RNA o il DNA dei microrganismi e batteri, in modo tale che essi non si riproducano. Oltre che per abbattere la dannosità dei germi, la luce ultravioletta è impiegata per disinfettare aria, acqua e alimenti.

Studiando i bacilli ci si è accorti che no erano in grado di resistere se esposti a determinate lunghezze d’onda. Per intenderci, se noi uomini restassimo tantissimo tempo fermi al sole, finiremmo carbonizzati: il processo è il medesimo. Nella maggior parte dei casi, il raggio che elimina le impurità è generato da una lampada a vapore di mercurio a 254 nm, ci sono tecnologie che immettono anche microonde, per stabilizzare il sistema.

Sterilizzatore smartphone, dove acquistarli online

Un gadget utile e, perché no, curioso da avere e regalare, è lo sterilizzatore smartphone. In genere di piccole dimensioni, quelle di un telefono mobile appunto, è tendenzialmente uno sterilizzatore portatile, da tenere sempre a portata di mano. Gran parte dei modelli offre anche funzioni extra: dalla possibilità di operare anche come caricabatteria, a quella d’igienizzare altri oggetti, quali auricolari, anelli, monili.

Si parla di sterilizzatore UV smartphone, in quanto è la tecnologia più facile da rendere facilmente trasportabile. Infatti si basa su di una “lampadina” che emette il raggio UV-C igienizzante, in grado letteralmente di rompere la catena di molecole che permette ai microrganismo di replicarsi infinite volte. Lo sterilizzatore smartphone si può acquistare sul web, vediamo le sue caratteristiche, le funzioni, i prezzi e magari qualche opinione da parte di chi già ha avuto modo di sperimentarli.

1 – Lecone caricatore wireless e box per la sterilizzazione UV

Molto più di uno sterilizzatore smartphone, Lecone caricatore wireless e box per la sterilizzazione UV è un dispositivo multifunzione 3 in 1:

  • funziona da caricatore senza cavo per la batteria del telefono
  • disinfetta il dispositivo con lunghezze d’onda UV in 8 minuti
  • rilascia profumo nell’ambiente, grazie alla predisposizione per accogliere gli oli essenziali

Usato come sterilizzatore UV smartphone è in grado di eliminare fino al 99,9% di microbi e germi, tra cui strafilococchi, Escherichia coli e salmonella, proteggendo anche gli altri da possibile trasmissione dei suddetti. L’apparecchio, piccolo e compatto, potrà essere sempre portato appresso: basterà inserire il telefono al suo interno, chiudere il coperchio e premere il pulsante dedicato.

Lo sterilizzatore per smartphone si azionerà, come uno scanner, e al termine del processo d’igienizzazione si spegnerà in automatico. Uno sterilizzatore portatile che può essere sfruttato al massimo anche per la pulizia di altri piccoli oggetti, come orologi, cuffie e auricolari, piccoli giocattoli che i bambini finiscono sempre per infilarsi in bocca, piccoli indumenti. Insomma tutto ciò che entra nei suoi 6,2 pollici di capienza.

Opinioni

Uno sterilizzatore smartphone tra i più venduti del web: ha stupito tutti per la sua grande funzionalità. Oltre a igienizzare il telefono, lo ricarica ed è quindi comodo da avere perennemente a disposizione in qualità di powerbank. Consigliato anche da medici e personale che lavora in strutture ospedaliere, per essere sempre certi di non trasportare batteri in giro, toccando lo smartphone. E per evitare di venire sempre in contatto con detergenti chimici aggressivi. Consigliatissimo, bello e originale anche come idea regalo è compatibile con la maggior parte dei dispositivi mobili.


2 – SUNUV box sterilizzante a luce UV

Un altro sterilizzatore smartphone in forma di piccola scatoletta, sembra quasi un portagioie il SUNUV box sterilizzante a luce UV. Pratico e velocissimo nella sua azione, con una scansione di appena 3 minuti riesce ad eliminare il 99,9% dei batteri depositati in superficie. Per farlo si serve di 8 LED UV tra 260 nm – 280 nm. Inoltre è abbastanza capiente da poter contenere anche altri oggetti d’uso quotidiano, come occhiali, prodotti make-up, le chiavi di casa o dell’auto, l’orologio, le cuffie, ecc. Garanzia valida per 12 mesi.

Opinioni

Media di cinque stelle, massimo della valutazione, per questo sterilizzatore portatile. Premiata l’efficienza e la velocità della sua azione, così come la portata. Infatti non si tratta esclusivamente di uno sterilizzatore per smartphone, ma piuttosto di un cofanetto UV che può contenere tanti accessori. Dalle spazzole per capelli, ai corredi per tagliare le unghie e molto altro. Consigliato a chi preferisce la capienza alla compattezza.


3 – Lenture sterilizzatore portatile per smartphone

Con il Lenture sterilizzatore portatile per smartphone torniamo a parlare di un dispositivo multifunzione:

  • come sterilizzatore smartphone, elimina fino al 99,9% dei batteri presenti in superficie, sul telefono e su altri piccoli oggetti d’uso comune. Quali accessori per il trucco, spazzolini da denti da viaggio, monili
  • in qualità di diffusore di aromi, può essere ricaricato con l’olio essenziale preferito: diffonderà nell’ambiente un gradevole profumo e renderà l’aria più salubre. La funzione aromaterapia e quella da sterilizzatore UV smartphone possono essere azionate contemporaneamente
  • per finire, è dotato anche di terminazione USB per la ricarica della batteria dello smartphone. Questa possibilità può essere sfruttata in contemporanea alle operazioni di igienizzazione del dispositivo mobile.
Opinioni

Molto apprezzato dagli acquirenti del web anche questo sterilizzatore smartphone. Davvero compatto, per esempio, è ottimo da tenere in borsetta o in auto. Veloce e affidabile, oltre che in funzione di sterilizzatore per smartphone può essere utilizzato anche per altri oggetti: pinzette per sopracciglia, forbicine, gioielli, chiavi. Delizioso anche il design e l’aspetto estetico in generale: perfetto da regalare.


4 – Haobuy sterilizzatore box UV

Haobuy sterilizzatore box UV, come ogni sterilizzatore smartphone descritto fin qui, adotta la tecnologia UV per attuare l’azione igienizzante che si basa sulla distruzione della catena DNA dei microrganismi che popolano i nostri device. Per un risultato sicuro e affidabile al 99,9%. Trattandosi di uno sterilizzatore UV smartphone a forma di piccola scatola, che si utilizza chiuso, è in grado di effettuare la scansione completa di tutti i prospetti del telefono, così da non trascurare nessun punto. I piccoli oggetti che riescono ad entrare nel dispositivo possono essere passati ai raggi UV, inoltre potrà essere usato anche come diffusore di profumo.

Opinioni

Di piccole dimesioni, molto compatto e polifunzionale. Questo sterilizzatore smartphone funziona ed è davvero utile, adesso come non mai. Perfetto per tutta la famiglia, è un apparecchio che si potrebbe definire di pubblica utilità.


5 – Lenture bastone sterilizzatore UV

Con questo sterilizzatore smartphone, Lenture bastone sterilizzante UV, cambiamo metodo e forma rispetto agli altri descritti fino a questo momento. Compattissimo, ha lo stesso design di un rossetto. Facile da utilizzare, basterà premere il pulsante adibito per azionare il raggio UV che esce dalla “bacchetta magica” Lenture. A questo punto andrà passato su tutti i lati dello smartphone, o di altri oggetti, per circa 2 minuti. Finito il trattamento si arresterà da solo e si potrà ripetere l’operazione fino a 45 volte. L’ampiezza della sua applicazione può essere sfruttata per igienizzare tessuti, indumenti, biancheria e tutto ciò che non potrebbe entrare in uno sterilizzatore portatile box.

Il suo particolare disegno progettuale gli permette di essere facilissimo da portare in giro, lo si può tenere anche in tasca e tirare fuori all’occorrenza. Anche qui si parla di tecnologia UV-C, in grado di debellare gran parte dei germi presenti sulla superficie, nelle insenature e sulla custodia degli smartphone e di molte altre cose. Fa fuori fino al 99,9% dei batteri ed è in grado di garantire un’azione molto più accurata e approfondita rispetto ai disinfettanti chimici o le salviettine imbevute.

Opinioni

Un oggetto davvero molto interessante, questo sterilizzatore smartphone dalla forma particolare, rispetto ai più diffusi box. Viene apprezzata molto la sua praticità, tanto da permettere di tenerlo in un taschino e poterlo utilizzare sempre rapidamente, all’occorrenza. I materiali di realizzazione sembrano buoni e durevoli, l’interruttore di sicurezza è il plus che ci voleva. Uno sterilizzatore portatile come questo è uno strumento che di questi tempi ci rende molto più tranquilli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *