Come non pagare il canone Rai ed essere in regola: la soluzione definitiva

Come non pagare il canone Rai

Tagliare le spese è possibile: ecco come non pagare il canone Rai continuando a vedere comunque i programmi dell’emittente.

“La vita è dura, ed è tutta in salita”. Qualche nonno saggio forse ti avrà “confidato” questa grande verità, cui si aggiungono tasse e gabelle di ogni tipo. Di certo sei stanco di spendere soldi per le imposte, dunque sapere di poter eliminarne qualcuna penso possa farti felice. Ti propongo, allora, di capire finalmente come non pagare il canone Rai, pur restando in regola con la legge e continuando a vedere le trasmissioni della più nota rete televisiva italiana. Sei curioso? Ti basteranno pochi minuti, il tempo di leggere questa guida che ti permetterà, se lo vorrai, di liberarti per sempre e non pagare più il canone Rai. E di farlo nel momento migliore, proprio adesso che il cambio del digitale terrestre potrebbe costringerti a buttare il tuo vecchio televisore. Insomma, hai l’opportunità di cogliere la palla al balzo e risolvere il problema alla radice.

Come non pagare il canone Rai: confronta i prezzi dei monitor smart

1 Non pagare canone Rai: è possibile?

Canone Rai non pagare sai cosa significa, in termini economici? Ebbene, evitare di pagare il canone Rai ti farà risparmiare 90€ l’anno. Questo da cittadino privato: ma se, per caso, hai un televisore presso il tuo negozio o la tua azienda, il risparmio ammonta a oltre 400€ l’anno. Ti starai chiedendo come sia possibile limare tale spesa, pur restando perfettamente in regola con le normative in vigore sull’argomento. Bene, devi sapere che il modo esiste, e sono qui per spiegartelo.

Tanto per cominciare, è bene capire cos’è che determina, per legge, il pagamento del canone televisivo. Si tratta della presenza, in casa, in ufficio, presso un’attività di qualsiasi genere, di un apparecchio con sintonizzatore radio e capacità di ricevere il segnale del digitale terrestre. Queste caratteristiche sono presenti su tutti i televisori e le smart TV, anche di ultima generazione. Tuttavia, potrebbe esserti capitato di vedere un film o una serie TV dal tuo computer, dallo smartphone, dal tablet, insomma da un dispositivo mobile. Bingo! Lo streaming, infatti, è esente dal canone Rai, fatta eccezione per il costo di eventuali abbonamenti proposti da ogni altra singola piattaforma di riproduzione contenuti video.

Da questo punto di vista sei fortunato: non pagare Rai in alcun modo, pur continuando a vedere il suo palinsesto, è fattibile perché la sua piattaforma streaming dedicata è completamente gratuita, al momento in cui scrivo questo articolo. Sto parlando di RaiPlay, fruibile semplicemente creando un account personale sul portale. Al suo interno, oltre alle dirette dei vari canali, potrai scegliere tantissimi contenuti on demand, dai film ai programmi più iconici mandati in onda da “Mamma Rai”.

2 Come non pagare il canone Rai legalmente

Dopo la premessa che ti ho appena fatto, hai capito che lo streaming potrebbe permetterti di condurti alla soluzione in merito a come non pagare il canone Rai. Ottimo: ma in pratica, come non pagare abbonamento Rai, pur restando fruitori dell’emittente?

Monitor

La prima soluzione sta nel dotarti di un buon monitor per computer (diciamo da oltre 20 pollici almeno), con cui sostituire a tutti gli effetti il televisore, sfruttando il Wi-Fi o, in ogni caso, l’accesso locale al web. Se hai un buon laptop portatile e una connessione Internet stabile, quando desideri svagarti vedendo un film, puoi collegare il portatile (vanno bene anche un telefono o un tablet) al monitor, godendo dei contenuti video ad alta risoluzione.

Quale tipologia di schermo scegliere, dunque, per essere destinato a fungere da TV? Leggi la guida Advister sul miglior monitor curvo gaming, che ben si adatta allo scopo. Inoltre, potresti puntare anche sui monitor 4K, senza disdegnare ampi monitor economici, che possono benissimo “servire la causa”. Attenzione: una smart TV, sebbene dotata di connessione alla Rete, non ti esenterebbe dal pagamento del canone Rai, in quanto dispone di decoder per la ricezione del segnale digitale terrestre e sintonizzazione radio.

Nixev

Se l’ipotesi appena prospettata ti sembra un po’ macchinosa, sappi che non è la sola. L’imprenditore italiano Lorenzo Modena ha avuto l’idea di commercializzare Nixev, la smart TV senza canone. Così è attualmente conosciuta tale apparecchiatura da coloro i quali cercano uno stratagemma su come evitare di pagare il canone Rai. Quello in questione è a tutti gli effetti un monitor, dotato di connessione Internet, ma non della possibilità di ricezione del digitale terrestre. Ciò ti permetterà di usufruire dello streaming senza il vincolo di eseguire alcun collegamento esterno ad altri dispositivi, gestendo le impostazioni tramite un telecomando, proprio come faresti con un televisore. Eureka!

Le caratteristiche di Nixev sono:

  • schermo da 43 pollici borderless, cioè senza cornice
  • 4K Ultra HD 3840 x 2160 pixel Dolby Vision HDR10
  • processore Arm Quad Core
  • 6 GB di memoria
  • sistema operativo Android TV privo di customizzazione (per agevolare la velocità e la reattività del sistema)
  • 3 porte HDMI
  • 1 porta USB
  • 1 porta Ethernet per sfruttare anche la connessione non Wi-Fi (sempre utile in caso di problemi)
  • Connessione Wi-Fi (non disponibile Wi-Fi 6)
  • Bluetooth 5.0
  • Ingresso AV
  • Slot CI
  • Peso meno di 7 Kg.

Opinioni Nixev

Chi ha avuto modo di provare Nixev riporta opinioni pressoché positive in merito. Installazione e avvio risultano rapidi: si troveranno già installate alcune delle maggiori app presenti sulla maggior parte dei “classici” televisori smart. Tra di esse: Amazon Prime Video, Netflix, DAZN, Disney+, RaiPlay, Spotify e YouTube. Starà a te decidere a quali servizi aderire e se scaricarne altri da Play Store. Se, poi, sei già in possesso di un telefono Android, potrai associarlo in un attimo a Nixev, oppure configurare il dispositivo e gli account tramite il telecomando. L’operazione richiederà giusto qualche minuto.

La qualità video risulta ottima e la velocità nella risposta ai comandi addirittura superiore rispetto a quella dei TV smart di ultima generazione. Grazie all’HDMI sarà possibile usare anche altri dispositivi esterni, come la Apple TV, le console, ad esempio Nintendo Switch, e i sistemi smart home Echo Dot, come Alexa. Per godere al massimo dei suoni, viene consigliato l’acquisto di una soundbar. Qual è il prezzo di Nixev499€, ma è tutto incluso.

3 Come evitare il canone Rai in bolletta

Arrivato fin qui, ora che conosci i dispositivi adatti, vorrai sapere: “Canone Rai come non pagare o smettere di farlo?”

Il tutto è abbastanza semplice, ma presta attenzione a un’ultima cosa. Ti ricordo, infatti, che in abbinamento a una soluzione tra quelle precedentemente suggerite, come la TV Nixev, non dovrà esserci nient’altro, per non pagare canone TV e restare nelle regole. Dunque è “vietato” anche il set Top Box Sky, che contiene un sintonizzatore, ad esempio. Tienine conto, nel caso volessi sapere cosa fare per non pagare il canone Rai, perché potresti andare incontro a delle rinunce circa altri servizi.

Canone TV come non pagare, quindi? Basterà contattare il tuo fornitore di energia elettrica per farti dire la procedura con cui disdire l’abbonamento, in quanto non in possesso di un televisore (né un monitor per pc, né il dispositivo Nixev lo sono), e seguirla passo passo. In alternativa, se hai deciso di optare per la smart TV senza canone italiana, potrai scaricare l’apposito modulo per l’esenzione, direttamente dal sito web del produttore. Il form è predisposto per evitarti qualsiasi tipo di errore e per chiarirti i dubbi in merito a come fare per non pagare il Canone Rai e farlo legalmente.

4 Canone Rai pagare o non pagare?

Se sei arrivato a leggere la presente guida fin qui è perché, evidentemente, davvero t’interessa sapere come non pagare il canone. Tuttavia hai ancora qualche dubbio e ti stai domandando se è la scelta giusta da fare. Abbonamento Rai non pagare oppure meglio di sì? 

Quello che posso dirti è che la tecnologia, e la sua evoluzione, viaggiano veloci come il vento: ti ho illustrato dei metodi pratici e legali per avere una soluzione in merito a come fare a non pagare il canone Rai, cosa del tutto possibile, oggi come oggi. Si tratta pur sempre di un risparmio. Ma se ritieni di poterne fare a meno, oppure non disponi di una connessione Internet adeguata, puoi tranquillamente continuare ad usufruire del palinsesto Rai dalla televisione, pagando il canone, come hai sempre fatto.

Oggetti come la “TV-non-TV” Nixev rappresentano un’ottima scelta all-in-one, la quale, in un immediato futuro, potrebbe essere la naturale sostituzione di ciò che attualmente propone il mercato per lo streaming. Cioè:

Quelle appena citate, in sostanza, sono soluzioni che possono evitare canone Rai, se collegate a un dispositivo senza sintonizzatore, ma che da sole non bastano. Bisognerà comprare sia una di esse che un monitor. Nixev, invece, tra gli esempi proposti, racchiude già tutto in un unico device e, quindi, in un solo acquisto.

Come non pagare più il canone Rai: concludendo

Se sei un utente privato, forse, sapere come non pagare il canone Rai potrebbe sembrarti un risparmio relativo. Al contrario, magari, se lo paghi pure nell’ambito lavorativo. Ammortizzare una delle due spese, dunque, si può dire senz’altro vantaggioso

Tuttavia, se non sei particolarmente esperto di tecnologia pensaci un attimo. Per intenderci, se non ti va nemmeno di perdere quel poco tempo in più a “smanettare” per l’accensione di una qualsiasi smart TV, passare a un sistema diverso potrebbe non fare al caso tuo. Mi riferisco, ad esempio, alle persone anziane. Sebbene la gestione di un impianto digitale come quelli segnalati nella guida sia davvero un gioco da ragazzi. Tutto amministrabile facilmente, dietro qualche piccola indicazione.

5 Come fare per non pagare il canone Rai? Alcune soluzioni

Qualora fossi ancora curioso su come non pagare il canone TV, e sulle modalità accettate per l’esenzione, oltre a quanto detto fin qui, continua a leggere. Ho da proporti alcuni dispositivi che potrebbero interessarti, facili da reperire e comprare anche online. Trattandosi di monitor, darò per scontato che disponi già a monte di una connessione internet e di un dispositivo da collegare ad essi, per attivare la visione di contenuti in streaming. Buona lettura!

Canone Rai come non pagarlo con i monitor Samsung

Sempre “sul pezzo” e all’avanguardia, Samsung propone i monitor smart: si tratta dei modelli Samsung Smart Monitor M5 e Samsung Smart Monitor M7. Le loro dimensioni oscillano tra i 24 e i 32 pollici, senza bordi, e sono predisposti per la fruizione delle maggiori piattaforme di streaming video. Finora hanno rappresentato la migliore alternativa alla smart TV.

Samsung Smart Monitor M5: confronta i prezzi

Samsung Smart Monitor M7: confronta i prezzi

Come non pagare canone con i monitor Panasonic

Anche Panasonic è della partita, con i suoi monitor. Il marchio giapponese si è sempre contraddistinto per la qualità dei dispositivi fabbricati e, anche questa volta, non è da meno. Si va dal Panasonic TH-50LFE6E LCD 50” ai monitor al Plasma.

Monitor Panasonic: confronta i prezzi

Come non pagare il canone Rai con i monitor LG

Come già accennato all’interno del presente testo, un’idea praticabile per vedere la TV… senza avere la TV è utilizzare un monitor da gaming. Se non sei appassionato della materia, però potrebbe risultarti pesante acquistare un costoso dispositivo del genere. In questo caso, arriva LG in tuo “soccorso”. I suoi monitor più economici da gaming sono sempre funzionali, nitidi e di buona qualità. Certo, non avrai tutte le funzionalità di una TV al loro interno, come per lo schermo Nixev, ultima innovazione del settore che promette anche di rivoluzionarlo. Ma con un dispositivo collegato (ad esempio Fire Stick di Amazon), potrai comunque goderti cinema e serie senza per forza possedere un televisore. 

Monitor LG: confronta i prezzi

Non vuoi pagare il canone? Usa i monitor Philips

Sempre nell’ambito dei monitor da gaming, da sfruttare per guardare film, serie TV e video, ecco anche le proposte Philips. Per chi è alla ricerca di monitor versatili a un ottimo rapporto qualità/prezzo, questa può davvero essere la scelta ideale. Da segnalare i dispositivi curvi, anche panoramici, per sentirsi veramente come al cinema. Leggi anche la nostra guida sui monitor Philips: quali comprare per lavoro, gaming e grafica. Da segnalare il focus sul Philips Brilliance P7, che abbiamo potuto provare direttamente in prima persona.

Monitor Philips: confronta i prezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *